Meteo

fig_2_epv_jan7

Major Stratospheric Sudden Warming – January 7, 2013, showing the breakdown of the polar vortex into three smaller vortices

Questa è la pagina di NIA dedicata alla Meteorologia, non avete vincoli regionale ne nazionali, si parla di tutto il Mondo indistintamente

Allegate pure le immagini dei principali modelli , sbizzarritevi in previsioni più o meno lunghe, ed ovviamente sarà più che gradito anche il nowcasting!

Infine allego un ottimo link con tutti i principali indici teleconnettivi:

http://www.meteoarcobaleno.com/index.php?option=com_content&view=article&id=227:indici-climatici&catid=3:climatologia&Itemid=3

Simon


Hatena Bookmark - Meteo
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

20.899 pensieri su “Meteo

  1. Giorgio: In compenso, “stranamente” ho sentito parlare pochissimo della Groenlandia, dove la copertura nevosa è notevolmente sopra media (la media 1980-2010, ricordo). Ci sono stati perfino giorni di accumulo estivo, cosa non comune.

    Interessante, puoi postare il link con i dati (e magari un bel grafico) ?
    Grazie 🙂

      (Quote)  (Reply)

  2. FabioDue: Interessante, puoi postare il link con i dati (e magari un bel grafico) ?
    Grazie

    le previsioni sulla nina sono gia cambiate come pensavo, è gia tanto se avremo una nina debole

      (Quote)  (Reply)

  3. artax,

    Infatti, meglio di una Niña moderata o forte per le sorti dell’inverno. Anche una neutralità negativa andrebbe bene.

    Le previsioni ad oggi sono le seguenti:
    https://www.cpc.ncep.noaa.gov/products/analysis_monitoring/enso_advisory/figure06.gif

    La maggior parte dei modelli è compresa tra perfetta neutralità e anomalie negative fino a -1.
    Notare come nessun modello preveda un Niño in modo netto (cioè almeno alcuni mesi sopra 0,5), al più neutralità positiva, fino a novembre (oltre l’attendibilità diminuisce abbastanza).

      (Quote)  (Reply)

  4. Vi suggerisco una lettura che mette in evidenza un pensiero che condivido e che viene riportato su Climatemonitor sulle ultime incalzanti notizie a proposito del global warming. D’altra parte era stato annunciato che dopo il covid 19 la notizia da sparare a destra ed a manca era quella della CO2 e del global warming. All’ interno dell’articolo stesso la citazione speciale per il “rescue team”
    http://www.climatemonitor.it/?p=55423

    e per chi chiedeva della Groenlandia, eccolo servito:
    http://polarportal.dk/en/greenland/surface-conditions/

      (Quote)  (Reply)

  5. Renato,

    Grazie 🙂
    Dunque in estate presumbilmente si è incrementata la quantità di neve e ghiaccio in quota e nelle zone centrali della Groenlandia, mentre si è ridotta in quelle prossime alla costa……effetto dell’incremento delle temperature medie e quindi della maggior quantità di vapore acqueo disponibile in atmosfera?

    Comunque il concetto è che prima che i ghiacci continentali, artici e presumo anche antartici, si sciolgano per davvero ce ne vuole…..un grado o poco più di incremento non fa granchè.

      (Quote)  (Reply)

  6. Anch’io ritengo che l’evento alluvionale in Germania Belgio e dintorni non sia imputabile al Global Warming ma semmai al suo opposto: le precipitazioni intense sono frutto di contrasti termici violenti, che col Global Warming si dovrebbero ridurre in quanto i Poli si scaldano ben più delle medie latitudini, ci è stato spiegato proprio dai sostenitori dell’AGW.

      (Quote)  (Reply)

  7. Il livello del mare si è innalzato di circa 1cm in 17 anni, tra 2002 e 2019…..dunque se continua così (il grafico non evidenzia una tendenza all’accelerazione, anzi semmai il contrario), sarebbero 10cm in 170 anni……per ora possiamo dormire sonni tranquilli, non stiamo per finire sott’acqua.

    E’ legittimo e doveroso monitorare, ma senza inutili allarmismi.

      (Quote)  (Reply)

  8. GFS, sia pure decisamente a lungo termine (tra 7 e 10 giorni da oggi), intravvede la formazione di un insidioso anticiclone artico centrato nei pressi del Polo Nord.
    Speriamo non duri, o che le previsioni cambino, altrimenti per i ghiacci artici si farebbe dura.

      (Quote)  (Reply)

  9. Alla fine pare che l’anticiclone artico si formi, già nei prossimi 3-4 giorni, ma abbia vita abbastanza breve. Forse non produrrà troppi danni, forse.

      (Quote)  (Reply)

  10. Oggi pomeriggio breve temporale con un poco di grandine. Nulla di che, precipitazione di pochi millimetri, ma abbastanza per scacciare caldo e soprattutto umidità elevata.

      (Quote)  (Reply)

  11. GFS continua a cambiare previsioni: oggi vede l’anticiclone artico in formazione entro 2-3 giorni, ma soprattutto (purtroppo) prevede duri a lungo. Se confermato, saranno dolori per i ghiacci artici. E’ bene però attendere l’uscita di ECMWF.

      (Quote)  (Reply)

  12. FabioDue:
    GFS continua a cambiare previsioni: oggi vede l’anticiclone artico in formazione entro 2-3 giorni, ma soprattutto (purtroppo) prevede duri a lungo. Se confermato, saranno dolori per i ghiacci artici. E’ bene però attendere l’uscita di ECMWF.

    mai fidarsi di gs, tira sempre cantonate. anche ora ha stravolto la sua previsione “affricano semipermanete”

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.