Meteo

fig_2_epv_jan7

Major Stratospheric Sudden Warming – January 7, 2013, showing the breakdown of the polar vortex into three smaller vortices

Questa è la pagina di NIA dedicata alla Meteorologia, non avete vincoli regionale ne nazionali, si parla di tutto il Mondo indistintamente

Allegate pure le immagini dei principali modelli , sbizzarritevi in previsioni più o meno lunghe, ed ovviamente sarà più che gradito anche il nowcasting!

Infine allego un ottimo link con tutti i principali indici teleconnettivi:

http://www.meteoarcobaleno.com/index.php?option=com_content&view=article&id=227:indici-climatici&catid=3:climatologia&Itemid=3

Simon


Hatena Bookmark - Meteo
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

15.196 pensieri su “Meteo

  1. FabioDue,

    Infatti, sembra un caso ma forse non lo è, GFS06 vede un graduale cedimento dell’anticiclone dopo i 7 giorni, abbastanza supportato dal suo ensemble. Restano ovviamente dubbi sull’entità, i tempi e la durata di tale cedimento, oltre ovviamente alle conseguenze.
    Attendiamo aggiornamenti, in questo periodo si naviga molto a vista perché molto è ancora possibile, freddo e neve inclusi.

      (Quote)  (Reply)

  2. http://www.cpc.ncep.noaa.gov/products/stratosphere/strat_a_f/

    Oggi le previsioni stratosferiche GFS (ma anche le ECMWF) mostrano uno spostamento del nucleo principale del Vortice Polare Stratosferico dal nord del Canada verso l’Artico presso l’Europa. Inoltre, specie dai 50hpa in giú, si nota una evidente ellitticizzazione, con asse principale che si orienterebbe (sono pur sempre previsioni) dall’Atlantico settentrionale alla Siberia orientale.
    Tale configurazione, specie ai piani bassi della stratosfera, potrebbe preannunciare una discesa artica in grande stile per fine mese.
    Vedremo…..

      (Quote)  (Reply)

  3. Alta oceanica che potrebbe seguire le sst, manca la radice tropicale, l’onda è sfasata perché massimi dell’azzoriano sembrano slegare verso l’atlantico orientale, restano in pieno oceano. Come del resto il PNA non sembra partire al massimo (risalire) sul nord-ovest del continente. C’è un’insistente risalita meridiana verso lo stretto di Bering. Per quel che ne sò… l’aumento di gpt sul Nord America non è dovuto tanto ad una fase subtropicale oceanica, ma piuttosto alla forza dinamica che si muove verso i territori centrali del Canada. Neanche tanto persistente, quindi riprenderà presto il getto sul continente nord-americano. Tutto questo non dovrebbe spingere e destabilizzare i piani bassi del VP drasticamente verso la Siberia. Vediamo se possibile, cosa significa questo alto indice verso l’europa settentrionale, con un’onda atlantica che non sarebbe propizia al massimo, ma neanche tanto debole. Estate 2014 continuo consolidamento verso la Groenlandia.
    Il sistema climatico terrestre compensa, siamo in una glaciazione, il trend del lontano futuro è raffreddamento. Da qualche parte il freddo trova come realizzarsi.

    FabioDue,

    Guarderei volentieri la carta fantameteo di Reading… di fine estate/inizio autunno.
    Forse da qualche parte la ritrovo :)

      (Quote)  (Reply)

  4. Stasera tutti i principali modelli vedono, con accenti e tempistiche diverse, una o più importanti discese artiche tra gli ultimi giorni di novembre ed i primi di dicembre.
    Attendiamo aggiornamenti, già da domani, ma soprattutto nei prossimi 2-3 giorni.

      (Quote)  (Reply)

  5. Anche stamattina i principali modelli (ECMWF sta uscendo ora) confermano l’ipotesi di imponente discesa artica che si concretizzerebbe a ridosso delle Alpi tra gli 8 ed i 10 giorni, quindi tra fine mese e l’inizio di dicembre. E poi? Aggirerebbe le Alpi e porterebbe maltempo e freddo anche da noi?
    Lo capiremo nei prossimi giorni.

      (Quote)  (Reply)

  6. questa mattina prima brinata stagionale.. ora le carte mostrano isoterme in quota, ancora (di poco) troppo alte per la neve al piano..
    comunque con l’aria artica non si sà mai.. :)

      (Quote)  (Reply)

  7. VP in raffreddamento, più freddo in circolazione su scala emisferica.. alto indice ?

    gfsnh-1-6neu.png

    gfsnh-1-6.png

    ma lo scontro con masse d’aria calde subtropicali, rende una situazione esplosiva, tipica della primavera, prefrontali stemprati da un VP molto ampio..

    infine direi super caldo causato anche dalla circolazione subpolare…

      (Quote)  (Reply)

  8. alessandro1,

    la differenza tra il 2016 ed il 2017 è che ora abbiamo quattro onde planetarie.. nel 2016 c’erano due sole onde, ed il VP (troposferico) era ammassato sulla Siberia.

    Ora vi è un raffreddamento omogeneo sul polo Nord geografico. E si può notare anche solo sulla mappa a 850 hPa attuale, un forte campo di alta pressione, ancora presente sul Mare di Kara.. (Arcipelago Severnaja)

    4 onde planetarie presenti nel periodo estivo, portano un grande calore verso il polo su scala nord emisferica. Poi in genere.. c’è l’alternanza di 2/3 onde, con un coriaceo promontorio anticiclonico. (praticamente statico)
    Ora non stiamo a guardare tanto quel che c’è a latitudini °N..
    forse Global Warming è una parola grossa da decifrare..

      (Quote)  (Reply)

  9. Qui a 100 hPa (attorno 16 000 mt di quota) vedo tre onde planetarie intrusive .. Poco importa se la wave atlantica (numerarla a questo punto è un errore) non è intrusiva in alta quota. la wave pacifica e la wave asiatica sono altretettanto intrusive.

    gfs_t100_nh_f72.png
    Non bisogna farsi ingannare sul lato pacifico, dai tropici verso le Montagne Rocciose (alimentata dal versante sottovento), sale una massa d’aria che tende a salire verso Nord, attraversando il Nord America.
    ( è la curvatura sopra la California)

    Può essere possibile verso Dicembre.. Una bilobazione o totale disconessione della struttura polare?

    Se andiamo alle quote superiori invece, a 10 hPa ( 30 000 mt di quota) il VPS è sulla Groenlandia, oscilla tra Scandinavia e Artico canadese..

    il discorso che tale struttura non risponde.. può valere come un due di briscola, infatti un centro di bassa pressione sul medio/alto Tirreno rimane possibile.

    Porterebbe nevicate al nord (rapide e copiose) al centro sud (persistenti). La neve sulle Alpi non mancherà, ma sicuramente la prima parte della stagione avrà episodi radi, ma intensi…
    Nessuno nota che l’atlantico è sempre più freddo? ho notato le termiche nel lungo periodo. Prima termiche buone al Nord Ovest e su pedemontana alpina, poi rapida incursione al Nord Est.
    Direi che già con una -3 a 850 hPa potrebbe essere neve ovunque..

    Questa è la situazione .. io vedo tre wave alla quota 5500 mt..
    GFSOPNH06_0_1.png

      (Quote)  (Reply)

  10. Bravi ragazzi, passione ….continuo a leggervi.
    Sento odore di una buona stagione… non da record , ma buona per il fresco.
    Poi c’è la stratosfera… ma è sempre presto !

      (Quote)  (Reply)

  11. alessandro1,

    É possibile, con le temperature ci saremo o quasi: basterebbe un buon rovesciamento di aria fredda durante un rovescio (vedi evento a Bologna e dintorni), ma per le conferme occorre attendere

      (Quote)  (Reply)

  12. Buona sera a tutti,
    wow che belle carte, sembra finalmente una mano molto buona!!
    Poi gia’ ora a fine novembre??
    Assomiglia un po’ all’ inizio dell’ inverno di 3 o 4 anni fa’ mi pare,
    quell’ anno nevico’ un bel po’ poi.. molto anche al sud se non erro?
    Nevichera’?? di sicuro.. :)
    Dove?!’ piu’ nell appennino ??
    Alpi solo nella prima parte??!
    Pianura?!! hah sogni.. :)?

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine