Il riscaldamento globale, non è uniforme in tutto il mondo: Alcune aree si sono recentemente raffreddate

Fei Ji, Zhaohua Wu, Jianping Huang, Eric P. Chassignet
Data: 4 maggio 2014
Fonte: Universita dello stato della Florida
Nature Climate Change
doi: 10.1038/nclimate2223

 

Sommario:

Una nuova ricerca, ci fornisce, il primo sguardo dettagliato, a livello mondiale, sulle tendenze al riscaldamento della superficie terrestre, nel corso degli ultimi 100 anni. Illustrando, con precisione, quando e dove, nelle diverse aree del mondo, ha avuto inzio il riscaldamento o il raffreddamento. La ricerca indica, che il mondo, sta davvero diventando più caldo, ma i documenti storici dimostrano che non è successo ovunque alla stessa velocità.

Queste nuove informazioni hanno colto di sorpresa gli scienziati. “Il riscaldamento globale non era così inteso come pensavamo”, ha detto Zhaohua Wu, un assistente professore di meteorologia a FSU.

Wu, ha guidato un team di ricercatori del clima, tra cui Fei Ji, uno studente di dottorato, in visita al Centro di FSU per gli studi di stima oceanici-atmosferici (COAPS); Eric Chassignet, direttore del COAPS; e Jianping Huang, decano del collegio di scienze dell’atmosfera, presso l’univerista di Lanzhou in Cina. Il gruppo, utilizzando un metodo di analisi, recentemente sviluppato da Wu e dai suoi colleghi, ha esaminato le tendenze della temperatura superficiale, dal 1900 in poi, per l’intero globo, meno l’antartide.

Evolution of the zonally averaged trend of surface air temperature

Il lavoro precedente, sul riscaldamento globale, da parte degli scienziati, non ha potuto fornire le informazioni del riscaldamento non uniforme nello spazio e nel tempo a causa di limitazioni precedenti, nei metodi di analisi, nella ricerca sul clima.

Il team di ricerca, ha scoperto, che un riscaldamento evidente, è iniziato attorno alle regioni che circondano l’artico e nelle regioni subtropicali, in entrambi gli emisferi. Ma l’accumolo di riscaldamento più grande, registrato fino ad oggi, è in realtà, alle medie latitudini settentrionali. Hanno anche scoperto, che in alcune aree del mondo, si è effettivamente verificato un raffreddamento.

Montagna di Fitz roy, Patagonia, Argentina. Tra circa il 1910 e il 1980, mentre il resto del mondo era in fase di riscaldamento, alcune zone a sud dell’equatore – vicino alle Ande – si sono effettivamente raffreddate.

“Il riscaldamento globale non è uniforme”, ha detto Chassignet. “Abbiamo aree che si sono raffreddate e aree che si sono riscaldate”.

Ad esempio, tra il 1910-1980, mentre il resto del mondo era in fase di riscaldamento, alcune zone a sud dell’equatore – a ridosso delle Ande – si sono effettivamente raffreddate, e quindi, non abbiamo avuto, alcun cambiamento, fino a metà degli anni novanta. Altre aree, vicino e a sud dell’equatore non hanno visto significativi cambiamenti, paragonabili a tutto il resto del mondo.

Il lavoro del gruppo, è disponibile, nell’edizione del 4 maggio, della rivista Nature Climate Change.

Il quadro dettagliato di quando e dove il mondo si è riscaldato o raffreddato fornirà un contesto più ampio, nella ricerca sul riscaldamento globale complessivo, ha detto Wu.

Fonte : http://www.sciencedaily.com/releases/2014/05/140504133207.htm

 

Michele

Hatena Bookmark - Il riscaldamento globale, non è uniforme in tutto il mondo: Alcune aree si sono recentemente raffreddate
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

3 pensieri su “Il riscaldamento globale, non è uniforme in tutto il mondo: Alcune aree si sono recentemente raffreddate

  1. Curiosa coincidenza di aree tra questo ed il precedente articolo….. È evidente dai dati empirico che le aree più soggette ad oscillazioni corrispondono alle medie latitudini per tutte le stagioni, e per quanto riguarda prettamente le estati il polo nord. Ora che il sistema elettromagnetico sembra voglia trovare un nuovo equilibrio, o per meglio dire ritrovato, le cose potrebbero mutare. Tuttavia la perfezione del “sistema” sta nella sua imperfezione.

      (Quote)  (Reply)

  2. Domenico,

    Ottima osservazione domenico,
    credo che questo vecchio articolo, completi la tua osservazioni :
    http://daltonsminima.altervista.org/2010/10/21/il-campo-magnetico-terrestre-il-grande-regista-del-nostro-clima/

    Come puoi osservare dalla figura sotto riportata una delle quattro bande di plasma è nel cile settentrionale. Il famoso OFFSHORE TARAPACA, CHILE dove il terremoto è pane di tutti i giorni…
    Ma guarda un pò….

    fign5.jpg

      (Quote)  (Reply)

  3. Spunti di riflessione sempre preziosi quelli che trovo qui su NIA, comunque un conto e “sentire” dentro di se che tutto è collegato, e un conto è dimostrarlo.
    Speriamo che la prossima rivoluzione scientifica sia rivolta in questa direzione, e che le “Arti” tornino ad essere viste con un altro occhio IPCC e multinazionali permettendo.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.