Per il Nia’s count siamo spotless dal 7 settembre!

Guardate come si presenta il sole, siamo nel suo massimo eppure è come se fosse il minimo, sono presenti solo dei minuscoli pore che il Sidc conta senza pietà con un SN di  42:

http://sidc.be/archive/product/meu/latest

Chiaro che la continuità col passato se ne va sempre più a benedire ( e sono stato educato!).

Diamo un’occhiata al behind:

Si noti come per altri giorni dovremmo continuare ad avere un’attività debole, solo nell’estremità orientale sono presenti regioni che paiono un pò più “serie”….

Il solar flux da ieri è sotto ai 100, e precisamente a 96, la media mensile dei primi 10 giorni di settembre si attesta a 103.7!

La media smooted del SN con l’ultimo mese di agosto, si ferma a 58.4, in ulteriore calo rispetto al mese precedente, ciò vuol dire che salvo sorprese dell’ultima ora, il massimo del ciclo solare 24 sarà molto probabilmente il febbraio 2012 col valore di 66.9, ben prima quindi di quelle che erano le previsioni nasa, ed in accordo con le nostre previsioni.

http://daltonsminima.altervista.org/dati-sole-in-diretta/

Infine entro i primi mesi del 2014 anche l’emisfero meridionale dovrebbe invertire la polarità gettando le basi quindi per la partenza del ciclo 25…ma se ciò non dovesse accadere, come anche alcuni pensano ? Sono mesi determinanti questi!

Cosa aspettarci d’ora in poi ?

Un lungo decorso di quel che resta del ciclo 24, con un minimo di transizione tra i 2 cicli che sarà oltre che lungo anche molto debole, molto più debole del minimo passato…siete pronti per ricominciare a contare i giorni spotless ?

Di certo, il Sidc farà di tutto per non ufficializzarne uno durante un massimo solare…

 

Stay tuned with NIA, Simon

Hatena Bookmark - Per il Nia’s count siamo spotless dal 7 settembre!
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

57 pensieri su “Per il Nia’s count siamo spotless dal 7 settembre!

  1. cmq guardando il behind stamani, si nota che l’unica AR degna di nota è quella nel nord emisfero, che impiegherà ancora tanto prima di raggiungere la parte visibile, e chissà che si sfaldi anche!

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  2. ice2020,

    Simon secondo te il sole riuscirà ad invertire?
    Fino ad oggi l’emisfero Nord è rimasto fermo ma dal behind si vede qualche cosa.
    Nel precedente tentativo, come si diceva in un precedente commento, con l’emisfero Nord che produceva macchie solari il Sud è poi rimbalzato indietro senza invertire.
    Adesso che sembra ripartire (il Nord) l’emisfero Sud rimbalzerà nuovamente?
    Spero di essere riuscito a spiegarmi.

      (Quote)  (Reply)

  3. Simone,

    Secondo me invertirà, dall’aultimo aggiornamento forse anche prima del 2014, ma come dici te sn ancche possibili dei “rimbalzi” che potrebbero rifar retrocedere il sud…tutta da vivere questa situazione!

      (Quote)  (Reply)

  4. Aspettiamo fine anno, cosa che ripeto da diversi mesi.
    Quando la triade più chiaccherata del nostro sistema solare avrà completato il tiro alla fune.

      (Quote)  (Reply)

  5. è interessante notare, quando il sole è in questo stato lo yellowstone si agita
    3.4 2013/09/13 06:55:57 44.744N 110.780W 11.6 27 km (17 mi) ENE of West Yellowstone, MT

      (Quote)  (Reply)

  6. FabioDue,
    non c’è da ridere =)

    Si spegne il campo magnetico terrestre come è capitato a Marte, potrebbe essere normale per i pianeti rocciosi specie quelli di classe terrestre..
    in questa ipotesi il campo magnetico terrestre ed il suo nucleo vengono alimentati dal flusso radioattivo solare e dipendono nel loro geomagnetismo, variano entrambi entro l’intensità del vento solare.
    Una forte influenza su di un campo magnetico planetario altera certi equilibri; qui in questo caso… più ti allontani dalla tua stella, più il pianeta subisce il ritmo del sole. Quando si altera un fattore o una forzante agisce sull’equilibrio del sistema altri fattori (tettonica a placche) prendono il sopravvento, agendo sul nucleo planetario.
    Impiegherebbe più tempo la Terra a spegnersi, il primo impatto sugli oceani sarebbe devastante, immaginate 3 o 4 supervulcani grandi 3 volte il Monte Olimpus.
    Un esempio è quello appena scoperto in pieno Oceano Pacifico.
    C’è ne vuole per una roba del genere…. fanno tempo ad estinguersi scarafaggi e formiche.. meglio sapere che non… anche perché questa è una mera supposizione.. non spaventatevi non è cosi 🙂

      (Quote)  (Reply)

  7. avviso che da domenica sono finalmente libero dagli impegni universitari e (sperando di avere le mappe aggiornate) appena possibile andrò avanti con il conteggio
    e vista l’importanza magari vedo di arrivare a coprire anche il mese di settembre, fin dove sarò in quel momento

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.