Chi ha riscaldato il clima nel sud america nel medioevo? Gli Indios?

Studi sul riscaldamento del clima in Sud America nel caldo periodo medievale. Clicca qui per vedere l'elenco di 1.200 studi sul fenomeno

Un nuovo studio guidato dal Dr. Sebastian Lüning, dall’Istituto di idrografia, geoecologia e scienze del clima della Svizzera, e dal prof. Fritz Vahrenholt il Dipartimento di Chimica presso l’Università di Amburgo, in Germania, è tornato a concentrarsi sul “riscaldamento globale” che si é verificao in Sud America durante il Medioevo.

Ovviamente questo non può essere attribuito agli indios, unici abitanti del continente in quel momento, né alle loro tecniche di sopravvivenza primitive. Queste tecniche ci vengono ora presentate come l’ancora di salvezza del pianeta minacciato dalla civiltà industriale.

Il rapporto pubblicato sul web il 31 ottobre  2018 al Quaternary International conferma solo ciò che è stato riaffermato da scienziati seri – non allarmisti: il clima planetario subisce periodi ciclici di riscaldamento e raffreddamento.

Una traduzione dell´originale tedesco è stata facilitata da NoTricksZone .

Il Medioevo ha vissuto uno di questi periodi di riscaldamento globale. Ed è stato un riscaldamento globale, non solo nel nostro continente Europeo.

Gli studi sul periodo caldo caldo stanno assumendo un volume travolgente. Nell’impossibilità di riprodurli tutti, anche sotto forma di semplice elenco, consigliamo al lettore di fare clic sul collegamento per una panoramica di 1.200 di questi lavori recenti.

Gli attuali – e famigerati – “modelli” climatici non possono simulare in modo soddisfacente il riscaldamento medievale. Forse influenzato dai pregiudizi ideologici dei suoi autori accecati dal riscaldamento globale. E stanno cercando in tutti i modi di sminuire il riscaldamento che il pianeta ha subito nel medio evo. Quello che non possono spiegare tentano cancellarlo.

Nel lavoro pubblicato su Quaternary International , il team di scienziati riunisce un gran numero di studi che coprono l’intero continente sudamericano, studiando resti di pollini, sedimenti lacustri nelle Ande, sedimenti marini, ecc.

Questi studi hanno ricostruito le oscillazioni nella diminuzione e l’espansione dei ghiacciai andini e le variazioni registrate negli anelli dei tronchi.

Il Dr. Lüning e il team hanno scoperto che la stragrande maggioranza dei 76 articoli scientifici consultati e dedicati specificamente al caso puntano a un riscaldamento del clima sudamericano nel“Periodo caldo medievale”.

Sono state riscontrate eccezioni sulle spiagge del mare in Perù, nel nord del Cile e a Cabo Frio (Brasile) e sono attribuite ai cambiamenti delle correnti aeree e delle correnti marine.

Il Dr. Sebastian Lüning lavora per l'Istituto di idrografia, geoecologia e scienze del clima della Svizzera
Il Dr. Sebastian Lüning lavora per l’Istituto di idrografia, geoecologia e scienze del clima della Svizzera

Secondo l” astratto ” o menù di lavoro, chiamato “Climate Anomaly Medievale” íl riscaldamento ha raggiunto il suo picco tra gli anni 1000-1200 d. C. in sincronia con quello dell’emisfero settentrionale. Può essere studiato in una gamma di 1.500 anni.

La grande maggioranza delle terre sudamericane presenta questo riscaldamento: l’aumento della vegetazione nelle zone andine, la contrazione dei ghiacciai, l’aumento della produttività biologica in laghi di grandi altezze, la durata della stagione fredda, la riduzione dei laghi nelle Ande, eccetera

L’intensità del riscaldamento in Sud America e nell’emisfero settentrionale è paragonabile, oltre a essere sincrona, e attribuibile a cicli oceanici nel Pacifico e nell’Atlantico di molti secoli di durata, probabilmente legati all’attività solare.

Fu una trasformazione gigantesca che non aveva nulla a che fare con le cause umane, come ora  intendono farci credere nella propaganda ideologicamente distorta.

La mappatura del clima medievale sudamericano è stata accompagnata dai risultati di analoghe iniziative scientifiche in Antartide e nell’Africa meridionale.

Panoramica degli studi sul periodo caldo caldo.
L’esistenza di questo periodo dimostra che l’uomo e la sua civiltà
sono irrilevanti nei grandi cambiamenti climatici.
Clicca qui per vedere l’elenco di 1.200 studi sul fenomeno

Le tendenze climatiche registrate erano simili, in aggiunta alle somiglianze di cui sopra con quelle osservate nella metà boreale del pianeta.

Hanno partecipato allo studio anche Mariusz Gałka del Dipartimento di Biogeografia e Paleoecologia della Facoltà di Scienze Geografiche e Geologiche Adam Mickiewicz dalla Polonia; Florencia Paula Bamonte del Laboratorio di Paleologia e Paleologia dell’Università Nazionale di Mar del Plata, Argentina; e Felipe García Rodríguez, del Centro Universitario Regionale Este, Uruguay.

SAND-RIO

Hatena Bookmark - Chi ha riscaldato il clima nel sud america nel medioevo? Gli Indios?
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

2 pensieri su “Chi ha riscaldato il clima nel sud america nel medioevo? Gli Indios?

  1. Per me invece sono stati gli indios… All epoca nn c erano bagni, e le loro cacche unite a quelle di ovini e bovini, nonche la legna cge bruciavano per cucinare e riscaldarsi, hanno provocato l optimum medievale… Sempre ad arrampucarvi sugli specchi voi negazionisti! 🤣🤣🤣

      (Quote)  (Reply)

  2. È interessante perché molti pensano che la piccola era glaciale così come l’ottimo medievale siano eventi locali, eurasiatici o al massimo del Nord America.
    Vale a dire cambiamenti prettamente zonali e quindi con esclusione della variabile cosmica.
    A questo punto se è dimostrato il cambiamento mondiale, è dimostrata anche l’influenza solare.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.