Facciamo un po di Chiarezza…(Analisi Scientifica by Even&Riccardo)

Vi sarete accorti, in questi giorni di fermento, che negli “ambienti” della  meteo se  ne stanno vedendo di tutti i colori: sfoghi da frustrazione collettiva, maledizioni contro gli stratwarming, gente che si accapiglia per stabilire la tipologia esatta del warming. In questo stato di confusione noi crediamo che si stia perdendo un poco il bandolo della matassa: per capire ed inquadrare meglio l’evoluzione futura è molto più importante comprendere le reali dinamiche  ed i fenomeni che sono alla base di un evento “straordinario” come un MMW.
Iniziamo con il chiarire che i riscaldamenti stratosferici, ed in generale movimenti che portano ad un deciso disturbo del Vortice Polare (VP), sono legati sempre ai fenomeni di propagazione dell’onda planetaria più importante, ovvero l’onda asiatico-pacifica (wave 1). Pertanto, per comprendere a priori le potenzialità di un inverno, basta ricercare le cause che potranno favorire una buona azione della wave 1. Tralasciando i fattori sempre presenti (come ad esempio la catena montuosa dell’Himalaya) i principali fattori variabili da anno in anno che sono maggiormente in grado di guidare l’azione dell’onda sono:
1)   estensione dello snow-cover in area asiatico-siberiana: è risaputo che una copertura nevosa molto estesa su questo settore favorisce la formazione di un forte e persistente anticiclone a carattere termico. La sua presenza costituisce un ulteriore e fondamentale elemento di disturbo nei confronti del getto polare che viene portato così ad oscillare. In particolari condizioni tale oscillazione può arrivare ad approfondirsi portando alla formazione di onde planetarie in grado di propagarsi in alta stratosfera. Se l’onda poi è sufficientemente lunga tale da essere stazionaria, essa tende a stazionare a lungo sul Pacifico, comportando il rafforzamento dell’anticiclone stratosferico delle aleutine (PNA +):

Tale circostanza spiega il perché della straordinaria validità del predictor di Cohen.
I fattori che più di tutti sono in grado di modulare il precoce innevamento in area siberiana sono il ciclo ENSO e l’attività solare (vedi predictor AO sviluppato da even nel 2007) . In particolare, come dimostreremo meglio in futuro, è proprio su questo elemento che si basa la forte interazione tra bassa attività solare e clima più rigido in Europa negli anni di prolungata bassa attività solare (vedi PEG).

2)   attività solare e QBO;  l’oscillazione dell’attività solare (raggi UV), intervenendo sul  processo di produzione dell’ozono stratosferico sulle regioni tropo-equatoriali,  è in grado di alterare il regolare processo della SAO (semi-annual-oscillation),andando a modulare  il regime dei venti zonali nell’alta stratosfera-mesosfera tropicale. In particolare negli anni di bassa attività solare si registra un indebolimento della SAO, apportando delle ripercussioni sull’intera colonna d’aria:  negli anni di QBO negativa l’anomalo indebolimento della SAO tende a rafforzare e a prolungare il regime esterly della QBO (QBO negativa). Tale circostanza aiuta ad avere un medio-basso VPS mediamente meno intenso soprattutto nella prima parte dell’inverno, quando il normale processo di raffreddamento radiativo tende ad approfondire maggiormente il vortice. Tutto ciò si traduce in una riduzione dello wavenumber e dunque  in una maggiore possibilità di un approfondimento della wave 1, anche nelle primissime fasi della stagione;

