Archivi categoria: ciclo solare 25

Il ciclo solare SC25 sta per iniziare ?

Forse ci siamo o forse no… ma il momento e alcuni segnali mi spingono a scrivere qualcosa sulla situazione attuale nel nostro sistema solare. Scrivo quindi questo telegrafico articolo per mostrarvi due aspetti interessanti. Due osservazioni, che forse posso indicare o essere il segnale della “iniziale” partenza del ciclo solare SC25.

La prima osservazione interessa la configurazione planetaria. Che cosa c’è di particolare in cielo ? Semplice… da ora in avanti diversi pianeti si avvicineranno. Non ci sarà alcun multi-allineamento planetario, ma una lenta connessione o raggruppamento (in un ristretto settore del sistema solare) di diversi pianeti. Gli attori in gioco, nelle prossime settimane, saranno : Giove, Saturno, Venere, Marte e la Terra. Chiaramente, la mia osservazione è rivolta in particolar modo verso i tre maggiori indagati (artefici) nella genesi del ciclo undecennale solare, quali : Giove, Venere e la Terra. Questa situazione (si osservi l’immagine a seguire) mi fa pensare a Giugno e Luglio, in particolare, quali mesi peculiari per una probabile partenza o genesi (spinta mareale) del ciclo solare SC25.

La seconda osservazione la troviamo invece nel rilievo (istantanea) che questa sera la sonda stereo Ahead ci fornisce del lato non visibile del Sole. Che cosa osserviamo ? Bhè…potete vedere distintamente due macchie solari. Ar, che sembrano in procinto di affacciarsi fronte Terra.

Che cosa potrebbe succedere quindi ? Personalmente, non mi aspetto un grande balzo degli indici solari, come il SF – flusso solare oppure flare etc.. Resta tuttavia il fatto che il momento è particolare e potremmo essere decisamente spettatori di una situazione estremamente interessante. Per la prima volta, ed in anticipo di qualche mese, potrebbe essere sotto i nostri occhi, la ripartenza della dinamo solare. Questa situazione è una nuova conferma della connessione solare-planetaria ?

Poi ci sarebbe da scrivere qualche riga sul capitolo delle possibili ripercussioni che potrebbero occorrere sul nostro pianeta. Climatiche, geologiche… ?

Un passo alla volta, step by step…

Restiamo spettatori e vediamo che cosa succede…

Michele

SIMON’S BACK…

Un caloroso saluto a tutto il popolo di NIA e un Buon 2019 a tutti…dopo non so nemmeno io quanti anni, mi ritrovo a scrivere un editor su NIA, blog da me fondato nel lontano ottobre 2008, proprio quando si era appena entrati nel profondo minimo solare che ha contraddistinto il passaggio tra i cicli 23 e 24.

Da allora sono passati 10 anni, e dopo che il blog e’ stato amministrato e gestito in maniera ottimale dall’ottimo e preparatissimo Michele, mi ritrovo qui, ancora una volta, a scrivere di Sole, di cicli solari e probabili interferenze con il nostro clima. Da allora ne sono successe di cose nella mia vita privata e professionale, dal matrimonio, dalla nascita di mio figlio Tommaso, dalla specializzazione in medicina del lavoro, l’acquisto della casa. Insomma cose quotidiane e comuni a molti di voi, ma che sicuramente mi hanno rubato tempo ed energia rispetto a 10 anni fa. Ma la passione e’ sempre rimasta la stessa, la fissa anche, neve, freddo, gelo, il sole che governa tutto, come allora, oggi piu’ convinto che mai…

Sono sicuramente un po’ arruginito, alcune cose me le devo ripassare, sicuramente non avro’ piu’ lo stesso tempo che avevo prima, ma cerchero’ ogni tanto di scrivere e rendere vivo questo blog, il primo che ha parlato qui in Italia di sole.

Tutto e’ nato quando qualche giorno fa, poco prima della notte di S. Silvestro, mi arriva un email da Altervista in cui mi si chiedeva di dare un segno della mia esistenza su questa terra… 😉 altrimenti entro 30 giorni, il blog sarebbe stato rimosso… non ci ho pensato 2 volte… subito mi sono collegato a NIA, ed ovviamente, non ricordavo la pw, cosi mi sono subito mosso per riaverne una, ma Altervista nel frattempo visto il lungo periodo di inattivita’ mi aveva bloccato il servizio email…quindi ho dovuto prima collegarmi con altervista (ed anche lì avevo scordato la pw) e solo oggi sono riuscito a sbloccare la situazione e come promesso in anteprima ieri sera, eccomi qui…

Cosa trovo al mio ritorno…trovo un sole che si e’ rimesso a dormire (non che il massimo del ciclo solare 24 sia stato poi chissa’ cosa), ma ora durante il 2018 siamo entrati un’altra volta, proprio come nel 2008 all’apertura del blog, nella fase del minimo solare. Dai dati che ho fatto in tempo a scrutare in rete, questo 2018 ha fatto circa 220-230 giorni spotless contro i 270 del 2008, ma non mi stupisce piu’ di tanto, in quanto i nostri amici catanesi e company della rete del Sidc avranno perfezionato ancor di piu’ le loro tecniche di avvistamento delle macchie solari, dati che e lo ribadisco ancora ora e con ancor piu’ veemenza di allora, sono assolutamente impossibili da confrontare con quelli del passato… aggiornamento: mi fanno giustamente notare che l’anno 2018 va paragonato col 2007, quindi bene cosi’)

Non ci resta che osservare e vigilare, ricordanto che il clima della Terra e’ sempre mutato e che sono le fasi dei cicli solari a modularne la fattispecie, per buona pace dell’agw e della setta che vi e’ dietro.

Colgo l’occasione per ricordare a tutti che io ce la mettero’ tutta per rendere il blog il piu’ attivo possibile, ma si ricercano editor che mi diano una mano, senza nessuna pressione e nessun vincolo, ma spinti solo dalla passione per NIA, la meteorologia e la climatologia.

Stay tuned, Simon

Proprio ieri primo giorno dell’anno compare un inutile macchia nell’emisfero nord…

 

I segni del ciclo solare SC25 visti superficialmente dal campo magnetico toroidale

Interessante articolo recente pescato in rete. I passi più significativi…

Analizzando la componente del campo toroidale (dati raccolti dal Solar Dynamics Observatory / immagini eliosismiche magnetiche di – SDO / HMI – e Wilcox Solar Observatory – WSO -, osserviamo i primi segni del prossimo ciclo solare apparsi alle alte latitudini. WSO ha fornito i dati per gli ultimi quattro cicli delle macchie solari, mentre SDO per gli ultimi sei anni.

Figura 1 – La direzione misurata della componente dei campi magnetici toroidali da maggio 1976 al giugno 2016. Le frecce e i colori indicano la direzione desunta del campo da est-ovest. I colori rosso e blu rappresentano rispettivamente la polarità dei campi negativi e positivi. L’intensità del colore indica l’entità dell’inclinazione media.

La componente toroidale mostra chiaramente la durata dei cicli solari (Fig. 1). Dopo il massimo del ciclo delle macchie solari, il ciclo successivo inizia alle alte latitudini con il campo toroidale che inizia a cambiare direzione, con cambiamenti nei segni della polarità. Raggiunto l’equatore, il ciclo raggiunge il minimo, mentre per passare al ciclo successivo occorrono almeno quattro anni.  Al ciclo tipico di “11 anni”, occorrono circa 16 anni per passare da l’alta a bassa latitudine.

Figura 3 – La figura 3 mostra la stessa analisi effettuata con i dati WSO. Qui viene misura la differenza fra l’inclinazioni delle due polarità. 

Entrambe le figure 1 e 3 mostrano l’inizio del ciclo 25 alle alte latitudini meridionali. Questo dato, combinato con i rapporti precedenti che riguardano l’intensità del campo magnetico polare dell’emisfero sud e l’intensità del campo magnetico polare nel passato minimo (dati del 2008), confermano che il ciclo 25 esiste e probabilmente avrà una forza simile a ciclo 24.

