Meteo

fig_2_epv_jan7

Major Stratospheric Sudden Warming – January 7, 2013, showing the breakdown of the polar vortex into three smaller vortices

Questa è la pagina di NIA dedicata alla Meteorologia, non avete vincoli regionale ne nazionali, si parla di tutto il Mondo indistintamente

Allegate pure le immagini dei principali modelli , sbizzarritevi in previsioni più o meno lunghe, ed ovviamente sarà più che gradito anche il nowcasting!

Infine allego un ottimo link con tutti i principali indici teleconnettivi:

http://www.meteoarcobaleno.com/index.php?option=com_content&view=article&id=227:indici-climatici&catid=3:climatologia&Itemid=3

Simon


Hatena Bookmark - Meteo
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

14.177 pensieri su “Meteo

  1. Grafici spaghetti che danno in Italia un crollo delle isoterme tra il 17 ed il 19 giugno, più marcato al centro sud. Ritorno a valori normali al centro nord. Per riassumere questo è il grafico della Sardegna..

      (Quote)  (Reply)

  2. jack1973:
    FabioDue,

    Anche perché, 6000 anni fa non esisteva alcun tipo di attività umana che potesse contribuire all’innalzamento dell’effetto serra…

    E tutte le emissioni delle grigliate di mammuth dove le metti?

    :)

      (Quote)  (Reply)

  3. FabioDue: Non solo 6000, ma nemmeno 2000 né 800 anni fa.

    Certamente Fabio, era solo per citare quanto riportato dall’articolo… 😉

    Comunque, secondo me, sia in epoca romana che nel periodo medievale, si sono inventati qualcosa per aumentare l’emissione dei gas serra; probabilmente sono aspetti che ancora non conosciamo… 😀

      (Quote)  (Reply)

  4. Ho messo a confronto le anomalie superficiali attuali con quelle del 2015, anno del super Niño: le immagini parlano da sole…

    http://www.ospo.noaa.gov/data/sst/anomaly/2017/anomnight.6.15.2017.gif

    http://www.ospo.noaa.gov/data/sst/anomaly/2015/anomnight.6.15.2015.gif

    E’ impressionante notare quante anomalie fortemente positive ci fossero, durante questo periodo del 2015, in tutto l’emisfero boreale.
    Da notare anche che, d’altra parte, i ghiacci polari erano decisamenti più estesi di quelli attuali.

    Per quanto riguarda la situazione attuale, mi spaventa un po’ quella vasta area di anomalie negative nell’atlantico. Se dovessero spostarsi verso il portogallo, temo che l’africa verrebbe a bussare alle nostre porte… 😐

      (Quote)  (Reply)

  5. Grafici ensembles mettono il picco della prossima ondata di caldo tra il 23 ed il 25 giugno, poi bisogna vedere quelle depressioni iberiche, senza quelle l’anticiclone africano non ha la forza di invadere il mediterraneo occidentale. Dai grafici si vede una rottura di tale condizione durante la prima decade di luglio. In poche parole io penso che l’anticiclone Europeo ha la forza di mitigare il caldo Mediterraneo, mentre l’anticiclone delle Azzore credo inizierà ad essere più dinamico e manterrà le perturbazioni alte sul Nord Atlantico.

    L’Anomalia è che si sta raffreddando l’intero Atlantico, che sia Boreale che sia Australe.. sembra una condizione a tripolo Positivo.. ma chiaramente non lo è…

    jack1973,
    Da monitorare l’anomalia che staziona attorno a Capo Verde, Africa. Più che Tripolo Positivo… guarda invece come si sta posizionando bella centrale la grossa anomalia negativa atlantica, penso andiamo verso una condizione a Tripolo Negativo :)

    Comunque è tutto un anomalia… PEG che incombe..

      (Quote)  (Reply)

  6. In Pianura Padana fa piuttosto caldo di giorno, tuttavia le minime fuori cittá sono tuttora sotto i 20 gradi e dunque le “notti tropicali” finora sono state rare.

      (Quote)  (Reply)

  7. Burian,

    Secondo i dati NOAA/NESDIS le anomalie sono diverse rispetto ai dati UNISYS.

    http://www.ospo.noaa.gov/data/sst/anomaly/2017/anomnight.6.19.2017.gif

    L’anomalia nei dintorni di Capo Verde non esiste, tantomento la vasta anomalia a ridosso dell’equatore nell’atlantico centrale.

    Parlare di PEG mi sembra prematuro, personalmente parlando, ma non ho competenze tali da poter esprimere un parere tecnico/scientifico. Ricordo però che la PEG ha effetti soprattutto per il comparto europeo centro/occidentale e, a memoria, non mi sembra che ultimamente abbiamo avuto stagioni invernali particolarmente rigide in queste aree.

    Mio personale parere è che, comunque, ne sappiamo ancora troppo poco, infinitamente poco, per azzardare previsioni nel lungo termine.
    I fattori sono infiniti, i dati storici praticamente pari a zero se si rapportano all’età della Terra, i reali effetti dell’attività antropica ancora indefiniti; insomma, navighiamo nel buio… basti pensare, giusto per citare un piccolo esempio, che l’improvvisa ripresa della QBO dell’anno scorso ha colto tutti di sorpresa! Ma cosa sono 60 anni di dati in confronto ai miliardi di anni del ns pianeta??? 😉

      (Quote)  (Reply)

  8. jack1973,

    Aggiungo un altro elemento: la PEG che conosciamo meglio (ma probabilmente anche le altre) ha avuto una genesi durata un paio di secoli almeno. Quindi mettiamoci comodi, comunque vada c’é tempo…….

      (Quote)  (Reply)

  9. Comunque nella pianura piacentina il mese di maggio 2017 ha avuto una media totale di 20.5 °C contro quella dello stesso mese del fatidico 2003 di 20.1 °C.
    Vedremo quella di giugno, ma sospetto che sarà uguale o superiore.
    La siccità è decisamente peggiore.
    Poi, ovviamente, l’estate è lunga, nel 2003 mi pare che le temperature si mitigarono solo in ottobre…

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine