L’astrofisico israeliano Nir Shaviv afferma: “L’attività solare è responsabile del riscaldamento globale occorso nella seconda metà del 20° secolo”

Nir Shaviv Joseph è un professore di fisica israelo-americano, ricercatore nel campo dell’astrofisica e della scienza del clima, docente presso l’Istituto di Fisica Racah della Hebrew University di Jerusalem, ed è anche membro dell’Institute for Advanced Study di Princeton. Egli è meglio conosciuto per la sua controversa ipotesi solare/raggi cosmici del cambiamento climatico. Nel 2002, Shaviv ha ipotizzato che i passaggi del sistema solare attraverso i bracci a spirale della Via Lattea sembrano essere stati la causa delle grandi epoche glaciali negli ultimi miliardi di anni.

Nel 2014 Shaviv e colleghi hanno pubblicato una carta su Scientific Reports a titolo : E’ il movimento del sistema solare nella galassia impresso nel cambiamento climatico nel Fanerozoico ? Conchiglie fossili, principalmente brachiopodi con alcuni conodonti e belemniti sono proposti come cronometri per collegare il clima terrestre al movimento verticale del sistema solare attraverso la galassia.

Il riassunto della carta :

“Un nuovo database δ18O del Fanerozoico, sulla base di 24.000 Mg conchiglie fossili calcitica, produce un importante 32 Ma oscillazione con una secondaria 175 Ma modulazione di frequenza. Le periodicità e fasi di queste oscillazioni sono coerenti con i parametri ipotizzati del movimento verticale del sistema solare attraverso il piano galattico, modulato dal movimento epicicloidale radiale. Proponiamo quindi che il moto del sistema solare nella galassia ha lasciato un’impronta nelle registrazioni del clima terrestre. Sulla base del movimento verticale, l’effettiva densità media galattica incontrate dal sistema solare … suggeriamo la presenza di un componente di materia oscura nel disco“.

Figura 3 ripresa dal documento : L’oscillazione ML200 δ18O ripulita con un filtro passa-alto. I dati rivelano una distinta oscillazione di 32 milioni anni che si spiega naturalmente attraverso il moto del sistema solare perpendicolarmente al piano galattico.

Nir Shaviv ha recentemente pubblicato sul suo sito, un articolo, sugli effetti della radiazione cosmica sul clima. Shaviv, afferma alla fine :

I risultati hanno due implicazioni particolarmente interessanti. In primo luogo, portano ancora una volta in evidenza il legame tra l’ambiente galattico e il clima terrestre. Sebbene non vi sia alcuna prova diretta che i raggi cosmici sono il collegamento reale sulla scala temporale di 32 milioni di anni, per quanto ne sappiamo, sono l’unico legame che può spiegare queste osservazioni. Questo a sua volta rafforza l’idea che le variazioni dei raggi cosmici attraverso l’attività solare influenzano il clima. In questo quadro, l’incremento dell’attività solare è responsabile del riscaldamento globale occorso dalla metà del XX secolo attraverso la riduzione del flusso dei raggi cosmici. Inoltre, in questo contesto, la sensibilità climatica è sul lato basso, inferiore (forse da 1 a 1,5 ° C di aumento per il raddoppio di CO2, rispetto alla gamma 1,5-4,5 ° C sostenuto dall’IPCC), il che implica che il futuro non è così disastroso come spesso profetizzato.

 

Fonti :

http://notrickszone.com/2015/03/21/israeli-astrophysicist-nir-shaviv-solar-activity-responsible-for-about-half-of-20th-century-global-warming/

http://wattsupwiththat.com/2015/03/21/is-the-solar-systems-galactic-motion-imprinted-in-the-phanerozoic-climate/

Hatena Bookmark - L’astrofisico israeliano Nir Shaviv afferma: “L’attività solare è responsabile del riscaldamento globale occorso nella seconda metà del 20° secolo”
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

10 pensieri su “L’astrofisico israeliano Nir Shaviv afferma: “L’attività solare è responsabile del riscaldamento globale occorso nella seconda metà del 20° secolo”

  1. non è il primo che lo dice, anche i miei professori ne parlavano. i geologi non vengono più ascoltati 🙁

      (Quote)  (Reply)

  2. 35 Ma confermata sa questa ricerca :

    Negi, J.G. and Tiwari, R.K. (1983). Matching long term periodicities of geomagnetic reversals and galactic motions of the solar system. Geophysical Research Letters 10: doi: 10.1029/GL010i008p00713. issn: 0094-8276.

    Escursioni geomagnetiche – movimento del sistema solare – cambiamento climatico

    “…The similar analysis was further repeated by dividing the total record in two sub-series. These results indicate mean periods of 71, 47 and 32- m.y. These peaks are statistically significant at 90% confidence level….”

      (Quote)  (Reply)

  3. Luca74:
    MI vien da dire è arrivato Mandrake..;)

    Perchè usi questi termini ?
    La carta è open acess è pubblicate su nature.
    http://www.nature.com/srep/2014/140821/srep06150/full/srep06150.html
    http://www.nature.com/srep/2014/140821/srep06150/extref/srep06150-s1.pdf

    La significatività statistica del segnale 32 MA

    I picchi dominanti a bassa frequenza sono af ~ 0.006 cicli / Ma e f ~ 0,03 ciclo / Ma che sono anche evidenti nel wavelet e analisi di Fourier

    srep06150-f5.jpg

      (Quote)  (Reply)

  4. Michele: Perchè usi questi termini ?
    La carta è open acess è pubblicate su nature.
    http://www.nature.com/srep/2014/140821/srep06150/full/srep06150.html
    http://www.nature.com/srep/2014/140821/srep06150/extref/srep06150-s1.pdf

    La significatività statistica del segnale 32 MA

    I picchi dominanti a bassa frequenza sono af ~ 0.006 cicli / Ma e f ~ 0,03 ciclo / Ma che sono anche evidenti nel wavelet e analisi di Fourier

    Scusami… forse mi hai frainteso, ce l’ho per il fatto che non è una novità e che la cosa si sapeva già da tempo.. tanti altri prima di lui ci sono arrivati.. tutto qua.
    Comunque anch’io la penso così.. 😉

      (Quote)  (Reply)

  5. In realtà da quel poco che sono riuscito a capire il professore non la fa così semplice visto che ha analizzato un periodo abbastanza lungo . In base a questo studio non é il sole ad influenzare il clima ma il fatto che il nostro sistema solare orbitando attorno al centro della galassa attraversa bracci della spirale che influenzano in questo modo l’attività solare ed quindi anche il clima sulla terra. Una pubblicazione in pieno stile Star Trek … Mi consolo che non sono l’unico a pensarla così !!

      (Quote)  (Reply)

  6. Luci0:
    …. ma il fatto che il nostro sistema solareorbitando attorno al centro della galassa attraversa bracci della spirale che influenzano in questo modo l’attività solare….

    Geometria, come geometria di posizionamento come il trifoglio.

    https://daltonsminima.wordpress.com/2010/07/27/il-centro-di-massa-del-sistema-solare-e-il-suo-moto-dal-ciclo-a-trifoglio-ad-un-ciclo-irregolare-la-via-per-comprendere-i-minimi%C2%A0solari/

    figura4.jpg

    Si però prima ci sono le 21+1 figure archetipiche.
    Qui mi fermo .. non vado oltre…
    🙂

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.