I climatologi non sono einstein, questo lo dice il suo successore

Freeman Dyson, è un fisico che insegna presso l’istituto di studi avanzati di Princeton, dove lavorava Albert Einstein. Quando Einsten morì nel 1955, ci fu l’inaugurazione, l’apertura per il titolo di “più brillante fisico del pianeta.” Dyson riempi il vuoto e se ne occupo. Così, ad esempio, quando il movimento del riscaldamento globale inizio, un sacco di gente si chiedeva perché lui non vi partecipasse. La ragione per cui lui è scettico è semplice, e l’ottantanovenne Dyson, me l’ha spiegato quando gli ho telefonato.

“Penso che ogni buon scienziato dovrebbe essere uno scettico”, ha detto Dyson.

Dyson è arrivato in America, dalla sua Inghilterra, a 23 anni e subito ha fatto grandi passi avanti nella teoria quantistica. Dopo di che, ha lavorato su un razzo a propulsione nucleare. Poi, alla fine del 1970, è stato coinvolto nella iniziale ricerca sui cambiamenti climatici, presso l’Istituto per l’analisi energetica a Oak Ridge in Tennessee.

“ Penso solo che loro non capiscono il clima “, ha detto dei climatologi “e che i loro modelli al computer sono pieni di fattori truffaldini “.

La ricerca, che ha coinvolto scienziati di diverse discipline, si è basata sulla sperimentazione. Gli scienziati hanno studiato tali domande come l’anidride carbonica atmosferica interagisce con la vita delle piante e il ruolo delle nubi sul riscaldamento. Ma questo approccio, ha perso contro l’approccio modellistico al computer, favorito dagli scienziati del clima. E questo approccio è stato sbagliato fin dall’inizio, Dyson ha detto.

Un importante fattore di correzione riguarda il ruolo delle nubi. L’effetto serra da anidride carbonica da solo è limitato. Per raggiungere le proiezioni apocalittiche strombazzate da Al Gore e company, i modelli devono includere l’ipotesi che la CO2 causi la formazione di nubi, in un maniera tale da produrre un maggiore riscaldamento.

“I modelli sono estremamente semplificati”, ha detto.

“Essi non rappresentano le nuvole in tutti i suoi dettagli. Hanno semplicemente utilizzato un fattore di correzione per rappresentare le stesse nuvole.”

Dyson ha detto che il suo scetticismo circa i modelli generati dal computer, è stato confermato da recenti segnalazioni che li sono giunte da uno studio di Ed Hawkins dell’Università di Reading in Gran Bretagna, che mostra le temperature globali sono piatte tra il 2000 e il 2010, anche se noi umani abbiamo riversato quantità record di CO2 nell’atmosfera durante quel decennio.

Questa è la rivendicazione per un uomo che è stato definito “un eretico civile” in un articolo della rivista New York Times per il suo punto di vista contrario. Dyson abbraccia questa etichetta, con l’implicazione che ciò, o chi si oppone, è un movimento religioso. Così fa il suo collega fisico di Princeton e collega scettico, William Happer.

“Ci sono persone che hanno solo bisogno di una causa che è più grande di loro”, ha detto Happer. “Poi si ci può sentire onesti e dire che le altre persone non sono oneste”

Per mostrare come incivile questa folla possa diventare, Happer mi ha inviato una mail, un articolo su un professore australiano, che propone – molto seriamente – la pena di morte per gli eretici, come Dyson. Come fece Galileo, che possono ottenere una sospensione della pena se ritratteranno. Io spero, che quel ragazzo non possa mai ascoltare l’affermazione più eretica di Dyson, ossia che l’atmosferica di CO2 potrebbe in realtà essere, il miglioramento dell’ambiente.

“E ‘certamente vero che l’anidride carbonica è un bene per la vegetazione”, ha detto Dyson. “Circa il 15 per cento dei raccolti agricoli sono dovuti a CO2 che mettiamo in atmosfera. Da questo punto di vista, è un vero valore bruciare carbone e petrolio.”

In realtà, ci sono prove più solide per gli effetti benefici di CO2 rispetto agli effetti negativi, ha detto. Allora perché il pubblico sente solo un lato di questo dibattito? Perché i media fanno un lavoro terribile per segnalare i negativi.

“Sono assolutamente disgustato”, ha detto dei giornalisti americani. “Questo è vero anche in Europa. E non capisco perché gli è stato fatto il lavaggio del cervello.”

Io conosco il perché: Sono pigri. Invece di scavare nei dettagli, la maggior parte dei giornalisti sono contenti di ripetere il mantra del “consenso” tra gli scienziati del clima. Il problema, detto Dyson, è che il consenso si basa su tali modelli informatici. I computer sono ottimi per analizzare ciò che è accaduto in passato, ha detto, ma non sono così bravi a capire cosa succederà in futuro. Ma un sacco di scienziati hanno costruito la loro carriera su di loro. Da qui l’odio per i dissidenti. “E’ stato simile anche in Unione Sovietica”, ha detto. “Chi avrebbe mai dubitato del futuro dell’economia marxista ? Tutto il resto era nella spazzatura.” C’è un sacco di spazio lasciato in quel bidone per le idee promulgate dal popolo più stupido, anche di Dyson. Che c’è posto per tutti.

Questa citazione dal grande HL Mencken cattura perfettamente la natura religiosa del loro climatico-culto.

“L’essenza della scienza è che è sempre pronta ad abbandonare una determinata idea, tuttavia fondamentale che può sembrare, per una migliore. L’essenza della teologia è che si tiene le sue verità essere eterne e immutabili.”

 

Fonte :  http://blog.nj.com/njv_paul_mulshine/2013/04/climatologists_are_no_einstein.html

 

Michele

Hatena Bookmark - I climatologi non sono einstein, questo lo dice il suo successore
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

5 pensieri su “I climatologi non sono einstein, questo lo dice il suo successore

  1. tutto riassunto qui:

    “L’essenza della scienza è che è sempre pronta ad abbandonare una determinata idea, tuttavia fondamentale che può sembrare, per una migliore. L’essenza della teologia è che si tiene le sue verità come eterne e immutabili.”

      (Quote)  (Reply)

  2. “E ‘certamente vero che l’anidride carbonica è un bene per la vegetazione”, ha detto Dyson. “Circa il 15 per cento dei raccolti agricoli sono dovuti a CO2 che mettiamo in atmosfera. Da questo punto di vista, è un vero valore bruciare carbone e petrolio.”
    E’ quello che ho sempre asserito io.
    Il pericolo vero sono tutti gli altri inquinanti da idrocarburi o non:
    black carbon sulle distese glaciali, gas venefici di scarico, liquami tossici, sversamenti di idrocarburi diffusi, ma anche scorie radioattive dalle centrali, pannelli solari esausti con scorie di arsenico e gallio, aerosol da smog di ogni tipo.
    La co2 è proprio il rifiuto più innocuo.
    E’ il capro espiatorio della nuova religione.

      (Quote)  (Reply)

  3. Neanche nelle religioni ci sono verità eterne ed immutabili, basti pensare alla recente dipartita del limbo… il loro scientifico climatico-culto supera anche il fanatismo religioso.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.