Più morti che in guerra

E’ una guerra invisibile, con tre nemici. Ma ne combattiamo solo uno. E debolmente. E’ una guerra vigliacca, colpisce più i bambini che gli adulti. E fa più morti in Italia della seconda guerra mondiale. E’ una guerra che abbiamo sempre perso, e che abbiamo deciso di perdere ancora.  La propaganda la chiama “inquinamento“, ma il suo vero nome è un altro.

OSPEDALI E FUNERALI

Nella seconda guerra mondiale in Italia, in cinque anni e mezzo, sono morti per cause dirette e indirette, 291.376 militari e 153.147 civili [1]. In totale sono 444.000 morti. Ora in Italia, ogni anno, muoiono prematuramente per inquinamento dell’aria 87.ooo persone [2]. Quindi in cinque anni e mezzo (teniamo lo stesso periodo della seconda guerra mondiale per avere un confronto omogeneo) sono 478.000 morti. Come se non bastassero i morti, ci sono poi i “feriti“. In effetti le morti premature sono solo la punta dell’iceberg di un problema che devasta il Sistema Sanitario Nazionale.

Uno studio italiano del 2016 ha mostrato come l’incidenza delle malattie respiratorie siano più che raddoppiate in 25 anni (dal 1985 al 2011) [3]:

  • Attacchi d’asma +110%
  • Rinite allergica +130%
  • Espettorato frequente +118%
  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva(BPCO) +220%

I bambini sono particolarmente esposti all’inquinamento dell’aria[4]:

  • innanzitutto la loro velocità di respirazione è 2/3 volte quella di un adulto;
  • poi lo strato cellulare che ricopre le loro vie respiratorie è più permeabile agli inquinanti, rispetto quello di un adulto;
  • le ridotte dimensioni delle vie respiratorie aumenta la probabilità di ostruzione a seguito di infezioni;
  • il loro sistema immunitario non è ancora sviluppato, ciò aumenta il rischio di infezioni respiratorie e diminuisce la capacità di contrastarle.

Come tutte le guerre, anche questa ha un costo, ma è negativo, cioè non spendiamo nel combatterla, ma nel perderla. Ogni cinque anni e mezzo, la spesa sostenuta per i costi sanitari (ospedalizzazioni, giornate perse di lavoro, visite, esami e cure) arriva a 530 miliardi di euro [5]. Per dare un’idea, è più della ricchezza prodotta in un anno dalla Lombardia e Veneto (le due regioni più ricche), ed equivale annualmente a quasi il 5% del PIL nazionale. In realtà, per come si calcola il PIL e la ricchezza di uno stato, è più corretto dire che grazie a questa spesa il nostro PIL è gonfiato di un 5%.

 ENTRIAMO NEL PARTICOLATO

Vediamo di capire cosa è successo nei giorni scorsi. Semplificando, l’inquinamento dell’aria è riconducibile principalmente alle polveri sottili, PM2,5, responsabili di oltre il 70% dei morti, e agli ossidi di azoto, che uccidono un altro 20%. [6] Il PM2,5 è composto da minuscole particelle “respirabili” che rimangono in sospensione nell’aria e riescono a giungere sin dentro ai polmoni e da qui nel sangue.

Le particelle, chiamate anche particolato, possono avere l’origine più diversa e trasportare altri inquinanti molto pericolosi, come il Benzopirene. Per questo, indipendentemente dall’origine, le PM2,5 sono classificate come cancerogene.

Il particolato [7] per lo più è prodotto in due modi:

  1. direttamente da tutte le combustioni (particolato primario)
  2. in inverno, a partire da altri inquinanti gassosi, soprattutto i composti azotati (ossidi di azoto e ammoniaca), quando le condizioni meteo trasformano l’aria inquinata in un vero e proprio laboratorio chimico-fisico (particolato secondario).

In inverno, le condizioni meteo (freddo, assenza di vento) possono portare alla concentrazione rapida del particolato nelle pianure e nei fondovalle. L’ultimo eclatante episodio è capitato solo pochi giorni fa ed ha investito l’intera Pianura Padana, con valori delle PM2,5 ben al di sopra degli 80 ug/m3 (il limite medio annuo è 25).

Concentrazioni di PM2,5 il giorno 31-1-2017 in Lombardia e Emilia Romagna. Fonte: Arpa Lombardia e Arpa Emilia Romagna. L’evento è capitato a grande velocità: sono bastati solo tre giorni. Segno questo che la produzione di inquinanti in Pianura Padana è troppo elevata per il ricambio e la diluizione dell’aria garantita dalle condizioni meteo e morfologiche della grande vallata.

Impennata delle concentrazioni di PM2,5 alla periferia della città di Cremona a fine gennaio 2017.

 SORPRESI DAL NEMICO ALLE SPALLE

Facciamo un gioco con i colori. Scopriamo in Italia chi produce i principali tre inquinanti: PM2,5, Ossidi di Azoto e Ammoniaca.

