Meteo

fig_2_epv_jan7

Major Stratospheric Sudden Warming – January 7, 2013, showing the breakdown of the polar vortex into three smaller vortices

Questa è la pagina di NIA dedicata alla Meteorologia, non avete vincoli regionale ne nazionali, si parla di tutto il Mondo indistintamente

Allegate pure le immagini dei principali modelli , sbizzarritevi in previsioni più o meno lunghe, ed ovviamente sarà più che gradito anche il nowcasting!

Infine allego un ottimo link con tutti i principali indici teleconnettivi:

http://www.meteoarcobaleno.com/index.php?option=com_content&view=article&id=227:indici-climatici&catid=3:climatologia&Itemid=3

Simon


Hatena Bookmark - Meteo
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

14.746 pensieri su “Meteo

  1. Stamattina GFS06 va per conto suo, prevedendo piogge dalla metà della prossima settimana per il nord per diversi giorni, a causa di un nucleo di bassa pressione che stazionerebbe per molto tempo, instaurando condizioni di maltempo diffuso che nel corso del tempo si estenderebbe su tutta la penisola… ma non vedo la stessa cosa in ECMWF che vede un nucleo sganciarsi ed andare addirittura dinanzi alle coste di Marocco e Portogallo; sull’Italia transiterebbe rapidamente solo un nucleo minore per poi riaffermarsi l’alta pressione…
    Ho paura che sarà l’ennesimo fallimento atlantico; o, per meglio dire, l’ennesima cantonata presa dai modelli previsionali… 😐

      (Quote)  (Reply)

  2. Stamattina ECMWF prevede finalmente maltempo da noi, specie al Nordovest, nella seconda metá della prossima settimana. É ben supportato da LAM, mentre invece GFS esita ancora.

    Insomma, dopo tanti ripensamenti, i modelli sembra stiano virando verso un peggioramento, che si spera inizi ad alleviare il deficit idrico al Nord Italia.

      (Quote)  (Reply)

  3. La scarsitá di precipitazioni ha in genere effetti limitati nel semestre freddo, grazie alla radiazione solare piú debole.
    Il vero problema del pesante ritardo delle piogge é che se, come pare, si verificheranno tra seconda metá della primavera e prima parte dell’estate, rischiano di essere spesso a carattere di rovescio o temporale, con le conseguenze che potete facilmente immaginare.

      (Quote)  (Reply)

  4. Parlando di ghiacci artici… come si vede dal grafico che segue, siamo giunti al punto di svolta ed è piuttosto evidente il fatto che il massimo di estensione del 2017 è il peggiore di sempre… paghiamo ancora gli effetti del super Niño? L’andamento dopo il minimo del 2016 è stato decisamente molto irregolare fino a fine febbraio 2017; dopo di che abbiamo avuto zero crescita…

    http://web.nersc.no/WebData/arctic-roos.org/observation/ssmi_ice_ext.png

      (Quote)  (Reply)

  5. jack1973,

    Pur se inquietante, un massimo così ridotto è poco significativo agli effetti del prossimo minimo di settembre. Tutto dipenderà dal comportamento dei ghiacci da aprile ad agosto.

      (Quote)  (Reply)

  6. http://www.meteogiornale.it/notizia/46713-1-il-sole-accelera-verso-il-ciclo-25

    Qui viene spiegato meglio quanto ho fatto notare giorni addietro circa lo stato di avanzamento del minimo: in sostanza il solar flux è già molto basso rispetto ai cicli precedenti, dicevo; inoltre il numero di giorni “spotless” che si sono manifestati di recente avvalora la tesi di un minimo lungo e profondo, se il ciclo 24 sarà della lunghezza prevista (11 anni almeno, forse di più in quanto ciclo relativamente debole) e la partenza del ciclo 25 sarà faticosa almeno tanto quanto quella del ciclo 24, se non di più.

      (Quote)  (Reply)

  7. buona sera a tutti,
    leggendo le previsioni da altri siti, per i prossimi giorni sembrerebbe che finalmente
    arrivino cambiamenti, anche di rilievo.
    Voi cosa pensate in merito?
    L’ anticiclone settentrionale, e destinato a trottare a nord-west?
    Che natura ha duddetto antciclone??

      (Quote)  (Reply)

  8. FabioDue:
    http://www.meteogiornale.it/notizia/46713-1-il-sole-accelera-verso-il-ciclo-25

    Qui viene spiegato meglio quanto ho fatto notare giorni addietro circa lo stato di avanzamento del minimo: in sostanza il solar flux è già molto basso rispetto ai cicli precedenti, dicevo; inoltre il numero di giorni “spotless” che si sono manifestati di recente avvalora la tesi di un minimo lungo e profondo, se il ciclo 24 sarà della lunghezza prevista (11 anni almeno, forse di più in quanto ciclo relativamente debole) e la partenza del ciclo 25 sarà faticosa almeno tanto quanto quella del ciclo 24, se non di più.

    Non mi meraviglia questa fase di declino così accentuata…. e mi aspetto una lunga discesa, tipica dei cicli deboli. Io spero solo che gli effetti, semmai ve ne siano, della bassa attività solare si facciano presto sentire sul clima globale… mari caldi, atmosfera calda, ecosistemi che saltano, umani che distruggono solo per denaro, pochi che lottano per il bene del pianeta…

      (Quote)  (Reply)

  9. mario:
    buona sera a tutti,
    leggendo le previsionida altri siti, per i prossimi giorni sembrerebbe che finalmente
    arrivino cambiamenti, anche di rilievo.
    Voi cosa pensate in merito?
    L’ anticiclone settentrionale, e destinato a trottare a nord-west?
    Che natura ha duddetto antciclone??

