Dov’è l’Apocalisse legata alla CO2????!!!???

C’è stato un tempo in cui gli allarmisti del cambiamento climatico sono stati fiduciosi verso un avvicinamento all’ apocalisse con il riscaldamento globale. Anche dopo un anno di pausa in marcia verso l’alto delle temperature, i catastrofisti con aria di sufficienza hanno affermato che ci sarebbero voluti dieci anni o più senza riscaldamento per gettare un bastone tra le loro previsioni di disastri.  Già 15 anni sono trascorsi senza che l’ascesa fulminea promessa delle temperature globali previste da modelli di computer di climatologi guerrafondai. Non sorprende che alcuni della chiesa fedele antropica del riscaldamento globale hanno cominciato a mettere in discussione il dogma corrente del cambiamento climatico. Nel commento di un giornale dedicato ai cambiamenti climatici, gli scienziati hanno ammesso di aver sovrastimato il cambiamento climatico per 20 anni. Per di più, in realtà non so perché le loro previsioni si sono rivelate sbagliate. (GUARDA IL SOLE DI IDIOTI IPCC)

Scrivendo in  Nature Climate Change  , John C. Fyfe, Nathan P. Gillett e Francis W. Zwiers cercano di spiegare perché le temperature globali si rifiutano di salire, secondo le previsioni del modello GCM. “Il Recente riscaldamento globale osservato è notevolmente inferiore rispetto a quanto simulato dai modelli climatici”, hanno detto. “Questa differenza può essere spiegata con una combinazione della risposta degli errori del modello e la variabilità delle condizioni climatiche esterne.”

Nel ”  Troppo riscaldamento negli ultimi 20 anni  , “Fyfe  et al.  dare lavanderia scienza del clima a lungo aerazione necessaria. Ecco come dicono le previsioni del tempo dilemma:

Temperatura superficiale media globale negli ultimi 20 anni (1993-2012) è cresciuta ad un tasso di 0,14 ± 0,06 ° C per decennio (intervallo di confidenza 95%). Questo tasso di riscaldamento è molto più lento di quello simulato da modelli climatici che partecipano a fase 5 del Modello Intercomparison Project Coupled (CMIP5). Per illustrare questo, abbiamo considerato le tendenze della temperatura globale della superficie media, calcolata da 117 simulazioni climatiche da 37 modelos.Esses CMIP5 modelli generalmente simulano variabilità naturale – tra cui quello associato al El Niño Southern Oscillation e esplosive eruzioni vulcaniche – così come stimare la risposta combinata del clima alle variazioni delle concentrazioni di gas a effetto serra, l’abbondanza di aerosol (solfati, carbonio nero e carbonio organico, per esempio), le concentrazioni di ozono (troposferico e stratosferico) , uso del suolo (per esempio, la deforestazione) e la variabilità solare. Per le temperature medie simulati solo in luoghi dove ci sono osservazioni corrispondenti, abbiamo riscontrato un aumento medio della temperatura superficiale simulata media globale di 0,30 ± 0,02 ° C per decennio (con un intervallo di confidenza del 95% sul modello medio) . Il tasso osservato di calore di cui sopra è inferiore alla metà di tale tasso simulato, e solo alcune simulazioni forniscono tendenze di riscaldamento entro l’intervallo di incertezza osservazione (Fig. 1a).

In altre parole, i modelli non funzionano, le loro previsioni sono off 50% e quasi tutti non sono ancora entro i limiti di errore statistico accettabile…..

 Naturalmente, quando uno scienziato del clima dice che la sua stima è il 95% entro limiti errore che in realtà significa che è sicuro al 95% che la sua previsione è che il clima si conformerà. Gli autori fanno notare che l’incoerenza tra osservato e simulato il riscaldamento globale è ancora più evidente per le tendenze della temperatura negli ultimi 15 anni (1998-2012).  “Per questo periodo, il trend di 0.05 ± 0.08 ° C per decennio è più di quattro volte inferiore alla tendenza media simulata di 0,21 ± 0,03 ° C per decennio (Fig. 1b) “, riferisce il giornale. Il valore di riferimento è il seguente:


Tendenze della temperatura media di superficie

Nella figura sopra sono due intervalli di tempo:  a  ., 1993-2012   b  , le tendenze 1998-2012.Histogramas osservati (tratteggio rosso) sono 100 ricostruzioni di set di dati HadCRUT4. Istogrammi modello di tendenza (barre grigie) si basano su 117 simulazioni dei modelli, e le curve nere sono le versioni dei modelli levigate tendenze. Le gamme dei trend osservati riflettono l’incertezza osservazionale, mentre tracce tendenze riflettono l’incertezza del modello, così come le differenze nelle risposte individuali alle incertezze del modello e forze esterne derivanti dalla variabilità del clima interno.

Gli autori concludono: “E ‘interessante notare che la tendenza in quel periodo –  non è significativamente diverso da zero  -.suggerendo un ‘gap’ del riscaldamento globale temporanea “non importa l’uso di” temporaneo “, tutti sono tendenze climatiche temporanee nel corso del tempo . La cosa importante è che non è solo la mancanza di riscaldamento globale ammesso, questo rapporto quantifica in che misura i modelli di computer sono stati. I modellatori computer esperti hanno sempre saputo che è certamente vero il detto: chi vive con la simulazione può morire da esso troppo.

Eppure, alcuni warmistas rifiutano di accettare che la realtà non si sta comportando nel modo in cui immaginavano. Considerare la misura del ghiaccio marino artico, oggetto di molti pianti e stridore di denti in questi ultimi anni. Scienziati eccitabili e così newsreader respiro previsto che il Polo Nord potrebbe presto completamente libero dai ghiacci, almeno durante l’estate, annegamento orsi polari e di accelerare il riscaldamento globale. Tuttavia, qualcosa sembra essere andato male con il gelopocalipse quest’anno. Secondo il National Snow and Ice Data Center (NSIDC), la media del ghiaccio artico del mare di 2350 miglia quadrate, nel mese di agosto 2013, rispetto al punto più basso di 1,32 milioni di chilometri quadrati registrata il 16 settembre 2012.I dati pubblicati 8 settembre  esimo  dal NSIDC mostra il drammatico aumento di quest’anno, mettendo la copertura totale del ghiaccio entro due deviazioni standard dalla media di 30 anni.

Circa un milione di chilometri quadrati di oceano coperto più ghiaccio nel 2013 che nel 2012, un significativo aumento del 60%.Notando l’aumento anno su anno, uno scienziato arrivò a sostenere che “raffreddamento globale” è stato qui.  ” Siamo già in una tendenza al raffreddamento, che credo continuerà per i prossimi 15 anni almeno. Non vi è dubbio che il riscaldamento degli anni 1980 e 1990 si è fermato, “ Anastasios Tsonis dell’Università del Wisconsin ha detto al Mail on Domenica a Londra. Rilevando che, nonostante questa copertura di ghiaccio in crescita era ancora ben al di sotto della media di 30 anni. Le salsicce verde in  The Guardian  hanno sostenuto la crescita di un anno il ghiaccio è “irrilevante”. Quando si acquista il giorno del giudizio è davvero difficile essere scoraggiati, anche da parte della realtà. Menti più razionali sono aperte a incertezza.


Copertura di ghiaccio nell’Artico nel mese di agosto 2012 (a sinistra) e il 2013 (a destra).

“L’assenza di qualsiasi cambiamento significativo della temperatura media annua globale nel corso degli ultimi 16 anni è diventato uno dei temi più discussi nel campo della scienza del clima”, ha scritto David Whitehouse del Global Warming Policy Foundation nel mese di giugno. “E ‘certamente focalizzato il dibattito sull’importanza relativa di clima gas serra costringendo dalla variabilità naturale.”

In una lettera pubblicata sul  Wall Street Journal  , sedici scienziati preoccupati dicono che non c’è ”  alcuna necessità di panico sul riscaldamento globale  . “Secondo gli autori, non vi è alcun argomento scientifico convincente per azioni drastiche per” decarbonizzare “l’economia mondiale. Questo è il modo in cui questi noti scienziati internazionali riassumono lo stato attuale delle cose:

La mancanza di riscaldamento per più di un decennio, infatti, inferiore a quello del riscaldamento previsto nel corso dei 22 anni da quando il Gruppo intergovernativo di esperti delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (IPCC) ha iniziato le proiezioni di emissione suggeriscono che i modelli di computer hanno molto esagerato quanto riscaldamento CO2 aggiuntive possono causar.Confrontando con questo imbarazzo, quelli che promuovono l’allarme hanno spostato la loro tamburo riscaldamento ad eventi climatici estremi, in modo che tutto ciò che accade nel nostro clima caotico può essere attribuito alle emissioni di CO  2  .

Dopo quindici anni di mancata esecuzione, anche i media stanno cominciando a sospettare che ci sia qualcosa di sbagliato nei circoli previsione del clima. In un graffiante  articolo  in  Forbes  , Larry Campana scrive: “Una risposta plausibile a questo mistero è che i modelli climatici su cui proiezioni si basano su l’IPCC non è riuscito a esagerare sensibilità del clima di CO  2  , sottovalutato conosciuti forze naturali, e semplicemente non capisco come fattore di calibrazione e di altre influenze, come i cicli oceanici e l’attività solare. “

La critica non è venuta da riviste conservatrici come  Forbes  sozinho.Mesmo il notoriamente pro-AGW  New York Times  , infine, ha riconosciuto che il clima di fervore è surriscaldato. Essi  riferito  il 6 giugno che “L’aumento della temperatura della superficie della Terra è stata significativamente più lenta negli ultimi 15 anni che nei 20 anni precedenti. E questa tregua nel riscaldamento si è verificato anche con i gas serra si accumulano nell’atmosfera ad un ritmo record. mette in luce importanti lacune nella nostra conoscenza del sistema climatico è un po ‘di mistero per gli scienziati del clima. “

Non vi è alcun mistero, la scienza del clima è troppo immaturo per fare previsioni realistiche. La prima cosa che ogni scienziato deve rendersi conto che quello che noi pensiamo di sapere è insignificante in confronto con quello che resta da scoprire sulla natura.Dimenticare questa lezione e l’arroganza li porterà fuori strada, si può anche cominciare a credere che i loro modelli di computer sono la realtà. Si è spesso detto, ma, ovviamente, non le incontri nell’IPCC in cui la scienza e la natura non sono d’accordo,  che la natura vince sempre! Come il professor Campana mette “quindi forse i modelli sono rotti … non il tempo, dopo tutto!”

Sand-rio

Fonte:

http://sandcarioca.wordpress.com/

Hatena Bookmark - Dov’è l’Apocalisse legata alla CO2????!!!???
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

11 pensieri su “Dov’è l’Apocalisse legata alla CO2????!!!???

  1. Mi scuso coi lettori se la traduzione di questo articolo preso dal nostro amico Sand-rio non è impeccabile, ma di certo la sostanza la si capisce bene lo stesso…

    I modelli computerizzati dell’ipcc hanno già sovrastimato l’aumento delle temp globali, mentr la realtà dice l’opposto, e cioè che le temp negli ultimi 10-15 anni sn rimaste invariate rispetto al decennio precedente!

    mentre la CO2 è quasi raddoppiata!

    ma loro continuano sicuri di aver ragione, e senza ritegno ci prospettano un aumento vertiginoso delle temp nei prossimi decenni e lo scioglimento completo dei ghiacci artici…e qui gli aspetto al varco!

    anche se troveranno altre scuse, come già stanno facendo…

      (Quote)  (Reply)

  2. Allo stato attuale delle cose, si può dire che sulla conoscenza degli effetti del raddoppio di CO2 nell’atmosfera brancoliamo ancora nel buio. E questo è peggio perché non sapere come potrebbe rispondere il sistema clima è inquietante.

      (Quote)  (Reply)

  3. Paolo B.:
    Allo stato attuale delle cose, si può dire che sulla conoscenza degli effetti del raddoppio di CO2 nell’atmosfera brancoliamo ancora nel buio. E questo è peggio perché non sapere come potrebbe rispondere il sistema clima è inquietante.

    Te lo dico io che effetti ha la CO2 sull’atmosfera: max il 10% del GW.
    Il 90% del GW è naturale.
    Il 90% di questo 90% è variabilità solare.
    L’uomo vedrà ancora PEG ed ottimi climatici. Ciclicamernte.
    Così la penso io.

      (Quote)  (Reply)

  4. secondo me c’è un qualcosa di eccezionale, a mosca sta cadendo la prima neve e oi se si guardano le previsioni ggfs si nota come compaia la -8 tra poco giorni su tutta la russia. è come se l’inverno volessere attaccare in massa i sui punti vitali per dar via al più presto con l’inverno

      (Quote)  (Reply)

  5. ermangardoIII,

    Nei vapori si sono trasformati e l’acqua è diventata più acida, le piante si sono adattate, oggi non c’è ne accorgiamo quasi più.. per questo non può essere la CO2 sono altri composti, la CO2 di per se, sta nel ciclo biologico, è una cazzata.. scusate la parola, ma è l’unico modo scientifico per spiegare cos’è!
    attività vulcanica ed effetto serra, il forcing solare rimescola questi fattori.
    l’effetto serra da cosa deriva? dall’aumentare della temperatura per luminosità solare.. basta un ciclo solare ed i gas agenti con il vapor acqueo atmosferico precipitano e legano con gli elementi presenti sulla superficie terrestre.. rocce .. durante l’attività vulcanica lavica questo avviene subito…
    Su Venere, la pioggia di acido solforico non fa in tempo.. rimane in circolazione sugli alti strati atmosferici, evapora prima di toccare il suolo ed i venti la portano ancora in quota.. cosi avviene durante le saturazioni atmosferiche terrestri, con effetti trascurabili sulla stabilità atmosferica. come nel 2003 o 2012 per esempio…

      (Quote)  (Reply)

  6. La fonte di carbonio disponibile alla biosfera é in ultima analisi la CO2 disciolta negli oceani e nell’atmosfera e non si può fare a meno di notare quanto sia poca cosa rispetto alla massa della biosfera stessa, ovvero la vita sulla terra tende a consumare tutta la CO2 disponibile fissandola negli organismi. In pratica la CO2 é il cibo della biosfera il motore della vita e la biosfera e viene “divorata” e tende a reagire agli aumenti io credo che si sia sempre trascurato il fattore biologico nella climatologia.

      (Quote)  (Reply)

  7. Sappiamo benissimo che in passato sulla terra ci sono stati periodi in cui probabilmente la CO2 fosse presente in quantità notevolmente superiori. Da qualche studio ho trovato 3-4%, nel Cretacico ovvero 10 volte maggiore dell’attuale. Potrebbe essere accaduto ad esempio che una specie si sia evoluta in modo da consumare tutta la CO2 , come ad esempio i coralli. Questi potrebbero aver fissato il carbonio nei calcari, togliendo la CO2 d al ciclo della biosfera. In questo modo la massa della biosfera si sarebbe ridotta di 10 volte, questa ipotesi potrebbe spiegare le estinzioni di massa come quella dei dinosauri. L’ equazione sarebbe questa +CO2= +cibo, e maggior quantità di cibo potrebbe aver permesso l’ evoluzioni di specie animali molto massicce come i dinosauri ad esempio. L’ evoluzione di una specie in grado di fissare il carbonio in strutture difficilmente biodegradabili potrebbe aver creato una crisi di carbonio disponibile e in definitiva una crisi alimentare globale nella biosfera.

      (Quote)  (Reply)

  8. Luci0:
    Comunque non si può fare a meno di notare che la fonte di carbonio disponibile alla biosfera sia in ultima analisi la CO2 disciolta negli oceani e nell’atmosfera e non si può fare a meno di notare quanto sia poca cosa rispetto alla massadella biosfera stessa, ovvero la vita sulla terra tende a consumare tutta la CO2 disponibile fissandola negli organismi. In pratica la CO2 é il cibo della biosfera il motore della vita e la biosfera e viene “divorata” e tende a reagire agli aumenti io credo che si sia sempre trascurato il fattore biologico nella climatologia.

    Ottima osservazione.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.