La Neve a Roma dal ’39 ad oggi

Roma sotto la neve. Non la si vedeva così dal dicembre 2010. Anche se quell’episodio fu solo un accenno rispetto a quanto accadde il 12 febbraio precedente, quando un’abbondante imbiancata coprì tetti e strade della capitale e tutta la città, da San Pietro al Colosseo, si svegliò sotto un manto candido. Proprio come è avvenuto oggi, anche il Papa si affacciò alla finestra del palazzo Apostolico e furono tantissimi i romani e i turisti che, muniti di cellulari e macchine fotografiche, scattarono immagini che, anche grazie a internet, fecero il giro del mondo.

Prima di allora la Capitale imbiancata la si ricorda nel 1939, nel 1956, nel 1965, nel 1971. E poi nel 1985 e nel 1986, quando ci fu un’imbiancata da record. E ancora nel 1991, ne 1996, nel 1999 e nel 2005. Nonostante alla fine non sia stato un evento così raro negli anni, la neve a Roma è sempre stata considerata un evento eccezionale, e ‘magico’ a suo modo. Tanto che una delle leggende più amate, e ancora oggi celebrate, della città è quella relativa alla fondazione della Basilica di Santa Maria Maggiore, e alla nevicata che cadde nell’agosto del 352 d.C. all’Esquilino per indicare il luogo su cui edificare la chiesa.

Prima del 2010, la città eterna è stata imbiancata nel 2005, quando intorno alle 3 di notte del 27 gennaio caddero fiocchi nella parte sud di Roma, sull’Appia, sull’Ardeatina e a Ciampino. Un’imbiancata ci fu anche nel 2004, sempre nella zona sud della capitale ma molto leggera, e nel 2002, il 16 gennaio, i fiocchi caddero dalla 7.30 fino alle 9.30 con un accumulo di mezzo centimetro circa.

Nevicate più sostenute ci furono nel 1999 quando l’11 febbraio nevicò nella zona nord della città con circa 5 centimetri di neve al suolo. Poi, il 28 dicembre del 1996 nella notte ad intermittenza sono caduti nevischio e chicchi di grandine con 3 cm al suolo. Nel 1991 il 6 febbraio ha nevicato dalle 7 alle 9 con 6 cm al suolo.

Ma il record spetta al 1986, quando l’11 febbraio alle 8 del mattino Roma si svegliò sotto 23 centimetri di neve e la nevicata proseguì a singhiozzo per tutta la giornata. Anche nel 1985, il 5 gennaio, ci fu una grande nevicata, saltarono le linee telefoniche e si bloccarono i trasporti.

E andando ancora indietro nel tempo, il 6 marzo del 1971 alle 8 di mattina al suolo vi erano almeno 15 centimetri di neve, poi la nevicata del 1965, con 50 centimetri tra il 9 e il 10 febbraio. Nel 1956 tra il 2 e il 9 febbraio e il 18 e il 19 febbraio, è stato il periodo nevoso più lungo nella capitale. E altri 50 centimetri di neve ci furono nel 1939.

Ma la neve e Roma hanno un rapporto molto piu’ antico e profondo, come dimostra la storia della fondazione della Basilica di Santa Maria Maggiore, all’Esquilino. Una leggenda devozionale narra che la notte tra il 4 e il 5 agosto del 352 d.C. la Madonna apparve in sogno a un nobile patrizio romano e alla moglie, che, non avendo figli, avevano deciso di far edificare una chiesa in suo nome e disse loro che un miracolo gli avrebbe indicato il luogo su cui costruirla.

Anche il papa Liberio fece lo stesso sogno e il giorno seguente, recatosi sull’Esquilino, lo trovo’ coperto di neve. Il Papa stesso traccio’ il perimetro dell’edificio e la chiesa fu costruita a spese dei due coniugi, divenendo nota come chiesa di Santa Maria ‘Liberiana’ o popolarmente ‘ad Nives’.

”E oggi – rimarca l’architetto Cesare Esposito, ideatore e organizzatore della nevicata artificiale che ogni anno ricorda quel miracolo – per incanto la piazza di Santa Maria Maggiore e’ ricoperta di neve e sul luogo del miracolo dove e’ stata costruita la chiesa la facciata all’Esquilino e’ innevata”.

Fonte : http://sianna-roma.blogspot.it/2012/02/la-neve-roma-dal-39-ad-oggi.html

Hatena Bookmark - La Neve a Roma dal ’39 ad oggi
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

2 pensieri su “La Neve a Roma dal ’39 ad oggi

  1. Divide et impera..
    La scienza seziona per comprendere ciò che uno !
    Prima su questa piattaforma si scriveva…
    “OT solare”….
    adesso si cambia “OT della grande giostra planetario-solare”.

    😉

    Nuova regione solare in rotazione fronte terra.
    Sviluppo causa linea planetaria in formazione.
    Marte-Venere-Sole

    safe_image.php?d=AQCqGekvqhvhb_aY&w=487&h=487&url=http%3A%2F%2Fsdo.gsfc.nasa.gov%2Fassets%2Fimg%2Flatest%2Flatest_2048_HMII.jpg

      (Quote)  (Reply)

  2. Articolo da tenere pronto quando nevicherà la prossima volta a Roma e gran parte dei mass media e scienziati daranno la colpa al gw e ai cambiamenti climatici.
    In questi giorni continuano e ripeterlo come per un lavaggio del cervello.
    Sono eventi che si sono sempre verificati e sempre si verificheranno e se le quantità d’acqua che cadranno saranno queste ci saranno sempre danni, è impossibile contenere senza conseguenze 600 mm in due giorni.

    Stesso discorso sullo scioglimento dei ghiacci.
    Sarebbe interessante fare una ricerca sui proclami di 30 anni fa e vedere quelli che si sono verificati e quelli no.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.