 

References

[1] Shrauner, J.A., Scherrer, P.H., 1994, Solar Phys, 153, 131, (DOI: 10.1007/BF00712496)
[2] Lo, L., Hoeksema, J.T., Scherrer, P.H., ASP Conf. Series. 428, (2010ASPC..428..109L)

 

Fonte : http://hmi.stanford.edu/hminuggets/?p=1657

 

Michele

 

David Archibald, una amplificazione per il ciclo solare SC25 simile ad un Dalton-like

Il metodo più accurato per predire l’ampiezza del prossimo ciclo solare è quello di utilizzare la forza dei campi magnetici polari solari nel minimo solare. Ma con un minimo solare probabilmente a tre anni di distanza, chi può aspettare così a lungo ?

La forza dei campi magnetici polari solari nel minimo, è un indicatore molto preciso della massima ampiezza del successivo ciclo solare, secondo questo grafico fornito dal Dr. David Hathaway della NASA :

Fino alla fine del 2014, l’intensità del campo magnetico solare polare era ancora piuttosto debole, come mostrato in questo grafico, nel quale si riporta la storia di questo parametro negli ultimi quattro minimi solari :

Nel corso dell’ultimo anno i campi magnetici solari polari del ciclo solare 24 si sono rafforzati portandosi quasi al livello del Ciclo Solare 23, come i precedenti due cicli, ma con un leggero indebolimento. Considerando tutto questo, l’ampiezza al minimo solare potrebbero essere di circa 40 fra tre anni. Che a sua volta corrisponde ad un’ampiezza massima del prossimo ciclo solare 25 di circa 55.

C’è anche un altro metodo che ci porta ad un risultato simile. Il grafico riportato di seguito mostra l’area delle macchie solari per gli emisferi nord e sud del Sole, a partire dal 1874 :

Quello che emerge è che i due emisferi hanno driver differenti. L’emisfero settentrionale ha avuto un tasso costante di crescita di ampiezza dal ciclo solare 12 al ciclo solare 15. Mentre l’emisfero meridionale ha avuto una tendenza opposta, ma con una variazione a gradino. Durante il picco di 8.000 anni dell’attività solare, occorso durante la metà del 20° secolo, gli emisferi hanno avuto ampiezze molto simili, riportando una nuova andatura divergente dal Ciclo Solare 22. L’emisfero settentrionale si sta indebolendo più velocemente rispetto al sud. Se entrambi mantengono le loro tendenze stabilite per un altro ciclo, allora possiamo prevedere l’ampiezza massima per il ciclo solare 25 (assumendo che otteniamo l’anno corretto). Con questo metodo otteniamo un’ampiezza massima di 56 (deriva) se i picchi emisferici sono allineati. Questo metodo si basa su una evidente e disciplinata diminuzione negli cicli solari 22, 23 e 24, come mostrato in dettaglio nel grafico seguente :

I dati originali sono disponibili qui. Se questo rapporto è vero, allora la caduta in ampiezza massima dal ciclo solare 23 al ciclo solare 24 dovrebbe essere la stessa caduta registrata dal ciclo solare 22 al ciclo solare 23. Le rispettivi cascate sono 39 e 38. Una caduta di 39 dal di ampiezza massima dal ciclo solare 24 ci dà un risultato di 43.

Nel 2014, il dottor Javaraiah Javaraiah dell’Istituto indiano di astrofisica di Bangalore ha pubblicato un documento, nel quale si riporta una previsione simile per l’ampiezza massima del ciclo colare 25 di 50 (a pagina 15).

In sintesi, alcune metodologie di previsioni per ciclo solare 25, sono a cavallo con le ampiezze dei cicli solari 5 e 6, nel minimo di Dalton. Minimo solare che avevano ampiezze massime di 49,2 e 48,7 rispettivamente.

Fonte : http://wattsupwiththat.com/2015/11/19/a-dalton-like-amplitude-for-solar-cycle-25/