Alcuni esempi di reanalisi, alla luce della nuova scoperta: October Patter Index (OPI)

A partire dalla prossima settimana, sulla nostra piattaforma, riporteremo alcuni esempi applicativi del nuovo metodo “previsionale” che scaturisce dallo studio effettuato da Riccardo, Alessandro ed Andrea, in merito all’esistenza di una forte correlazione tra il pattern ottobrino e quello che si manifesta nella successiva stagione invernale. Ovviamente il significato prettamente scientifico della suddetta ricerca, che va ben al di la di queste “mere” applicazioni, verrà illustrato solo dopo la sua pubblicazione all’interno degli “appositi” ambienti. Le stagioni trattate in questa breve rubrica sono: la stagione 1980-81, la stagione 1984-85 e la più recente stagione 2011-12. Naturalmente sarebbe stato possibile trattare allo stesso modo praticamente tutte le stagioni analizzata, ma per ragioni di tempo e di spazio si è scelto di procedere progressivamente e di far uscire poche “reanalisi” alla volta.

Michele

Hatena Bookmark - Alcuni esempi di reanalisi, alla luce della nuova scoperta: October Patter Index (OPI)
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

6 pensieri su “Alcuni esempi di reanalisi, alla luce della nuova scoperta: October Patter Index (OPI)

  1. A seguire, diciamo …. fine Ottobre, inizio Novembre ,lanceremo la previsione invernale e nei successivi post, in proiezione Invernale, tutti i movimenti e i possibili scenari delle dinamiche Strato-Tropo…

      (Quote)  (Reply)

  2. Tutto sommato, anche intuitivamente, una correlazione tra ottobre e l’inverno ci può stare: ottobre è il mese in cui, in Europa, più di frequente si verificano le prime “fughe in avanti” di stampo prettamente invernale (avvezioni artiche e anche qualcosa di più e non solo quest’anno), dopo la transizione di stagione che avviene tipicamente a settembre.
    Poi novembre frena e propone di solito un carosello di perturbazioni atlantiche, dunque da ovest-nordovest.

    Dunque, se ho capito bene, per semplificare, se ottobre non propone niente di che, ma solo alta pressione tenace, in inverno dobbiamo aspettarci la riproposizione dello stesso scenario, corretto? Viceversa, se invece ottobre ci propone in prevalenza avvezioni fredde, dobbiamo attenderci qualcosa del genere per l’inverno.

    Allora aspettiamo la fine del mese, vediamo quale sarà il pattern prevalente e lo confrontiamo con l’andamento del prossimo inverno.

      (Quote)  (Reply)

  3. FabioDue,

    vi ricordate lo scorso inverno? è partito col 1 di dicembre piuttosto a raffica. dove ho visto la prima -11 in pianura padana. dopo il 15 dicembre è arrivata la noisissima alta pressione e le varie nebbie. ottobre e settembre erano stati completamente diversi da quello che stiamo vivendo ora. si prospettavano configurazione come quelle di questo fine settimana. blocco sul mediterrano e pioggia perenne al nord. quindi credo proprio che non possiamo fare previsioni probabilistiche in base a ottobre. vedremo quante volte ci capiterà AO o NAO negativa in questi due mesi, ottobre e novembre. in base a questo credo che troveremo la risposta per l’inverno

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.