Il Dr.Giovanni P. Gregori sullo stato della scienza

Premessa

Questa è una lettera inviata da Giovanni Gregori a Nils-Axel Mörner che ci fa riflettere su ciò che sta accadendo in Europa relativamente alla stato della scienza e della sua (non) importanza.

Una veloce presentazione di  Giovanni P. Gregori, ripresa dal International Earthquake and Volcano Prediction Center di Orlando (Florida) USA.

Il Dott. Gregori è uno dei principali scienziati al mondo nel campo della misurazione dello stress crostali e previsione dei terremoti con tecniche acustiche e con centinaia di articoli pubblicati nel settore. Ha conseguito una laurea in fisica e un dottorato presso l’Università di Milano. Lui è un esperto in fondazioni gnoseologiche della fisica teorica. Dal 1963 ha prestato servizio presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche Italia, all’IFA, l’Istituto di Fisica dell Atmosfera e l’Istituto di Acustica e Sensoristica a Roma. Ha inoltre svolto ricerche approfondite fra l’interazione tra la magnetosfera terrestre e il vento solare. Si è affermato come un’autorità senior nello studio dell’ambiente elettromagnetico totale della Terra, ed è un associato della Royal Astronomical Society, membro onorario della Deutsche Gesellschaft Geophysikalische e. V., Arbeitskreis Gesichte der Geophysik, ed è nel consiglio editoriale della rivista, “Storia della geofisica e scienza spaziale dell’unione geofisica europea.

http://www.ievpc.org/id64.html

Caro Niklas, sì, è incredibile, anche se non sono effettivamente sorpreso, e voglio esprimere la mia comprensione amichevole a voi. Vorrei sottolineare alcuni punti.

1) La scienza non è democrazia, ma è una dittatura rigorosa, e il dittatore è Madre Natura. Nessuno, in un senso molto rigoroso, è depositario della verità assoluta.

2) Le relazioni solari-terrestri sono estremamente complicate e non possono essere spiegati da sola sia una causa o un altro.

3) Il cambiamento climatico è in corso, e chiunque può rendersene conto.

4) La conseguenza degli effetti planetari sul Sole è una causa probabile o possibile, ma tra molti altri, forse anche molto più rilevanti.

5) Affermare che tutto deve essere in gran parte spiegato da un pilota leader – identificato con l’inquinamento antropico – è manifestamente ingenuo, non scientifico, banalizzando, e acritica.

6) Ricordo uno studio autorevole e molto documentato da John Quinn, che ha fatto un’indagine autorevole, imparziale, esauriente, e in gran parte multidisciplinare. Egli mostra che molti cosiddetti “accordi generali” o risultati “pienamente provati” sono evidentemente non confermati dai dati osservativi.

7) In particolare mostra che ogni effetto di origine solare si manifesta prima all’interno fenomeni terrestri alquanto relativamente al controllo geomagnetico, molto prima di qualsiasi altro effetto manifestato mediante altri indicatori climatici.

8) Per lo più, va sottolineato, che la scienza è fatta di idee, sia sbagliate e corrette, che devono essere discusse, confrontate con le osservazioni, al fine di trovare conferma o smentita dal nostro “dittatore” gravi e generoso. Le misure da sole, senza idee, non fanno la scienza. Tutte le idee deve essere discusse, dibattute, se vogliamo avvicinarci alla verità che, comunque, rimarrà sempre irraggiungibile per l’umanità.

9) Ogni approccio che si basa su paradigmi (soprattutto quando non sono supportati da osservazioni) è semplicemente inaccettabile da ogni scienziato guidato da coscienza. Si consideri l’enorme quantità di causalità, tragedie, sofferenze, danni, economici e non solo economici, che nel corso di qualche anno, milioni di persone, devono affrontare come conseguenza di catastrofi naturali.

10) Tutti gli scienziati condividono la stessa debolezza umana e dei limiti – proprio come me e tutti. E bisogna accettare tutti con un sentimento amichevole di comprensione. Ma, a causa di motivi etici e deontologici fondamentali, nessuno può sentirsi irresponsabile davanti a lei / suo obbligo primario dell’uomo.

11) La situazione è resa ancora più grave – e profondamente deludente – da una grande parte della cosiddetta “divulgazione scientifica” (“irresponsabile” secondo qualche scienziato molto autorevole) che viene ulteriormente amplificata dai mass media. Essa si basa sul catastrofismo e sensazionalismo, spesso attraverso la segnalazione di argomenti incredibili. Vorrei solo ricordare ad esempio l’affermazione che atmosferica riscaldamento globale provoca lo scioglimento della calotta antartica …..

12) Gestire e diffondere false informazioni attraverso il potente dei mass media presenti – approfittando del sentimento aperto e cooperativo di diverse buone parti della società – è solo un modo vero di effettuare “terrorismo culturale”.

13) Credo che è quasi offensivo per me essere incluso nell’insieme degli “scettici del clima” (come indicato nella risposta avete ottenuto da “Martin e Xenia”). Evidentemente, questi “Martin e Xenia” sono “vittime” di questo sentimento generalizzato, e sono state completamente distorte dal corso “terrorismo culturale”. Posso anche capire la loro “debolezza umana”.  Sono solo una coscienza guidata e vogliono solo “leggere il libro scritto da Madre Natura” prima di leggere i libri scritti da scienziati. Questa affermazione non è da me. Si tratta di Leonardo, che era seriamente preoccupato degli “scienziati aristotelici”. Le lobby, erano molto potenti all’interno della sua bottega, al suo tempo (due secoli dopo Leonardo, anche Giordano Bruno e Galileo sapeva molto bene quanto potenti, lo erano). Leonardo chiama “trombe” gli scienziati che riportavano solo le opinioni degli altri, invece di “leggere il libro della natura”. Il tempo è trascorso, sono cambiate le definizioni, ma la debolezza umana e i suoi limiti sono sempre gli stessi ….

Evidentemente, diverse persone della presente costituzione devono avere una sensazione diversa sul modo in cui la scienza deve essere comunicata alla società, al fine di sollievo sofferenza, causalità, ecc…  Ognuno deve rispondere al suo / la sua coscienza, e lei / lui deve comportarsi di conseguenza, indipendente da qualsiasi altro sentimento o opinione. Uno scienziato è uno scienziato, e nient’altro! Io non caddi offeso anzi …… perché la mia coscienza sa che io sono uno “scienziato”, mentre molte altre persone, evidentemente, non conoscono nemmeno il vero significato di “scienza”.

Ma, nessuno di noi può contrastare l’azione di qualcuno che è apparentemente molto ben organizzato nel perseguire i suoi piani.
Molto cordialmente,

Giovanni

Fonte : http://tallbloke.wordpress.com/2014/01/17/breaking-pattern-recognition-in-physics-axed-by-copernicus/comment-page-1/#comment-65883

Michele

 

Hatena Bookmark - Il Dr.Giovanni P. Gregori sullo stato della scienza
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

7 pensieri su “Il Dr.Giovanni P. Gregori sullo stato della scienza

  1. Riguardo alla parte finale della lettera…Noam Chomsky ci ricorda, nella prima delle 10 regole della manipolazione sociale, come Loro hanno deciso di (non) comunicare con la società http://www.informarexresistere.fr/2012/05/22/le-10-regole-per-il-controllo-sociale-noam-chomsky/ Questo invece potrebbe riguardare direttamente il declino definitivo che stiamo osservando del ciclo 24?? http://www.meteoweb.eu/2014/01/spazio-esplosa-una-supernova-e-la-piu-vicina-degli-ultimi-27-anni/255553/

      (Quote)  (Reply)

  2. Citazione :

    “…..Si tratta di Leonardo, che era seriamente preoccupato degli “scienziati aristotelici”. Le lobby, erano molto potenti all’interno della sua bottega, al suo tempo….”

    Newton

    http://en.wikipedia.org/wiki/Isaac_Newton%27s_occult_studies

    “….Perhaps the movement which most influenced Isaac Newton was Rosicrucianism….”

    Leonardo, ecco che cosa si trova dietro uno dei più celebri quadri …
    Ci vuole la giusta bottega altrimenti niente peer-review su nature…lo volete capire..si o no ? la bottega decide quale peer-review portare alle cronache !

      (Quote)  (Reply)

  3. Per chi soffre di problemi all’apparato digerente consiglio il nuovo numero di Focus: c’è un servizio sulle molteplici connessioni tra mente e stomaco, e i suggerimenti per riconoscere (e prevenire) i vari disturbi dell’apparato digestivo, dall’ulcera alla psiconevrosi, con i consigli per curarli al meglio?

      (Quote)  (Reply)

  4. zil:
    Per chi soffre di problemi all’apparato digerente consiglio il nuovo numero di Focus: c’è un servizio sulle molteplici connessioni tra mente e stomaco, e i suggerimenti per riconoscere (e prevenire) i vari disturbi dell’apparato digestivo, dall’ulcera alla psiconevrosi, con i consigli per curarli al meglio?

    Scusa ma non ho proprio compreso il significato di questo intervento, legato al post.
    Se poi vogliamo andar fino in fondo, non lo stomaco,
    ma è l’intestino al centro del mondo e del nostro essere.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.