Il Maunder non è stato un minimo solare così profondo come lo si pensava ….

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Astrophysical Journal sembra sfatare uno dei più importanti e indiscutibili pilastri della recente storia dell’attività solare.

….

di N. V. Zolotova and D. I. Ponyavin

St. Petersburg State University, 198504 St. Petersburg, Russia

Riassunto

Il minimo solare del Maunder (MM), che si è verificato tra il 1645 e il 1715, è principalmente conosciuto come quel periodo di tempo, dalla quasi totale assenza di macchie solari. Nel nostro studio, analizziamo il numero nominale dei gruppi delle macchie solari per ogni osservatore, individualmente. Confrontiamo i disegni e i testuali report delle macchie solari e concludiamo che quest’ultimi hanno sottovalutano il numero delle macchie. Noi sosteniamo quindi che l’origine delle macchie solari, riportata da diversi osservatori nel XVII secolo ha comportato la sottovalutazione dei gruppi di macchie solari con lacune nei rapporti delle osservazione. Dimostriamo che Jean Picard e Giovanni Domenico Cassini dell’Osservatorio di Parigi non hanno riferito della presenza di macchie solari, mentre altri osservatori hanno riferito del verificarsi di macchie. Inoltre, rispetto ad altri osservatori, La Hire ha sottovalutato l’attività solare. Il minimo solare di Maunder, sembra quindi un minimo solare ordinario con delle semplici depressioni nel ciclo di 11 anni dell’attività solare.

Figura n°13 ripresa dalla carta :

Figura 13_ZolotovaIl gruppo di macchie solari Rg è mostrata in blu, il numero di macchie solari internazionale Ri in grigio. La traccia di colore rosso definisce l’ampiezzapresunta” dei cicli solari. La linea di colore nero è il ciclo secolare.

Le conclusioni

Nel nostro lavoro, analizziamo la banca dati nominale NSGs di Hoyt & Schatten (1998) dal 1610 al 1720. Confrontando i disegni delle macchie solari di Galilei, Scheiner, Gassendi, e Hevelius e concludiamo che i soli disegni di Galilei sono simili alle moderne osservazioni delle macchie solari. Nel periodo c’era una tendenza a elaborare le macchie solari come oggetti in modulo circolatorio (vedi l’immagine in apertura articolo). I disegni delle macchie solari riportano quindi un numero significativamente maggiore di macchie solari, rispetto alle testuali o tabulari sorgenti. Noi suggeriamo che questo può essere stato causato dalla visione del mondo di quel periodo (dominante nel XVII secolo) che ha visto (i pianeti e il sole) come ombre durante il transito celeste sconosciuto di questi corpi. Pertanto, un oggetto sulla superficie solare visto come una irregolare forma, o costituito da un insieme di piccoli punti sarebbe stato omesso nel rapporto testuale perché esso era impossibile da riconoscere come corpo celeste.

Notiamo inoltre anche le osservazioni rare e brevi di solito contengono informazioni solo su un gruppo di macchie solari. Questo ci suggerisce che l’osservatore possa essere stato interessato esattamente dal solo transito dei pianeti fronte il Sole, ma non dal numero esatto di macchie solari.

Abbiamo dimostrato che alcuni osservatori (tra cui Jean Picard e Giovanni Domenico Cassini e l’osservatorio di Parigi) hanno sistematicamente creato lacune nelle osservazioni, mentre altri osservatori hanno riferito di macchie solari. Questo ci permette di assumere che nonostante il fatto che i telescopi erano sufficienti per rilevare anche piccole macchie, non tutti gli oggetti presenti sul disco solare sono stati inclusi negli archivi storici. Quindi, le informazioni circa l’attività solare il XVII secolo, sono sottovalutate.

 

“…La storia sta per essere riscritta ?… Michele”

 

Fonte : http://www.leif.org/EOS/Maunder-Minimum-Not-So-Grand.pdf

Hatena Bookmark - Il Maunder non è stato un minimo solare così profondo come lo si pensava ….
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

6 pensieri su “Il Maunder non è stato un minimo solare così profondo come lo si pensava ….

  1. Mi sono sempre chiesto se le serie di dati sono complete.
    A quel tempo non c’erano i satelliti e quando il cielo era coperto non si potevano far rilevazioni sul sole.
    Ad esempio il 1816 è noto come l’anno senza estate, quante volte l’hanno visto il sole?

      (Quote)  (Reply)

  2. Si suppone quindi che in realtà sia stata una versione più lunga e debole del minimo di Dalton
    Questo da un lato rivaluta il Dalton che così risulta a tutti gli effetti un vero minimo (che potrebbe ripetersi da qui al prossimo ciclo)
    Poi avrebbe senso il fatto che prima del maunder ci siano stati il minimo di sporer e quello di Wolf che si suppone siano stati più lunghi e più intensi del maunder

      (Quote)  (Reply)

  3. State scrivendo cose false e altamente diffamatorie. In Paraguay ci sono moltissime stazioni i cui dati storici sono negli archivi del Servizio Meteorologico nazionale.
    Stessa cosa per il Brasile dove le stazioni sono svariate centinaia e coprono tutti gli stati. I dati degli enti nazionali che voi diffamate criminalmente (la diffamazione e’ un reato penale) mostrano questi record di caldo stagionali perfettamente.
    Comunque a scanso di equivoci ho tradotto e inviato il vostro articolo altamente diffamatorio alla NOAA, al Servizio Meteorologico nazionale del Paraguay e all’ INMET (Brasile) , vediamo se confermano le vostre affermazioni che sono dei falsificatori e dei truffatori.

      (Quote)  (Reply)

  4. Mauricio Galindo,

    Due precisazioni :

    A) L’autore del post è Paul Homewood e non il qui presente Michele Casati o qualsiasi altro autore di questa piattaforma.

    B) Hai sbagliato thread, qui si parladi di attività solare.

    Scusa per il ritardo nella risposta, ma scrivo dal carcere di Regina Coeli,
    da quale amministro questo blog .

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.