Jasper Kirkby sugli ultimi risultati inediti dell´esperimento Cloud del CERN…

NASA Image_of_Earth's_Interrelated_Systems_and_Climate_-_GPN-2002-000.121

L’ultimo nato della esperimento CLOUD al CERN
di Sebastian Luning e Fritz Vahrenholt

http://science.orf.at/stories/1717291/

Il 10 maggio 2013,  la ORF austriaca, ottenne  una rara intervista  con il direttore dell’esperimento CLOUD presso l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare, Jasper Kirkby. Nell’ambito del progetto CLOUD, che sta indagando sulle conseguenze che l’attività solare  riveste per la formazione di nubi attraverso il meccanismo della radiazione cosmica e l’impatto che potrebbe avere sul clima terrestre

Jasper Kirkby in laboratorio

Jasper Kirkby  è il capo dell’esperimento CLOUD al CERN Nell’esperimento, i ricercatori austriaci coinvolti: i team di  Armin Hansel , Università di Innsbruck e di  Paul Winkler  , l’Università di Vienna.

Ecco un estratto dell’intervista che vale la pena di leggere:

ORF: Qual è il rapporto tra l’attività solare e la radiazione cosmica?……

Kirkby: La radiazione cosmica consiste di particelle cariche ad alta energia. Quando raggiungono il nostro sistema solare, vengono deviati dal campo magnetico del sole. Soprattutto dal campo magnetico del plasma solare. Quando il sole è attivo, meno radiazioni cosmiche raggiungono la Terra. Il rapporto con il ciclo solare é che quando ci sono molte macchie solari, la Terra riceve dal 10 al 30% in meno di radiazioni cosmiche.

E questo rapporto é sicuro?

Sì, è solidamente confermato. Sappiamo anche che la radiazione cosmica ionizza ogni centimetro cubo di atmosfera terrestre. Poco chiaro finora é se questo potrebbe anche avere un impatto sul clima. Le nuvole sono estremamente importanti per il clima della Terra. Se potessi magicamente rimuovere tutte le nubi nell’atmosfera, avremmo 30 watt di ulteriore energia termica che raggiungerebbero ogni metro quadrato della Terra.

Per mettere quel numero nel contesto: il riscaldamento dell’atmosfera attraverso l’impatto dei gas serra dell’uomo è legata a 1,5 watt per metro quadrato. Piccole variazioni nella copertura nuvolosa possono avere grandi impatti.

Cosa mostrano i vostri  esperimenti ?

In questo momento, non siamo in grado di dire se la radiazione cosmica colpisce il clima. Finora abbiamo studiato la produzione di nuclei di condensazione nelle goccioline delle  nubi -. Particolare quelli che sono formate da gas, o di conversione del gas-particelle” Essi rappresentano circa la metà dei nuclei di condensazione nell’atmosfera. I restanti nuclei vengono da fuliggine e polvere.

Quali i gas che sono coinvolti in questo processo?

Noi stiamo guardando  l’acido solforico e ammoniaca. I risultati dei primi test sono che i raggi cosmici stimolano la formazione di nuclei di condensazione dei gas di un fattore 10. Ma questo da solo è troppo poco per avere un impatto significativo sulla formazione delle nubi. Secondo la nostra esperienza passata, ci deve essere un altro gas o vapore coinvolti che aumenta questo processo. Abbiamo il sospetto che essi siano delle sostanze organiche.

Che cosa?

I risultati ancora non possono essere pubblicati. Infelicemente, non posso dire di più. Solo una cosa: I risultati sono molto interessanti. Durante questo anno avremo un paio di pubblicazioni sul tema.

Jasper Kirkby in tute bianche

Jasper Kirkby nella camera di reazione dell’esperimento CLOUD

Supponiamo che Voi siate in grado di dimostrare che la radiazione cosmica non contribuisce molto alla formazione di nubi. Cosa significa?

Penso che gli esperimenti sono importanti in due modi. Prima, mostrano che vi è una fonte naturale di cambiamento climatico. E l’altro punto è che ció avrebbe cambiato la nostra comprensione del cambiamento climatico antropogenico. Conosciamo poco dei gas ad effetto serra. E sappiamo poco o nulla di questi aerosol che sono le particelle in sospensione nell’atmosfera che provengono dalle industrie. Certamente hanno un effetto di raffreddamento. Tuttavia, non abbiamo idea di quanto grande sia questo effetto. Può essere piccolo, ma può essere molto grande. Può anche essere grande abbastanza per compensare le emissioni di CO2 supplementari in atmosfera .. Non lo sappiamo.

