Aumento dell’attività sismica legata alle anomalie di El Niño?

Si tratta di un argomento estremamente controverso nella scienza, come ci spiega , del famoso sito Metsul.com. Anche negli anni ’80, Daniel A. Walker, dell’Istituto di Geofisica presso l’Università delle Hawaii, ha pubblicato uno studio che collega il verificarsi di terremoti nella parte orientale della catena del Pacifico (East Pacific Rise o EPR, è situata lungo il margine orientale del Pacifico ed è un vasto e basso rigonfiamento sul fondo oceanico. Questa elevazione si erge fino a circa 3 Km al di sopra del circostante fondo oceanico e si estende mediamente per circa 3000 Km. E’ presente una zona centrale di avvallamento, ma ha scarsa rilevanza dal punto di vista topografico. L’elevazione interseca l’America Settentrionale nel golfo di California, e la sua continuazione riappare al largo dell’Oregon e si estende nel golfo d’Alaska. I due segmenti del sistema d’elevazione sono collegati dalla faglia di Sant’Andrea), e gli episodi di El Niño (acque calde dell’Oceano Pacifico nella regione equatoriale). Con oltre 285 mesi di dati fino a settembre 1987, Walker ha trovato una sorprendente coincidenza tra l’energia dei terremoti nella regione e ricorrenti episodi Niño in EPR.

I ricercatori si sono concentrati sulla micropiastra dell’Isola di Pasqua (Cile), perché è relativamente isolata da altri faglie, il che la rende più facile da distinguere nei cambiamenti causati dal tempo. Dal 1973, l’arrivo periodico di El Niño è stato accompagnato da una maggiore incidenza di tremori nei fondali marini, con una magnitudo compresa tra 4 e 6 gradi. Gli scienziati che appoggiano la teoria della correlazione tra El Niño e la sismicità sostengono che il fenomeno aumenterebbe il livello del mare, generando un maggiore peso e aumentando la pressione di fluidi nelle rocce dal letto dell’Oceano Pacifico.

L’argomento è molto controverso in geologia. El Niño potrebbe causare o è il risultato di attività sismica? Sarebbe un cambiamento importante e improvviso nel profilo di temperatura del Pacifico, in fase di transizione da El Niño o La Niña, che porterebbe a un aumento dell’attività sismica? O non hanno alcuna correlazione?

AG Hunt critica il lavoro di Walker nel suo studio (“Predittori sismici di El Niño rivisitati”), pubblicato nel 2000, osservando che tutti gli eventi di El Niño dal 1960 (forse con l’eccezione della manifestazione del 1982) sono stati preceduti da un cambiamento del livello del mare (inferiore nel Pacifico orientale e più alto in quello Occidentale). “Se un aumento delle condizioni oceaniche associate a livello di El Niño può essere in grado di indurre un aumento dell’attività sismica nella catena orientale del Pacifico (EPR), livelli così bassi potrebbero essere in grado di generare lo stesso effetto”, dice. Dice anche che i cambiamenti nel livello degli oceani nell’ordine che si osserva (legato al trasferimento di massa di acqua nei cicli ENSO) comportano variazione trascurabili nella pressione, e che sarebbe sufficiente a cambiare la frequenza dei terremoti (sismicità)

Controversie, del resto, che sono presenti anche nel lavoro di Walker (“Sismicità della East Pacific Rise: correlazioni con l’indice di oscillazione meridionale”), che rilevano come una volta appurato il ruolo del vento nello scatenare il fenomeno oceanico-atmosferico El Niño, la teoria che il riscaldamento è causato da attività vulcanica sul fondo dell’oceano sarebbe usa e getta. “La correlazione apparente tra El Niño e terremoti è solo una coincidenza”, conclude.

Un altro ricercatore, che ha affrontato il controverso argomento El Niño / sismicità, era Serge guilas (“L’analisi statistica del El Niño-Southern Oscillation e la sismicità marina e terrestre nel Pacifico tropicale orientale”). Nel suo studio, ha concluso che l’aumento dell’attività sismica nella regione orientale della catena del Pacifico nasce da un forte gradiente di temperatura della superficie del mare in movimento da est a ovest, portando ad un livello inferiore del mare a Oriente, e una riduzione della pressione nel letto marino a pochi chilopascal (kPa), stabilendo che i valori più alti della SOI (Southern Oscillation Index) portano più terremoti in 2, 3 e 6 mesi di fila, e valori più bassi dell’oscillazione meno terremoti.

In uno studio intitolato “Magma e ciclo El Niño“, pubblicato nel giugno 2011, i ricercatori Herbert R. Shaw e James G. Moore dell’USGS (United States Geological Survey) hanno riportato che grandi colate laviche sottomarine, a loro volta, potrebbero produrre anomalie termiche in grado di interrompere il processo ciclico del mare, il che può essere un fattore nella genesi di El Niño. Secondo i ricercatori, i principali eventi magmatici associati alla fluttuazione della sismicità lungo la catena del Pacifico orientale, sono possibili a intervalli più lunghi e potrebbero spiegare episodi di grande entità di El Niño, come il 1982-1983.

In un altro articolo (“Tettonica a placche e il ciclo El Niño“), pubblicato nell’aprile 2003, Maria Gausman analizza la frequenza dei terremoti, eruzioni vulcaniche, tsunami e la loro correlazione con il SOI (Southern Oscillation Index), una variabile utilizzata per monitorare il ciclo ENSO nel Pacifico equatoriale. “La correlazione delle varie attività tettoniche con la SOI non ha mostrato alcuna correlazione tra gli eventi.” Nel grafico dello studio (sopra), tuttavia, lo scienziato evidenzia un maggior numero di terremoti immediatamente precedenti e seguenti eventi gli eventi temporali di El Niño.

Quindi, ci sono studi scientifici che sostengono diverse teorie che sono ancora contraddittorie, e l’argomento solleva ancora più domande che risposte, come del resto è fatta la scienza in generale.

Fonte : http://www.meteoportaleitalia.it/sismologia/sismologia/editoriali-sismologia/15956-il-controverso-rapporto-tra-el-nino-e-l-attivita-sismica-nel-pacifico.html

Hatena Bookmark - Aumento dell’attività sismica legata alle anomalie di El Niño?
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.