Ghiacci Marini Antartici – Situazione Febbraio 2013

L’Antartide chiude il suo terzo minimo più esteso dopo quello del 2003 e del 2008.

Ma ovviamente non sentirete parlare dei ghiacci Antartici finchè non saranno sotto-media.

 

 

Estensione:

 

 

Anomalia Concentrazione:

 

 

Area:

 

 

Trend Anomalia Estensione:

 

 

Curiosità:

Rispetto a 10 anni fa abbiamo 0.1milioni di kmq di estensione in meno e 0.1 in meno di area.

Rispetto a 20 anni fa abbiamo 1.3milioni di kmq di estensione in più e 1.2 in più di area.

Rispetto a 30 anni fa abbiamo 0.8milioni di kmq di estensione in più e 0.7 in più di area.

 

 

FBO

Hatena Bookmark - Ghiacci Marini Antartici – Situazione Febbraio 2013
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

12 pensieri su “Ghiacci Marini Antartici – Situazione Febbraio 2013

  1. La sensazione è che non sentiremo parlare dei ghiacci antartici ancora per un bel po’: il trend al rialzo mi pare confermato e nulla per ora lascia prevedere che si inverta.

      (Quote)  (Reply)

  2. si follia..

    ma non ci vuole molto a capire che sia la conformazione del nord america, sia quella nord europea portano i segni ben evidenti dei ghiacciai e delle lingue glaciali polari.? contando che si allarmava con film ect, sull’innalzamento dei mari. mentre nella realtà dopo il ritiro dei ghiacci artici tutte le terre citate subirono l’erosione acqua, vento, fiumi, piogge torrenziali. i fenomeni isostatici sono lenti ed è probabile che il nord europa, doggerland per intenderci in futuro sarà ancora emersa per sollevamento isostatico. anche se l’area è stata in passato, abbastanza compromessa o meglio ”mangiata” dalla lingua glaciale polare scandinava. basti pensare quanta melma caccia fuori il fiume Po in un solo anno, e senza l’attività dei pescatori tratti di costa si trasformerebbero in paludi piene di melma salmastra… invece in olanda si strappa terra al mare.. stesso principio comunque… stesso discorso per i grandi laghi nordamericani sull’isostasia.. che tendono a prosciugarsi e defluire…

      (Quote)  (Reply)

  3. Insomma… oramai il trend è ben al di sopra della media. Il “problema” resta nei gliacci artici che, ahimè, sono oggetto dei tanto pubblicizzati documentari che annunciano che la CO2 è brutta e cattiva e, pertanto, dobbiamo inventarci come costruire un altro sole, da opporre, come posizione astronomica, a quello attuale. Perché? Perchè così, non facendo mai notte, le piante non avranno modo di produrre CO2 durante la notte…. 😉 😛

      (Quote)  (Reply)

  4. Adolfo Giurfa :

    Sarebbe meglio preoccuparsi di i ghiacciai ITALIANI :-)

    in Italia sono messi male male
    purtroppo le estati africane che abbiamo vissuto stanno distruggendo quel poco che è rimasto

      (Quote)  (Reply)

  5. FabioDue :
    La sensazione è che non sentiremo parlare dei ghiacci antartici ancora per un bel po’: il trend al rialzo mi pare confermato e nulla per ora lascia prevedere che si inverta.

    Trend diametralmente opposto a quello dei ghiacci artici…. forse invertirà quando anche i ghiacci artici faranno altrettanto…. oppure no…. chi lo sa è bravo! 😉
    Bruno

    Piccolo OT: FabioDue Posta in arrivo!

      (Quote)  (Reply)

  6. Che strano, guardando il trend delle anomalie sembra che piu’ si procede negli anni piu’ la distanza ta il minimo ed il massimo aumenta. E’ una mia sensazione?

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.