La corrente del golfo e la corrente nord Atlantica: che cos'è e COSA GLI STA ACCADENDO!

Riparliamo della c.d.g, prima un breve ripasso su che cosa consiste e poi ancora un flash sulla situazione attuale.

La corrente del Golfo, insieme alla sua estensione nord verso l’Europa, la corrente nord-atlantica, è una potente calda e veloce corrente oceanica che ha origine nel Golfo del Messico, esce attraverso la Stretto di Florida, e segue le coste orientali del Stati Uniti fino a Terranova, prima di attraversare l’Oceano Atlantico verso il Nord Europa dividendosi in due a circa 30° W, 40° N , una parte prosegue verso l´Europa del nord e una parte meridionale della corrente ricircola verso il sud verso l´Africa occidentale.
800px-Ocean_currents_1943_(borderless)3
La Corrente del Golfo influenza il clima della costa orientale del Nord America dalla Florida a Terranova, e la costa occidentale d’Europa dalla Spagna/Portogallo e fino all´estremo nord norvegese.

La Corrente del Golfo dei Caraibi propriamente detta è in gran parte determinata dalla forza del vento mentre la corrente nord-atlantica, al contrario, è una circolazione in gran parte termoalina. Procedendo a nord-est l´ acqua calda della corrente rende l’Europa occidentale (soprattutto Nord Europa) più calda di quanto sarebbe altrimenti. Tuttavia, la portata del suo contributo per la differenza di temperatura effettiva tra Nord America e l’Europa è una questione controversa in quanto vi è un parere di minoranza all’interno della comunità scientifica che dice che questa differenza di temperatura è dovuta principalmente al fatto che l´america é sopravento mentre l´Europa occidentale é sottovento (producendo un clima oceanico).

La corrente del Golfo trasporta 30 milioni di metri cubi al secondo (30 sverdrups) attraverso lo Stretto della Florida. Quando passa a sud di Terranova, aumenta a 150 milioni di metri cubi al secondo. ad una velocitá massima di 2,5 metri al secondo.(5,6 km/h). La corrente del golfo e la corrente nord atlantica sono tuttavia piú deboli della corrente circumpolare antartica che ha una velocitá media di 4,0 km orari e trasporta oltre 150 milioni di metri cubici al secondo attorno all´antartide. Questa é purtroppo una corrente che é stata poco studiata cosí come le sue riconosciute oscillazioni temporali anche se é riconosciuto una sua influenza su tutti gli oceani meridionali e che riesce a tenere separati i mari caldi dall´avere contatto con il continente antartico che cosí puó mantenere la sua enorme estensione di ghiacci.

In genere, la Corrente del Golfo ha 100 chilometri di larghezza e da 800 metri a 1.200 metri in profondità. La velocità della corrente è il più veloce in prossimità della superficie, con la velocità massima in genere circa 2,5 metri al secondo (5.6 km / h). Come si va verso nord, l’acqua calda trasportata dalla Corrente del Golfo subisce il raffreddamento per evaporazione. Il raffreddamento è guidato dal vento: vento che soffia sopra l’acqua si raffredda e causa anche l’evaporazione, lasciando una salamoia salata. In questo processo, l’acqua aumenta di salinità e densità, e diminuisce di temperatura. Nel Nord Atlantico, l’acqua diventa così densa che comincia a scendere giù per lasciare il posto ad acque meno salate e meno dense provenienti dall´oceano artico.

Durante il mese di novembre 2004, la Corrente del Golfo si é detto che si é fermata per una decina di giorni. Gli scienziati sono rimasti sconcertati da questo comportamento. Harry Bryden scienziato del National Oceanography Center, ha dichiarato: “Non avevamo mai visto niente di simile prima e noi non lo abbiamo capito. Non sapevamo che poteva succedere.” Lloyd Keigwin, uno scienziato alla Woods Hole Oceanographic Institution ha descritto l’evento come “il cambiamento più repentino di tutto il clima”. Kiegwin ha aggiunto, “è durato solo 10 giorni. Ma supponiamo che fosse durato 30 o 60 giorni? … … Come possiamo escludere che possa succedere di nuovo il prossimo anno? “.Tuttavia, dopo vari studi e misurazioni e discussioni, gli scienziati hanno trovato una spiegazione politica e sono giunti al risultato che la circolazione meridionale in realtà sembrava aver solo rallentato un po ‘.

La calda Corrente Nord Atlantica, con analoghe correnti d’aria calda, aiuta a mantenere l’ Irlanda e la costa occidentale della Gran Bretagna di un paio di gradi più calda rispetto alla costa orientale. Tuttavia, la differenza è più forte nelle isole costiere occidentali della Scozia. Un effetto evidente della Corrente del Golfo e del forte vento da ovest si verifica lungo la costa norvegese dove le zone settentrionali della Norvegia si trovano nei pressi della zona artica, la maggior parte del quale è ricoperto da ghiaccio e neve in inverno, mentre tuttavia quasi tutta la costa norvegese resta libera da ghiaccio e neve per tutto l´anno influenzando anche le montagne sovrastanti con differenze di innevamento tra parte occidentale e orientale della catena montuosa norvegese.

La Corrente del Golfo trasporta circa 1,4 petawatts di calore, equivalente a 100 volte il fabbisogno energetico mondiale. e la ricerca in modi diversi cerca di prendere questa potenza. Un’idea sarebbe quella di distribuire un campo di turbine subacquee a 300 metri di profonditá sotto il centro del nucleo della Corrente del Golfo. Un´altra idea sarebbe quella di utilizzare la differenza di temperatura tra le acque profonde e fredde e le acque di superficie calde per ottenere energia elettrica.

Per chi volesse seguire l´andamento della corrente del golfo:

http://www.meteowebcam.it/index.php?page=corrente_del_golfo

O meglio ancora il sito francese collegato col satellite euro americano poseidon dove potrete avere animazioni, salinitá temperature, correnti di tutti i mari del mondo:

http://bulletin.mercator-ocean.fr/html/welcome_fr.jsp

O il classico della NASA:

http://polar.ncep.noaa.gov/ofs/

SAND-RIO

Ebbene, volevo informarvi che la e-mail spedita al Noaa ormai da giorni dal nostro andrea Battista per cercar di capire se i grafici sulla c.d.g siano veritieri oppure no, non ha ancora ricevuto risposta (strano perchè la prima volta gli avevano risposto molto celermente)

I grafici del Noaa continuano ad aggiornarsi come se niente fosse, se davvero a sto punto avessero dei problemi, non dovrebbero secondo voi bloccare l’upadate giornaliero?

Perchè così si rischia solo di fare una gran confusione e di generare (sempre nel caso ci siano ancora cose da risolvere) degli inutili “isterismi” di massa.

Questa è la situazione attuale:

2E queste sono le temperature della superficie dell’oceano nord atlantico:

1Mettiamoci pure le SSTA:

1Insomma che cosa sta realmente accadendo?

N.B. Lo scopo di questo articolo è solo quello di cercare di capire assieme a tutti voi cosa sta succedendo, NIA non vuole assolutamente lanciare falsi messaggi della serie la corrente del golfo si è bloccata ed arriva la glaciazione, ect ect.

Simon

UPDATE: Mi hanno fatto notare che la carta postata sopra ha una scala cromatica diversa, quindi dovrebbe essere giusta (lasciatemi però dire che la scelta dei colori è a dir poco fuoriante)

Ciò non toglie comunque che la c.d.g anche se non si è fermata, ha subito un rallentamento:

Situazione ottobre 2008:

1Ottobre 2009:

2

UPDATE2: Guardate l’aggiornamento Noaa di oggi:

E paragonatela con la carta sopra di ieri!

La c.d.g sembra riprendersi, è probabile a sto punto che abbia subito un rallentamento nei giorni scorsi o forse anche mesi scorsi, ma ora le cose mi sembrano abbastanza normali. E poi anche nel passato ci sono già stati rallentamenti.

Per quanto mi concerne, il caso c.d.g. finisce qui. Anche se con un pò di confusione ( e me ne scuso coi lettori), speriamo di aver fatto chiarezza una volta per tutte.

Simon

Hatena Bookmark - La corrente del golfo e la corrente nord Atlantica: che cos'è e COSA GLI STA ACCADENDO!
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

46 pensieri su “La corrente del golfo e la corrente nord Atlantica: che cos'è e COSA GLI STA ACCADENDO!

  1. Direi che il caso della carta Noaa è risolto, una scala cromatica a dir poco “imbarazzante” ha fatto pensare molti che la c.d.g si fosse fermata.

    Ringrazi Claudio Cantelmo per avermi fatto notare la cosa… 😉

    ma ciò nn toglie cmq, che la corrente ha preso anche una bella frenata rispetto ad un anno fa…

    ma questi rallentamenti sembrano cmq far parte della normalità, ora nn so dirvi se quello attuale sia proprio normale,perchè nn sn un esperto di c.d.g.