All’inizio di ogni stagione invernale, contemporaneamente all’approfondimento  delle velocità zonali stratosferiche,  si sviluppano, proprio in territorio asiatico, le prime onde in grado di apportare i primi disturbi ai danni del VP. Tale circostanza, che impedisce al VP stesso di raggiungere eccessiva intensità, è strettamente correlata alla peculiare conformazione dell’emisfero boreale. In questa fase le onde non hanno caratteristiche tali da risultare stazionarie, e la situazione evolve in una loro rapida traslazione verso il settore canadese, generando i primi CW. Si tratta di un processo fisiologico che porta ad un progressivo indebolimento del VP e che può sfociare, in una fase più avanzata, in un deciso warming stratosferico. Negli anni più sfavorevoli (a livello teleconnettivo), tale processo richiede tempi molto lunghi e risulta pertanto  inevitabile la transizione in uno stato da NAM++.
Al contrario, quando si verificano le circostanze sopra citate (vedi punti 1 e 2),  già a fine novembre-inizio dicembre tende ad instaurarsi un’anomala (visto il periodo) wave 1 che porta ad un evoluzione  invernale molto diversa e ben più dinamica.  Nel cuore della PEG, quando simili configurazioni erano all’ordine del giorno,  inverni dinamici ed in molti casi gelidi si presentavano con estrema frequenza (da qui si capisce il vero significato della PEG).
Per non dilungarci eccessivamente e non perdere troppo di vista la situazione attuale, concentriamoci sulle dinamiche relative alla stagione in corso. Proprio all’inizio dell’inverno (fine novembre), in virtù di uno snow cover straordinariamente esteso, la wave 1 si è presentata da subito particolarmente energetica e discretamente stazionaria, producendo una spiccata ellitticizzazione del VP con precoce tentativo di split.

Tale circostanza, in considerazione di un quadro generale che vedeva delle velocità zonali discretamente elevate (vedi dinamica di isolamento dell’alto VPS ad inizio novembre), ha portato alla formazione di una fortissima fase DA+, gettando così le base per l’MMW che ci apprestiamo a vivere in questi giorni. Difatti, il VP, al tentativo di bilanciare il momento angolare impressogli dall’intensa fase AD+ , si è trovato ad essere spostato sull’area asiatica dove è stato costretto ad abbassarsi di molto di latitudine, impattando veementemente sul forte hp siberiano e sulla catena dell’Himalaya. Da qui è iniziata la dissipazione di energia cinetica (velocità zonali) in energia termica (attriti) con lo sviluppo di flussi via via sempre più intensi e duraturi in stratosfera.

La conseguenza diretta consiste naturalmente nello sviluppo di una poderosa onda planetaria a partire dal settore asiatico ed  in grado di divenire rapidamente stazionaria sul Pacifico (vedi prima immagine).   A livello “indiciale” detta situazione è ben testimoniata da alcuni fattori strettamente correlati con la dinamica di propagazione ed infrangimento della poderosa wave 1:

1)   inversione e rapido approfondimento della circolazione esterly nell’ambito della mesosfera equatoriale;

2)   approfondimento della MJO sui settori pacifici (zone 6 e 7).

Il grado di approfondimento dell’onda di Kelvin su tali settori è infatti strettamente correlata alla stazionarietà dell’onda pacifica (wave 1) attraverso una famosa circolazione meridiana nota come BDC (Brewer-Dobson-Circulation). Difatti,  quando un’onda stazionaria planetaria raggiunge la stratosfera, deposita il suo momento esterly, decelerando la corrente a getto stratosferica invernale che è westerly.  In queste occasioni il vortice polare rallenta e può anche essere spostato o splittato. La deposizione di quantità di moto est nella stratosfera polare e il rallentamento del getto polare è conosciuto come “breaking wave”. Tale circostanza produce per attrito il fenomeno del riscaldamento stratosferico improvviso. Il risultato è una situazione che è termodinamicamente squilibrata. A questo punto, per ripristinare l’equilibrio radiativo, a partire dall’alta stratosfera inizia rapidamente un processo di raffreddamento. Il raffreddamento dell’aria è accompagnata da movimenti di affondamento, dal momento che l’aria più fredda è più densa e affonda. E’ questo movimento che determina lo spostamento d’aria lungo i meridiani dall’equatore al polo nell’emisfero boreale in inverno. Infatti l’aria discendente nella regione polare deve essere bilanciato da un flusso di aria verso verso i poli.
Per requisiti di continuità di massa, questa aria deve venire dai tropici, e precisamente dalla troposfera tropo-equatoriale.  La BDC costituisce dunque quella cella circolazione in cui l’aria tropicale muove verso i poli per sostituire l’aria discendente ai poli. Pertanto, quando una wave 1 stazionaria penetra nella stratosfera polare depositando il suo momento esterly (e producendo un grande warming per attrito), per continuità di massa si ha una forte  impennata  della BDC con conseguente istantaneo incremento della quantità di aria entrante in  stratosfera attraverso la tropopausa equatoriale (di qui il famoso innalzamento della stessa ed aumento dlla quantità di ozono sul polo). L’improvvisa intensificazione di detti  movimenti ascendenti ai tropici portano ad un significativo incremento dell’attività convettiva sui settori centro-occidentali del pacifico, segnalata dal passaggio forte e duraturo della MJO in zona 6 e 7 e da un’ intensificazione della GWO.

Questo fenomenologia spiega due fatti fondamentali e che in pochissimi conoscono:

1)   per i requisiti di continuità di massa le wave stazionarie  in grado di propagarsi in stratosfera sono localizzate sopra i due oceani maggiori. In particolar modo la wave numero 1  (anticiclone stratosferico delle aleutine) è ovviamente collocata sull’oceano maggiore;

2)   negli inverni in cui si manifestano condizioni favorevoli allo sviluppo della wave 1 sul Pacifico è particolarmente favorita la convezione sui settori centro-occidentali. E’ per questo che in questi inverni (che coincidono quasi sempre ad inverni particolarmente freddi e/o nevosi sull’Europa) sul Pacifico si riscontrano condizioni di Nino ovest/Nina est based.
E’ ben noto infatti come l’attività della MJO riesca a modificare il termoclino del pacifico ed in letteratura proprio per tutte queste ragioni viene chiamata guida d’onda. In estate invece, quando al posto del Vortice Polare abbiamo un Anticiclone Stratosferico, la sua attività risulta molto ridotta o praticamente assente in quanto non vi può essere deposito di momento esterliess nella circolazione estiva poichè anch’essa è antizonale: ragione per la quale la BDC nella stagione estiva è notevolmente più debole.

Tornando nuovamente all’attualità, la formazione di una potente onda stazionaria sul Pacifico (la cui storia parte da almeno metà dicembre), sarà segnalata da un impennata della MJO proprio sopra i suddetti settori in seguito  al riassorbimento del warming alle quote superiori (che inizierà proprio a partire dal Pacifico):

Come nella presente situazione, quando un onda pacifica altamente stazionaria riesce a propagarsi nella prima fase dell’inverno (per via della situazione teleconnetiva di partenza;vedi punti 1 e 2 iniziali) e quindi in un contesto di velocità zonali relativamente alte, la dinamica può facilmente sfociare in uno split (l’onda non riesce e ad “annullare” rapidamente il vortice da sola e deve ricevere l’aiuto dall’opposta onda atlantica). Ribadiamo che si tratta di una situazione molto conforme a quella attuale (ed è per questo che siamo riusciti a prevedere lo split con tanto anticipo). Tuttavia l’asse iniziale del basso VP eccessivamente inclinato (GPT ancora troppo elevati sul comparto canadese a causa della precedente forte fase DA+), non potrà favorire una tempestiva partenza della wave 2 e l’MMW alle alte quote sarà quasi interamente a carico della sola wave 1 (per questo si è parlato in questi giorni di MMW displacement anzichè split).

Ma la dinamica non avrà molto a che vedere con  un displacemnt. Infatti, in virtù di un contesto che vedrà le velocità zonali ancora troppo elevate per consentire il completo spostamento ed annullamento del vortice a carico della sola onda pacifica, il VP tenderà ad assumere una configurazione sempre più ellittica, con conseguente progressiva propagazione ed espansione della wave 2. Tale dinamica potrà favorire una prima discesa a carattere artico-continentale (visto l’asse del VP ancora obliquo) sull’Europa, la cui esatta traiettoria sarà tutta da valutare.
Nella fase successiva, la completa propagazione della wave 2, insieme ad una wave 1 ancora fortemente stazionaria, indurrà una progressiva leggera rotazione d’asse del VP in senso orario. Al termine di questa fase il VP si troverà finalmente in asse per essere splittato:

Lo split non sarà ovviamente accompagnato da un forte riscaldamento stratosferico viste le velocità zonali ormai fortemente ridotte (con conseguente scarsa produzione di calore per attrito all’atto dell’infrangimento d’onda). Pertanto, sebbene per i detentori degli almanacchi meteo non si tratterà di un MMW split, per quanto sin quì detto, la dinamica è praticamente quella da split.
A livello troposferico, questa fase potrebbe essere accompagnata da una nuova discesa fredda . A questo proposito sarà importante monitorare l’esatta direttrice della colata in quanto essa potrebbe risultare troppo occidentale. In definitiva, a prescindere dell’esatta terminologia (che poco ci interessa),  possiamo dire che abbiamo a che fare con una dinamica interessante dal carattere retroattivo e dunque in grado di apportare condizioni di freddo duraturo  sull’Europa.

 

N.B.
Questa mattina Alessandro (even), sul sito “Centro Meteo Toscana” ha deciso di sostituire la parte finale dell’articolo con il commento che ho rilasciato ieri sera. Pertanto, al fine di non avere diverse versioni dello stesso pezzo, faccio anche qui su NIA la stessa cosa. Ci tengo però a ribadire che si tratta degli stessi concetti che discutemmo a suo tempo con Alessandro espressi semplicemente con un linguaggio meno tecnico.

 

Riccardo e Alessandro (even)

Hatena Bookmark - Facciamo un po di Chiarezza…(Analisi Scientifica by Even&Riccardo)
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

20 pensieri su “Facciamo un po di Chiarezza…(Analisi Scientifica by Even&Riccardo)

  1. Ciao Riccardo & Even, articolo davvero magnifico !
    Tutti i miei complimenti.

    Faccio un’unica osservazione, ma non prentedela come una critica. Si tratta solo di una mia curiosità. Come detto l’articolo è magnifico e denso di concetti davvero profondi.
    Sarebbe possibile aggiungere qualche elemento “numerico” (o statistico per meglio dire) al discorso fatto ? Di certo ne avrete a bizzeffe di dati dagli articoli su cui avete lavorato e qualche elemento di questa natura credo sarebbe d’interesse per tutti.

      (Quote)  (Reply)

  2. sebbene non sia ancora perfettamente lucido (per via di un tasso da grappa nel sangue ancora elevato), provo a spendere due parole in merito alla dinamica che probabilmente ci apprestiamo a vivere….praticamente si tratta di quello che che abbiamo detto nell’articolo, ma spiegato usando una terminologia un pochino più comprensibile per i meno esperti….mi riaggancio direttamente alla parte finale dell’articolo:

    “Come nella presente situazione, quando un onda pacifica altamente stazionaria riesce a propagarsi nella prima fase dell’inverno (per via della situazione teleconnetiva di partenza;vedi punti 1 e 2 iniziali) e quindi in un contesto di velocità zonali relativamente alte, la dinamica può facilmente sfociare in uno split (l’onda non riesce e ad “annullare” rapidamente il vortice da sola e deve ricevere l’aiuto dall’opposta onda atlantica). Ribadiamo che si tratta di una situazione molto conforme a quella attuale (ed è per questo che siamo riusciti a prevedere lo split con tanto anticipo). Tuttavia l’asse iniziale del basso VP eccessivamente inclinato (GPT ancora troppo elevati sul comparto canadese a causa della precedente forte fase DA+), non potrà favorire una tempestiva partenza della wave 2 e l’MMW alle alte quote sarà quasi interamente a carico della sola wave 1 (per questo si è parlato in questi giorni di MMW displacement anzichè split).

    71929598.png

    Ma la dinamica non avrà molto a che vedere con  un displacemnt. Infatti, in virtù di un contesto che vedrà le velocità zonali ancora troppo elevate per consentire il completo spostamento ed annullamento del vortice a carico della sola onda pacifica, il VP tenderà ad assumere una configurazione sempre più ellittica, con conseguente progressiva propagazione ed espansione della wave 2. Tale dinamica potrà favorire una prima discesa a carattere artico-continentale (visto l’asse del VP ancora obliquo) sull’Europa, la cui esatta traiettoria sarà tutta da valutare.
    Nella fase successiva, la completa propagazione della wave 2, insieme ad una wave 1 ancora fortemente stazionaria, indurrà una progressiva leggera rotazione d’asse del VP in senso orario. Al termine di questa fase il VP si troverà finalmente in asse per essere splittato:

    36225545.png

    Lo split non sarà ovviamente accompagnato da un forte riscaldamento stratosferico viste le velocità zonali ormai fortemente ridotte (con conseguente scarsa produzione di calore per attrito all’atto dell’infrangimento d’onda). Pertanto, sebbene per i detentori degli almanacchi meteo non si tratterà di un MMW split, per quanto sin quì detto, la dinamica è praticamente quella da split.
    A livello troposferico, questa fase potrebbe essere accompagnata da una nuova discesa fredda . A questo proposito sarà importante monitorare l’esatta direttrice della colata in quanto essa potrebbe risultare troppo occidentale. In definitiva, a prescindere dell’esatta terminologia (che poco ci interessa),  possiamo dire che abbiamo a che fare con una dinamica interessante dal carattere retroattivo e dunque in grado di apportare condizioni di freddo duraturo  sull'[b]Europa[/b].

      (Quote)  (Reply)

  3. @ Simon
    Purtroppo non ho potuto perchè l’articolo è stato ultimato quando già ero sulla neve….sono molto dispiaciuto di questa cosa ed è per questo che ho subito contattato alessandro per far avvertire Michele, che ha deciso di aspettare un giorno….fidati Simon se ti dico che non ho potuto fare altrimenti….NIA è sempre la mia casa, e non sono di quelli che voltano le spalle quando “fanno i soldi”….

      (Quote)  (Reply)

  4. Questo mex è stato scritto da Fabiodue, ma per i problemi nel postare commenti non è visibile.

    Riporto post utente Fabiodue:

    “Molto molto interessante, Riccardo. Davvero grazie per la tua spiegazione puntuale ed articolata, inevitabilmente complessa e da leggere con molta attenzione, ma mi pare piuttosto completa.

    Dunque la spinta prevalente (anzi, quasi esclusiva) dell’anticiclone aleutinico genera una condizione molto rara……la cosa curiosa è che lo split del VPS risulta completo e persistente a 10Hpa, ma non avviene completamente (almeno per i prossimi 7-10 giorni, pare) alle quote stratosferiche inferiori, dove si osserva comunque una persistente e marcata bilobazione.

    Ecco, la persistenza, evidente nelle due previsioni stratosferiche GFS ed ECMWF, depone a favore di configurazioni bariche durevoli, siano essere favorevoli o meno al gelo in Europa.

    Tuttavia, GFS ed ECMWF non concordano del tutto, circa gli sviluppi in stratosfera: mentre GFS non vede una spinta anticiclonica atlantica alle quote inferiori a 10Hpa (in particolare non la vede a 100Hpa, dunque vicino alla troposfera), al contrario il modello europeo ECMWF vede un’ansa ciclonica, di origine VPS, che finisce per abbracciare l’intera Europa e l’Italia, grazie comunque ad un contributo visibile dell’Alta delle Azzorre.

    Queste due diverse visioni, comportanto a mio modesto avviso coseguenze piuttosto diverse per l’Europa: quella di GFS assomiglia molto a quanto previsto da FBO circa la prevalenza della circolazione zonale mite atlantica; mentre la tesi di ECMWF suggerisce gelo e neve per molti in Europa.”

      (Quote)  (Reply)

  5. non ho ancora dato il mio commento ufficiale in merito allo strat-waming
    io credo che sia la 1° che la 2° fase non siano a nostro vantaggio
    per 1° fase intendo la possibile retrogresione continentale del 13-15 e per 2° i movimenti ad essa successivi per 17-19 Gennaio

    ma per la 3° decade di Gennaio, dato che lo sviluppo stratosferico pare essere molto lento nutro speranze ottimistiche.

    ma, ed è doveroso ricordarlo, staremmo parlando di effetti secondari del warming ad esso collegati e non della sua effettiva propagazione diretta, come nel caso più famoso dell’85

      (Quote)  (Reply)

  6. @Riccardo
    grazie per la precisazione! Ora è più chiaro!
    Anche se la complessità della fenomenologia mi fa apparire l’arrivo dell’Inverno sempre meno probabile o perlomeno ridimensionato.

    @Tutti:
    io non capisco come mai invece la bassa troposfera artica atlantica sia così calda: l’anomalia dei ghiacci alle Svalbard è impressionante. E’ solo colpa selle SSTA positive?

    Ciao
    Fano

      (Quote)  (Reply)

  7. Buon giorno Ragazzi
    Avevo già letto il tutto sull’altro forum ma qui, grazie alla successiva spiegazione di Riccardo, mi è tutto più chiaro. Ero rimasto con parecchi dubbi nella prima lettura.

