Sondaggio su Nia : Quando inizierà la discesa del ciclo solare SC24 ?

Sono passati dieci mesi precisi, da l’ultimo sondaggio che avevamo lanciato su questa piattaforma. Vi ricordate ?

http://daltonsminima.altervista.org/2014/01/26/sondaggio-e-adesso-che-cosa-ci-riservera-il-prossimo-futuro-del-ciclo-solare-24/

Adesso siamo ben oltre il primo semestre, per la precisione, le festività natalizie sono alle porte e l’anno sta per concludersi. Sinceramente, non avrei mai pensato di trovare la nostra stella così spumeggiante, anche se moderatamente. I risultati del precedente sondaggio parlavano chiaro, ed avvaloravano la mia tesi. Infatti, un deciso 61% si schierava sul pensiero di una graduale flessione del ciclo solare, in termini di flusso solare e conteggio delle macchie.

Sondaggio 26 Gennaio 2014

Invece, cari utenti di Nia, che stella ci ritroviamo oggi ? L’ultimo aggiornamento del flusso solare corretto, fa segnare il valore 175 e una serie di spot sta letteralmente tempestato di brufoli,  la superficie della nostra stella.

Quindi, che cosa ci vuol comunicare oggi la nostra stella ? L’inizio della flessione del ciclo solare è ancora lontana ? E’ assurdo ipotizzare un terzo e perfino maggiore impulso dell’attività solare, in riferimento anche alla prossima entrata in un configurazione planetaria decisamente interessante e proprio nel giorno di Natale.

Allineamento Giove-Sole-Mercurio-Venere del 25 dicembre 2014

Allineamento Giove-Sole-Mercurio-Venere

In conclusione, personalmente e brevemente, a questo punto della situazione, inizio ad avere diversi punti interrogativi, circa il proseguo del corrente ciclo solare. Non mi resta che aprire il sondaggio e i commenti, in cerca di una difficile soluzione, nel breve periodo.

SONDAGGIO

La mia ipotesi sul prossimo futuro del ciclo solare SC24 è la seguente :

View Results

Loading ... Loading ...

Michele

Hatena Bookmark - Sondaggio su Nia : Quando inizierà la discesa del ciclo solare SC24 ?
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

16 pensieri su “Sondaggio su Nia : Quando inizierà la discesa del ciclo solare SC24 ?

  1. Ottimo Michele! però dobbiamo chiarire meglio cosa intendiamo con la domanda: “quando inizierà la discesa del ciclo24”.
    Se intendiamo il discorso legato alla curva ufficiale del ciclo ossia il grafico della media mobile che ci fornisce il trend del ciclo “ripulito” dalle oscillazioni mensili, allora il massimo è già stato superato ad aprile 2014 con 81.9 SSN. Il mese di maggio 2014 vedrete il primo pezzettino di curva che inizia la discesa invertendo la tendenza.
    Se invece per “discesa dell’attività solare” intendiamo il calo evidente dei valori del solar flux e della media mensile delle macchie, allora ci sarà da aspettare almeno tutto il 2015 prima di vedere un significativo calo di questi indici. Nel sondaggio ho votato per il terzo picco nel 2015. la configurazione planetaria di agosto 2015 a mio avviso porterà il “colpo dello scorpione” del ciclo 24. L’ampiezza del 3° picco sarà ai livelli del primo picco di febbraio 2012, intorno a 70 SSN. infine la durata del ciclo 24. Per me non va oltre 12 anni. a supporto di questa affermazione il confronto con i cicli 12 e 16 entrambi di durata compresa tra 10 e 12 anni, quindi nella media.

      (Quote)  (Reply)

  2. visto che oramai tutti i predictor nasa solari hanno fatto cilecca , credo nessuno possa sapere cosa accadra’ mi spingo in una previsione che forse per nessuno sara’ logica : se utilizzo i metodi di analisi di ”borsa” sul polar field vedo una nuova inversione polare entro il 2016 , chiaramente quello a cui assistiamo attualmente e’ il minimo solare

      (Quote)  (Reply)

  3. SC 24 and Sunspot Numbers will bee high still 2015. The activity at North and South hemisphere on the sun is still very active , and the spots at a surprisingly high latitude. When sunspot activity will be at low latitude the SC will start to decline.
    From end 2015 it could bee a start for long , long decline.
    But even if the SC 24 and SN are high the activity is at very low level. remember at 2000 – 2003 when solar speed was commonly 700 – 950 . Now at SC 24 the speed commonly 300 – 550 , with max rate at 650 ?? May bee there was 1 peak at 700 a year ago ?
    Also density has been at very low levels.
    I assume that even if we have had Polar shift the decline should have been starting. And what is a surprise for me is that Northern hemisphere has been active. Sometimes low , but moving back to active state.

    I am a true beleiver of the theory of Timo Niroma ! Timo was the first person to me who told me that SC 24 will bee low , when all others including ex. Hathaway estimated at 2003 – 2005 , that SC 24 are going to bee all time high SC. Timo did also expect that SC 24 should bee a long cycle , over 17 years . And I am shure almost everyone today agree that SC 24 is going a very long cycle ? Thats why the decline will start slovly and bee long , slowly declining.
    I know Timo did take impressions from the Russian solar expert Abdussamatov ?
    I am very glad NIA has at times mentioned the theory of Timo !

      (Quote)  (Reply)

  4. Martin,

    secondo me giove al perielio non detemina la diminuzione delle macchie solari.
    Nel marzo 2011 giove era al perielio e pochi mesi dopo c’è stato il primo picco del ciclo 24 con 67SSN. Timo Niroma diceva che il ciclo 24 avrebbe avuto un max compreso tra 30-60 (media 45). Si è sbagliato anche lui perchè il ciclo 24 ha avuto un max a 82SSN.
    Il ciclo 16 ha avuto Giove al perielio nel marzo 1928 e il massimo tre mesi dopo a giugno 1928 con 78SSN. In nessuno dei due casi c’è stato un ciclo tipo maunder o dalton. Al ciclo 16 ad esempio è seguito il ciclo 17 con 120 SSN. Ed inoltre…Cycle 16 began in August 1923 and ended in September 1933. la durata del ciclo 16 fu di 10 anni.

      (Quote)  (Reply)

  5. John carter,

    nessuno può sapere come sarà il prossimo ciclo, comunque il ciclo 24 rimane quasi identico al ciclo 12, solo che è partito molto più lentamente del 12 e con un picco più alto. se togliamo queste differenze risultano quasi uguali. penso che comunque il isultati sul clima li stiamo gia vedendo. ripresa dei ghiacciai artici e antartici, più neve sulle alpi e orso russo presente ogni inverno. mi accontento pure degli inverni versione anni 20. qualche sbalzo di temperatura nei prossimi anni e poi si riassesta tutto su un clima di nuovo freddo.

      (Quote)  (Reply)

  6. alessandro1,

    E non abbiamo ancora visto il “meglio”, comunque vada il ciclo 25: la discesa del 24 sará probabilmente lunga e lenta. È pertanto ragionevole attendersi almeno 6-8 anni di attivitá piuttosto debole, I cui effetti sul clima saranno sempre più evidenti, anno dopo anno.
    E prevedo che nei prossimi 6-8 anni assisteremo ad almeno un inverno europeo memorabile, forse anche più di uno. Penso ad una replica del 2005-2006 ma rafforzata da oltre un decennio di bassa attivitá.

      (Quote)  (Reply)

  7. Ho votato “Altre Ipotesi”… 🙂
    Secondo me la fase discendente del ciclo 24 è appena iniziata, ritengo altresì possibile un terzo picco di attività ma di intensità minore rispetto a quello del massimo assoluto e forse vicino ai livelli raggiunti nel primo picco dell’autunno 2011.
    Per quanto riguarda l’andamento magnetico dell’emisfero nord, in teoria, il decorso naturale del ciclo prevede che i valori tornino positivi in breve, anche perchè questo “rimbalzo” in zona negativa è stato, per quanto ne sappiamo, decisamente anomalo.
    Però non sono ancora completamente convinto che la progressione sarà così decisa, alcuni “input” mi danno da pensare….

      (Quote)  (Reply)

  8. FabioDue,

    Gli effetti sul clima…penso però ai cicli 18 e 19 tra i piu forti del secolo scorso.
    tra il 1945 e il 1960 i due cicli fecero registrare dei solar max con 150 e 200 SSN rispettivamente. nel bel mezzo di questi due cicli esplosivi si colloca l’inverno 1955/56 che ebbe queste caratteristiche per la nostra penisola:

    “Inverno 1955/1956 ….Molto freddo fu anche il febbraio del 1956 con un’ondata di gelo che colpì tutta l’Italia direttamente dal circolo polare artico. Le temperature di diverse città fecero segnare parecchi record negativi. L’evento fu eccezionale anche per la sua durata…dal 10-12 febbraio circa 15 gg di fila di gelo continuato anche durante il giorno. Le punte minime più basse vennero registrate a Torino con -22°C e in questa città si mantennero sotto i 20°C dal 13 al 19 febbraio. A Livigno addirittura – 45°C, bora fino a 150 kmh, le temperature rigidissime fecero gelare l’Arno, il lago Trasimeno, la foce del Pò e il tratto finale dell’Adige. A Roma la neve fece la sua comparsa per ben 8 volte. In abruzzo, Calabria e Sicilia 181 comuni rimasero isolati per oltre 10 giorni. Alla fine del mese il rialzo delle temperature e le piogge fecero sciogliere rapidamente la neve procurando rovinose alluvioni nelle regioni centro-meridionali. La neve ricomparve fra l8 e il 20 marzo successivi”.

    http://www.gardapalme.it/pagine/inverni%20freddi.htm

      (Quote)  (Reply)

  9. John carter:
    Last update WSO nord ZERO…lo dicevo da qualche mese…

    Il Nuovo aggiornamento da WSO annulla la controinversione. Ormai resta solo una serie di -1 quando lo sprofondamento aveva inizialmente toccato quota -5. La discesa verso il minimo del ciclo 24 e’ finalmente iniziata.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.