Manca poco …

La settimana scorsa, gli ingegneri, studiando il codice di programmazione per i Google Glass hanno trovato vari modi, con cui le persone potrebbero interagire con i computer, indossabili, senza dover dire una parola. Tra questi, un utente potrebbe annuire per accendere gli occhiali on o off. Un unico occhiolino potrebbe essere sufficiente per scattare una foto.
Ma non aspettatevi che questi gesti siano molto lontani nel tempo. Ben presto, potremmo interagire con i nostri smartphone e computer semplicemente utilizzando la nostra mente. Tra un paio di anni, potremmo accendere le luci a casa solo con il pensiero, oppure inviare una e-mail dal nostro smartphone senza neanche tirare fuori il dispositivo dalla nostra tasca. Più in là nel futuro, il vostro assistente robot apparirà al vostro fianco con un bicchiere di limonata, semplicemente perché saprà che voi avete bisogno di bere.
I ricercatori della Emerging Technology Lab di Samsung stanno testando dei tablets che possono essere controllati dal vostro cervello, utilizzando un elmetto, che assomiglia, ad un cappello da sci, tempestato di elettrodi di monitoraggio. Questo quanto riferito dalla rivista scientifica  tecnologia del Massachusetts Institute of Technology.
La tecnologia, l’interfaccia tra il computer e il cervello, è stata concepita per consentire alle persone con paralisi e altre disabilità di interagire con i computer o controllare bracci robotici, il tutto semplicemente pensando a tali azioni. In poco tempo, queste tecnologie potrebbero benissimo essere disponibili nei negozi di elettronica di consumo.

Alcuni apparecchi che sfruttano il collegamento cervello-lettura esistono già, lasciando che le persone giocano partite facili o spostare il mouse intorno a uno schermo. NeuroSky, una società con sede a San Jose, in California, ha recentemente rilasciato un auricolare Bluetooth che può monitorare i piccoli cambiamenti delle onde cerebrali e permettere alle persone di giocare su computer o smartphone. Tra questi, un gioco di caccia agli zombie, tiro con l’arco e un gioco in cui si devono schivare delle pallottole – tutte queste applicazioni usano la mente come il joystick. Un’altra società, Emotiv, vende un auricolare che si presenta come una grande mano aliena e in grado di leggere le onde cerebrali associate ai pensieri, sentimenti ed espressioni. Il dispositivo può essere utilizzato per giocare a Tetris o come cercare le foto su Flickr, pensando ad una emozione per la persona che si cerca e che si sente, come felice o eccitato – piuttosto che la ricerca per parole chiave.
I produttori di automobili, stanno esplorando delle tecnologie da inserire nella parte posteriore del sedile per rilevare quando le persone si addormentano durante la guida e un sonaglio volante per risvegliarli.
Ma i prodotti disponibili oggi in commercio, potrebbero presto apparire arcaici. “Le tecnologie cerebrali attuali sono come cercare di ascoltare una conversazione in uno stadio di calcio da un dirigibile,” ha dichiarato John Donoghue, neuroscienziato e direttore dell’Istituto Brown for Brain Science. John aggiunge : “Per essere veramente in grado di capire quello che sta succedendo con il cervello oggi è necessario impiantare chirurgicamente una serie di sensori nel cervello.” In altre parole, per ottenere l’accesso al cervello, per il momento è ancora necessario un chip in testa .
Lo scorso anno, un progetto chiamato BrainGate sperimentato dal Dr. Donoghue, ha permesso a due persone con paralisi completa di utilizzare un braccio robotico con un computer che rispondeva alle loro attività cerebrale. Una donna, che non aveva usato le sue braccia in 15 anni, ha potuto afferrare una bottiglia di caffè, servire a se stessa un drink e poi riportare la bottiglia sul tavolo. Tutto fatto immaginando i movimenti del braccio robotico.
Ma quel chip all’interno della testa potrebbe presto svanire, come dicono gli scienziati, siamo vicini nell’ottenere una maggiore comprensione del cervello e, a sua volta, le tecnologie che consentono l’interfacciamento tra il computer e il cervello. Una iniziativa da parte dell’amministrazione Obama di quest’anno chiamata “progetto mappa del cervello”, un progetto di ricerca decennale, mira a costruire una mappa completa del cervello.
Miyoung Chun, un biologo molecolare e vice presidente per i programmi scientifici presso la Fondazione Kavli che sta lavorando al progetto e anche se ha detto che ci sarebbe voluto un decennio per mappare completamente il cervello, le imprese saranno in grado di costruire nuovi tipi di prodotti di interfaccia per computer del cervello entro due anni.
La “Brain Activity Map” vi darà un sacco di nuovi strumenti hardware che cambieranno il modo in cui utilizziamo gli smartphone e i tablet”, ha detto il dottor Chun.  “Sarà rivoluzionare tutto questo, dalle protesi robotiche alle protesi neurali per i telecomandi, che potrebbe essere la storia in un prossimo futuro, in cui, per cambiare un canale televisivo sarà sufficiente il solo pensiero” Ci sono tuttavia alcune paure da affrontare. Sul sito Web di Muse, una F.A.Q. è dedicata a convincere i clienti che il dispositivo non è in grado di spiare i pensieri dalla mente delle persone.
Queste tecnologie di brain-lettura sono stati oggetti da fantascienza per decenni.
Nel 1982, nel  film “Firefox”, il protagonista Clint Eastwood, interpreta un pilota di caccia, in missione in Unione Sovietica, per rubare un prototipo di aereo da caccia che può essere controllato da un collegamento neurale del cervello. Ma il signor Eastwood deve pensare in russo durante il volo, e lui rischia quasi di muore, quando non riesce a lanciare un missile, nello scontro finale. ( Ma non vi preoccupate, nel film, il buon Clint sopravvive ) 🙂
Anche se la guida degli aerei con la mente è sempre lontana, la navigazione web sul nostro smartphone potrebbe essere molto vicina.
Dr. Donoghue della Brown ha detto che una delle tecniche attualmente utilizzate per leggere nel cervello della gente è chiamata P300, in cui un computer è in grado di determinare quale lettera dell’alfabeto qualcuno sta pensando in base alla zona del cervello che si attiva quando vede una schermata piena di lettere. Ma anche quando i progressi nelle tecnologia brain-lettura avrà raggiunto i traguardi previsti , ci saranno nuove sfide da affrontare. Infatti, gli scienziati dovranno determinare, se la persona vuole cercare sul web qualcosa in particolare, o se sta solo pensando ad un argomento a caso.
“Solo perché sto pensando ad una bistecca in un ristorante, questo non significa che io in realtà la voglio per la cena” ha detto il Dott. Donoghue. Proprio come  per gli occhiali di Google, che dovranno sapere se stai sbattendo gli occhi perché c’è qualcosa nel tuo occhio, o se si vuole realmente fare una foto. L’interfaccia tra il computer e il cervello avrà bisogno di sapere quindi se si sta solo pensando a quella bistecca o se veramente si ha voglia di ordinarla.

http://bits.blogs.nytimes.com/2013/04/28/disruptions-no-words-no-gestures-just-your-brain-as-a-control-pad/

 

Michele

Hatena Bookmark - Manca poco …
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

4 pensieri su “Manca poco …

  1. Interessante… però ho il forte dubbio che una tecnologia di questo tipo potrebbe avere conseguenze nefaste… una sorta di “Grande Fratello” avrebbe di che giovarsene secondo me…
    Bruno

      (Quote)  (Reply)

  2. Non è il grande fratello che ci controlla siamo noi che ci facciamo controllare a mio modo di vedere, perchè io nn ho mai creduto a una singola cosa detta dai media, dalla politica alla botanica guardate, per me l’unica verità è quella che vedo punto. Secondo me avrebbe grandi vantaggi, ovvimaente come tuttte le cose, devono essere prese nel modo giusto, poi se la usiamo per giocare ai videogame o per guardarci la tv, be a un certo punto siamo noi a volerlo e così facciamo il gioco delle società ben contente di venderci i loro prodotti per il ”controllo” della mente

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.