Terremoti innescati dalla luna piena e dalle maree. E’ statistico

terremoto011

ROMA – I grandi terremoti, quelli sotto alla cui forza distruttiva è impossibile resistere, potrebbero essere innescati dalla luna piena. I più devastanti, come quello nel 2004 che ha colpito l’Indonesia provocando un enorme Tsunami oppure quello che ha scosso il Giappone nel 2011 danneggiando la centrale nucleare di Fukushima, sembrerebbero seguire uno stesso schema. Lo rivela un’analisi statistica pubblicata su Nature Geoscience da un gruppo di ricercatori dell’Università di Tokyo.

Nelle fasi di luna piena o nuova, l’attrazione gravitazionale della Luna e del Sole sulla Terra sono al loro apice e questo potrebbe innescare uno scivolamento delle faglie. “Questo studio conferma quanto è già stato dimostrato negli ultimi decenni da ricerche italiane e internazionali, e cioè che esiste un effetto astronomico che condiziona la tettonica delle placche e i terremoti”, spiega Carlo Doglioni, presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

”I meccanismi di questo fenomeno sono ancora da chiarire – precisa l’esperto – ma tutto è causato da un’alterazione della gravità terrestre dovuta alla presenza della Luna. L’effetto mareale, che causa la variazione del livello del mare che tutti conosciamo, si manifesta anche sulla terra solida: infatti il suolo si innalza e si abbassa di 30-40 centimetri due volte al giorno, anche se noi non ce ne accmo perché la lunghezza d’onda di questa oscillazione è di 5.000-6.000 km’‘.

terremoto021

Se questo si verifica in un’area critica, ”dove si è accumulata tanta energia e il gradiente di pressione è vicino al punto di rottura – prosegue Doglioni – allora l’effetto astronomico può rappresentare la goccia che fa traboccare il vaso, scatenando il terremoto”. I ricercatori giapponesi lo hanno confermato ricostruendo l’ampiezza delle forze di marea nelle due settimane antecedenti gli eventi sismici avvenuti nel mondo negli ultimi 20 anni con magnitudo pari o superiore a 5.5. Dai dati è così emersa una forte correlazione statistica tra forze di marea e grandi sismi.

”E’ ancora troppo presto per pensare di sfruttare l’effetto mareale per prevedere i terremoti – sottolinea Doglioni – ma di certo nuove ricerche in questo ambito ci aiuteranno a capire meglio quali sono le reali forze che muovono le placche terrestri”.

Fonte : http://www.blitzquotidiano.it/scienza-e-tecnologia/terremoti-innescati-dalla-luna-piena-e-dalle-maree-e-statistico-2545821/

Hatena Bookmark - Terremoti innescati dalla luna piena e dalle maree. E’ statistico
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

7 pensieri su “Terremoti innescati dalla luna piena e dalle maree. E’ statistico

  1. “Le maree solide svolgono un ruolo attivo sulla tettonica”.
    “Si sta attualmente cercando di dimostrare come la tettonica delle placche, che è stata finora in genere attribuita solo ai movimenti convettivi del mantello, sia in realtà anche fortemente influenzata dagli effetti rotazionali e conseguentemente tidali, quali l’attrazione lunisolare. L’energia dissipata dalle maree è di 1.6×10 19 J/yr, un’energia superiore addirittura a quella stimata per tutta la tettonica delle placche.”

    da “Ma chi spinge le placche ?” in “La deriva dei continenti” di Carlo Doglioni inserto di Repubblica 2005
    http://www.dst.uniroma1.it/sciterra/sezioni/doglioni/Publ_download/TettoniaPlaccheRepubblica.pdf)

      (Quote)  (Reply)

  2. “Nella concezione paradigmatica attuale, che la tettonica delle placche
    sia guidata dalla caduta verso il basso degli slab in subduzione, oppure
    dalla risalita dell’astenosfera nelle zone di rifting, o che sia il
    trascinamento delle celle convettive, a muovere le placche sarebbe
    sempre solo l’energia dissipata dalla convenzione chimico-termica, in
    altre parole il raffreddamento del pianeta. Questo nonostante vi sia un
    congruo numero di evidenze che la tettonica delle placche abbia invece
    anche un forte controllo di carattere astronomico o rotazionale, quali la
    diminuzione di velocità e di sismicità delle placche verso le zone polari,
    l’accumulo di materiale più freddo e più pesante nelle zone equatoriali,
    la deriva verso ovest della litosfera che spiega la forte asimmetria delle
    zone di subduzione che sono molto inclinate e profonde quando
    immergenti ad ovest, oppure poco inclinate e poco profonde quando
    immergenti verso est o nordest. Anche le zone di rifting presentano
    un’asimmetria visibile nella minore elevazione/batimetria della placca
    orientale rispetto a quella occidentale.
    Recentemente è stato proposto come la rotazione terrestre, se
    accoppiata alla convezione del mantello e alla reologia non lineare
    dell’astenosfera, possa essere considerata una causa primaria della
    tettonica delle placche sia in termini di energia che di direzioni di
    movimento.
    La dinamica interna al pianeta non sembra in grado da sola di spiegare
    la semplicità dei movimenti delle placche sulla superficie terrestre. La
    rotazione terrestre e l’attrazione gravitazionale della luna e del sole
    sono fenomeni complementari indispensabili per comprendere la
    dinamica terrestre, responsabile tra l’altro del continuo degassamento e
    alimentazione dell’atmosfera terrestre.”

    da “Ma chi spinge le placche ?” in “La deriva dei continenti” di Carlo Doglioni inserto di Repubblica 2005
    http://www.dst.uniroma1.it/sciterra/sezioni/doglioni/Publ_download/TettoniaPlaccheRepubblica.pdf)

      (Quote)  (Reply)

  3. “Il trascinamento astronomico sarebbe quindi non solo responsabile
    della deriva verso ovest della litosfera, ma anche della direzione
    preferenziale dei movimenti delle placche che tendono a disporsi lungo
    un flusso dominante, di forma sinusoidale, ma non troppo lontana dalla
    geometria di un cerchio massimo. Questo flusso tende a disporsi con
    un angolo di circa 30 gradi rispetto all’equatore, molto vicino al piano
    dell’eclittica più il piano della rivoluzione lunare (28 gradi). Le forze tidali
    sembrano dunque avere un’influenza fondamentale sulla dinamica
    terrestre, ma devono ancora essere capite pienamente, nonostante
    siano note già dall’età ellenistica.”

    da “Ma chi spinge le placche ?” in “La deriva dei continenti” di Carlo Doglioni inserto di Repubblica 2005
    http://www.dst.uniroma1.it/sciterra/sezioni/doglioni/Publ_download/TettoniaPlaccheRepubblica.pdf)

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.