L’INTENSA FRAMMENTAZIONE STA’ PORTANDO ALLA DISSOLUZIONE DEL CAMPO MAGNETICO SOLARE

LA BASSISSIMA ATTIVITA’ MAGNETICA DELLE ULTIME SETTIMANE E’ FIGLIA DELLA DISGREGAZIONE DEL GMF(GLOBAL MAGNETIC FIELD)

Tante tantissime regioni con bassissima attivita’: questo e’ il quadro attuale.

Vediamo di capirci qualcosa.

A seconda della superficie le regioni vengono classificate nelle seguenti categorie:

0-10 PPM (parti per milione) FACULE/PLAGES SPOTLESS
10-50 PMM : MOLTO PICCOLE
50-200 PPM : PICCOLE
200-500 PMM : MEDIE
500-1000 PPM : GRANDI
1000-1500 PMM MOLTO GRANDI
OLTRE 1500 PMM : ENORMI.

Ora diamo uno sguardo al quadro magnetico attuale.
Ecco la situazione.

REGIONE AREA

11838 10
11839 10
11840 1
11841 40
11842 20

PLAGES

2661 0
2664 0
2665 0
2667 0
2669 0
2671 0
2672 0
2673 0
2674 0
2675 0
2676 0
2677 0
(I dati sono relativi al giorno 12/9/13)

Dunque abbiamo un grandissimo numero di micro regioni poco attive…
Immaginiamo solo per un attimo che il campo magnetico solare sia di grandezza costante:se viene frammentato in tutti questi mini campi, le relative interazioni elettromagnetiche all’interno delle regioni risulano debolissime.

Dati alla mano:

FLUSSO SOLARE :92
RAGGI X : CLASSE B1
SSN : 58

Una piccola parentesi la voglio aprire su questo ultimo dato e cioè quello relativo agli spots: si tratta di un valore assolutamente irrealistico, al limite della decenza; infatti secondo i conteggi tradizionali e cioe’ quelli applicati nei secoli passati l’attuale numero di SSN sarebbe pari a 0 (ma non e’ questo il momento di aprire polemiche).
In ogni caso questi valori ci portano indietro al periodo luglio /agosto 2011 e cioe’ a prima del solar max del ciclo 24.
Se cosi’ fosse, il massimo e’ durato appena 2 anni,contro i 4 anni di media dei cicli solari passati: dato a dir poco allarmante, poiche’ dimezzando la potenza del 50% unito alla riduzione della durata di un altro 50% abbiamo un crollo effettivo complessivo del 75% dell’intera attivita’ del ciclo attuale rispetto al quello passato.

Ora che sappaimo che il GMF di questo ciclo solare e’ la meta’ rispetto al ciclo solare passato, la frammentazione in tante minuscole aree (sopportabile in passato data la forza che aveva il campo magnetico solare in quel periodo) potrebbe non esserlo piu’ ora. In parole povere la frammentazzione potrebbe trasformarsi in ‘polverizzazione’ e conseguente dissoluzione.
Per ora si tratta di un’ipotesi.
Se questa situazione del tutto nuova e anche un po’ inattesa si perpetrasse anche nelle prossime settimane/mesi una semplice ipotesi potrebbe trasformarsi in realta’.
Solo il tempo ci fara’ capire….

Monitoriamo

GIORGIO

Fonte:

https://www.facebook.com/pages/Attivit%C3%A0-solare-Solar-Activity-/100364603439625?fref=ts

Hatena Bookmark - L’INTENSA FRAMMENTAZIONE STA’ PORTANDO ALLA DISSOLUZIONE DEL CAMPO MAGNETICO SOLARE
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

6 pensieri su “L’INTENSA FRAMMENTAZIONE STA’ PORTANDO ALLA DISSOLUZIONE DEL CAMPO MAGNETICO SOLARE

  1. Conseguenze del forte rallentamento del “nastro trasportatore”… il buon vecchio ALE ci aveva visto giusto già nel 2009!

    OT: rubrica pronta in bozze!

    Bruno

      (Quote)  (Reply)

  2. La pacchia sta per finire in arrivo Ar.

    apuano70,

    Rallentamento iniziato negli anni 90, perdità dell’armonia .
    Se l’ipotesi trova conferma ( ricordo che il lavoro di Chavatova trova conferma già nei nei precedenti minimi solari) il nastro trasportatore prenderà accelererà nuovamente, lentamente dal 2050/2060, più o meno. Sono dinamiche lunghe .
    Un lavoro lento, che sfugge alla normale percezione dell’umano tempo.

    carsten.jpg

    figura4.jpg

      (Quote)  (Reply)

  3. E’ una vera gioia rileggere Giorgio qui su NIA.
    Forse non ho ben compreso l’effettiva implicazione della probabile decadenza del campo magnetico solare: da quello che ho capito potrebbe essere una serie di cicli deboli Simil Maunder? Altra domanda: quali altre conseguenze potrebbe portare la situazione qui ipotizzata ( oltre una probabile e lenta riduzione delle temperature globali per irradiazione ) ?
    Grazie a chiunque volesse rispondere,
    Un saluto da un vostro affezionatissimo lettore

      (Quote)  (Reply)

  4. DOM,
    maunder…maunder…maunder e maunder…

    I minimi solari recenti ..

    Oort
    Wolf
    Spörer
    Maunder
    Dalton

    Tutti differenti l’uno dall’altro…
    Il prossimo (ossia l’attuale), ci puoi arrivare da solo…

    Altre implicazioni di un minimo solare….
    Clima,Vulcani,Terremoti,implicazioni sociali,economiche…
    etc..
    Plasmate su scale temporali grandi..però….

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.