    Questi sono gli “spaghi” previsti per Milano:

    Come si può vedere viene inquadrato dai modelli il calo delle temperature facendoci tornare a livelli più “invernali” ma ancora non riescono ad inquadrare le traiettorie. Bisognerà attendere ancora qualche giorno.

      (Quote)  (Reply)

  8. Ho già fatto i complimenti per riccardo e even li faccio anche qua…..testo meraviglioso senza altro aggiungere….

      (Quote)  (Reply)

  9. Bella la -5°C a 850hPa in Iraq il 10 Gennaio!!!

    Si organizzano settimane bianche in Turchia, Armenia, Iran e perchè no.. Bagdad!

      (Quote)  (Reply)

  10. Fabiodue :

    Questo mex è stato scritto da Fabiodue, ma per i problemi nel postare commenti non è visibile.

    Riporto post utente Fabiodue:

    “Molto molto interessante, Riccardo. Davvero grazie per la tua spiegazione puntuale ed articolata, inevitabilmente complessa e da leggere con molta attenzione, ma mi pare piuttosto completa.

    Dunque la spinta prevalente (anzi, quasi esclusiva) dell’anticiclone aleutinico genera una condizione molto rara……la cosa curiosa è che lo split del VPS risulta completo e persistente a 10Hpa, ma non avviene completamente (almeno per i prossimi 7-10 giorni, pare) alle quote stratosferiche inferiori, dove si osserva comunque una persistente e marcata bilobazione.

    Ecco, la persistenza, evidente nelle due previsioni stratosferiche GFS ed ECMWF, depone a favore di configurazioni bariche durevoli, siano essere favorevoli o meno al gelo in Europa.

    Tuttavia, GFS ed ECMWF non concordano del tutto, circa gli sviluppi in stratosfera: mentre GFS non vede una spinta anticiclonica atlantica alle quote inferiori a 10Hpa (in particolare non la vede a 100Hpa, dunque vicino alla troposfera), al contrario il modello europeo ECMWF vede un’ansa ciclonica, di origine VPS, che finisce per abbracciare l’intera Europa e l’Italia, grazie comunque ad un contributo visibile dell’Alta delle Azzorre.

    Queste due diverse visioni, comportanto a mio modesto avviso coseguenze piuttosto diverse per l’Europa: quella di GFS assomiglia molto a quanto previsto da FBO circa la prevalenza della circolazione zonale mite atlantica; mentre la tesi di ECMWF suggerisce gelo e neve per molti in Europa.”

    Partiamo dal presupposto che, in accordo con il mio stile (in questo caso del nostro), si tratta di un articolo estremamente didattico che prende spunto da vicende attuali per spiegare i meccanismi di funzionamento di questa stupenda macchina che è l’atmosfera terrestre….
    l’intento principale era quello di spiegare per la prima volta il legame tra la MJO ( e quindi l’attività convettiva atlantica) e le vicende polari, nonchè il vero funzionamento della BDC….da questi presupposti si possono tirare fuori molte cose, tra cui le dinamiche intrinseche alla PEG (e su queste cose, che scottano molto, svilupperemo le nostre teorie)…

    tornando a parlare della situazione attuale, con questo articolo spero che sia stata fatta chiarezza su alcuni concetti:

    1) la spinta iniziale viene sempre dal Pacifico (in seguito allo sviluppo dell’onda asiatica);

    2)l’anticiclone stratosferico atlantico (wave 2) vive di “riflesso” alle vicende pacifiche; in particolare la dinamica di split può innestarsi quando una possente onda pacifica tende a svilupparsi nella prima fase invernale (fine dicembre-inizio gennaio), quando le velocità zonali sono ancora elevate ed il VP ancora in fase di approfondimento…in questi casi un ottimo predictor è l’eventuale sviluppo di una discreta onda a fine novembre-inizio dicembre (come accaduto quest’anno);

