Continua la fase di moderata attività solare! (@ Mic ore 19:19 “quasi” ) + Update

Aggiornamento delle 13:52 del 15 Maggio 2013 in merito alla forte coalescenza magnetica manifestata dalla regione Ar1478.

L’interrogativo : E’ un caso che la regione si sia attivata intensamente EM proprio nell’area dove si è realizzato l’allineamento planeterio Giove-Venere-Sole ?

😉

Inserito animazione, in attesa dell’arrivo della macchia solare più attiva elettromagneticamente da un anno a questa parte.  Ecco la macchia solare,  prodiga di vari flare di Cat.X e M che sta per affacciarsi sul lato visibile.

Dopo il mese di aprile, anche in questa prima decade di maggio il Sole sta continuando ad avere un’attività moderata. Ciò lo si evince dal numero di regioni di attive e soprattutto dalla loro coalescenza, che è stata in grado di provocare numerosi flare di classe M ed una risalita del solar flux verso valori tra i 150 ed i 160!

Continua quindi l’altalena del ciclo solare 24, dove ad un periodo di modesta attività  (febbraio-marzo 2013) fa seguito una fase di moderata ed a tratti anche forte attività solare; ricordiamo per l’ennesima volta che anche durante questi periodi in cui l’attività solare cresce, non si sono ancora raggiunti picchi altisonanti e sopratttutto duratori che caratterizzavano i precedenti cicli solari.

Anche stavolta, l’emisfero nord sembra prevalere su quello sud, il quale dagli ultimi aggiornamenti del campo solare, invece di procedere verso l’inversione, ha fatto una marcia indietro…stiamo quindi ancora aspettando che l’emisfero meridionale si avvicini alla neutralità, solo allora potremmo dire che il sole avrà invertito i suoi poli e decretare l’inizio del prossimo minimo solare.

Sembra però ormai assodato che vi sarà una lenta discesa prima di arrivare al minimo solare del ciclo 24 prima e all’inizio del ciclo solare 25 dopo, che si prospetta essere ancora più debole del ciclo in corso, e di fatto dare il via ad una lunga fase di bassissima attività solare che toccherà il suo apice intorno al 2050!

Come reagirà il nostro clima ?

Ai posteri l’ardua sentenza!

Riteniamoci privilegiati perchè siamo appena agli inizi di un importantissimo periodo storico, in cui potremo studiare da vicino gli effetti di un prolungato minimo solare sul clima terrestre…tempi che saranno sempre più bui per i sostenitori dell’AGW!

Stay tuned with NIA, Simon

Hatena Bookmark - Continua la fase di moderata attività solare! (@ Mic ore 19:19 “quasi” ) + Update
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

48 pensieri su “Continua la fase di moderata attività solare! (@ Mic ore 19:19 “quasi” ) + Update

  1. Comunque mi associo a Caronte.
    Se ce ne è stato uno nel 700 circa ed uno nel 1859, allora non è vero che gli eventi Carrington like sono una rarità assoluta.
    Sono solo poco frequenti, ma nulla sappiamo di quando ne accadrà un altro.

      (Quote)  (Reply)

  2. @Zambo
    Esiste una statistica di quanti eventi “Carrington Style” ci sono stati che so… dall’età medievale fino ad oggi?
    Perché se c’è allora possiamo fare una media su ogni quanti anni avvengono tali eventi,
    altrimenti non possiamo dire che siano una rarità assoluta…perché non lo sappiamo
    lo possono essere nel corso di una vita umana,ma non nel corso della storia…
    E’ interessante capire se ci sia materiale sufficiente per fare una statistica degli ultimi 500 anni…per cercare di capire la frequenza di questi eventi…
    Anche se penso sia difficile per ovvi e vari motivi 😉
    Comunque le mie non sono critiche,ma considerazioni,spunti di riflessione,ragionamenti da profano quale sono…
    Saluti

      (Quote)  (Reply)

  3. @sbergonz
    @Caronte

    Non capisco quale sia il vostro problema nell’accetare una probabilità estremamente bassa per un evento naturale.

    Come ho detto, da che mi risulta, i proxy per attività di quel tipo hanno riconosciuto solo un’alro probabile evento di dimensioni decisamente più energetico dell’evento di Carrington.
    Con ciò, si intende, che non c’è dato di sapere se ve ne siano stati altri molto meno energetici (sicuramente vi srarnno stati) o paragonabili. Questo si sa e da ciò discende la considerazione secondo cui quest’evento ha una probabilità molto molto bassa di realizzarsi, molto più bassa di, ad esempio, un evento meteorico tunguska like.

    Poi si intende, ognuno è libero di credere (o magari sperare…) in ciò che vuole, ma sarebbe utile prendere atto dei dati.

      (Quote)  (Reply)

  4. Per concludere possiamo osservare che il ciclo 10 ( quello dell’evento Carrington) fu molto debole e quindi simile all’attuale,con poche macchie e scarsa attività…
    @ Zambo…
    se i dati che possiedi sono attendibili,è chiaro che bisogna prenderne atto…
    Spero siano sufficienti per arrivare a tali conclusioni…
    Buona sera

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.