Breaking news: L’editore Copernicus chiude la sezione dove recentemente è stato pubblicato il lavoro di Nicola Scafetta

Ci sono delle novità, in merito alla pubblicazione depositata da Nicola Scafetta presso l’editore Copernicus, nella specifica sezione Pattern Recognition in Fisica (PRP).

http://www.pattern-recogn-phys.net/special_issue2.html

Vi trasmetto traduzione, inviata agli editor della specifica sezione Nils Axel Mörner e caporedattore Sid Ali Ouadfeul.

Dal blog di Roger Tattersall le motivazioni :

http://tallbloke.wordpress.com/2014/01/17/breaking-pattern-recognition-in-physics-axed-by-copernicus/

Caro Sid-Ali e caro Nils-Axel, siamo spiacenti di informarvi che abbiamo deciso di interrompere la rivista .

Durante l’elaborazione del comunicato stampa per il numero speciale “Pattern di variabilità solare, la loro origine planetaria e gli impatti terrestri”, si legge attraverso la carta conclusioni generali pubblicata il 16 dicembre 2013. Siamo rimasti allarmati dalla seconda implicazione che gli autori affermando “Questo getta seri dubbi sulla questione della continua o accelerata fase di riscaldamento, come rivendicato dal progetto IPCC”. Prima che la rivista venisse lanciata, abbiamo avuto una lunga discussione in merito a dette tematiche. L’obiettivo della rivista è di pubblicare articoli su modelli riconosciuti nel pieno spettro di discipline fisiche. Il PRP non è mai stato pensato per essere una piattaforma per gli scettici del clima. Oltre ai nostri dubbi circa il contenuto scientifico del PRP, abbiamo anche ricevuto informazioni sulla potenziale cattiva condotta durante il processo di revisione. Copernico pubblicazioni non può rischiare di perdere la sua eccellente reputazione nella comunità scientifica. Vorremmo, pertanto, prendere le distanze dalla apparente uso improprio delle finalità e l’ambito di PRP originariamente concordati e oggi abbiamo deciso di cessare la pubblicazione. Tale decisione deve essere una sorpresa per voi, ma date le circostanze siamo stati costretti a reagire.

Ci auguriamo che voi abbiate capito le nostre ragioni di questa decisione. Vi ringraziamo molto per la vostra collaborazione e vi auguriamo tutto il meglio per la tua carriera futura. Cordiali saluti, Martin e Xenia ******************************************** ******** Copernicus.org Riunioni e Open Access Pubblicazioni Dr. Xenia van Edig Business Development Copernicus GmbH Bahnhofsallee 1e 37081 Gottinga Germani

 

Michele

Hatena Bookmark - Breaking news: L’editore Copernicus chiude la sezione dove recentemente è stato pubblicato il lavoro di Nicola Scafetta
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

18 pensieri su “Breaking news: L’editore Copernicus chiude la sezione dove recentemente è stato pubblicato il lavoro di Nicola Scafetta

  1. PAZZESCO … non si tratta più di RICERCHE più o meno condivisibili, qui siamo alla GUERRA di RELIGIONE.
    Non segue “… come rivendicato dal progetto IPCC”.
    Ma sanno cosa vuol dire PROGRESSO , INNOVAZIONE … RICERCA.

    Benvenuti a un Nuovo Medio Evo … a quando i ROGHI.

      (Quote)  (Reply)

  2. Soliflussione o innalzamento dei mari alla fine dell’ultima era glaciale.?

    per me c’è qualcuno pagato in mezzo .. a fare la propaganda.. molti all’università sono convinti, vengono convinti sul clima durante l’epoca di storia romana. collasso bizantino, invasioni barbariche .. eccetera..
    inspiegabile e non ripetibile la spiegazione loro…! per come non ti spiegano tutti quanti il perché fosse o non fosse freddo o caldo?
    dicono .. questo non lo so non sono un esperto, poi gli esperti vengono presi per i cattivi amici delle multinazionali del petrolio, ma i documenti dicono quello che dicono i carotaggi..

    io parlo di Atlantico e quello che conosco riguardo il disgelo della calotta Laurentide, Heinrich Events, Dryas recente, lo stadio attuale l’attuale stato periglaciale, glaciale.
    un raffreddamento durante la PEG, che in ritardo possiamo vedere attualmente come fu un inversione di freddo Huelmo – Mascardi in Antartide ed emisfero meridionale.

    non parlano di questo e la Terra evolve e non ci adattiamo e perdiamo il treno evolutivo..
    meditate gente … meditate..

      (Quote)  (Reply)

  3. Michele,

    IPCC è da ridefinire non attaccare, da attaccare sono gli adepti e fanatici persecutori della scienza illuminata. questo tutta la scienza dovrebbe capire!

    googlate Lago Ancylus

      (Quote)  (Reply)

  4. Se ho ben capito il senso del comunicato é il seguente:

    noi di Copernico pubblicazioni non abbiamo intenzione di disturbare il manovratore anche se qualcosina (son generoso) suggerisce che questi sta portando il treno con tutti noi sopra a sbattere contro un muro.

    Epperò mica male come struzzi!

      (Quote)  (Reply)

  5. 10 commenti, ma 72 “Mi piace” dal popolo di Fb, credo che sia un record per la nostra piccola piattaforma in lingua italiana.

    Il popolo della rete inizia a comprendere anno dopo anno la trama astronomico-planetaria e le losche trame di “potere scientifico” che vogliono tagliare questa evidente relazione.
    Noi andiamo avanti.

    P.S.
    Il caso sta facendo il giro del mondo, blog in america , australia etc.. ne stanno parlando.

    Se il loro scopo era quello di nascondore o tagliare visibilità hanno fallito.

    Nel pomeriggio riporto i più importanti e significativi aggiornamenti.

      (Quote)  (Reply)

  6. Citazione ripresa dalla lettera :

    Copernico pubblicazioni non può rischiare di perdere la sua eccellente reputazione nella comunità scientifica.

    Questa scrittura è pari pari uguale and una mail che una signora “X” mi invio la settimana successiva ad una conferenza “Z”, del 2010 in terra romagnola, alla quale avevo partecipato, ed avevo preso il microfono, per fare alcune domande.

    Il problema è che la la lettera non era stata scritta dalla signora “X” ma da un sigonre “Y” che lavorava per un importante centro di ricerche di Bologna.

    Il signore “Y” poverino non aveva il coraggio di scrivere tale lettera direttamente a me, allora aveva girato la mail alla signora “X”.

    Così facendo sapeva bene che la signora “X” si sarebbe rivalsa nei miei confronti per alcune affermazioni riportate alla conferenza.

    Fatto sta, che in questa lettera, fra le tante cose scritte, era riportata proprio, identica, identica detta frase :

    Mister X non può rischiare di perdere la sua eccellente reputazione nel centro di ricerche di Bologna.

    Potete immaginare quale è stata la reazione nei confronti di tali persone, facenti parte di un grupp,o che non poteva perdere la reputazione nella comunità scientifica.

    Trovare mister X è impossibile ma “Z” è semplice perchè molti di voi erano presenti ?
    Ma questi tipi li clonano ?
    🙂

      (Quote)  (Reply)

  7. Siamo tornati ai tempi di Roberto Bellarmino, Giordano Bruno & Galileo Galilei?! IPCC=Santa Inquisizione?! Noi scienziati seri, forse scettici ma sicuri della nostra missione, come Morner e Scafetta, non ci fermeremo mai a scoprire la verità delle universali regole. Detestiamo invece le regole meschine di potere e soldi. GT.

      (Quote)  (Reply)

  8. In Cina esiste la censura ,sara poco al passo coi tempi ma di certo è meno ipocrita e subdola del sistema divulgatorio Europeo, volto a costruire reltá utili a sistemi industriali ed economici monopolistici piu che all ricerca della conoscenza… che trstezza ed ancor più triste e che ci saranno nuovi scienziati che verranno che saranno valutati piu sul loro grado di accondiscendenza che di capacitá…
    Grazie agli eroi che lavorano per la conoscenza e la ricerca della veritá che saranno perseguitati e diffamati.. Dicimolo ora fonchè il web è ancora relativamente libero, perchè presto cambierá anche questo mondo.

      (Quote)  (Reply)

  9. Michele:
    Nel pomeriggio riporto i più importanti e significativi aggiornamenti.

    Questo articolo chiarisce molto bene questa situazione:

    http://notrickszone.com/2014/01/19/scientists-react-sharply-to-copernicus-publishing-censorship-of-alternative-scientific-explanations-do-you-realize-what-you-have-done/

    Nel complesso, la formulazione utilizzata dal Dr. Martin Rasmussen è abbastanza inquietante e rappresenta un atteggiamento di censura.

    Il Dr. Rasmussen etichetta gli scienziati che semplicemente evidenziano le limitazioni dei modelli dell’IPCC usando argomenti scientifici con l’appellativo dispregiativo di “scettici del clima”.

    Si tratta di una una dichiarazione piuttosto offensivo che mostra l’intolleranza intellettuale. Egli sostiene poi che le persone che condividono una simile idea non possono pubblicare i documenti o servire come redattori di Copernico Journals.

    Ha deciso di chiudere i giornali perché egli afferma che i pareri scientifici dei redattori erano in errore, ma senza fornire alcuna prova.

    Le ragioni che ci hanno dato non avevano nulla a che fare con i dati, la logica, e si citano errori. Non ci può essere nessun errore, si tratta di far rispettare una linea ammessa di pensiero “.

    Ancora più inquietante, ha preso la sua decisione senza nemmeno aver prima consultato gli editori accusati (Dr. Mörner e il dottor Ouadfeul), che hanno ricevuto la notizia come una sorpresa.

      (Quote)  (Reply)

  10. carmelo:
    Oramai non mi sorprendo più di nulla. però, ragazzi, che squallore !!…

    Altro articolo di Joanne Codling dalla Australia.che limpidamente evidenzia lo squallore

    http://joannenova.com.au/2014/01/science-is-not-done-by-peer-or-pal-review-but-by-evidence-and-reason/

    Prendiamo a campione questa citazione :

    Non è necessario avere una laurea per capire che non c’è nulla di rigoroso e scientifico in quello che è successo. L’accusa di “nepotismo”, è stata aggiunta come ripensamento. La rivista ha annunciato la cessazione, e poi apparentemente si rese conto che avevano accidentalmente rivelato la loro filosofia molto poco scientifica in cui l’IPCC = Dio, e uno dei dieci comandamenti era che non deve essere messa in dubbio. Gli editori (“non-così-Copernichiani”) tardivamente l’hanno aggiunao, senza alcun dettaglio, che i 14 lavori pubblicati da 19 scienziati in una edizione speciale avevano esaminato ogni altri lavorano, e quindi non avrebbero dovuto essere pubblicati. L’unico “errore” è stato elencato in disaccordo con l’IPCC. Questo è uno scandalo.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.