    Mah….stamattina ECMWF, dopo alcuni giorni di relativo maltempo, vede una nuova affermazione anticiclonica da fine mese.
    GFS invece vede una prolungata instabilitá, che dopo i 7 giorni potrebbe attirare nuove perturbazioni nord atlantiche. Chi avrá ragione? Spero non ECMWF. Di recente ho letto che GFS finora non é molto performante, nonostante il recente “upgrade”.

      (Quote)  (Reply)

  10. FabioDue,

    certo fa’ un po’ sorridere che ad oggi, con la tecnologia che ci ritroviamo,
    non sia possibile far affidamento su i determinati modelli previsionali..
    vorrei postare un video che gira in rete per avere un vostro parere, sulla
    veridicita’ di esso, viste le mie limitate competenze tecniche, datto che sempbra un video molto interessare che mostrerebbe alcune dinamiche”impreviste”..
    ma poi, non vorrei esser additato…….

      (Quote)  (Reply)

  11. mario,

    Possiamo avere anche la migliore tecnologia e in continua evoluzione, ma se la conoscenza delle leggi che regolano il comportamento dell’atmosfera é incompleta, continueremo ad avere previsioni che talvolta sbagliano o vengono corrette.

    Stiamo sperimentando da tempo una problematica simile nell’informatica: l’enorme potenza elaborativa dell’hardware, sempre crescente, non puó sempre essere sfruttata al meglio a causa dei limiti dei software che realizziamo.

      (Quote)  (Reply)

  12. alessandro1:
    FabioDue,

    http://www.tropicaltidbits.com/analysis/ocean/cdas-sflux_ssta_relative_global_1.png el nino sta sparendo forse grazie anche alla PDO. anomalie negative emergono dal cile

    Nelle zone 3 e 3.4, Pacifico centrale, il Niño non é ancora comparso. Nella zona 1+2, a ridosso del Sudamerica, sembra si stia indebolendo, ma é un’area piccola.
    Non so se la PDO c’entri, é calata ma é ancora positiva.

    In primavera col Niño o la Niña bisogna attendere, é un periodo di bassa predicibilitá. Entro un paio di mesi sará tutto molto piú chiaro.

      (Quote)  (Reply)

  13. Intanto le previsioni meteo danno l’ennesima “parentesi” di alta pressione almeno fino a giovedì, praticamente su tutta l’Italia… ma possiamo ben dire che, vista la situazione, ormai sono le perturbazioni ad essere diventate brevissime “parentesi” in un contesto dominato prevalentemente da alte pressioni…

    E’ impressionante notare, dalle mappe, come l’anticiclone guadagni con forza e “prepotenza” un’area, subito dopo il passaggio delle perturbazioni, che sono divenute, oramai, rare e decisamente rapide…

    FabioDue,
    tu cosa ne pensi?

      (Quote)  (Reply)

  14. jack1973,

    Penso che stiamo subendo la prosecuzione dell’impianto barico prevalente a novembre (ma giá presente in precedenza), dicembre e in parte a febbraio.
    Mi aspetterei un cambiamento nella seconda parte della primavera, non so dirti se ad aprile o a maggio. Se mi sbaglio, son dolori per la mancanza di pioggia.

      (Quote)  (Reply)

  15. FabioDue:
    jack1973,

    Mi aspetterei un cambiamento nella seconda parte della primavera, non so dirti se ad aprile o a maggio. Se mi sbaglio, son dolori per la mancanza di pioggia.

    Già… sarebbe una situazione disastrosa… speriamo bene… 😐

      (Quote)  (Reply)

  16. Tornando ai ghiacci polari… il VP ancora compatto per qualche giorno dovrebbe consentire un altro po’ di “respiro” ai ghiacci artici che, forse, potrebbero iniziare la fase discendente meglio del 2016… le zone con maggior deficit continuano ad essere nel mare di Kara e, soprattutto, nel mare di Barents, dal lato europeo… dal lato Asiatico/Nordamericano, si evidenzia il pesantissimo deficit nel mare di Okhotsk, seguito da quello di Bering, versante siberiano. Alaska in surplus, Canada e Groenladia con un po’ di deficit…

    I ghiacci antartici sono in pesantissimo affanno sul comparto pacifico… chissà se nel corso dell’inverno australe riusciranno a recuperare quanto perduto nel 2016, probabilmente a causa del super Niño…

      (Quote)  (Reply)

  17. Comunque è il solito coriaceo anticiclone a proteggere l’Italia dalle ondate fredde tardive, guardate sulla Russia europea che bomba gelida che incombe…

    Le precedenti corse davano isoterme ancora più gelide poi si è tutto ridimensionato, col passare dei giorni.

    In altre circostanze potrebbe andare diversamente..
    http://www.meteogiornale.it/notizia/46777-1-marzo-2007-la-neve-di-primavera-fino-in-pianura

    e intanto andiamo verso un late warming …

      (Quote)  (Reply)

  18. Io spero che la situazione si sblocchi prima possibile… nel lunghissimo periodo, fantascientifico, per pasqua potrebbe avvenire un cambio di circolazione che spalancherebbe le porte dell’atlantico… speriamo…

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine