Le manovre politiche che manipolano la scienza del clima

Il raffreddamento globale, con inverni più rigidi e scarsa distribuzione delle piogge, è previsto per i prossimi 20 anni, invece del riscaldamento globale antropogenico (AGA) propagandato dal Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC).
L’AGA è un’ipotesi senza solide basi scientifiche . Le sue proiezioni climatiche, fatte con modelli matematici, sono solo esercizi accademici, inutili nella pianificazione per lo sviluppo globale.
Il suo pilastro fondamentale è l’intensificazione dell’effetto serra attraverso azioni umane che emettono anidride carbonica (CO2) e metano (CH4), bruciando combustibili fossili e foreste tropicali, attività agricole e bestiame ruminante.
Tuttavia, l’effetto serra non è mai stato provato, né è nemmeno menzionato nei testi di fisica. Al contrario, per più di cento anni il fisico Robert W. Wood ha dimostrato che il suo concetto è falso.
Le temperature sono già state più alte, con concentrazioni di CO2 più basse rispetto ad oggi.
Ad esempio, tra il 1925 e il 1946, l’Artico in particolare ha registrato un aumento di 4 ° C con CO2 inferiore a 300 ppmv (parti per milione in volume). Oggi la concentrazione è di oltre 390 ppmv.
Dopo la seconda guerra mondiale, quando le emissioni aumentarono significativamente, la temperatura globale diminuì fino alla metà degli anni ’70.
Cioè, è chiaro che la CO2 non controlla il clima globale . Ridurre le emissioni, a un costo enorme per la società, non avrà alcun impatto sul clima.
Poiché oltre l’80% della matrice energetica globale dipende dai combustibili fossili, ridurre le emissioni significa ridurre la produzione di energia e condannare i paesi sottosviluppati alla povertà eterna, aumentando le disuguaglianze sociali sul pianeta.
La trama AGA non è nulla di nuovo e ha seguito la stessa ricetta della presunta distruzione dello strato di ozono (O3) da parte dei clorofluorocarburi (CFC) negli anni ’70 e ’80.
Hanno ipotizzato che le molecole di CFC, da cinque a sette volte più pesanti dell’aria, salissero a più di 40 km di altitudine, dove si verifica la formazione di O3.
Il “buco dell’ozono” era considerato un problema dalla letteratura pseudoscientifica, quando è un problema inesistente
Ogni atomo di cloro rilasciato distruggerebbe migliaia di molecole di O3, riducendo la loro concentrazione e consentendo un maggiore apporto di radiazioni ultraviolette sulla Terra, il che aumenterebbe i casi di cancro della pelle ed eliminerebbe migliaia di specie di esseri viventi.
Gli incontri con scienziati, anche provenienti da paesi sottosviluppati, sono stati fatti per dare un carattere pseudo-scientifico al problema, il Pannello Ozone Trend è stato creato nell’ambito del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e del Protocollo di Montreal 1987), firmato da paesi sottosviluppati sotto la minaccia di sanzioni economiche.
Nel 1995, gli autori delle equazioni chimiche che presumibilmente distrussero l’O3 ricevettero il premio Nobel per la chimica.
Vero obiettivo: governo mondiale che asservisce i paesi
Ma nel 2007, gli scienziati del Jet Propulsion Laboratory della NASA hanno dimostrato che le loro equazioni non si verificano nelle condizioni reali della stratosfera antartica e non sono la causa della riduzione dell’ozono.
L’AGA ha seguito le stesse fasi, con riunioni scientifiche, la creazione dell’IPCC, il Protocollo di Kyoto e il Nobel (Pace?) Per l’IPCC e Al Gore.
Questi erano due tentativi di stabilire una governance globale.
Quale sarà il prossimo passo? La piattaforma intergovernativa per le politiche scientifiche in materia di biodiversità e servizi (IPBES)?
SAND-RIO
Hatena Bookmark - Le manovre politiche che manipolano la scienza del clima
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

9 pensieri su “Le manovre politiche che manipolano la scienza del clima

  1. Comunque l’attività umana o meglio “antropica” non si esplica solamente attraverso le emissioni, ma anche con cementificazione e disboscamento.
    Vastissime aree hanno subito questa sorte.
    Le aree forestali possono essere considerate in fisica come “corpi neri”, cioè assorbono praticamente tutta l’energia irradiato su di esse dal sole.
    Questa energia viene in gran parte trasformata in vapor acqueo che è di gran lunga il peggior gas serra, come tutti sanno.
    Le aree disboscate viceversa fungono, insieme ai deserti, come “specchi” in grado di riflettere l’energia nello spazio.
    L’insignificante qualità da effetto serra dell’anidride carbonica, ammesso che ci sia, è insufficiente a controbilanciare il raffreddamento causato dalla devastazione umana.
    Inoltre le micro e macro-plastiche che ricoprono vaste aree degli oceani (altro corpo nero) ne aumentano l’albedo e ne rallentano l’evaporazione togliendo altro vapor acqueo serra all’atmosfera.
    Non so se ci sono studi in merito capaci di quantificare almeno teoricamente l’effetto di raffreddamento dovuto a queste modifiche ambientali su larga scala.
    Può darsi che il riscaldamento di questo ultimo secolo sia inferiore a quello che ci sarebbe comunque stato per effetto astronomico e l’opera umana l’abbia in realtà non amplificato ma al contrario mitigato.
    Questo sarebbe ancora peggio del mito AGA in quanto amplificherà il ciclo inverso di raffreddamento astronomico che prima o poi si verificherà.
    Più freddo significherà meno produzione agricola in un mondo sovraffollato.
    Io mi preoccuperei di questo.

      (Quote)  (Reply)

  2. Sarebbe interessante qualche link dove viene descritto perché le equazioni che hanno portato l’accademia svedese a dare il nobel agli “autori” sono sbagliate.

      (Quote)  (Reply)

  3. Per rendere gli affari legati alle emissioni di CO2 si sono anche inventati i Certificati, in modo che un paese che riduce le proprie emissioni più di quanto dovrebbe può vendere ad altri paesi meno “efficienti” la possibilità di emettere CO2 a un tot di $ a tonnellata.
    Questo genera affari per miliardi ogni anno.

      (Quote)  (Reply)

  4. Grazie per il link . Molto interessante, con il mio povero inglese e l’aiuto di qualche traduttore ho cercato di capire. In effetti a questo gruppo di ricercatori non tornavano i conti ed hanno posto la domanda al resto della comunità scientifica. La quale ha risposto due anni dopo con un’altro lavoro , sempre su Nature. https://www.nature.com/news/2009/090507/full/news.2009.456.html Dove si sostiene che i dati diversi erano originati da una mancata purezza del materiale usato per i test . Dibattito che prosegue per comprendere nel dettaglio la chimica della disgregazione dell’ozono nella stratosfera. Dibattito scientifico, test , verifiche. Nessun complotto.

      (Quote)  (Reply)

  5. Maurizio,

    Sarebbe bello quello che dici “dibattito scientifico, test, verifiche. Nessun complotto.”

    Purtroppo però c’è da aggiungere il potere del denaro. I CFC sono stati sostituiti dagli HCFC esattamente quando scadeva il brevetto sulla loro produzione (https://en.wikipedia.org/wiki/Chlorofluorocarbon alla voce “Regulation and DuPont”).

    Non credo possa essere una coincidenza. Non necessariamente la colpa è degli scienziati che hanno fatto misure errate, questo capita. Sicuramente però si è fatto uso di un lavoro scientifico in modo errato, con un pesantissimo condizionamento economico (e quindi in maniera disonesta e a-scientifica).

    Aggiungerei che è esattamente la stessa cosa che succede con il riscaldamento globale: l’ipotesi di riscaldamento antropico non è una vaccata a priori, è un’ipotesi scientifica, accettabile ma da discutere e analizzare con i dati a disposizione; a mio parere si scoprirà che il fattore antropico è solo una parte (probabilmente non maggioritaria) del riscaldamento.
    Però l’ipotesi del riscaldamento di origine antropica è giudicata l’unica possibile per motivi economici e politici.

      (Quote)  (Reply)

  6. MatteoP:
    Maurizio,

    Sarebbe bello quello che dici “dibattito scientifico, test, verifiche. Nessun complotto.”

    Purtroppo però c’è da aggiungere il potere del denaro. I CFC sono stati sostituiti dagli HCFC esattamente quando scadeva il brevetto sulla loro produzione (https://en.wikipedia.org/wiki/Chlorofluorocarbon alla voce “Regulation and DuPont”).

    Non credo possa essere una coincidenza. Non necessariamente la colpa è degli scienziati che hanno fatto misure errate, questo capita. Sicuramente però si è fatto uso di un lavoro scientifico in modo errato, con un pesantissimo condizionamento economico (e quindi in maniera disonesta e a-scientifica).

    Aggiungerei che è esattamente la stessa cosa che succede con il riscaldamento globale: l’ipotesi di riscaldamento antropico non è una vaccata a priori, è un’ipotesi scientifica, accettabile ma da discutere e analizzare con i dati a disposizione; a mio parere si scoprirà che il fattore antropico è solo una parte (probabilmente non maggioritaria) del riscaldamento.
    Però l’ipotesi del riscaldamento di origine antropica è giudicata l’unica possibile per motivi economici e politici.

    Quoto tutto.

      (Quote)  (Reply)

  7. È giá nelle bozze un lungo articolo (purtroppo molto lungo) dove faccio tutta la storia del buco dell´ozono in antartide con formule chimiche comprese. Vero é che il mondo scientifico sta adesso studiando a fondo quanto ci sia di vero sul colpevole CFC. Ma il danno giá é stato fatto e tutti i media e i senza cervello parlano e sparlano di buco nell´ozono senza neanche sapere di cosa parlano. I media si riempono la bocca con le paole BUCO DELL`OZONO, RISCALDMENTO GLOBALE, CLIMA IMPAZZITO, BOMBE D`ACQUA, TEMPESTE MAI VISTE PRIMA, URAGANI PIÙ FORTI DI SEMPRE ECC ECC. Ci manca poco che terremoti e eruzioni vulcaniche siano colpa dell´uomo.
    Ma basta fare un piccolo calcolo: La Terra si compone del 71% di oceani e mari, il 29% di continenti. La metá di questo 29% é costituita da ghiaccio e deserti. Un altro 7 – 8% é composto da foreste native o boschi coltivati. L´uomo “manipola” pertanto circa il rimanente 7% della superficie restante. E volete che questo 7% sia sufficente a distruggere il 93% del pianeta?. Gli oceani e l´attivitá solare sono i principali attori che regolano il clima terrestre. Poi se vogliono sentirsi onnipossenti come Dio sono affari loro….

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.