    Saluti

      (Quote)  (Reply)

  2. Non deludi nessuno… si cercava solo di capire 😉 …
    Non volevo teorizzare nulla… notavo solo che i vortici mi sembravano diventati piu’ “consistenti” della corrente vera e propria, ma forse e’ normale anche questo, neanche io sono un esperto…
    Volevo chiedetri (se lo sai..) quanto di misurato e quanto di calcolato c’e’ in quelle carte??
    Ciao
    Luca

      (Quote)  (Reply)

  3. Comunque credo che le differenze tra la carta del 2000 del precedente articolo e la stessa del 2009 siano innegabili la corrente ha subito un forte rallentamneto calcolando che prima era come un fiume in piena mentre adesso è come un rigagnolo essiccato

      (Quote)  (Reply)

  4. Mi associo al pensiero di “nn delusione” di Luca, ed anch’io vorrei avere le stesse risposte…

    In ogni caso grazie del tuo intervento Mistral… 😉

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  5. Quando nel novembre del 2004 la c.d.g. ha avuto qualche problema, (ferma o rallentatata) cosa confermatissima da tutti gli oceanografi del mondo, la cosa si seppe solamente 2 anni dopo. E oggi se ci fosse qualche problema (cosa che assolutamente non credo) pensate che si saprebbe subito o verrebbe divulgata la notizia solo che la cosa si é di nuovo normalizzata?
    La domanda retorica solo per chiarire che secondo me se ci fosse una qualche novitá in qualsiasi campo climatologico, minimo solare, aumento dei ghiacci artici e antartici, Niño debole, influenza della ciclicitá della Corrente Circumpolare antartica ecc. la religione fondamentalista del riscaldamento globale farebbe di tutto per mantenere l´avvenimento sotto silenzio. Copenaghen é alle porte e serve un NUOVO ORDINE MONDIALE.

      (Quote)  (Reply)

  6. concordo con quanto detto da Sand-rio però non vorrei passare per essere un sostenitore del complotto a tutti i costi.
    Onestamente capisco un pò meno il discorso dei grafici, o meglio, passi il discorso della variazione cromatica, però è indiscutibile che a parità di grafico osservato, non mi riferisco al confronto con la mappa Mercator, la differenza è evidente. Per tanto la base di osservazione per me è la stessa.
    Ci può stare che la cosa sia normale per il periodo, non sono un esperto in materia (anche se mi piacerebbe esserlo…).

      (Quote)  (Reply)

  7. ma non mettete in mezzo delle cazzate abissali (è il caso di dirlo) come il nuovo ordine mondiale in un sito che vuole essere di divulgazione scientifica porco giuda!!!!!

      (Quote)  (Reply)

  8. Quoto pienamente.

    Qui si cerca di capire cosa succede, non di fare estremismo opposto!

    Senza contare che comunque non abbiamo la minima idea di cosa succede e di cosa succederà, quindi fare ipotesi ok, fare allarmismi no!

      (Quote)  (Reply)

  9. Visto che sei un sapiente cerca di fare qualche ricerca sui rapporti tra Global Warming, club di Roma, Ipcc e New World Order. Cerca soprattutto in siti inglesi e americani, dato che conosci alla perfezione l´inglese non avrai problemi di lingua. E soprattutto fai una ricerca sui nomi dei fondatori del Club di Roma e dove e che cosa fanno oggi costoro.
    Buona ricerca.

      (Quote)  (Reply)

  10. Io penso che al di la di ogni allarmismo comunque delle cose nascoste ce le tengono perchè se dovessero divulgare determinate notizie creerebbero ancor più allarmismo che a dire che andiamo incontro alla desertificazione totale.

    per tornare la minimo abbiamo dinuovo le immagini behind si vedono 2 regioni nell’emisfero nord da tenere d’occhio 🙂

      (Quote)  (Reply)

  11. Comunque la scala cromatica non centra un cacchio perchè se guardate la carta della nooa del 17 settembre è radicalmente diversa da tutte le carte successive al 18 settembre. E la scala E’ SEMPRE LA STESSA!!

      (Quote)  (Reply)

  12. pare ci sia stato un black aut temporaneo nella CDG pero sembra tutto volvere al normale.Ma cosa ha causato questo black out?Questa e” la domanda inoltre si ripetera? con quale frequenza?Succedeva gia nelle ere o nei secoli passati?Si fa fatica a fare bilanci aspettiamo di vedere se tutto cio incidera” e se si di quanto sulle temperature dell”europa nord occidentale.Una considerazione con il terremoto e tsunami del 2004 l”asse terrestre si e spostato di 37 metri.puo essere questa la causa delle anomalie della CDG?

    ver

      (Quote)  (Reply)

  13. Nella descrizione corrente del golfo c’è un errore ripetuto 2 volte:
    la velocità di 2,5 m/sec equivale a 9 KM/h e non a 5,6.
    Non sono d’accordo sul fatto che la corrente ha preso vigore. Basta guardare il vigore che aveva appena 5-6 anni fa.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.