Il Dr. Roy Spencer Ph.D. dice : “La resa dei conti sta arrivando, qualcuno dovrà rende conto !”

Lo scorso 6 Giugno il Dr. Roy Spencer Ph.D. ha pubblicato questa interessante trama :

Media su 5 anni di 75 modelli (previsioni della temperature troposferiche) contro le correnti osservazioni.

In questo caso, i modelli e le osservazioni sono state tracciate in modo che le rispettive linee di tendenza dal 1979-2012  si intersichino nel 1979. Che a nostro avviso, è il modo più significativo per tracciare contemporaneamente i risultati dei modelli e per il confronto con le osservazioni. A mio parere, il giorno della resa dei conti è arrivato. I modellatori dell’IPCC hanno volontariamente ignorato l’evidenza e la bassa sensibilità del clima per molti anni, nonostante il fatto che alcuni di noi hanno dimostrato che semplicemente si confonde causa ed effetto in sede di esame di nuvolosità e variazioni di temperatura e si può trarre in inganno totalmente voi, su una corretta valutazione della nuvolosità (ad esempio :  Spencer & Braswell 2010 ). La discrepanza tra i modelli e le osservazioni non è un problema nuovo … solo che sta diventando sempre più evidente nel corso del tempo. Sarà interessante vedere come tutto questo giochino salterà fuori nei prossimi anni. Io francamente non vedo come l’IPCC potrà sostenere che i modelli non sono in contrasto con le osservazioni. Qualsiasi persona sana di mente può vedere altrimenti.

Centinaia di milioni di dollari se ne sono andati nelle costose modellazioni aziendali sul clima, ed  hanno quasi distrutto il finanziamento governativo sulla ricerca sulle fonti naturali di cambiamento climatico. Per anni i modellisti hanno sostenuto che non esiste  il cambiamento climatico naturale … eppure ora, ironia della sorte, devono invocare le forze naturali del clima per spiegare perché il riscaldamento superficiale si è sostanzialmente fermato negli ultimi 15 anni!

Perdonatemi se sembro frustrato, ma noi scienziati, che  credono ancora che il cambiamento climatico può anche essere naturale, siamo stati praticamente tagliati fuori dai finanziamenti e da pubblicazioni da parte del colosso.

“L’uomo-è-la-causa-di-tutto-il-male-di-quel-che-succede”

Il pubblico che finanzia il loro lavoro non si leverà in piedi , molto più a lungo, per la loro ostinata cecità .

 

http://www.drroyspencer.com/2013/06/still-epic-fail-73-climate-models-vs-measurements-running-5-year-means/

Michele

Hatena Bookmark - Il Dr. Roy Spencer Ph.D. dice : “La resa dei conti sta arrivando, qualcuno dovrà rende conto !”
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

11 pensieri su “Il Dr. Roy Spencer Ph.D. dice : “La resa dei conti sta arrivando, qualcuno dovrà rende conto !”

  1. E’ un complotto.
    Le osservazioni sono fatte da scettici negazionisti travestiti da scienziati.
    Non può esserci altra spiegazione.
    🙂 🙂 🙂

      (Quote)  (Reply)

  2. OT solare

    Mi sa’ che stasera parecchi non dormiranno per il pizzicore delle nuove Ar che stanno nascendo sulle loro spalle!
    🙂

      (Quote)  (Reply)