Le mie considerazioni: Dal colloquio, sembra che i risultati non piaceranno a tutti. Una volta che le temperature non stanno seguendo i modelli climatici basati sulle emissioni di CO2, ci devono essere altri fattori che stanno influenzando il cambiamento climatico. Credo che l’interazione dei raggi cosmici con gli aerosol sono i principali candidati. Il raffreddamento è stato associato ad un aumento dell’attività vulcanica, una fonte primaria di aerosol nell’atmosfera e un sole debole permette l’aumento dei raggi cosmici, questa combinanzione che nel  prossimo futuro vedrá un minimo solare profondo potrebbe portare un significativo raffreddamento globale. 

Quanti inverni gelidi di fila occorrono per avere una LIA?

Sand-rio

Hatena Bookmark - Jasper Kirkby sugli ultimi risultati inediti dell´esperimento Cloud del CERN…
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

13 pensieri su “Jasper Kirkby sugli ultimi risultati inediti dell´esperimento Cloud del CERN…

  1. alessandro1,

    No, è solo una discesa di aria artica che è arrivata fino ai Balcani. Non c’entra con l’anticiclone russo-siberiano, detto anche Orso. Persino in Siberia non c’è un anticiclone termico, non ancora: la Russia asiatica è percorsa da depressioni di origine artica, da ovest-nordovest verso est-sudest, e lo sarà ancora di più nei prossimi giorni. Ma questo è fisiologico, provocano le nevicate che poi contribuiscono al forte raffreddamento di tutto il comparto.

      (Quote)  (Reply)

  2. Michele:

    OT amministrativo

    Chi ha impiastrato/ modificato l’articolo di Simone nelle bozze ?

    :smile:

    michele ci sn dei problemi nel pubblicare gli articoli dell’utente Simone, gli fa pubblicare senza titolo che sparisce e col cambio dell’editor (aoc o una roba del genere)…credo sia un bug…avvisa te alessio…

      (Quote)  (Reply)

  3. alessandro1:
    FabioDue,

    però guarda la copertura nevosa, con tutte queste irruzioni artiche contando che gfs ne vede un’altra importante a lungo termine, dovremmo esserci-
    http://www.star.nesdis.noaa.gov/smcd/emb/snow/HTML/eurasia_multisensor.html
    il terreno è quasi pronto. non ho mai visto così tanta neve sulla russia a inzio ottobre

    sicuramente la copertura nevosa è molto interessante e, se la situazione non cambia, costituisce una premessa molto buona per il prossimo inverno.
    Tuttavia non si sfugge da un dato: il forte raffreddamento siberiano non dipende solo dalla neve al suolo ma anche dal numero di ore di sole.
    E per ora le ora di luce sono tante per consentire un raffreddamento adeguato.
    Infatti, almeno per la prossima settimana, le previsioni emisferiche di GFS non vedono alcun anticiclone di rilievo e durevole formarsi in quell’area: si prevede una continua successione di depressioni di origine artica, dicevo.

      (Quote)  (Reply)

  4. Luca74,

    😮 mamma mia……per una bega di pura matrice ideologica. Chissà quanto saranno amati i Repubblicani dai dipendenti pubblici e non solo da loro….

      (Quote)  (Reply)

  5. alessandro1,

    voglio precisare che non siano neanche minimamente nelle condizioni per la formazioni di un anticiclone termico siberiano

    oltretutto, lo dice il nome, se è siberiano non si trova in Romania
    bisogna capire che il 95% delle volte il freddo che arriva dalla russia lo fa attraverso figure bariche di matrice dinamica, perchè l’antiticlone termico non si spinge quasi mai fino al mediterraneo

      (Quote)  (Reply)

  6. riguardo al licenziamento della maggior parte dei dipendenti federali americani per ora la questione è molto bloccata
    i repubblicani per sbloccare i fondi chiedono cose assurde ed Obama non vuole accettare
    il rischio è che rimangano bloccati fino alle elezione di mid-term che ci saranno nel 2014

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.