Allineamenti planetari da fine 2014 ad Aprile 2015 in visione geocentrica ed eliocentrica

Premessa

Numerosi riferimenti scientifici e passate evidenze empiriche (da fine ottocento fino ai nostri giorni) ci descrivono l’occorrenza delle più importanti e significative alterazioni geofisiche e/o climatiche, come prodotto di due importanti variazioni al di fuori del nostro pianeta :

A) variazioni di natura mareale planetaria (gravitazionale) in visione geocentrica, che si va ad originare durante l’entrata e/o uscita in specifiche configurazioni planetarie o lunari (occorrenza estremamente significativa uno o due giorni prima dell’ evento).

B) variazioni di natura solare (incremento dell’attività o coalescenza EM delle macchie solari), o più precisamente alterazioni elettriche e particellari interne al campo magnetico interplanetario che si ripercuotono sulla geofisica terrestre, sempre a seguito di specifiche configurazioni planetarie in visione eliocentrica (estremamente significativo nell’ingresso degli allineamenti planetari).

E’ necessario tuttavia specificare che le due occorrenze non sono separate e non si ripercuotono in continuo esclusivamente sulla Terra, ma anche sui restanti pianeti del sistema solare e sul Sole stesso. Si è inoltre osservato empiricamente che maggiore è la variazione di natura mareale planetaria (dal punto di vista numerico dei pianeti coinvolti durante l’allineamento) o elettromagnetica (jump del campo magnetico interplanetario), maggiore è la probabilità di ritrovarsi all’interno di una importante alterazione climatica o geologica (in termini di magnitudo o rilascio energetico) sul nostro pianeta. E’ necessario tuttavia ricordare che, con i  principi fisici conosciuti (gravitazione ed elettromagnetismo), non è possibile esprimere una chiara e solida relazione teorica di causa-effetto fra clima/geologia – pianeti/sole. Oggi, alle più importanti assemblee sedi di studio di fenomeni climatici e geofisici, si inizia a parlare di circuito elettrico globale (GEC) oppure di fenomeni EM atipici o altro; tuttavia questo è solo l’inzio, la strada da percorrere verso una maggiore e più chiara  comprensione di queste fenomenologie è ancora molto lunga.

Quindi, prima di riportare indicazioni su quelle possibili finestre temporali in cui si manifestano importanti alterazioni geofisiche o climatiche sul nostro pianeta, è importante precisare che quest’articolo è da considerarsi solo ed esclusivamente come uno studio preliminare o ricerca sulle possibili interazioni esistenti fra le sopra citate dinamiche presenti all’interno del sistema solare e il nostro pianeta (generica su scala globale e non locale).

Eliocentrica

In primis, procediamo quindi con il riportare indicazione di quelle possibili finestre temporali, genesi di nuove macchie solari con ripresa (incremento) dell’attività magnetica solare (elevazione del solar flux/raggi X e genesi CME).

La seconda parte di dicembre in proiezione festività natalizie, 25-12-2014, con Venere – Mercurio – Sole – Giove

Allineamento Giove-Sole-Mercurio-Venere

….

Fine gennaio – inizio febbraio 2015, con in ordine :
30-01-2015 Terra – Mercurio – Sole
31-01-2015 Marte – Venere – Sole
06-02-2015 Giove – Terra – Sole

Fine Gennaio - Inizio Febbraio

….

14-02-2015 Urano – Marte – Sole – Mercurio ( con Venere leggermente fuori asse)

….

Sede di studio saranno altri interessanti passaggi che si verificheranno a fine marzo e fine aprile.

Fine Marzo - Inizio Aprile

Fine Aprile

….

Geocentrica

In visione geocentrica, indicazione di quei probabili giorni sede di possibili eventi sismici su scala globale con magnitudo M>6 (ingresso in allineamenti planetari), e possibili cambi di circolazione atmosferica locale (in riferimento al solo cambiamento di fase lunare, ingresso in luna nuova/piena o perigeo lunare).

N.B. La possibile relazione fra i cambi di circolazione atmosferica e il cambio di fase lunare è un’argomento oggetto di studio (vedi i commenti) in quest’articolo.

Riepilogo passaggi (in grassetto i più significativi) :

05-01-2015 Luna piena
….

18/19-01-2015 proiezione ingresso allineamento planetario del 20-01-2015 Nettuno – Marte – Terra e ingresso in luna nuova del 20-01 e perigeo lunare del 21-01.

Allineamento Nettuno-Marte-Terra

01-02-2015 Nettuno – Venere – Terra

Allineamento Nettuno-Venere-Terra

17/18-02-2015 ingresso in luna nuova e perigeo lunare del 19-02
22-02-2015 Marte – Venere – Terra
04-03-2015 proiezione ingresso allineamento planetario del 05-03 con Urano – Venere – Terra e luna piena
11-03-2015 Urano – Marte – Terra
19-03-2015 perigeo lunare
20-03-2015 luna nuova

….

Analisi effettuate tramite il supporto dei seguenti software e piattaforme :

http://chemistry.unina.it/~alvitagl/solex/

http://www.sssim.com/en/product/studio/

http://www.marcomenichelli.it/fasilunari.asp

 

Michele

Hatena Bookmark - Allineamenti planetari da fine 2014 ad Aprile 2015 in visione geocentrica ed eliocentrica
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

10 pensieri su “Allineamenti planetari da fine 2014 ad Aprile 2015 in visione geocentrica ed eliocentrica

  1. Michele, una domanda: quanto dura l’influenza sul Sole di un allineamento planetario? Per quanti giorni o settimane dopo la data in cui l’allineamento si verifica?

      (Quote)  (Reply)

  2. jean:
    posso capire i pianeti più vicini

    Con la fisica classica e che conosciamo, neanche con questi.
    Si tratta di osservare il fenomeno, raccogliere dati, verificare la sua riproducibilità e poi formulare l’ipotesi. Ad oggi ritengo che all’interno del sistema solare in particolari e specifiche condizioni si verificano fenomeni atipici di natura elettrica impulsiva sconosciuta.

    FabioDue:
    Michele, una domanda: quanto dura l’influenza sul Sole di un allineamento planetario? Per quanti giorni o settimane dopo la data in cui l’allineamento si verifica?

    E’ una progressione dei fenomeni più siamo vicini a l’allineamento.
    E poi….l’allineamento perfetto non esiste !
    Minore è l’angolo (fra i pianeti) & maggiore e il numero dei pianeti coinvolti, maggiore è la probabilità di importanti manifestazioni solari (numero/grandezze delle Ar e relative fenomenologie).

      (Quote)  (Reply)

  3. FabioDue,

    quelli della terra con venere sono molto lunghi, anche un mese, quelli di mercurio invece sono i più brevi. Sul Sole ritengo importanti solo gli allineamenti di mercurio, venere, terra e giove. quando l’allineamento riguarda un trio di pianeti come ad esempio venere terra e giove del gennaio scorso allora l’influenza è massima. normalmente il massimo solare viene determinato dal best alignment di questi tre pianeti. best alignment Ve_Ea_Ju gennaio 2014 —> solar max sc24 Febbraio 2014!

      (Quote)  (Reply)

  4. John carter,

    Ok, grazie.
    Quindi abbastanza importante è quello di Natale.
    Quelli successivi invece non dovrebbero avere una particolare influenza e dunque il ciclo solare seguirà il suo naturale decorso.

      (Quote)  (Reply)

  5. FabioDue,

    Nell’articolo di Michele si arriva fino ad aprile e non viene mostrato quello che sarà l’allineamento più importante del 2015!
    Agosto 2015 per tutto il mese avremo la configurazione eliocentrica più potente. Ad allinearsi saranno Ve_Ea_Ju.
    L’allineamento è più debole di quello di gennaio 2014 ma gli effetti sul ciclo 24 non mancheranno! Da tempo vado dicendo che quello di agosto 2015 sarà il “colpo dello scorpione” del ciclo 24. va detto subito che non sarà un nuovo solar max ma un semplice rimbalzo visibile nel grafico della media mobile. per intenderci adesso stiamo scendendo dal valore di 81.9 SSN che rappresnta il massimo del ciclo. per agosto 2015 saremo scesi sotto quota 70SSN ai livelli del 1° max di febbraio 2012. il colpo dello scorpione produrrà una temporanea inversione di tendenza con un leggerissima risalita per poi tornare di nuovo a scendere inesorabilmente verso il minimo alla fine del decennio corrente.

      (Quote)  (Reply)

  6. Capitolo entrata primo allineamento attuale. Prima figura dell’articolo. Notare come si stanno attivando EM le regioni fronte Terra e come in contemporanea a l’ingresso del solstizio / luna nuova la Toscana subisca la crisi cosmica, come le chiamava Bendandi.

      (Quote)  (Reply)

  7. John carter,

    Chissá che non abbia ragione chi prevede un declino lungo e lento del ciclo, con minimo addirittura verso il 2022……ci sono dei precedenti in proposito, se ricordo bene.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.