Meteo

fig_2_epv_jan7

Major Stratospheric Sudden Warming – January 7, 2013, showing the breakdown of the polar vortex into three smaller vortices

Questa è la pagina di NIA dedicata alla Meteorologia, non avete vincoli regionale ne nazionali, si parla di tutto il Mondo indistintamente

Allegate pure le immagini dei principali modelli , sbizzarritevi in previsioni più o meno lunghe, ed ovviamente sarà più che gradito anche il nowcasting!

Infine allego un ottimo link con tutti i principali indici teleconnettivi:

http://www.meteoarcobaleno.com/index.php?option=com_content&view=article&id=227:indici-climatici&catid=3:climatologia&Itemid=3

Simon


Hatena Bookmark - Meteo
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

15.770 pensieri su “Meteo

  1. C’è un’anomalia sul Tirreno (alto Tirreno..), la LP mediterranea muove verso la Sicilia al momento. Poi non si spiega il perché, ormai è certo non sarà in grado di convogliare quel debole impulso. Ora è diretto verso i Pirenei. Lp mediterranea che non riesce a stabilizzarsi sui nostri mari. Venerdi dovrebbe muovere un’imponente tornante “calda” tempestosa, lungo l’Adriatico. Bisogna trovare qualche carta delle anomalie dei venti in quota..
    GFSOPEU06_48_2.png
    Previsto l’accentramento della LP mediterranea sopra il Tirreno, nella giornata del 22 Febbraio. Quel che non torna è la continua discesa oltre le Alpi, appunto verso il versante occidentale dei Pirenei. A rigor di logica, per lo meno dovrebbe deviare verso la Valle del Rodano, parte delle correnti artico-continentali, correnti che spirano da NE.

    *ho dovuto inserire l’immagine per rendere evidente “la cosa”

      (Quote)  (Reply)

  2. L’aggiornamento sull’Africa mostra il nulla assoluto. LP mediterranee ed eventualmente nord-africane… Anziché formarsi sotto la Penisola Iberica, come nel recente passato. Le LP tendono a formarsi sopra il Mediterraneo centrale, sui nostri mari. Inutile dire la situazione riguarda solamente la penisola e mari italiani, un caso nostrano. Rispetto Gennaio 2017, la situazione è pressoché immutata, anche se potrà cambiare nel corso dei giorni.. L’unica cosa che possiamo vedere nella satellitare, è il normale avanzare verso la stagione delle piogge.

      (Quote)  (Reply)

  3. La satellitari postate sopra sono abbastanza evidente.
    Se vogliamo la rotazione è formazione della LP mediterranea è avvenuta non in modo propizio. Infatti “gonfia” scontrandosi ed accumula massa umida per interazione, con le correnti nord-africane.. Tese comunque verso ovest e non sembrano risalire verso nord. L’evoluzione della Nina è esattamente opposta a quella del Nino. Dopo l’episodio a Nina evvenuta, in concomitanza con l’inizio della stagione delle piogge. Perciò durante i primi mesi dell’anno. Quindi ad episodio e Nina avvenuta, possiamo dire certi che al momento sta aumentando la convettività e precipitazioni sull’Africa australe. Durante la prima parte dell’episodio di Nina, le precipitazioni all’opposto, sono ridotte sull’Africa “boreale”, cioè quasi tutto il continente africano. Tutto evolverà in relazione con le SST degli oceani che racchiudono l’Africa. Principalmente osserviamo oceano Indiano ed Atlantico in relazione con il continente africano. Quindi un’Atlantico freddo o in raffreddamento, ha in parte spiegazione in un Nino importante..

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine