Meteo

fig_2_epv_jan7

Major Stratospheric Sudden Warming – January 7, 2013, showing the breakdown of the polar vortex into three smaller vortices

Questa è la pagina di NIA dedicata alla Meteorologia, non avete vincoli regionale ne nazionali, si parla di tutto il Mondo indistintamente

Allegate pure le immagini dei principali modelli , sbizzarritevi in previsioni più o meno lunghe, ed ovviamente sarà più che gradito anche il nowcasting!

Infine allego un ottimo link con tutti i principali indici teleconnettivi:

http://www.meteoarcobaleno.com/index.php?option=com_content&view=article&id=227:indici-climatici&catid=3:climatologia&Itemid=3

Simon


26.316 pensieri su “Meteo

  1. FabioDue:
    https://www.3bmeteo.com/previsioni_15_giorni

    Riprendo l’articolo di 3bmeteo già segnalato da Dario, per evidenziare tre elementi:

    1) lo stratwarming di marzo, finale o meno, è probabile ma da confermare;

    2) se ci sarà, si tratterà di un evento di natura dinamica, dunque “forzato” come gli stratwarming invernali, e non invece di natura radiativa (cioè per l’incremento della radiazione solare) come i classici final warming primaverili;

    3) sulle conseguenze Nucera non si sbilancia, saremo già all’avvio della primavera e non più in inverno, anche se è lecito attendersi una certa dinamicità meteo.

    Infine, lo dicevo ieri, aspetterei di vedere l’aggiornamento di marzo delle proiezioni stagionali prima di confermare che rischiamo seriamente un’altra estate molto calda; già nel 2016 un final warming come questo ha cambiato le carte in tavola e probabilmente mitigato un’estate che poteva essere molto calda dopo un Niño strong.

    Insomma, la sorpresa che non ti aspetti 🙂 nel meteo può essere sempre dietro l’angolo.

    La stratosfera risponde lentamente ai disturbi troposferici. Anche questo fatto è da considerare, nel corso di questo Inverno praticamente il warming di Gennaio è iniziato a Dicembre. I flussi verso il polo a fine 2023 c’erano. Ma hanno impiegato molto tempo a destabilizzare il VPS. E praticamente non si è del tutto destabilizzata la colonna d’aria, assumendo poi un forma a pantalone. Praticamente adesso non lo chiamerei warming finale, ma tardivo piuttosto.

      (Quote)  (Reply)

  2. Alex: La stratosfera risponde lentamente ai disturbi troposferici. Anche questo fatto è da considerare, nel corso di questo Inverno praticamente il warming di Gennaio è iniziato a Dicembre. I flussi verso il polo a fine 2023 c’erano. Ma hanno impiegato molto tempo a destabilizzare il VPS. E praticamente non si è del tutto destabilizzata la colonna d’aria, assumendo poi un forma a pantalone. Praticamente adesso non lo chiamerei warming finale, ma tardivo piuttosto.

    Quello che mi stupisce di questo warming marzolino (ancora da confermare, beninteso) è la sua durata: secondo ECMWF l’inversione dei venti a 10hpa potrebbe durare per ben 3 settimane. Per questo forse, oltre che per il periodo, Nucera ha ipotizzato possa essere di tipo “final”.

      (Quote)  (Reply)

  3. FabioDue: Quello che mi stupisce di questo warming marzolino (ancora da confermare, beninteso) è la sua durata: secondo ECMWF l’inversione dei venti a 10hpa potrebbe durare per ben 3 settimane. Per questo forse, oltre che per il periodo, Nucera ha ipotizzato possa essere di tipo “final”.

    Chissà mai che non faccia qualche grosso scombussolamento e ci levi di torno l alta pressione onnipresente

      (Quote)  (Reply)

  4. Dario: Chissà mai che non faccia qualche grosso scombussolamento e ci levi di torno l alta pressione onnipresente

    È più o meno quello che accadde nel 2016: la primavera fu mediamente piovosa, localmente anche oltre la media; l’estate non fu affatto calda come invece sarebbe stato probabile fosse dopo un Niño strong.

    Ora la modifica alla circolazione generale si ripeterà? Allo stesso modo o con qualche differenza?
    Vedremo……

      (Quote)  (Reply)

  5. i prossimi giorni saranno veramente dinamici e interessanti: calo termico, piogge e nevicate anche sotto gli 800/1000 mt per parecchi giorni, anche se oltre sabato c’è gia differenza tra ecmwf e gfs sulle termiche e sulle prp. Staremo a vedere, questa volta a casa mia dovrei finalmente da venerdi sera-notte vedere accumuli di neve, poi forse ancora all’inizio della settimana entrante per poi tornare a piovere grazie a una potente libecciata che ci sarebbe da martedi pomeriggio.

      (Quote)  (Reply)

  6. https://charts.ecmwf.int/products/extended-zonal-mean-zonal-wind?area=nh&base_time=202402200000

    Ad ogni aggiornamento ECMWF accentua gli effetti del warming marzolino sul VPS e ne conferma la durata, per ora non inferiore alle 3 settimane.

    Come già detto, non aspettiamoci certo ondate di freddo a ripetizione verso le nostre latitudini, almeno non in Europa. Però dinamicità sì, attendiamocela ed è davvero la benvenuta.

      (Quote)  (Reply)

  7. FabioDue,

    C’è un’azione stabilizzatrice provocata da masse d’aria subtropicali che risalgono verso il Mare Nero, possiamo dire Inverno finito. Con Marzo partirà la Primavera meteorologica. Questa azione è ancora parte dell’ondulazione subtropicale, onda Rossby partita in fase 6 della MJO. Tutto questo deriva dalla fase ENSO e dal SOI, la probabile amplificazione di questa fase 6 intendo.
    Per il resto se non vi fosse tutto questo, la direzione dei flussi di calore verso il Nord dai tropici sarebbe ben diversa. Perciò questo Inverno con indici a favore consecutivi, ma che di fatto è stato sterile in quanto freddo, indica che el Nino ha influenzato in maniera classica in decorso stagionale dall’Autunno a oggi. Con sotto una traccia Nina non di poco conto, poiché è continuato il poco apporto Atlantico, in quanto piovosità media nel bacino del Mediterraneo.

    Vi sono cambiamenti di salinità in Oceano Atlantico e la circolazione delle correnti oceaniche, la classica Corrente del golfo per intenderci, sta per mutare.
    Unito ad un’oramai regime AMO verso una virata, dalla fase positiva. Notiamo si circolazioni ed anomalie bariche stagionali esasperate dalla fase ENSO corrente. Ma sotto agiscono ondulazioni d’onda Rossby, che lasciano spazio per esempio ad una forte elevazione dell’azzorriano. Ovvero che sono normali in un passaggio stagionale tra Inverno e Primavera. Quindi potrebbero prolungarsi queste fasi stagionali nel corso del tempo, come al solito potrebbero esserci gelate tardive o grandine, in questa oramai prossima Primavera, azzardo a pronosticare una partenza estiva piovosa. Tutto questo ci sta in un contesto di Global Warming, ma lascia spazio a riflessioni. Per esempio il GW provocherebbe il blocco della corrente del golfo, ma anziché provocare ulteriore aumento di temperatura in Europa, portare effetti opposti.

    L’indice AMO è strettamente correlato a questi cambiamenti di salità in Atlantico. E siamo oramai ad un punto di non ritorno.

      (Quote)  (Reply)

  8. Alex:
    FabioDue,

    C’è un’azione stabilizzatrice provocata da masse d’aria subtropicali che risalgono verso il Mare Nero, possiamo dire Inverno finito. Con Marzo partirà la Primavera meteorologica. Questa azione è ancora parte dell’ondulazione subtropicale, onda Rossby partita in fase 6 della MJO. Tutto questo deriva dalla fase ENSO e dal SOI, la probabile amplificazione di questa fase 6 intendo.
    Per il resto se non vi fosse tutto questo, la direzione dei flussi di calore verso il Nord dai tropici sarebbe ben diversa. Perciò questo Inverno con indici a favore consecutivi, ma che di fatto è stato sterile in quanto freddo, indica che el Nino ha influenzato in maniera classica in decorso stagionale dall’Autunno a oggi. Con sotto una traccia Nina non di poco conto, poiché è continuato il poco apporto Atlantico, in quanto piovosità media nel bacino del Mediterraneo.

    Vi sono cambiamenti di salinità in Oceano Atlantico e la circolazione delle correnti oceaniche, la classica Corrente del golfo per intenderci, sta per mutare.
    Unito ad un’oramai regime AMO verso una virata, dalla fase positiva. Notiamo si circolazioni ed anomalie bariche stagionali esasperate dalla fase ENSO corrente. Ma sotto agiscono ondulazioni d’onda Rossby, che lasciano spazio per esempio ad una forte elevazione dell’azzorriano. Ovvero che sono normali in un passaggio stagionale tra Inverno e Primavera. Quindi potrebbero prolungarsi queste fasi stagionali nel corso del tempo, come al solito potrebbero esserci gelate tardive o grandine, in questa oramai prossima Primavera, azzardo a pronosticare una partenza estiva piovosa. Tutto questo ci sta in un contesto di Global Warming, ma lascia spazio a riflessioni. Per esempio il GW provocherebbe il blocco della corrente del golfo, ma anziché provocare ulteriore aumento di temperatura in Europa, portare effetti opposti.

    L’indice AMO è strettamente correlato a questi cambiamenti di salità in Atlantico. E siamo oramai ad un punto di non ritorno.

    se non ho capito male secondo te siamo a un punto di non ritorno riguardo al blocco della corrente del golfo che è aiutato anche dall’AMO che probabilmente cambierà di segno entro qualche anno, che potrebbe ad un raffreddamento in Europa?

      (Quote)  (Reply)

  9. ora a Fraciscio, 1318 mt nevica bene, vedo che in ValBrembana e Valseriana le stazioni che son intorno a 800 1000 mt son vicinissime allo zero gradi, mentre più a ovest, Valsassina e alcune zone vicine siamo intorno ai 4 gradi in calo. Entro il passaggio di questo fronte non credo vedrò neve da me, spero nel fronte che dovrebbe passare tra domenica e lunedi, quindi dopo il primo ingresso freddo che avverrà domani in serata.

      (Quote)  (Reply)

  10. dario:
    ora a Fraciscio, 1318 mt nevica bene, vedo che in ValBrembana e Valseriana le stazioni che son intorno a 800 1000 mt son vicinissime allo zero gradi, mentre più a ovest, Valsassina e alcune zone vicine siamo intorno ai 4 gradi in calo. Entro il passaggio di questo fronte non credo vedrò neve da me, spero nel fronte che dovrebbe passare tra domenica e lunedi, quindi dopo il primo ingresso freddo che avverrà domani in serata.

    Sì, bella neve anche stamattina, con locali sconfinamenti più in basso. Ma l’aria fredda (fino a -2 ad 850hpa) entrerà dal pomeriggio, con le ultime precipitazioni sulle Alpi e Prealpi lombarde. Probabile neve sotto i 1000 metri.

    Ma il grosso delle precipitazioni nevose, almeno dai 1000 metri in su, pare si verifichi tra domenica sera e lunedì, con l’arrivo di una perturbazione abbastanza intensa.

      (Quote)  (Reply)

  11. FabioDue: Sì, bella neve anche stamattina, con locali sconfinamenti più in basso. Ma l’aria fredda (fino a -2 ad 850hpa) entrerà dal pomeriggio, con le ultime precipitazioni sulle Alpi e Prealpi lombarde. Probabile neve sotto i 1000 metri.

    Ma il grosso delle precipitazioni nevose, almeno dai 1000 metri in su, pare si verifichi tra domenica sera e lunedì, con l’arrivo di una perturbazione abbastanza intensa.

    Da me stamattina alle 5.30 ha girato in neve forte per circa un ora e ha imbiancato i prati, alberi bianchi invece dai 1000 mt in su, dopo l ingresso della – 2 confido in qualcosa di più almeno inizialmente nel prossimo fronte

      (Quote)  (Reply)

  12. per domani il modello Cosmo su scala locale prevede molta instabilità con possibilità di rovesci di neve fin verso gli 800 mt, e anche il fronte più organizzato in arrivo nella serata di domenica promette almeno fino a lunedi mezzogiorno nevicate sotto i 1000 mt. Nulla da fare per la pianura. Stasera la Grigna ha offerto uno spettacolo notevole con una imbiancatura consistente fino ai 1300 mt, la luna crescente e il cielo che si è rasserenato.

      (Quote)  (Reply)

  13. per quanto riguarda il lungo termine, a 240 ore si conferma un periodo molto dinamico con la porta atlantica spalancata e precipitazioni sopra la media. Mi preoccupa il fatto che ecmwf continua a prevedere fino alle 6 settimane temperature in costante sopra media, spesso anche di molto. Questo trend sembra inarrestabile.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.