Nature Geoscience: L’aumento del ghiaccio marino antartico causato dal riscaldamento globale è corretto

Il riscaldamento degli oceani e lo scioglimento dei ghiacci a terra svolge un ruolo importante


Richard Bintanja, Geert Jan van Oldenborgh, Driftwood sybren, Bert Wouters e Caroline Katzman, KNMI

La quantità di ghiaccio marino intorno all’Antartide è aumentata in modo significativo dall’inizio delle misurazioni satellitari nel 1979. Questo aumento è più forte nei mesi invernali, da aprile a settembre. Nel periodo da giugno ad agosto 2010, il ghiaccio marino ha raggiunto valori record, e contemporaneamente, la superficie dell’oceano antartico, intorno all’antartide è insolitamente fredda. L’aumento del ghiaccio marino è spesso spiegato dalla formazione del buco dell’ozono sopra l’Antartide, o da un aumento dei venti occidentali intorno al continente. Nessuno di questi meccanismi, tuttavia, spiega perché l’oceano intorno all’Antartide in superficie si raffredda. Un recente studio condotto da un team di ricercatori KNMI da Nature Geoscience, mostra che una gran parte del raffreddamento delle acque dell’oceano, come l’aumento del ghiaccio marino è in modo indiretto legato al riscaldamento globale. L’acqua del mare caldo, ad una profondità che va dai 150 a 1500 metri, fa in maniera tale, che aumenti più velocemente la fusione delle piattaforme di ghiaccio galleggianti e dei ghiacciai nel mare. L’acqua di fusione che si è formata è in tal modo più dolce e quindi più leggera dell’acqua dell’oceano del Sud, ed è uno strato isolante sulla superficie, pochi metri di spessore, sopra l’acqua dell’oceano più caldo e salato. Lo strato di acqua dolce garantisce quindi, un maggiore raffreddamento della superficie del mare in inverno, quando l’aria è più fredda del mare, Come risultato abbiamo quindi, che non vi è più ghiaccio, ma che una superficie dell’oceano più fresco genera maggiore ghiaccio marino e non da maggiori nevicate in Antartide, il risultato è che l’emisfero sud si scalda lentamente.

 

Tendenze osservate sulla superficie del mare

La Figura 1 mostra l’andamento della copertura del ghiaccio marino intorno l’Antartide e la temperatura dell’acqua di mare alla superficie a sud di 50 ° di latitudine. L’aumento della quantità di ghiaccio marino è più forte nei mesi invernali, da aprile a settembre, quando anche l’acqua dell’oceano si raffredda e quando l’aria fredda è sopra. Non solo le tendenze, ma anche le variazioni di anno in anno mostrano un chiaro legame tra la quantità di ghiaccio marino e la temperatura dell’acqua di mare. Nel mese di giugno-agosto 2010, il ghiaccio marino, ha raggiunto un valore record, il più alto valore. Lo studio del KNMI, è stato quindi avviato, per dare una risposta a questo paradosso, il riscaldamento globale, la crescita del ghiaccio marino intorno all’Antartide e il raffreddamento dell’oceano Meridionale.

Figura 1. Alla sinistra: Ghiaccio marino antartico (milioni di km ²) nel semestre estivo (ottobre-marzo, in alto) e nel semestre invernale (aprile-settembre, in basso). Destra: La temperatura della superficie del mare a sud di 50 ° S. Fonte: NSIDC, NCEP.

 

