Meteo

fig_2_epv_jan7

Major Stratospheric Sudden Warming – January 7, 2013, showing the breakdown of the polar vortex into three smaller vortices

Questa è la pagina di NIA dedicata alla Meteorologia, non avete vincoli regionale ne nazionali, si parla di tutto il Mondo indistintamente

Allegate pure le immagini dei principali modelli , sbizzarritevi in previsioni più o meno lunghe, ed ovviamente sarà più che gradito anche il nowcasting!

Infine allego un ottimo link con tutti i principali indici teleconnettivi:

http://www.meteoarcobaleno.com/index.php?option=com_content&view=article&id=227:indici-climatici&catid=3:climatologia&Itemid=3

Simon


Hatena Bookmark - Meteo
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

14.948 pensieri su “Meteo

  1. Luca87,

    Sarò breve..

    Di certo Luca74 non ha guardato meglio ne le previsioni, ne l’andamento climatico. Prima di scrivere il suo ultimo commento, ma se per questo neanche tu lo hai fatto.

    Con Luca74 che oramai conosco si scherza, si condividono pensieri .. se conosci l’uso di internet le faccine servono a questo. Oltre che a rendere belle le chat dei vari iphone e smartphone ..

    Queste le anomalie in previsione su scala globale..
    ANOM2m_f120_mollw.png

      (Quote)  (Reply)

  2. Luca87,

    Non ho mai detto che non credo a quello che scrivo, semmai è il contrario. Non credo a quello che dicono alle persone. Io e Luca74 su alcuni punti, ho capito che abbiamo visioni diverse.
    Ho scritto qualche post fa.. che è facile farsi influenzare…
    Secondo non scherzo, sono evidenti le lacune che ha questo sistema AGW. Il tono di confronto con Luca74 è diverso, lui odia il caldo. Si scherza su questo.
    Ultima cosa, il raffreddamento nell’area dell’ITCZ ovest nella carta sopra parla chiaro.. le carte dei GM in previsione sono altrettanto chiare. Quindi il fatto non credere è inesistente… bisogna riportare i fatti..
    Mi trovo con due automobili una vecchia di nove anni, l’altra con neanche un’anno di vita. Mi credete se vi dico che quest’ultima segna 2°C in più rispetto l’altra?

    Come si fa a rilevare le temperature con un’automobile?
    Io ho riportato dati da un sito attendibile ilMeteo.it, secondo ho riportato valori di temperature da stazioni meteo ferraresi affidabili, valori equiparabili alla rete asmer e arpa.
    Non ho piazzato un termometro all’ombra sul muro o sopra il cemento.
    :)

      (Quote)  (Reply)

  3. Ma lascia stare il termometro all’ombra o sotto il tavolo.. Tu devi riflettere del perché solo dopo 10 anni o poco più state facendo il raffronto rispetto ad un estate (2003) che, in condizioni normali, ha un periodo di ritorno di svariati decenni… E a neanche 2 anni di distanza da un altra estate monster..quello che sta succedendo ha dell’eccezionale in un contesto già di per sé eccezionale.. Punto..!! Chi non lo riconosce è semplicemente fazioso e non coerente

    Burian,

      (Quote)  (Reply)

  4. Luca87,

    Ma io ho già citato il 2015 ed il 2016 come estati anomale, ho sottolineato il 2014 come estate fresca. Si può dire che il 2017 a tratti è da record, ho vissuto un’estate peggiore nel 2015 e nel 2016 per dirla tutta. Si vede intendevo poco fa, che c’è un’accentuazione delle componenti climatiche. Si è certamente esagerato su alcune estati passate. Nell’ITCZ ovest, vediamo che c’è stato un progressivo aumento, del monsone occidentale africano. Le estati passate temperature meno da record, ma calura più persistente.
    Potrebbe esserci un’estate stile 2003. Ma con temperature come quelle attuali? Le anomalie di temperature nascono da più fattori.
    Quest’ultima ondata di calore, eccezionale e da record, è scaturita anche dall’approfondimento della depressione nord atlantica. Senza di questo, non sarebbe potuta giungere sino sui Balcani, tutta quell’aria desertica. Pure sospinta dal monsone africano, ma tutto il fronte intertropicale era dopato. Poi se guardiamo il vortice antartico ci sono profonde discese e rispettivamente ampie risalite calde. Masse d’aria viaggiano molto più rapidamente, questo condiziona la temperatura media del pianeta.

    Quel che si fa invece, è allarmare le persone spaventandole e dicendo loro che questo è il futuro che ci aspetta. Invece bisognerebbe demolire catedrali di cemento e recuperare zone incolte o poco produttive, creando parchi o riserve naturali.. Se poi giungerà il freddo non saranno un problema..

      (Quote)  (Reply)

  5. Ma allarmismo di che??! Del meteo. It??!! Qui il problema è che ci si allarma poco..
    Se continua così son cazzi!!
    Non si riesce a fumare una sigaretta all’aperto a mezzanotte.. Perché fa 27 gradi con un tasso di umidità alle stelle Pensa agli operai in cantiere a mezzogiorno.. Sei mai stato in cantiere ??!
    Quest’anno abbiamo avuto 3 morti per infarto.. Operai padri di famiglia..
    Zona ostia Roma ci sono incendi tutti i giorni..
    Ma vedi di andarci piano
    Burian,

      (Quote)  (Reply)

  6. Luca87,

    lavoro pure io con il caldo e ho sudato parecchio questi giorni, all’aperto in un cantiere..
    qui nessuno va piano o meno, certe cose valle a dire a quei politici, che in nome della competitività, fanno lavorare la gente tutto l’anno, con una settimana solo di ferie dispobibile. In sintesi non ci si può permettere di fermarsi un attimo ..

    Cambiando discorso, conclusioni terra terra senza entrare in particolari disquisizioni…

    Il clima terrestre è stato bombardato il secolo scorso dal Sole. La temperatura è salita di conseguenza l’evaporazione delle masse oceaniche. Tutto ciò ha influenzato la circolazione atmosferica sullo strato limite planetario. Appena il Sole il clima tende ad assestarsi.. l’umidità e l’efetto serra generato tendono a fare salire le temperature. Contate anche ciò che avviene sui poli in stratosfera e che non ha nulla a che fare con la CO2..
    9 luglio 2017.. Si dice che il Sole sta andando verso un minimo solare..
    latest_1024_HMII.jpg
    Guardate la risonanza sul sistema climatico terrestre, ciò che avviene dalla prima decade di luglio rispetto i precedenti mesi.
    GFS_anomaly_timeseries_global.png

    Il sistema perde la propria variabilità, entra come una forzante che spinge solo in alto la temperatura media della Terra.

    Sarà un caso? Io penso di no..

      (Quote)  (Reply)

  7. Luca87,
    io vado molto piano..
    tant’è che a tarda notte scrivo con errori o dimentico parole…
    Partiamo dal Sole: Nessuno ti parla di subsidenza mediterranea… ogni tanto ti parlano di accordi climatici tra politici. Quando si sà che appena il Sole entra verso una fase di quiete il clima tende ad assestarsi.. viceversa quando aumentano le macchie solari.
    L’effetto serra o efetto serra scritto alla sera secondo il grado di stanchezza, sono cose di poco conto rispetto a quanto ci si occupa veramente del prossimo.
    Ci vivo da una vita nell’umidità della bassa ferrarese, che vuoi che ti dica.. ho vissuto estati peggiori.. Qui con una settimana in anticipo abbiamo detto che il caldo avrebbe massacrato il centro Italia… poco lo hanno detto le testate giornalistiche, non prendertela con me e fare la guerra dei poveri..
    buonanotte..

    nessuno nota qualcosa attorno alla prima decade di luglio? in corrispondenza con l’attività solare?

    9 luglio 2017
    latest_1024_HMII.jpg

    GFS_anomaly_timeseries_global.png

      (Quote)  (Reply)

  8. Buongiorno, mi rallegro per le piogge arrivate giù al Nord ma io vedo la ex-verde Umbria sempre più giallognola… qui al centro non piove non piove e cocciutamente non piove, da un pò di tempo sembra di stare nell’occhio di un ciclone.
    I muri delle case (anche quelli belli grossi non il cartongesso) per la notte sono dei “mass heater”, la temperatura è calata di 1-2 gradi ma l’umidità è aumentata del 10%… Questo è quello che vedo, e ripeto le Querce più disgraziate stanno già perdendo le foglie.
    Per questo non è che me la voglia prendere con qualcuno chiaramente, ma sentire che sia tutto nella norma diciamo che a un certo punto indispettisce, soprattutto quando non si riesce a dormire.
    Con questo saluti a tutti.

      (Quote)  (Reply)

  9. Fabio,

    Di sicuro non siamo nella norma poiché, come più volte già detto, veniamo da 3 stagioni di seguito decisamente sotto media in termini di precipitazioni. Se almeno la primavera si fosse comportata come tale, non saremmo arrivati all’estate appesi ad un filo. E invece, purtroppo, è andata proprio così: la primavera, anch’essa scarsa di piogge, è stata la ciliegina sulla torta e la conseguenza è stata la situazione attuale che, con la complicità delle sfiammate africane, ha portato il tutto ad un quadro davvero preoccupante.

    Dobbiamo sperare che qualcosa cambi nel breve-medio termine (parlo in termini stagionali) anche se, personalmente, ci credo poco. 😐
    Spero di essere smentito da un autunno e un inverno ricchi di precipitazioni…

      (Quote)  (Reply)

  10. Luca74,
    Ecco, questa ondata ha colpito il tuo giardino di casa e le zone che frequenti, però occorre confrontare i dati storici rilevati dalle stesse fonti, perché se si confondono con termometri della macchina o simili non si va da nessuna parte.
    34-35 al sud Italia in estate sono normali, la latitudine e quella che è.
    Ripeto, questa ondata di calore ha colpito solo l’Italia dal po in giù, il nord di striscio, caldo ma solo un paio di giorni, per le precipitazioni, invece, il discorso è diverso, il deficit si è creato nelle stagioni precedenti.
    Ma venivamo da un 2014 e stagioni precedenti estremamente piovose.
    In Danimarca l’estate non l’hanno ancora vista, nel 2003 veniva colpita tutta l’europa.
    Poi sei libero di dire e pensare quello che vuoi, ma non spacciarlo come realtà scientifica.

      (Quote)  (Reply)

  11. Matteo,

    Ok, è chiaro che non ho al momento dati di qualche centralina di riferimento, mi riprometto anche solo per curiosità personale di farlo a “bocce ferme”.. spero di averne tempo, ma vi prego non parliamo più del famigerato “termometro della macchina” altrimenti possiamo anche chiuderla qui.
    E’ vero che fortunatamente venivamo da annate di precipitazioni sopra media, il lago Trasimeno a me vicino era passato da quasi 1.5 m sotto zero idrometrico degli anni duemila a qualcosa sopra… ora sta tornando a -0.6.
    Comunque mi pare che la famosa estremizzazione degli eventi climatici negli ultimi anni stia andando solo nella direzione del grande caldo estivo soprattutto con fenomeni estremi appunto di qualche giorno/settimana. A proposito di Lago Trasimeno ricordo il grande ghiaccio in superficie dell’85 e qualcosa del ’91, poi null’altro.
    Dato che non sono un climatologo, neanche dilettante, ma mi guardo abbastanza intorno (e non solo il mio giardino…), vorrei chiedere se secondo voi si stanno consolidando nuove circolazioni atmosferiche estive che determineranno sempre più frequenti afflussi “africani” e invernali con unica aria fredda proveniente dai Balcani. Scusate la semplificazione dei termini ma almeno riesco a comprendere un linguaggio a volte non facile. Grazie.

      (Quote)  (Reply)

  12. Fabio,
    Se c’è una sorta di sottobosco e piante fitte, non ho notato stress particolari, lungo le strade o in poche piante isolate, sinceramente la recente ondata di calore si vede. Mi sono trovato bruciato l’orto.. da un giorno all’altro..
    Non siamo nella norma i terreni sono secchi, dipende quanto il terreno trattiene l’acqua, non tutte le piante sono sotto stress… Qui a Ferrara ho visto alberi messi male ed alberi molto verdi, anche querce. Il pioppo soffre relativamente, il platano sembra già in autunno..

    Le coltivazioni hanno sentito molto la recente ondata di caldo anomala. Anche la recente perturbazione ha creato problemi. Prima di questo periodo la situazione era in bilico. Che qualcuno non me la venga a dire estate anomala, per un ondata di caldo. Anche una discesa polare come si deve può generare gli stessi problemi. Ma anche una violenta perturbazione atlantica, lo può benissimo fare appunto com’è avvenuto ieri. La situazione è peggiorata con l’estate, ma si era creata tra l’autunno 2016 e la primavera 2017. Nelle zone alla foce del Po c’è il cuneo salino, questo avviene per la scarsità delle nevicate e precipitazioni il primo semestre 2017. Non si sono prodotte riserve d’acqua. Tutto ciò non consente un costante afflusso dall’alta valle verso il corso del Po. Non è che le riserve montane sono scarse, non ci sono proprio direi.. Questo è preoccupante..!

    Matteo,
    34°/35°C al sud Italia appunto sono una +18/+20 alla quota 850 hPa, direi la normalità.. se non fosse per le lacune bariche atlantiche, la situazione sarebbe più regolare. Come il secolo scorso, ogni tanto ci sarebbe l’ondata calda con la +20 anche al Nord.

    L’estate attuale ha connotati simili a quelle passate del secolo scorso, è caratterizzata da un buon numero di pause. Di certo la siccità che l’ha preceduta ha condizionato anche i picchi di temperatura che sono stati rilevati.

    Un mix difficile da ripetersi? Intanto gli spaghi vanno leggermente sopra media. Dopo il 20 agosto c’è ancora pochissima affidabilità..

      (Quote)  (Reply)

  13. QBO ancora in calo a luglio: -10 quella a 30hpa (da -3,2 di giugno), +5 quella a 50 (da +8,8 di giugno). Ormai nulla sembra poter fermare la discesa verso valori negativi a tutte le quote.

      (Quote)  (Reply)

  14. FabioDue,
    L’impressione che ho io è che ultimamente si è avuto uno spostamento delle figure bariche.
    L’anticiclone delle Azzorre più ad ovest come la bassa dell’Islanda, in questo modo si accentuano le discese ad ovest del portogallo e i richiami dall’africa qua.
    L’aria calda che sale impedisce forse il formarsi dell’anticiclone siberiano in inverno.
    Non so se le acque fredde a ovest del Portogallo richiamino le basse o siano formate dal ripetersi di discese fredde.
    Un po’ come se è nato prima l’uovo o la gallina.
    Magari cose simili accadono anche nel resto del globo.

      (Quote)  (Reply)

  15. Forse dipende tutto dal vortice polare e non è poi così contratto verso ovest. L’anticiclone delle azzorre rimane sbilanciato dalle discese invernali, che avvengono sulla costa orientale Nord Americana. Diventa invadente durante la stagione invernale. Mentre d’estate interagisce con l’anticiclone africano. Più che altro le anomalie si formano per l’interazione ad alta quota di correnti diverse, ma la spiegazione più semplice, potrebbe essere la formazione della corrente a getto subtropicale. Quella lacuna si può trovare anche nel Mediterraneo centrale, come persistere nella Penisola Ellenica. L’inverno scorso abbiamo visto numerose discese polari tra Balcani e Anatolia. Durante l’ultima era glaciale, si suppone esistesse una sorta di depressione permanente mediterranea… Come c’è stata aria desertica sopra le nostre teste, potrebbe formarsi una figura barica simile per condizioni sul getto polare anomale.
    La corda non viene tirata solo da una parte…

      (Quote)  (Reply)

  16. Mi sembra che in sintesi la diatriba sia tra “caldo nella norma” e “caldo fuori norma”.
    Dal mio punto di vista sarebbe interessante capire se ci sia effettivamente un trend verso temperature più elevate e stagioni + secche, oppure no. Ma a questa domanda non mi sembra si possa avere evidenza ancora.

      (Quote)  (Reply)

  17. Giampi,

    Come dire un islandese.. che durante l’inverno inizia a preoccuparsi, sull’imminente arrivo di un era glaciale. Il Sahara è a due passi dall’Italia, circa la Groenlandia sta all’Islanda come il Sahara sta all’Italia. Negli archivi sul Mediterraneo centrale, ho visto anche tante fasi invernali miti. Durante la PEG non credo proprio.. fosse così ..

    Ultimamente di solito, ci si trova in Artic Dipole + / Artic Dipole –
    Se il vortice polare finisce sul Mare di Norvegia come si può definire?
    Al momento c’è una certa regolarità nei movimenti polari. La massa d’aria continuerà lungo questo percorso, perché ci sono comunque masse d’aria calde che salgono verso i poli. Sia in Canada occidentale, sia sulla Siberia orientale. Tutto questo contrasto in genere, trasla su una di quelle zone l’anomalia del dipolo artico. In sintesi inizia a nevicare molto..

    La definirei ondata di caldo anomala da Annali. Come il gennaio del 1985. Questa estate poco dicono.. quanto regolarmente è nevicato sull’artico.. Di solito si formano dei grandi anticicloni estivi. E dovrebbero esserci zone artiche, dove persiste un cielo biancastro, qui filtra una debole luce perenne.

    Se continua su questa strada l’andamento climatico, ci saranno piogge regolari tra settembre ed ottobre. Mano a mano che diminuisce l’intensità dell’onda subtropicale.

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine