Ghiacci Marini Antartici – Situazione Settembre 2012

State pur certi che nessuno vi darà notizie sui Ghiacci Antartici finché saranno in buona salute, soprattutto se viene segnato il nuovo massimo di estensione.

NB: le anomalie sono lo scostamento percentuale dalla media, quindi durante il massimo presentano la minima oscillazione.

 

 

Estensione:

 

 

Anomalia Concentrazione:

 

 

Area:

 

 

Trend Anomalia Estensione:

 

 

Curiosità:

Rispetto a 10 anni fa abbiamo 1.2milioni di kmq di estensione in più e 1.2 in più di area.

Rispetto a 20 anni fa abbiamo 1.0milioni di kmq di estensione in più e 1.2 in più di area.

Rispetto a 30 anni fa abbiamo 0.8milioni di kmq di estensione in più e 0.8 in più di area.

 

 

FBO

 

Hatena Bookmark - Ghiacci Marini Antartici – Situazione Settembre 2012
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

39 pensieri su “Ghiacci Marini Antartici – Situazione Settembre 2012

  1. Nonostante che i ghiacci nel’ Antartico siano stati costantemente per tutto l’anno notevolmente sopra la media, ci sono ancora giornalisti e i fanatici dell’ AGW che contestano questo fatto. Per loro l’ emisfero Sud si sta surriscaldando, ma davvero non sembrerebbe. Ovviamente la verità é che eventi freddi si stanno verificando sempre più spesso, neve in Namibia nei deserti del Cile in Sudafrica http://video.corriere.it/sudafrica-neve-johannesburg/f3ce05bc-e0b2-11e1-8d28-fa97424fa7f2 e recentemente una nevicata il Australia http://youtu.be/ys8Ipw1Ed4Y

    Per i veri climatologi tutto questo rientra nella normalità del riscaldamento globale e questi sono gli effetti dei gas serra. Qui su NIA sappiamo che questi signori non sono in grado di dare spiegazioni perché questo avvenga, ne il motivo per cui un emisfero si sta scaldando (Nord) e uno raffreddando (Sud) di fronte ad una crescita costante dei gas serra .

    Note: il nick FBO ha un che di inquietante … mi fa venire in mente una cosa tipo FBI o IPCC… preferivo sicuramente Fabio Nintendo 🙂

      (Quote)  (Reply)

  2. a me piace di più, è più corto e criptico ed è più personale, perchè è quello che usavo come salvataggio nei videogiochi 😀

    cmq se i ghiacci marini aumentano è perchè le acque antartiche presentano anomalie negative.
    sappiamo poi che l’antartide al suolo vede 2 diverse e completamente distinte situazioni, quella della penisola antartica in riscaldamento ed anche in modo importante, mentre il resto del continente è pressoche stabile se non in lieve diminuzione.
    quest’inverno poi è stato molto freddo, tra i più freddi degli ultimi 15-20 anni e quest’anno ci siamo ritrovati in una situazione particolare, perchè gli inverni freddi sul continente antartico presuppongono una circolazione chiusa e dominata dagli antiticloni sul polo con il freddo che rimane quasi sempre confinato e con i venti zonali più alti di latitudine che non permettono al ghiaccio di formarsi più a nord.
    quest’anno è stato particolare

      (Quote)  (Reply)

  3. @TIA

    io sono ignorante quanto te.. conosco abbastanza la matematica…
    e mi piace lo stile di questo blog 🙂 fosse cosi la scuola non ci sarebbe la fuga di cervelli dal nostro amato e odiato paese…
    forse mi sono fatto un’idea dei prossimi anni, dico forse perchè penso di sbagliare, ma si impara sbagliando…

    @FBO
    non credo si debba dire particolare.. piuttosto normale..

    comunque…
    invece non sono normali gli inverni da ormai molto tempo.. ora non conosco la statistica per dire che la situazione nel west americano tuttora sia normale con ampie risalite di aria calda anche sulla stretto di Bering. Comunque penso che il tutto sia da imputare agli anticicloni subtropicali. Discorso legato al sole quindi. Ora che il sole non sia la stella che si pensava tutta di conoscere e che invece è ancora da ”scoprire” è un’altra storia…
    Ora due dati da valutare potrebbero essere
    4200 anni fa la siccità africa

    Mentre nel 1130 dc una siccità in nord america dei 50 anni
    Chaco Canyon

    Quindi per come conosciamo il mondo oggi abbiamo secondo me due strade davanti..
    O si scottano in nord america, oppure noi con quote 0 metri d’ottobre a 3500m 4000 m..
    Quindi si parla di anticicloni pazzerelli nel vero senso della parola. Credo un possibile colpo di scena il più certo conoscendo veramente dati e dati di storia terrestre. La glaciazione..
    Semplice normalissima glaciazione… una delle tante e non l’ultima… a meno che non esistano altri fenomeni a noi ignoti … non ancora osservati in altre nane gialle….

      (Quote)  (Reply)

  4. il problema è che secondo certi con l’attuale estensione dei ghiacci artici si sarebbe dovuto andare in canoa al lavoro in pianura padana… invece eccoci qua ..
    Io non sento mai parlare in specifico del polo sud in nessuna (o poche) divulgazione ”ufficiale”… sono onesto e ti dico che dai carotaggi si vede quando è stato tolto il piombo dalla benzina. ma qui mi viene da ridere…. e solo un esempio… perchè si vedono pure strati più cospicui di ceneri vulcaniche….
    Mettiamo si scioglie tutto che succede secondo te?
    leggi qui prima…..
    http://eas.unl.edu/~tfrank/History%20on%20the%20Rocks/Nebraska%20Geology/Cenozoic/cenozoic%20web/2/Timescale.html

      (Quote)  (Reply)

  5. Certo e’ che leggere alcuni vostri commenti e’ a dir poco “deprimente”!

    TIA :
    Leggo con piacere i post del sito, ma sono totalmente ignotante in materia: qualcuno sa spiegarmi questa notizia e sugli effetti che potrebbe provocare nell’inverno 2013?
    http://lastampa.it/2012/10/15/scienza/ambiente/clima-corrente-del-golfo-ha-cambiato-rotta-nel-IHtDOAJDiaAFH3sUhTHSNM/pagina.html

    @Tia
    la Corrente del Golfo sta rallentando da parecchi anni e dal 2010 circa e’ praticamente ferma. Nel senso che la sua “forza” non le consente di attraversare l’Atlantico in diagonale come faceva fino a qualche anno fa… (direzione Nord-Est) e cosi’ ripiega “naturalmente” verso Nord.
    Per capire meglio… bisogna considerare il fatto che la CDG non viene “spinta” verso l’artico dal calore presente nella zona equatoriale… ma viene “attratta” dal freddo delle acque artiche del polo nord… zona a nord dell’Europa dove fino ad una decina di anni fa si contavano 5 “camini”, ovvero delle zone entro le quali l’acqua salata della Corrente del Golfo si inabissava. Nel 2006 circa se ne contava uno solo…
    Tornando al periodo attuale… la deviazione verso Nord-Ovest (canale del Labrador) della CDG provoca il riscladamento del Canada (dove si e’ avuta pochissima neve nello scorso anno) e della Groenlandia (dove a luglio in 2 settimane si e’ sciolto il 95% della neve precipitata durante l’inverno), ma al contempo provoca il raffreddamento dell’Europa (dove si hanno inverni sempre piu’ freddi dal 2007 in poi).
    Nel medio-lungo termine il raffreddamento continuera’… ma sarebbe piu’ logico parlare di meridianizzazione delle correnti… ovvero salite di aria calda durante le estati (sempre piu’ brevi) e disce artiche durante l’inverno (sempre piu’ lunghi).

      (Quote)  (Reply)

  6. Mercoledì sera su La7, il geologo Tozzi condurrà un programma sui ghiacci artici, in cui si parlerà anche….indovinate? Ma di cambiamento climatico, naturalmente!

    C’è da scommettere che non si parlerà minimamente dei ghiacci antartici: a noi italiani piace tanto appassionarci ai casi particolari e perdere regolarmente di vista l’insieme……mah……

      (Quote)  (Reply)

  7. sono solo supposizione quelle riguardo la corrente del golfo e cmq non sappiamo a quali scenari possa portare una sua anomalia.
    è assolutamente da escludere una sua deviazione, se è avvenuta sarà stata frutto di particolari condizioni meteorologiche, ma il suo corso è lo stesso di sempre.
    si fa tanta campgna su questa fantomatica corrente, ma la si conosce ancora meno di quanto conosciamo il clima della terra, per cui dare notizie certe su questo argomento non è cosa che io consiglio.

    @entropio, gli ultimi inverni americani sono stati molto rigidi, soprattutto nella zona del mare di bering.
    per cui non ho visto situazioni di anomalia positive in quelle zone

      (Quote)  (Reply)

  8. Giovanni :“State pur certi che nessuno vi darà notizie sui Ghiacci Antartici finché saranno in buona salute, “soprattutto se viene segnato il nuovo massimo di estensione.”
    Se uno si prende la briga di guardare appena dietro l’angolo, vedra’ che di queste cose si parla!
    http://nsidc.org/arcticseaicenews/2012/10/poles-apart-a-record-breaking-summer-and-winter/

    Dietro l’angolo guardano in pochi. In televisione in prima serata guardano in tanti…..e non è una differenza da poco……

      (Quote)  (Reply)

  9. entropio33 :

    il problema è che secondo certi con l’attuale estensione dei ghiacci artici si sarebbe dovuto andare in canoa al lavoro in pianura padana… invece eccoci qua ..
    Io non sento mai parlare in specifico del polo sud in nessuna (o poche) divulgazione ”ufficiale”… sono onesto e ti dico che dai carotaggi si vede quando è stato tolto il piombo dalla benzina. ma qui mi viene da ridere…. e solo un esempio… perchè si vedono pure strati più cospicui di ceneri vulcaniche….
    Mettiamo si scioglie tutto che succede secondo te?
    leggi qui prima…..
    http://eas.unl.edu/~tfrank/History%20on%20the%20Rocks/Nebraska%20Geology/Cenozoic/cenozoic%20web/2/Timescale.html

    Un po’ d’ordine.
    Se parli dei ghiacci artici (calotta groenlandia esclusa), allora il mare non si alzerebbe nemmeno d’un millimetro anche se fondesse tutto. Quello è ghiaccio sul mare !
    Se fondesse in toto la calotta (e sottolineo la calotta) Antartica, allora il mare si innalzerebbe di… se non ricordo male una roba attorno ai 50-60 metri.

    grossomodo il 90% del ghiaccio sta di fatto in antartide, il 5% in groenlandia e il resto sparso per il mondo.

    @Bernardo
    Si hai proprio ragione… Leggere certi commenti è deprimente…

      (Quote)  (Reply)

  10. @Bernardo Mattiucci
    Forse che stiamo assistendo a quanto accadde durante lunghi minimi solari? Ovvero più freddo e meno precipitazioni in europa dovute alle perturbazioni atlantiche? In effetti non possiamo provarlo, all’epoca dei grandi minimi solari non c’era nessuno a rilevare il comportamento della Corrente del Golfo. Si possono solo fare ipotesi.

      (Quote)  (Reply)

  11. durante la PEG ci sono stati periodi di fortissime siccità come periodi estremamente piovosi ed a volte anche consequenzialmente
    gli inverni presentavano una estrema variabilità, difficilmente c’erano tanto vie di mezzo, o molto freddi o decisamente miti.

    meno estreme le estati invece, ma pur sempre molto più variabili di quanto siamo abituati noi

      (Quote)  (Reply)

  12. Un effetto della Corrente del Golfo che punta più a Nord é quello della riduzione e assottigliamento dei ghiacci in zona Artica durante l’estate. Sembrerebbe quindi che in questo modo si possa spiegare il deficit dei ghiacci artici riscontrato in questi ultimi 5 anni perché l’acqua tropicale raggiungendo la zona polare ovviamente favorisce lo scioglimento dei ghiacci soprattutto l’estate. Lo scioglimento dei ghiacci sembrerebbe quindi un effetto del riscaldamento globale ! In realtà la contemporaneità con il minimo solare fa sospettare che ci sia un legame. Inoltre da una mia considerazione molto qualitative avere meno ghiacci durante la notte artica provocherà un raffreddamento sempre più repentino della zona artica, questo perché la scurissima acqua dell’ oceano irradierà verso l’ infinito una grandissima quantità di calore . Insomma si avrà un aumento del contrasto termico da temperature miti di fine estate … l’Artico passerà a temperature veramente polari in pochissimi giorni un crollo verticale delle temperature e della quantità di calore … Questo probabilmente causerà scenari meteo tutti da capire e da valutare. Una volta formatosi il ghiaccio si avrà una stabilizzazione termica perché il nero oceano Artico sarà isolato dall’ infinito e disperderà pochissimo calore per irraggiamento.

      (Quote)  (Reply)

  13. Tutto questo avviene in maniera molto ridotta in Antartide dove al polo c’é un mega ghiacciaio la dispersione di calore verso l’ infinito subisce quindi variazioni molto meno estreme.

      (Quote)  (Reply)

  14. FBO :
    sono solo supposizione quelle riguardo la corrente del golfo e cmq non sappiamo a quali scenari possa portare una sua anomalia.
    è assolutamente da escludere una sua deviazione, se è avvenuta sarà stata frutto di particolari condizioni meteorologiche, ma il suo corso è lo stesso di sempre.
    si fa tanta campgna su questa fantomatica corrente, ma la si conosce ancora meno di quanto conosciamo il clima della terra, per cui dare notizie certe su questo argomento non è cosa che io consiglio.

    Ti sbagli, Fabio, e di grosso pure….
    Ci sono dati CERTI sul suo corso… e sul fatto che negli ultimi 3 anni circa ha cambiato direzione. Se non accetti l’evidenza dei fatti… almeno di quelli attuali, allora e’ un tuo problema.
    Potrei essere d’accordo con te se mi dicessi che non sappiamo se il cambiamento della direzione e’ permanente o meno… ma una cosa e’ certa e scientificamente provata: ha cambiato direzione.
    Continuare a negarlo significa non voler vedere l’evidenza e voler restare sulle proprie posizione…

      (Quote)  (Reply)

  15. Luci0 :
    Inoltre da una mia considerazione molto qualitative avere meno ghiacci durante la notte artica provocherà un raffreddamento sempre più repentino della zona artica, questo perché la scurissima acqua dell’ oceano irradierà verso l’ infinito una grandissima quantità di calore .

    Mh Lucio..semmai è proprio l’opposto..

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.