  3. Di tutta questa dannata e sporca faccenda però esistono due facce quella scientifica e quella economico finanziaria e diciamo anche tre aggiungiamoci anche quella della responsabilità civile nei confronti di terzi.
    Dopo la ratifica protocollo di kyoto nel 1997 IPCC in questi 16 anni ha contribuito a costruire un sistema e un indotto nella green economy.
    I documenti pubblicati hanno condizionato pesantemente le pianificazione energetica in molti stati, inoltre ha contribuito alla diffusione di un concetto molto semplice dai connotati quasi religiosi. Infatti ormai é entrato nel senso comune pensare che la CO2 é male, il peccato dell’ umanità, una sorta di nuovo peccato originale. In queste condizioni appare chiaro che non sarà facile tornare indietro una sarebbe come per una religione rinnegare l’origine della religione stessa. Per fare un brutto paragone religioso come se i cristiani dicessero scusate, abbiamo scoperto che la storia di Eva e la mela era sbagliata il peccato originale e la nostra condizione di peccatori non esiste più. Insomma un bel pasticcio. L’errore più grande é avvenuto perché si é voluto seguire una moda scientifica del momento, quella dei gas serra che si sta é dimostrata essere piuttosto debole. Sappiamo benissimo che una verità scientifica può esser scardinata, completamente riscritta da nuove ricerche, basate magari sull’ utilizzo di nuovi ritrovati tecnologici. Un esempio per tutti il cannocchiale, due pezzi di vetro ben levigato e incollati su un tubo, tanto bastò a metter in crisi l’ universo tolemaico che resisteva da 2000 anni. La ricerca scientifica e l’ astronautica ha spinto ricerche sul sole ha prodotto nuove conoscenze inoltre il monitoraggio della terra con i satelliti ha permesso di incrociare dati che 16 anni fa sarebbe stato fantascientifico solo pensarlo.
    A questo punto però non si può fare a meno di persi molte domande.
    1) Questi scienziati che hanno contribuito alla diffusione di tali teorie hanno agito in buona fede ?
    2) Oppure hanno preso i soldi e ricercato in direzione sbagliata solo perché i soldi c’ erano solo perché si ricercava in quella direzione?
    3) Sapevano che stavano sbagliando e fornendo solo un base scientifica per portare avanti chissà quale progetto economico?
    4) Se é così questa non é una truffa nei confronti di tutta l’ umanità?
    5) Se davvero dal giono alla notte ci trovassimo di fronte ad una piccola era glaciale chi pagherà?

      (Quote)  (Reply)

  4. Dopo aver pagato per il Riscaldamento globale
    pagheremo per il Raffreddamento globale …

    ma le pecore tosate … non moriranno di freddo ?

      (Quote)  (Reply)

  5. Mi chiedo come si possa ragionevolmente dare credito, nel lungo periodo, a modelli di previsione che non riescono a spiegare l’andamento (piatto) delle temperature del decennio corrente.
    A giudicare da quanto leggo sui giornali, non c’è in generale la volontà di rivedere degli assunti che paiono consolidati (l’uomo è responsabile del cambiamento climatico, che dipende in massima parte dall’anidride carbonica emessa).

    Mi auguro solo che l’evoluzione del clima terrestre sia talmente chiara, nei prossimi decenni, da mettere tutti di fronte al fatto compiuto e costringerli a rivedere modelli che, almeno ad oggi, non rappresentano la realtà.

      (Quote)  (Reply)

  6. GIANNI :
    non mi meraviglio , negli ultimi 100 anni di tutto quello che ci viene detto la maggior parte e’ falsa

    Lo fanno per il nostro bene, così facciamo esperienza e comprediamo quali sono le cose giuste nella vita. Se l’universo non fosse duale, a che cosa servirebbe l’esperienza…. incarnarsi su questo pianeta ?
    Dobbiamo ringraziarli !
    🙂
    Si però da ora in avanti…. cambiamo le parti….
    😎
    🙂

      (Quote)  (Reply)

  7. Tanto nessuno a parte pochi siti divulgheranno queste notizie.

    Fa troppo comodo avere le tasse sui CO2, dire scemenze sulla riduzione del co2 ecc.

    Una ditta dice: se eliminio lo straordinario posso ridurre del 20% le emissioni
    Se riduco l’uso del riscaldamento e del condizionamento riduco le emissioni (intanto gli impiegati muoiono di freddo e caldo, ma la ditta risparmia la bolletta)

    Alla fine conviene anche alle case automobilistiche e di aerei.
    perche’ possono vendere nuove auto e aerei.

    Quello che viene fregato e’ il cittadino comune che deve pagare la tassa sul co2, la tassa sui biglietti aerei, la tassa x, il supplemento y, l’addizionale z.

    Fare impianti eolici e solari, anche se producono un millesimo di una centrale nucleare o un centesimo di quella a carbone o petrolio, costano cento volte di piu’ usano piu’ terreno e fanno girare piu’ soldi (sempre ai pochi soliti)

    Quand’ero piccolo immaginavo che ogni famiglia potesse avere dieci volte l’energia elettrica a un decino del costo.

    ma si continua a fare in modo che tutto costi caro

      (Quote)  (Reply)

  8. Spesso e volentieri religioni e sacerdoti illuminati dalla rivelazione, hanno fatto più disastri che altro ! Meglio tornare al triviale empirismo, alle approssimazioni successive, alle misurazioni al cinico scetticismo scientifico! Quello poco elegante e sporco di chi misura e confronta ogni giorno con paranoica metodicità fenomeni eventi e ha bisogno di dati e di strumenti e di archivi dove scrivere memorizzare cose che forse a noi non comprendiamo ma che qualcuno nel futuro forse tra centinaia di anni potrà meglio interpretare …

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.