La crescita dei ghiacci marini antartici che ha scatenato l’era glaciale

Le origini dell’ultima importante glaciazione, che ammantarono l’emisfero settentrionale di ghiacciai colossali, potrebbero avere avuto una causa sorprendente: l’accumulo degli strati di ghiaccio sul lato opposto del pianeta.

In Antartide, questo è quello che dicono i ricercatori.

Alla fine del Pliocene, circa 2,6 milioni di anni fa, le lastre di ghiaccio hanno iniziato a coprire l’Europa e il Nord America. Da allora, tali lastre di ghiaccio sono regolarmente cresciute e ridotte più di 50 volte, provocando innalzamento dei mari e la caduta di oltre 330 piedi (100 metri).

Ma la causa esatta del raffreddamento durante il Pliocene superiore, che portò alla formazione di questi ghiacciai, è un mistero. Alcuni ricercatori hanno suggerito che gli eventi tettonici, come ad esempio la chiusura del Panama Seaway e il sollevamento delle Montagne Rocciose , avrebbero svolto un ruolo importante, in quanto potrebbe aver causato cambiamenti nei modelli di circolazione nel mare o nell’atmosfera dell’emisfero settentrionale.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno trovato prove del fatto che gli strati di ghiaccio polari della Terra hanno cominciato a crescere tra i 3,1 milioni e 2,7 milioni di anni fa. Tuttavia, questo lasso di tempo, significa che la crescita del ghiacciaio ha preceduto la crescita di grandi ghiacciai in tutto il Nord America – la prima prova convincente suggerisce che i ghiacciai settentrionali cominciarono crescente circa 2,7 milioni di anni fa. Questa scoperta, suggerisce che la maggior parte della crescita del ghiaccio in precedenza si è verificato in Antartide.

I risultati, rivelano anche un cambiamento nel trasporto di calore nelle profondità degli oceani, che ha avuto un profondo effetto sul clima della Terra, ha detto l’autore principale dello studio Stella Woodard, un geochimico e paleooceanographer dell’univeristà di Rutgers nel New Jersey. Le correnti nelle acque profonde sono responsabili di circa dal 30 al 50 percento dell’accumulo e del trasporto termico globale.

Nello studio, Woodard e i suoi colleghi hanno analizzato i gusci di organismi bentonici microscopici noti come foraminiferi, in antichi sedimenti del Pacifico, raccolti dal Programma Internazionale Ocean Discovery. Ho scelto un sito nel Pacifico, perché detiene circa il 50 per cento dell’acqua del mare del mondo”, ha detto Woodard a live Science.

Le concentrazioni di varie forme di magnesio, calcio e ossigeno in questi gusci foraminiferi diedero intuizioni sul modo in cui queste creature sono cresciuti, e quindi su quali oceano temperature e livelli di ghiaccio erano come in punti specifici nel tempo.

Gli scienziati hanno anche scoperto che, nel Pliocene, le acque profonde del Nord Atlantico si sono raffreddate rapidamente, di circa 4 gradi Fahrenheit (circa 2 gradi Celsius), e l’acqua in profondità nel Pacifico settentrionale si era riscaldata di circa 3 gradi Fahrenheit (circa 1,5 Celsius). Ciò ha fatto sì che la crescita della calotta antartica sia coincisa con più pari temperature tra il fondo del oceani Atlantico e Pacifico, suggerendo flusso di calore tra di loro.

I ricercatori hanno suggerito che la crescita della calotta antartica ha alterato le correnti oceaniche in tutto il mondo. Più ghiaccio marino antartico potrebbe aver significato che c’era meno acqua calda e salata nel Nord Atlantico che saliva verso l’alto e le acque superficiali con le circostanti in Antartide. Invece, questo nastro trasportatore del calore avrebbe reindirizzato le acque, nelle profondità del Pacifico, e questi cambiamenti nel flusso di calore potrebbe essere stati abbastanza sostanziali per avviare la formazione dei ghiacciai nell’emisfero settentrionale.

“Hanno guardato in maniera diversa una parte del mondo che è tradizionalmente guardata per l’insorgenza di raffreddamento”, ha dichiarato Robert McKay, paleoclimatologo presso l’università Victoria di Wellington in Nuova Zelanda, che non ha preso parte a questa ricerca. “Questi nuovi risultati sono estremamente interessanti. Abbiamo ancora bisogno di trovare ancora qualche spiegazione, ma penso che i ricercatori hanno fatto un buon lavoro.”

I risultati non necessariamente escludono altre spiegazioni, in riferimento al raffreddamento verificatosi nel Pliocene, dice Woodard. Tuttavia, il rapido cambiamento di temperatura e di circolazione che i ricercatori hanno suggerito implica un processo lento ( come ad esempio la chiusura della Panama Seaway), potrebbe aver avuto solo un ruolo indiretto nel climatico raffreddamento di circa 2,7 milioni di anni fa. Questo è quanto ha affermato Woodard.

Gli scienziati hanno riportato in dettaglio i loro risultati, il 23 ottobre, sulla rivista Science.

Fonte : http://www.livescience.com/49001-antarctic-ice-sparked-pliocene-ice-age.html

Michele

Hatena Bookmark - La crescita dei ghiacci marini antartici che ha scatenato l’era glaciale
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

6 pensieri su “La crescita dei ghiacci marini antartici che ha scatenato l’era glaciale

  1. OT solare

    Intanto stiamo attraversando una nuova flessione di tutti i principali parametri solari.
    SF corretto a 115, raggi X piatti e solo piccole spot fronte Terra.

    latest_2048_HMII.jpg

      (Quote)  (Reply)

  2. Lo sanno tutti che stiamo andando verso un raffreddamento… Ma tacciono spudoratamente…..il globo è pieno di tempeste di neve….ne documentano solamente la rete internet e studio aperto…..chi proprio invece accenna a qualcosa,tira in ballo solamente che fa caldo…….e l,antartide cresce…..e loro tacciono…questi 4 gatti dell ipcc

      (Quote)  (Reply)

  3. La cosa strana é che io avevo ipotizzato uno scenario del genere qualche mese fa nelle mie sparate fantaclimatiche … ed ecco che appare uno studio allineato non é che qualcuno sta copiando 🙂
    A questo punto rilancio chissà forse prima o poi qualcuno prende per buona anche questa sparata : Prima avviene un “raffreddamento” a livello di sistema solare successivamente la terra e il sole si adattano a questo raffreddamento di alcuni gradi in meno .. Sul Sole si ha una piccola riduzione di TSI e attività solare, sulla terra il ritorno dei ghiacci e di precipitazioni nevose. Ciao … il 1 Aprile si avvicina chissà se mi viene in mente qualche altra bischerata da proporre 🙂 Ciao a tutti

      (Quote)  (Reply)

  4. Non devi attendere molto…aspetta alla prossima conferenza sul clima a Parigi ..e sentirai le solite cazzate dell ipcc

      (Quote)  (Reply)

  5. E’ da folli pensare che la Terra si stia raffreddando quando tutte le rilevazioni in tutti i punti del Globo indicano che la temperatura sta andando dall’altra parte.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.