    ma cosa più importante spero che sia definitivamente chiaro che gli stratwarming sono nient’altro che un fenomeno “secondario” dovuto allo sviluppo di calore per attrito, in seguito alla propagazione ed all’infrangimento delle onde planetarie….in questo senso è sempre un paradosso definire uno stratwarming come causa diretta di un eventuale discesa gelida, in quanto quest’ultima sarà in realtà conseguenza della dinamica che ha generato il warming stesso….e tali situazioni, nelle quali la discesa buona si innesca a poche ore di distanza dall’MMW (vedi 85) sono talmente rare che ha poco senso considerarle….
    al contrario la dinamica che porta agli stratwarming è “sempre” necessaria per cambiare le vicende di un inverno e portare il gelo sino da noi (vedi febbraio scorso), ed è proprio questo fattore, in grado di rallentare di molto il VP in pieno inverno, che distingue profondamente l’emisfero boreale da quello australe (nel quale l’attività delle onde è molto scarsa)….difatti quando si verifica questa circostanza (rallentamento brusco del VP in pieno inverno), nella fase successiva, salvo un cambiamento importante del quadro teleconnettivo di base, le onde riescono a propagarsi con grande facilità, determinando l’innesco di discese fredde (in alcuni casi gelide) sino alle medie latitudini europee….
    per questo mi verrà da ridere quando leggerò che le condizioni di reiterato freddo a cui forse l’Europa sarà soggetta sino a febbraio inoltrato, non saranno figlie dello stratwarming, in quanto tutto partirà da lì (o meglio dall’onda pacifica altamente stazionaria generatasi nella seconda parte del mese di dicembre)…..

      (Quote)  (Reply)

  11. buco dell’ozono e stratwarming… qualcuno, per cortesia sa spiegarmi se c’è una correlazione tra le due cose? Ma anche se è stata mai discussa nei decenni precedenti…? Oppure se le due cose, scusate l’italiano, non centrano un emerito xxxxx tra loro 🙂 e perché sono distinte…

    sono tre punti fondamentali da chiarire a mio modesto parere..

      (Quote)  (Reply)

  12. entropio33 :
    buco dell’ozono e stratwarming… qualcuno, per cortesia sa spiegarmi se c’è una correlazione tra le due cose? Ma anche se è stata mai discussa nei decenni precedenti…? Oppure se le due cose, scusate l’italiano, non centrano un emerito xxxxx tra loro e perché sono distinte…
    sono tre punti fondamentali da chiarire a mio modesto parere..

    La risposta migliore che puoi trovare è contenuta nell’articolo che hai appena commentato….rileggilo attentamente e se hai domande da fare sarò ben lieto di aiutarti….

      (Quote)  (Reply)

  13. più macchie solari più si allarga il buco dell’ozono quindi, minori scusa se erro, possibilità di stratwarming.

    Tutto si connette alla fase interglaciale in cui viviamo oggi e ad una mancata stagione delle piogge nel nord Africa sbilanciata in altre zone del pianeta.

    quando scrivi:
    ”All’inizio di ogni stagione invernale, contemporaneamente all’approfondimento delle velocità zonali stratosferiche, si sviluppano, proprio in territorio asiatico, le prime onde in grado di apportare i primi disturbi ai danni del VP.”

    Il tutto potrebbe sbilanciare il clima in aree del pianeta rispetto altre.
    Potrebbe risiedere proprio qui la caratteristica di una fase interglaciale, il fatto che il VP non si stabilizza gradualmente consolidandosi ai meridiani inferiori, durante sopratutto l’autunno. L’abbiamo visto lo scorso autunno.. una falsa partenza per cosi dire.. nell’Africa nord occidentale.
    I primi disturbi, verrebbe da pensare, dovrebbero avvenire sullo stretto di Bering o proprio dal tanto amato nella stagione estiva, nel nostro caso, anticiclone delle Azzorre.

    Articolo complesso e chiaro allo stesso tempo più si rilegge più si trovano punti di ricerca grazie mille 😉

      (Quote)  (Reply)

  14. Aggiungo un ciclo solare di undici anni, anziché un costante flusso di radiazioni. Avrebbe proprio un’entropia maggiore o differente nell’intero sistema. Anche se può sembrare un paradosso, estremizzare un sistema, biologico quindi la vita, senza una costante, la biosfera non avrebbe modo di essere come oggi la conosciamo. Stesso discorso vale per il nostro satellite, la luna, che in un qualche modo regola la vita stessa in questo pianeta. Abbiamo visto grandi estinzioni al termine del pleistocene.. pensiamoci…

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.