(cliccare per ingrandire) Ripartizione per settore di produzione, dei tre principali inquinanti dell’aria nel 2013, su base nazionale. Il traffico veicolare è calcolato su modelli reali di utilizzo, include quello leggero e quello pesante, l’usura dei pneumatici ma non quella dell’asfalto. Fonte: ASPOItalia, Inquinamento: tutti i banditi e i mandanti.

Si scoprono tre cosette interessanti:

  1. La prima sorpresa sono le biomasse (legna e pellet) per riscaldamento che producono il 60% delle PM2,5, sono di gran lunga la principale fonte di particolato primario;
  2. meno sorprendentemente, il traffico veicolare è il principale produttore degli ossidi di azoto, con il 42,5%;
  3. la seconda sorpresa viene dalla produzione di ammoniaca, che è al 95% prodotta dal settore agricolo (utilizzo di fertilizzanti);

Questi sono dati nazionali, vediamo di calarli in due casi reali.

In una grande città come Milano, in inverno biomasse (legna e pellet), traffico e particolato secondario producono ciascuno circa un terzo del PM2,5. In aperta campagna invece, oltre che al dimezzarsi del PM2,5 totale, i contributi sono: biomasse 35%, traffico 9%, particolato secondario 53% (NOx 31%, NH3 14%, SOx 9%) e altro 3%. [8]

Fine prima parte.  

 

Note

[1] Morti e dispersi dal 10/6/1940 al 31/12/1945. Fonte: ISTAT, Morti e Dispersi per cause belliche negli anni 1940-45, 1957

[2] Considerate le morte premature per Pm2,5 (66.630 decessi) e Ossidi di Azoto (21.040 decessi). L’ozono non è stato considerato in quanto inquinante estivo e causa di un numero di decessi prematuri decisamente più basso (3.380). Fonte: European Environment Agency, European Air Quality in Europe, pag 60, 2016

[3] Sara Maio et al., Respiratory symptoms/diseases prevalence is still increasing: a 25-yr population study, Respiratory Medicine 110 (2016) pp. 58-65

[4] UNICEF, Clear Air for the Children, Oct 2016, pp. 8/9

[5] Conto effettuato con cambio euro su dollaro a 1,08. Per l’Italia ogni anno i costi sanitari ammontano a circa 97 miliardi di dollari 2010. Fonte: WHO, Economic cost of the health impact of air pollution in Europe, 2015

[6] Sarebbero da trattare anche gli ossidi di zolfo, ma siccome sono stati ridotti moltissimo negli anni passati, il loro contributo è ormai secondario e le possibilità di intervento rimangono solo nell’industria dei solventi e nei trasporti marittimi. Si osservi che l’80% è di origine naturale (vulcani). Fonte: ASPOItalia, Inquinamento: tutti i banditi e i mandanti.

[7] Tralasciamo il particolato di origine naturale e trattiamo solo quello di origine antropica.

[8] M.G.Perrone, B.R. Larsen et al., Sources of high PM2.5 concentrations in Milan, Northern Italy: Molecular marker data and CMB modelling, Science of The Total Environment,Volume 414, 1 January 2012, Pages 343–355 [vedere pag 353]

 

Fonte : https://aspoitalia.wordpress.com/2017/02/05/piu-morti-che-in-guerra/

Hatena Bookmark - Più morti che in guerra
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

16 pensieri su “Più morti che in guerra

  1. Relazione dettagliatissima che dovrebbe contribuire a modificare stili di vita singoli e collettivi.
    Molto lavoro da fare per chi ci governa.
    Complimenti, Michele.

      (Quote)  (Reply)

  2. Giovanni Iacopetti:
    Relazione dettagliatissima che dovrebbe contribuire a modificare stili di vita singoli e collettivi.
    Molto lavoro da fare per chi ci governa.
    Complimenti, Michele.

    Ciao Giovanni,
    l’articolo non l’ho scritto io, ma un certo Dario Faccini
    Vedi link riportato a termine.

      (Quote)  (Reply)

  3. Chissà,allora, cosa c’era nell’aria un centinaio di anni fa quando la vita media degli umani era di qualche decennio inferiore ad adesso.

      (Quote)  (Reply)

  4. Bello l’articolo. Peccato che tra le varie cause di inquinamento da polveri sottili
    si eviti accuratamente di parlare di quello da geoigegneria con a volte visibilissime nebbie diricaduta che non penso siano formate da sola umidita’…..

      (Quote)  (Reply)

  5. Mario,
    Sicuramente un secolo fa l’aria era meno inquinata di ora.
    La durata media della vita, sia nella pianura padana che altrove, era di molto inferiore. Sono stati i progressi della medicina (antibiotici, RX, TAC, etc.. ad allungare la vita media.

