La speranza non deve mai morire

La vicenda riportata in questo racconto, è da non credere e sicuramente ha nulla a che fare con le tematiche trattate e discusse in questo blog. Tuttavia, ho deciso di riportare questa incredibile storia per il suo importante messaggio racchiuso in essa.Il Natale si avvicina cari utenti di nia, il nostro paese e tutti noi siamo in serie difficoltà, non solo economiche, l’incertezze e il disorientamento per il futuro, aumentano giorno dopo giorno, ma ricordate……mai  mollare !

Uomo sopravvive tre giorni in fondo all’atlantico, di MICHELLE FAUL, Associated Press

LAGOS, Nigeria (AP) – Circa 100 metri più in basso, sul fondo dell’Oceano Atlantico, i subacquei aveva già tirato quattro corpi fuori dal rimorchiatore affondato. Poi una mano comparve su uno schermo TV, del monitoraggio del recupero. Tutti davano per scontato che fosse un altro cadavere, e il subacqueo si mosse verso di esso.

“Ma quando è andato a prendere la mano, la mano lo afferrò!”

Ecco cosa Tony Walker, responsabile del progetto per la società olandese DCN Diving, ci ha rivelato durante il salvataggio di maggio. Harrison Odjegba Okene, cuoco nigeriano del rimorchiatore, è sopravvissuto per tre giorni respirando, in una sacca d’aria, una fornitura, in costante diminuzione, di ossigeno. Un video del drammatico salvataggio di Okene èreperibile al seguente ilnk: http://www.youtube.com/watch?v=ArWGILmKCqE – ed è stato pubblicato su Internet, più di sei mesi dopo il salvataggio, ed è finito online solo questa settimana.

Quando la temperatura è scesa a zero, Okene, vestito solo con i boxer, recitò un salmo per sua moglie, che gli aveva inviato in precedenza un messaggio di testo, a volte chiamato la Preghiera per la liberazione.

«Oh Dio, in tuo nome, salvami. … Il Signore sostiene la mia vita. “.

Oggi, Okene crede che il suo salvataggio dopo 72 ore sott’acqua è stato il risultato di una liberazione divina. Quattro degli undici marinai a bordo del rimorchiatore Jascon, sono morti.

Sul video, c’era una esclamazione di paura e shock mostrata dai soccorritori di Okene, e poi la gioia, per aver realizzato che la mano apparteneva a un sopravvissuto.

“Che cos’è? E ‘vivo! Lui è vivo! “. Una voce può essere sentita esclamare.

“E ‘stato spaventoso per tutti”, ha detto Walker in quel momento, parlando in un’intervista telefonica Martedì.

“E’ stato uno shock, per il ragazzo che non sapeva cosa stava succedendo, è anche per il subacqueo mentre era lì in cerca di corpi, e noi (in sala controllo) …… un tiro indietro quando la mano lo afferrò sullo schermo. “

Walker ha detto che Okene non avrebbe potuto rimanere vivo molto più a lungo.

“E’ stato incredibilmente fortunato. Era in una sacca d’aria, ma avrebbe avuto un tempo limitato … e non sarebbe stato in grado, di respirare più.”

Il video completo del salvataggio è stato rilasciato dalla DCN Diving dopo la richiesta della Associated Press. Inizialmente, una versione più breve del salvataggio era emersa su Internet. L’autenticità del video, è stata confermata attraverso le conversazioni con i dipendenti della DCN nei Paesi Bassi. Il video che mostra Okene è  coerente anche con le altre foto di lui, sulla nave di salvataggio. L’AP ha contattato Okene, che ha confermato gli eventi.

Il calvario di Okene è iniziato intorno alle 4:30 del mattino del 26 maggio. Come sempre mi alzai presto, ero in bagno quando il rimorchiatore, uno dei tre che trainavano una petroliera nelle acque ricche di petrolio del Delta della Nigeria, ha un improvviso sussulto e poi si è arenato.

“Ero stordito e ovunque era buio “ Okene, ha detto in un’intervista al quotidiano nazione della Nigeria dopo il suo salvataggio.

Ha tentoni fuori dalla toilette, ha cercato di trovare una via d’uscita, puntellava le porte aperte mentre si muoveva. Ha scoperto alcuni strumenti e un giubbotto di salvataggio con due torce, che ha insaccato nei calzoncini.

Quando ha trovato una cabina della nave affondata, si sentiva al sicuro, ed ha iniziato la lunga attesa, mentre faceva sempre più freddo,  ha giocato con il suo nastro mentale della sua vita, ricordando sua madre, i suoi amici, ma soprattutto la sua moglie da cinque anni, con la quale non aveva ancora generato un figlio.

Era preoccupato per i suoi colleghi, il capitano ucraino e 10 nigeriani, tra cui quattro giovani cadetti dal Maritime Academy della Nigeria. Essi si sarebbero bloccati nelle loro cabine, procedura standard in un’area infestata dai pirati.

….

……

“Ho iniziato a invocare il nome di Dio”, ha detto Okene . “Ho iniziato ricordando i versi che ho letto prima di dormire. Ho letto la Bibbia dai Salmi 54 al 92. Mia moglie mi aveva mandato quei versi da leggere, per quella sera, quando mi ha chiamato prima di andare a letto. “

Okene ha veramente pensato che stava per morire, quando sentì il suono di un motore di barca e gettare l’ancora, ma non è riuscito a ottenere l’attenzione del suo equipaggio. Ha capito, date le dimensioni del rimorchiatore affondato, che ci sarebbe voluto un miracolo per chiunque di individuare lui. Così ha guadato attraverso la cabina, spogliato il muro fino al suo corpo in acciaio e sbattuto su di esso con un martello.

Ma “li ho sentiti allontanare. Erano lontani da dove mi trovavo, “ha detto.

Con il tempo, i sommozzatori lo hanno trovato, ai parenti era già stato detto che non c’erano stati sopravvissuti. L’utilizzo di acqua calda per riscaldarlo, il set di pronto-soccorso, una maschera di ossigeno, lo hanno rianimato. E ‘stato messo in una camera di decompressione e poi è tranquillamente tornato alla superficie.

Prima che la lenta ascesa iniziasse, una voce sul video può essere sentita e chiedere a Okene di alzare il pollice in alto, se avesse capito cosa stava per accadere. Lentamente alzò la mano e tirò fuori il pollice.

“Ottimo lavoro, amico mio.…ben fatto “, dice la voce. “Tu sei un sopravvissuto.”

Michele

Hatena Bookmark - La speranza non deve mai morire
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

2 pensieri su “La speranza non deve mai morire

  1. Bravo Okene.
    Ti sei affidato a Dio e non ti sei disperato.
    La fortuna di avere la fede: è una forza interiore in più.
    Sarai stato fortunato, sarà stato il tuo fisico o un miracolo, ti auguro di avere al più presto un figlio.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.