L’ultima del principe Carlo: “Il terrorismo islamico? Colpa anche della siccità”

Singolare tesi dell’erede al trono britannico: “L’orrore in Siria causato dai cambiamenti climatici”

La crisi dei rifugiati siriani e il terrorismo? Sono state causate anche dal cambiamento climatico. La singolare tesi è sostenuta dal principe Carlo che in un’intervista esclusiva a Sky News prima del summit sul clima delle Nazioni Unite che si apre lunedì prossimo a Parigi, tira in ballo le questioni ambientali come causa dei problemi in Siria.

“Ci sono davvero prove credibili che il grave periodo di siccità, durato circa 5-6 anni, è una delle principali cause dell’orrore in Siria”, sottolinea l’erede al trono britannico secondocui la mancanza d’acqua ha costretto molte persone ad abbandonare le proprie terre e a emigrare verso le città già sovraffollate di rifugiati dall’Iraq creando una situazione molto difficile. Nell’intervista, rilasciata prima degli attentati di Parigi, il principe Carlo correla cambiamento climatico, conflitti e terrorismo islamico. “Solo negli ultimi anni – aggiunge il primogenito della regina Elisabetta – il Pentagono ha effettivamente iniziato a prendere in considerazione l’enorme impatto che i problemi climatici e ambientali hanno su quello che sta succedendo”.

Il principe del Galles, che terrà un discorso in apertura alla Cop21, teme che il mondo si dirigerà verso “catastrofi e caos” se non si affrontano le questioni ambientali, come ad esempio l’aumento delle temperature globali, con molto più urgenza. Da qui la richiesta a trovare i fondi economici necessari ad affrontare il problema. “Se non li troviamo ora – incalza – più tardi sarà peggio, la vita sul pianeta diventerà molto, molto complicata”. Infine, guardando al summit, il principe esprime forti dubbi sul fatto che i paesi delle Nazioni Unite saranno in grado di raggiungere un consenso sulla riduzione delle emissioni di gas serra. “Sono andato a Copenhagen nel 2009 che, francamente, si è concluso con un disastro – ricorda – abbiamo perso tutti questi anni. C’è molto da fare per recuperare”.

Fonte : http://www.ilgiornale.it/news/mondo/lultima-principe-carlo-terrorismo-islamico-colpa-anche-sicci-1197762.html

 

Hatena Bookmark - L’ultima del principe Carlo: “Il terrorismo islamico? Colpa anche della siccità”
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

2 pensieri su “L’ultima del principe Carlo: “Il terrorismo islamico? Colpa anche della siccità”

  1. Ecco, nel discorso d’apertura si dice che bisogna fare fronte comune per trovare i fondi per risolvere il problema del riscaldamento globale.

    Ecco, a me pare che il loro problema sia trovare i fondi e basta.

      (Quote)  (Reply)

  2. Il principe Carlo farebbe bene a domandarsi chi ha contribuito a destabilizzare tutto il medio oriente, a cominciare dall’Iraq passando per la Libia, la Tunisia, l’Egitto e infine la Siria, in nome di una presunta democrazia o meglio per contendersi il petrolio, si chieda infine chi finanzia l’isis. Quando si sarà dato questa risposta potrà parlare. Fine OT.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.