      (Quote)  (Reply)

  6. Giovanni Iacopetti:
    Mario,
    Sicuramente un secolo fa l’aria era meno inquinata di ora.
    La durata media della vita, sia nella pianura padana che altrove, era di molto inferiore. Sono stati i progressidella medicina (antibiotici, RX, TAC, etc.. ad allungare la vita media.

    In parte è vero… ma la popolazione più longeva al mondo sono gli Hunza, vita media oltre 130 anni, donne feconde fin oltre 90 anni, vivono al confine nord del Pakistan.. le medicine forse non sanno neanche cosa sono e certi tipi di malattie non esistono proprio (tipo il cancro…). Sono vegetariani e fanno lunghi periodi di digiuno l’anno, anche per problemi dovuti a periodi di carestie… il discorso del digiuno andrebbe approfondito ma vado decisamente troppo fuori tema…
    Noi, oltre la pessima aria che respiriamo e il tipo assurdo di vita che conduciamo, mangiamo anche tante porcherie… 😉

      (Quote)  (Reply)

  7. Giovanni Iacopetti,

    Sicuramente… infatti la mia non è una bufala… informarsi bene prima di giudicare… ma visto che sei così onniscente da conoscere il mondo intero, allora mi inchino dinanzi alla tua profonda e vasta conoscenza…

      (Quote)  (Reply)

  8. jack1973,

    APPUNTO, informarsi bene: Da Wikipedia in tedesco:
    “Das Hunzatal ist wie die gesamte Region ein Jodmangelgebiet, weshalb Hunzukuc mit Kropf keine Seltenheit sind. Ebenfalls vermehrt treten Augenschädigungen wie grauer Star sowie Hautschädigungen wie vorzeitige Hautalterung und Hautkrebs auf, die auf die UV-Belastung in großer Höhe zurückzuführen sind. Japanische Mediziner haben bei Untersuchungen etliche Fälle von Krebs, Herzkrankheiten und Tuberkulose festgestellt und wenig Hinweise für eine besondere Langlebigkeit der Menschen gefunden. Die Kindersterblichkeit ist mit einer Todesrate von 30 % vor dem 10. Lebensjahr extrem hoch, zehn Prozent der Erwachsenen sterben vor dem 40. Lebensjahr.[5]

    Fehlende Geburtsregister auf Grund der Tatsache, dass die Hunzukuc keine Schriftsprache haben, sowie der hohe soziale Status der alten Menschen haben unter anderem dazu geführt, dass der anekdotenhafte Mythos der Langlebigkeit der Hunzukuc entstehen konnte. ”

    Traduzione: La valle degli Hunza, come tutta la regione é un territorio privo di Iodio, per questo motivo gli Hunza col gozzo non sono una raritá. Per lo stesso motivo sono numerosi i casi clinici di danni agli occchi ( Cataratta) e cancro alla pelle, anche a causa del maggior esposizione ai raggi ultravioletti, dovuta all´altitudine della regione. Medici giapponesi hanno riscontrato numerosi casi di cancro, tubercolosi e malattie cardiovascolari e, all´opposto, pochissimi indizi di una superiore longevitá della popolazione rispetto alla media. La mortaliá infantile corrisponde al 30% ( entro il decimo anno di vita) e 10% degli adulti muoiono prima di 40anni.

    La mancanza di Registri di nascita, dovuti al fatto che gli Hunza non hanno una lingua scritta, cosí come il loro stato sociale hanno creato il mito totalmente non comprovato della longevitá degli Hunza.”

      (Quote)  (Reply)

  9. Lorenzo Da Rio,

    Wikipedia… su wikipedia ci può scrivere chiunque… io potrei trovarti altri centinaia di articoli che dicono esattamente l’opposto e anche libri nei quali viene citato questo popolo per la sua longevità… comunque, stiamo andando fuori tema e sarebbe del tutto inutile continuare. 😉

      (Quote)  (Reply)

  10. jack1973,

    Allora citami i libri,che riportano il contrario per cortesia. Sennó suona da “alternative facts” alla Trump…
    Finora l´unica citazione al merito é la mia. E riguardo a Wikipedia: puó essere scritta da chiunque, si hai ragione, ma qualsiasi cosa scritta puó anche essere criticata, modificata e perfezionata da chiunque. Se si dimostra che sono riportate informazioni errate, una voce puó anche essere eliminata dalla comunitá. Per cui la probabilitá che vi vengano riportate informazioni vere é piú alto del contrario.
    Se mi dimostri il contrario mi mangio il cappello!
    Comunque hai ragione non divaghiamo, sennó ci prendono per troll…

      (Quote)  (Reply)

  11. Lorenzo Da Rio,

    Se le informazioni sugli Hunza – vita media 130 anni, donne fertili fino a 90 anni – sono vere, sono pronto anch’io a rimangiarmi quello che ho scritto.

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine