Meteo

fig_2_epv_jan7

Major Stratospheric Sudden Warming – January 7, 2013, showing the breakdown of the polar vortex into three smaller vortices

Questa è la pagina di NIA dedicata alla Meteorologia, non avete vincoli regionale ne nazionali, si parla di tutto il Mondo indistintamente

Allegate pure le immagini dei principali modelli , sbizzarritevi in previsioni più o meno lunghe, ed ovviamente sarà più che gradito anche il nowcasting!

Infine allego un ottimo link con tutti i principali indici teleconnettivi:

http://www.meteoarcobaleno.com/index.php?option=com_content&view=article&id=227:indici-climatici&catid=3:climatologia&Itemid=3

Simon


Hatena Bookmark - Meteo
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

14.086 pensieri su “Meteo

  1. dario,

    Il rischio di subire una grave siccitá estiva esiste, inutile negarlo. Tuttavia non é ancora detta l’ultima parola: l’ultima decade di aprile e soprattutto maggio e giugno possono ancora segnare una svolta. A tale proposito, GFS sta da giorni prospettando un netto peggioramento al Nord. Sará cosí? Aspettiamo e vedremo……

      (Quote)  (Reply)

  2. FabioDue,

    Sono mesi che GFS (e non solo…) prospetta peggioramenti che poi, purtroppo, col passare dei giorni vengono ridimensionati fino a scomparire del tutto… non so quante volte ci siamo illusi di un imminente arrivo di perturbazioni, nella speranza che dessero una svolta a mesi e mesi di anomalie negative in termini di precipitazioni: ma, ahimé, sono rimaste sempre e solamente delle illusioni… quell’anticiclone che staziona sull’Europa occidentale sembra abbia messo le radici e non ha alcuna intenzione di mollare la presa… 😐

    Michele,
    hai per caso i dati CNR delle anomalie di marzo? Grazie.

      (Quote)  (Reply)

  3. intanto dalle ultime emissioni sembra che dopo il peggioramento dei prossimi giorni, tra l’altro forse neppure così incisivo per molte zone di pianura, tutto torni come prima e cioè alta pressione sui paralleli all’altezza dell’Inghilterra col tentativo del vortice polare di scendere di latitudine e il risultato di correnti tese nord occidentali che a noi ci fanno un baffo. Tutto come prima insomma. Alta pressione sempre troppo ingombrante.

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine