TERREMOTO DI M7.8 CREA UNA NUOVA ISOLA. “SI TEMONO MIGLIAIA DI VITTIME”

Terremoto choc in Pakistan: ecco la nuova isola nata al largo di Gwadar

Forte terremoto in Pachistan: una scossa di magnitudo 7.7-7.8 ha sconvolto la regione del Baluchistan, creando una nuova isola al largo di Gwadar. Molte vittime: “Si temono migliaia di vittime”, riportano i media locali mentre, una prima stima parla di almeno 50 morti, molti di più i feriti. La scossa di terremoto è durata 8 interminabili secondi. “CASE E SCUOLE CROLLATE” Molte case sono state danneggiate nel distretto di Balochistan Awaran a causa del terremoto. L’area interessata si trova tra Awaran Turbat e Khuzdar. Molte le persone ferite. La scossa è stata avvertita in molte città pachistane (Karachi, Hyderabad, Larkana, Quetta) e in gran parte delle province del Baluchistan e di Sindh. Fonti indiane assicurano peraltro che il sisma ha interessato anche l’India settentrionale, fino a New Delhi. Danni sono segnalati nei distretti di Khuzdar ed Arawan, in Baluchistan. In quest’ultimo distretto i tetti di due scuole sono crollate ed alcune persone ferite sono state trasportate in ospedale….

TERREMOTO SUPERFICIALE AL CROCEVIA DI TRE PLACCHE Il terremoto che ha colpito oggi il Pakistan è stato superficiale ed è avvenuto in una delle zone più complesse della Terra, punto di incontro di tre placche tettoniche. «Il sisma è avvenuto alla profondità di poche decine di chilometri ed è quindi potenzialmente dannoso, ha colpito una zona vasta, ma molto poco popolata», ha osservato il sismologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Ganluca Valensise. Quello colpita oggi in Pakistan «è una delle zone più complesse della Terra poichè è il punto di incontro della placca Indiana, a Sud-Est, la placca Araba a Sud-Ovest e la placca Eurasiatica a Nord». «Abbiamo scoperto – ha aggiunto il sismologo – che il terremoto è stato generato da una struttura tettonica nota, chiamata faglia Kirthar, orientata in direzione Nord-Est». Secondo le prime stime la rottura della faglia potrebbe avere un’estensione notevole, fino a 200 chilometri e tocca la regione montuosa e deserta del Belucistan, affacciata sull’Oceano Indiano. «In questa zona- spiega Valensise – si trova una catena montuosa con molti sistemi di pieghe, generati dal movimento di compressione causato dall’incontro delle tre placche». In questa zona, infatti, sia la placca Indiana sia quella Araba spingono contro la placca Eurasiatica e scivolano progressivamente sotto quest’ultima al ritmo, rispettivamente, di 4 e 2 centimetri l’anno. L’ultimo terremoto avvenuto in questa area e confrontabile con quello di oggi risale al 1935, a Quetta, con una magnitudo compresa fra 7,7 e 7,8.

Fonte:

http://www.leggo.it/NEWS/ESTERI/terremoto_scossa_pakistan_baluchistan/notizie/330174.shtml

Hatena Bookmark - TERREMOTO DI M7.8 CREA UNA NUOVA ISOLA.  “SI TEMONO MIGLIAIA DI VITTIME”
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

11 pensieri su “TERREMOTO DI M7.8 CREA UNA NUOVA ISOLA. “SI TEMONO MIGLIAIA DI VITTIME”

  1. Ma siamo sicuri della formazione di una nuova isola?
    Non ne parla nessuno ancora.
    In nessuno sito specializzato ho trovato tale notizia.

    Intanto sembra che parecchie abitazioni di fango siano crollate.

      (Quote)  (Reply)

  2. L’isola che si è creata non è altro che un vulcano di fango (Mud volcano)

    http://www.nbcnews.com/science/pakistan-earthquake-creates-new-island-mud-volcano-blame-4B11248003

    http://ingvterremoti.wordpress.com/2013/09/24/unisola-nata-dopo-il-terremoto-in-pakistan/

    Sono documentati vulcani di fango in Azerbaijan (1902), Mongolia (1957, 2006), Sumatra (2004) e Makran (1945, 2001) indotti da forti terremoti a distanze da 20 a 900 km

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.