2. Il riscaldamento del mare profondo e la perdita di ghiaccio a terra

Mentre la parte superiore del mare si raffredda intorno all’Antartide (Figura 1) l’acqua a profondità maggiore di 150 metri si riscalda (Figura 2), proprio come in quasi tutti gli oceani di tutto il mondo. Le misurazioni mostrano anche che la calotta antartica perde molto ghiaccio. I ghiacciai delle calotte di ghiaccio dell’Antartide si fondono specialmente nella parte inferiore, dove vengono a contatto con l’acqua di mare relativamente calda. Questi ghiacciai e le calotte di ghiaccio sono molto più spessi rispetto ai cento metri su cui l’acqua di mare raffredda, in modo che la parte inferiore delle lastre di ghiaccio e i ghiacciai a contatto con le acque oceaniche riscaldate. Questo spiega perché i ghiacciai e le calotte di ghiaccio dell’Antartide si sciolgono più velocemente e gli iceberg si spezzano, mentre la superficie si raffredda in modo corretto. Poiché la quantità di neve che cade sul continente rimane circa la stessa, l’antartide perde, nel suo insieme, una massa, di circa 100 gigatonnellate (miliardi di tonnellate) all’anno in media 2003-2011, e circa 150 miliardi di tonnellate anno durante gli ultimi cinque anni. (Questo 150 gigatonnellate all’anno corrisponde a circa 0,4 mm di innalzamento medio del livello del mare ogni anno.)

 

Figura 2: A sinistra: Tendenza di temperatura nell'oceano antartico nel semestre invernale, intorno all'Antartide. Profondità asse verticale è tracciata orizzontalmente latitudine (Fonte: UK Met Office). A destra: la massa dell'Antartide misurata dai satelliti GRACE. La massa diminuisce, e questo va ancora più veloce. (Fonte: U.Colorado / U.Bristol).

 

3. Conseguenze della fusione rapida e parto di ghiaccio

La fusione dell’antartide sta accelerando, sia direttamente che indirettamente, quando un iceberg si rompe, questo si scioglie in mare. Ed in effetti, le misurazioni, mostrano questa mescolanza con l’acqua del mare. Mostrano chiaramente, che i primi 100-200 metri dal mare sono diventati più dolci dell’acqua sotto di essa (Figura 3 a sinistra). Lo strato più dolce tra cento e duecento metri costituisce uno strato isolante tra la parte superiore a 100 metri e il mare più profondo. Come risultato, la superficie può essere raffreddata in modo più rapido, e può formare più ghiaccio. Duecento metri sotto l’oceano riscalda più rapidamente dalla ridotta miscelazione con lo strato superficiale freddo (vedi Figura 2).

 

Figura 3: Sinistra: cambiamento di salinità dell'acqua marina dell'Oceano del Sud nei mesi invernali, con una media intorno all'Antartide. Gli strati superiori a 200 metri sono diventati più dolce, mentre appena sotto la crescente ghiaccio marino a vedere solo più sale. Destra: la stabilità del mare è aumentata tra 100 e 200 m di profondità, il che significa che vi è un minore scambio di calore e di sale è possibile attraverso questo strato.

 

4. I modelli del clima

Abbiamo sopra delineato il meccanismo e collaudato nel nostro modello climatico globale della Terra. In questo modello quindi la quantità di acqua di fusione intorno a l’antartide aumenta e porta ad un aumento della quantità di ghiaccio marino. Queste simulazioni pertanto confermano che uno scioglimento maggiore dell’Antartide porta ad una espansione del ghiaccio marino.

I modelli climatici, come quelli utilizzati dall’IPCC, tuttavia, mostrano una diminuzione di ghiaccio marino antartico, come nella regione artica. In questi modelli l’aumento della fusione e la nascita di ghiaccio, dall’acqua di mare calda, sotto la superficie, non è inclusa. Ciò si traduce in modelli che non aggiungono l’acqua di fusione e quindi lo strato superficiale più dolce nell’Oceano Antartico, la temperatura del mare in superficie aumenta, e la quantità di ghiaccio marino diminuisce.

 

5. Conclusioni

L’Oceano del Sud sembra a prima vista essere una deroga al riscaldamento globale: l’acqua del mare in superficie si raffredda e la quantità di ghiaccio marino è in aumento, in particolare nel semestre invernale. Paradossalmente, questo risulterà in misura significativa una conseguenza del riscaldamento. L’acqua più profonda, sotto un centinaio di metri, è certamente più calda. Questo fa sciogliere il ghiaccio dell’Antartico e più veloce, e partorirsce più iceberg.

Nella mescolanza con l’acqua di superficie, rimane più dolce e quindi più leggero dell’acqua a profondità maggiori, e forma un rivestimento relativamente dolce. Le misurazioni confermano che la parte superiore a 200 metri dell’oceano del Sud è diventata davvero più dolce. Questo strato di acqua dolce in inverno si raffredda più velocemente permettendo la formazione di maggiore ghiaccio marino e garantendo, allo stesso tempo, una minore perdita di calore nell’oceano più profondo e quindi questo si riscalda.

 Questo effetto non è rappresentato nei modelli climatici dell’IPCC attualmente in uso, che deve quindi, anche tener conto dei risultati di questo studio KNMI.

 

Fonte : http://www.knmi.nl/cms/content/112773/toename_antarctisch_zeeijs_juist_gevolg_opwarming

 

Michele

Hatena Bookmark - Nature Geoscience: L’aumento del ghiaccio marino antartico causato dal riscaldamento globale è corretto
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

23 pensieri su “Nature Geoscience: L’aumento del ghiaccio marino antartico causato dal riscaldamento globale è corretto

  1. @giovanni

    la teoria scritta è giusta, ma solo nel caso fosse vero che il ghiaccio sul continente in estate si scioglie piu velocemente.. ma se nell’entroterra il ghiaccio non si scioglie mai visto che le temp anche in estate piena non superano mai lo 0 dove viene osservata e come e da chi, questa perdita cosi veloce di ghiaccio continentale??

    cmq qui se ne parla:

    http://www.climatemonitor.it/?p=32715

    la risposta di mariani fa luce:

    uno dei lavori più recenti sull’argomento è “Insignificant change in Antarctic snowmelt volume since 1979” di Munneke et al., uscito su Geophysical Research Letters nel 2012. In esso si mostra che il bilancio di massa è negativo per una ristrettissima fascia costiera di tutto il continente ed inoltre per la penisola antartica. per qeust’ultima i valori sono i più elevati misurati (e qui la colpa dovrebbe essere delle correnti marine calde). Il bilancio di massa all’interno del grande continente è invece dato per stazionario (gli apporti compensano le perdite). Su quest’ultimo aspetto si deve tuttavia considerare che all’interno i bilanci di massa si muovono lentissimi perchè nevica pochissimo.
    Sempre da questo lavoro si ricava che il trend complessivo della perdita di massa è caratterizzato da grandi fluttuazioni interannuali ed appare in complesso improntato ad un lieve calo (=meno perdita), peraltro statisticamente non significativo (cito: “None of the regions in Antarctica show a statistically significant trend in melt volume over the period 1979-2010”).

      (Quote)  (Reply)

  2. Di questo studio trovo avventate le conclusioni .Non si sono tenute nelle debita considerazione le correnti circumpolari (il fatto che la penisola antartica con il disturbo di queste correnti sia l’unica zona dove si ha un maggiore scioglimento ne è la prova)Voler attribuire al riscaldamento globale (antropic Ovviamente)L’aumento dei ghiacci lo trovo un tentativo disperato di grattare altri fondi per l’IPCC. Sono fiducioso che a breve verranno sommersi dalle pernacchie.

      (Quote)  (Reply)

  3. Mi sa che è uno studio finanziato dagli stessi che praticano l’iron fertilization. Come c’è bisogno d’inventarsi terroristi per giustificare le guerre, allo stesso modo l’agw serve a giustificare le vaste operazioni sperimentali di geoingegneria.
    Per chi non sa che sia l’iron fertilization http://en.wikipedia.org/wiki/Iron_fertilization
    Abbiamo riversato molte tonnellate di ferro nei mari per combattere questo nemico invisibile chiamato agw. E questo è solo una delle tante pazze sperimentazioni per combattere il riscaldamento globale, ce ne sono molte altre…. se non sostenessero l’agw come potrebbero farle?
    Si può star tranquilli che queste sperimentazioni non abbiano qualche effetto sulle naturali dinamiche delle correnti marine?
    Pensate ancora sia impossibile deviare le correnti a getto? L’uso incrociato di diverse tecnologie (chimiche magnetiche ionosferiche ecc) fa miracoli, con le leve giuste si possono spostare enormi pietre….

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.