Stasera arriva l’asteroide 2012DA14… pensiero italiano Vs pensiero Russo, diventa anche tu….

Secondo l’esperto di meccanica celeste Andrea Milani, dell’università di Pisa e responsabile del gruppo di ricerca NeoDyS, specializzato nel calcolare le orbite degli asteroidi più vicini alla Terra.  “Non c’é nessun legame tra la pioggia di meteoriti in Russia e il passaggio ravvicinato dell’asteroide 2012 DA14.  Tra i due eventi – ha detto – non c’é alcuna relazione”.

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/scienza/2013/02/15/PIOGGIA-METEORITI-RUSSIA-OLTRE-250-FERITI_8251651.html

I 45 metri di lunghezza asteroide del peso di 130.000 tonnellate, che si avvicinano alla Terra questa sera, 15 febbraio, è circondato da una “nuvola” di detriti rocciosi. Uno di loro è caduto questa mattina vicino a Chelyabinsk. Molti altri meteoriti cadde nel pomeriggio di Venerdì in Kazakistan. Molti russi dicono eventi che oggi li ricordano il film “Armageddon”.

Quanto è grave il pericolo per il nostro pianeta? Pravda.Ru consultato un osservatore della cosmonautica Notizie rivista, Igor Lisov.

“Quando l’asteroide sta per raggiungere il punto più vicino alla Terra?  

“Accadrà a circa 23,40 ora di Mosca.

“E ‘cambiato qualcosa in relazione con l’incidente Chelyabinsk, in termini di probabilità di una collisione con il nostro pianeta?”

“No, non è cambiato nulla, e nulla potrebbe cambiare in merito che, anche se si suppone che questi corpi appartengono a una sola e stessa nube, la roccia di 2-3 metri di diametro che è entrato nell’atmosfera sopra Chelyabinsk e il principale 45. – metri di lunghezza asteroide in volo tutto da soli e non si influenzano a vicenda. “

http://english.pravda.ru/hotspots/disasters/15-02-2013/123807-meteorite_asteroid-0/

 

—————————————————————————————————————————————————————————————————————-

A questo punto della situazione di la tua, anche perchè secondo il Meloni non c’è legame…viceversa per Igor Lisov..

…..diventa anche tu per un giorno esperto di meccanica celeste…

 

🙂

Michele

Hatena Bookmark - Stasera arriva l’asteroide 2012DA14… pensiero italiano Vs pensiero Russo, diventa anche tu….
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

31 pensieri su “Stasera arriva l’asteroide 2012DA14… pensiero italiano Vs pensiero Russo, diventa anche tu….

  1. comunque è un da un certo periodo che si vedono di sera o mattina dei bolidi o stelle cadenti rosso fuoco … da circa novembre il fenomeno è diventato non raro… Sono stati scambiati anche per dischi volanti.

    @Fano
    Mi ricordo un evento del genere 15 anni fa….

    Se guardiamo tutto quello che è successo a livello astronomico riguardo bolidi troiani instabili, meteoriti anomalie atmosferiche polari nei giganti gassosi, anomalie gravitazionali planetarie, solari… tutto riconduce ad un evento x. come pure esercitazioni militari terrestri con lanci balistici lunari…

    Qualcuno se la sente di parlare di anomalie della composizione atmosferica terrestre è il fatto che indica Margherita Hack…
    Aggiungerei che in 60 anni ormai il campo magnetico terrestre non sa più dove andare

      (Quote)  (Reply)

  2. Questo filmato è interessante, mostra un oggetto colpire il meteorite da dietro per poi uscire da davanti…. sarà un fake ?
    Poi il meteorite inizia a frammentarsi…

      (Quote)  (Reply)

  3. Ecco il fermo immagine con l’oggetto a forma di siluro che entra dal dietro ….

    Torno un attimo su l’argomento per incollare queste info…

    http://www.huffingtonpost.com/2013/02/16/bay-area-fireball_n_2702888.html

    e poi….

    http://www.meteoweb.eu/2013/02/bolidi-avvistati-da-ogni-parte-del-mondo-video-di-una-palla-di-fuoco-nei-cieli-del-giappone/186270/

    L’asteroide disgregatosi nei cieli della Russia che ha dato origine alla pioggia di frammenti sopra la città di Chelyabinsk, e che ha provocato ben 1200 feriti, ha naturalmente attratto le attenzioni dei media, ma negli ultimi giorni vari bolidi sono stati avvistati nei cieli di tutto il mondo: dalla Russia al Kazakhstan, dal Giappone all’Australia, da Cuba al Sud Africa, dal Marocco alla Germania, dalla Svizzera ai Paesi Bassi, dal Belgio al Regno Unito e persino negli Stati Uniti e in Italia. La notte del 13 Febbraio infatti, un’enorme palla di fuoco è stata avvistata nei cieli del Belgio, dei Paesi Bassi e della Germania. L’evento è durato circa 15-20 secondi, dove alcuni testimoni riferiscono di aver assistito a due frammentazioni del corpo.

    Si son dati tutti l’appuntamento…..???

    Mi sà che con il prossimo minimo solare….

    L’ultimo post poi me ne vado a Viareggio al carnevale….
    🙂
    😆

    Ciaooooo

      (Quote)  (Reply)

  4. b’è se fosse che ci sono sistemi così efficaci per “seguire” i sassi e disintegrarli prima che impattino al suolo è cosa positiva no? 🙂

      (Quote)  (Reply)

  5. qui viene spiegato in modo chiaro, l’impossibilità di un’arma nel seguire un asteroide e colpirlo..

    Le armi esistenti sono costruite mediante un ciclo di feedback tecnologico. Il missile anticarro esiste perche’ c’e’ il carro. Se cambia il carro, cambia il missile anticarro. Inoltre seguono dettami convenzionali, per esempio sono vietati i proiettili dum-dum nell’armamento convenzionale dei soldati.

    Non esiste alcuna arma che pesi dieci tonnellate e viaggi a 22 KM/s, cosi’ non esiste alcuna contromisura capace di intercettare un bolide di quel peso a quella velocita’. Nessun sistema d’arma sa intercettare roba cosi’ veloce, e anche i piu’ sofisticati , se pure colpissero per caso il bolide, non sarebbero abbastanza potenti da cambiare la situazione.

    Queste armi tendenzialmente sono costruite per danneggiare un manufatto che necessiti di funzionare (un missile o un aereo) e quindi esplodono quasi sempre in prossimita’ affidando all’onda d’urto e alle schegge (o a biglie appositamente mescolate all’ogiva) il compito di abbattere il nemico.

    Il guai e’ che nessuna onda d’urto puo’ inficiare un oggetto che sta a 22 km/s, dato che gli esplosivi convenzionali piu’ detonanti si fermano a 17km/s. Il bolide supererebbe l’esplosione e si lascierebbe l’onda d’urto alle spalle.

    Ma i radar dei militari non lo avevano visto?
    No. Non ci sono radar costruiti per vedere oggetti di quel tipo. I radar militari sono estremamente specializzati nel tenere in memoria le mappe per un ciclo di refresh, e calcolare qualcosa come un vettore che dia la velocita’ e la direzione del velivolo.

    In generale, quindi, si aspettano che il velivolo sia ad una certa distanza rispetto al rilevamento precedente. Se una cosa va a 22Km/s, molti radar la considerano un disturbo momentaneo e non sanno tracciarne la rotta. Per altri sistemi, viene tolta dallo schermo come disturbo, o come contromisura GE.

    Il bolide era stato visto da un osservatorio astronomico, che pero’ non aveva le risorse di calcolo per calcolare la rotta in tempo reale o per dare un allarme in tempo. 22Km/s sono davvero troppi.

    Ma non dovrebbero consumarsi con l’attrito anziche’ esplodere?
    Contrariamente a quanto si pensi, a scaldare i bolidi che entrano nell’atmosfera non e’ l’attrito, ma la pressione, unita ad alcuni effetti termoionici legati allo shock gas layer.

    Succede che questi bolidi siano supersonici, e supersonico significa che viaggia piu’ in fretta di quanto l’aria possa condurre onde meccaniche. Insomma, l’aria non fa in tempo a spostarsi. Questo comprime l’aria contro il bolide, riscaldandola a dismisura, inoltre dissocia le molecole, che vengono colpite con energia enorme.

    Un’altra fonte di energia quindi e’ legata alla dissociazione delle molecole per via della altissima velocita’ di impatto, e al loro successivo riassemblaggio in forme di minore energia. Tali molecole che si formano subito dopo il bolide sono cosi’ eccitate da essere radianti, da cui luce e calore.

    L’attrito ha un ruolo minore sul riscaldamento e l’acquisizione di energia, mentre e’ il responsabile dell’ablazione del materiale, ovvero del fatto che il meteorite si consumi.(1)

    Il problema viene quando un meteorite contiene sostanze ghiacciate che col calore possano sublimare. Succedera’ che quando la temperatura supera un certo limite, il bolide si riempia di gas o di plasma ed esploda per via dell’energia interna acquisita.
    E se fosse un’arma dei militari in sperimentazione?
    Bene. Parliamo di un ordigno militare che viene rilevato solo da osservatori astronomici e solo al rientro dall’atmosfera, con una potenza di 500 Kt e una velocita’ di 22 Km/s.

    Se esistesse un ordigno del genere lo sapremmo, visto che darebbe – gia’ nella forma attuale, senza perfezionamenti – al suo possessore il totale dominio dell’aria , dello spazio e quindi del pianeta.

    fonte: http://www.keinpfusch.net/2013/02/oh-kalinka.html#more

      (Quote)  (Reply)

  6. asteroidi comete o meteoriti dir si voglia, sono facili di prevedere e e anche da respingere ne abbiamo le prove… in teoria possiamo accompagnarli verso altri pianeti o lune a nostro piacimento grazie alla propulsione ionica o motori simili…. ionica perché è la più semplice da inquadrare e realizzare a differenza di ”vele” sospinte dal vento solare.. non abbiamo abbastanza conoscenza dei materiali forse…
    Conoscere i fenomeni dati dal gioco di forze gravitazionale nel nostro sistema è solo teoria, abbiamo una raffinata conoscenza della fusione nucleare calda invece… e non ci sarebbe abbastanza uranio su questo pianeta.. condensare gli asteroidi con l’uso di stazioni, eccetera modificare l’ambiente naturale circostante.
    vedete siamo obbligati a fare macchine elettriche e muoverci verso altri pianeti o lune. Serve molta manodopera che sappia interagire con i problemi con notevole elasticità mentale, logica. Ne cospirazioni atte a diminuire il numero della popolazione ne una massa di animali domestici apatici e arrapati sessualmente…
    logico che quando il tempo di reazione è limitato la risposta deve essere proporzionale in termini di energia. Più si avvicinano più ci vuole energia per respingere qualsiasi oggetto in collisione con questo pianeta…

      (Quote)  (Reply)

  7. @Luigi Lucato
    I missili viaggiano a 5 km/s, quindi ben più lenti.
    Per intercettare quache cosa, occorre conoscerne la traiettoria con estrema precisione, coda che attualmente non si è in grado di ottenere.

    Il motore a ioni fornisce una spinta minima ma per un tempo infinito, garantendo un’accelerazione costante. Va bene per i viaggi interstellari che durano anni, ma non per spostare la traiettoria
    di un meteorite vicino alla terra.

    Un qualche risultato lo si otterrebbe applicando il fascio a milioni di km di distanza, così da “spingerlo” per un tempo molto lungo.
    Ma se individua qualche giorno prima non si può fare niente.

      (Quote)  (Reply)

  8. Alieni o militare,cospirazioni,fenomeni naturali non conosciuti.

    Prendete i cerchi del grano quelli realizzati a cavallo del 2000 (i veri non i fac-simile)
    4 dati, il filmato autentico, le microsferule rinvenute nel sito, lo stelo del grano curvo, le spirali.

    http://www.faenzashiatsu.it/crop/Celletta/da_P6146138.jpg
    http://img64.imageshack.us/img64/9284/cropcirclenode.jpg
    http://www.bltresearch.com/images/magnetic/magmat2.jpg
    http://www.youtube.com/watch?v=9zzoj5LPn5M

    Questo per dire….che ci sono armi,forze o altro che non conosciamo.
    Se qualcuno mi trova il tassello che unisce questre 4 cose…..

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.