Il mese di dicembre 2009 chiude con un Kp-index di 1! + alcune riflessioni sul giallo del solar flux di ieri…

Fonte grafico: http://www.swpc.noaa.gov/SolarCycle/Ap.gif

Nonostante dicembre abbia chiuso con l’ RI (Sidc) e l’SN (Noaa) più alti da quando è partito il ciclo 24, un importante indice solare, l’Ap-index, continua la sua discesa.

Questo indice solare è usato dal dottor Archibald per le sue previsioni del ciclo 24 come potete vedere da alcuni articoli già comparsi su NIA a cui vi rimando:

http://daltonsminima.wordpress.com/2009/02/14/david-archibald-tramite-lap-index-prevede-un-ciclo-24-molto-debolemassimo-di-30-ssn/

http://daltonsminima.wordpress.com/2009/11/09/nonostante-la-1029-ad-ottobre-continua-la-discesa-del-campo-magnetico-solare-ap-index-e-la-teoria-di-lp-sembra-essere-sempre-piu-giusta/

Mentre per saperne di più su questo indice:

http://daltonsminima.wordpress.com/2009/06/09/indici-dell%e2%80%99attivita-solare-terza-parte/

E questa è una signora notizia direi…

Ed ora veniamo al “giallo” del solar flux di ieri: come vi sarete accorti dall’articolo precedente il flusso solare aggiustato alle ore 18 segnava un 67, mentre alle 20 un bel 74. Stamani hanno corretto ed anche quello delle 18 è più alto, in sintonia con la nuova situazione magnetica del sole da un pò di tempo a questa parte:

Ore 18 0075.2 0072.7

Ore 20 0076.8 0074.3

Ore 22 0075.1 0072.6

Fin qui niente da ridire, se non fosse per il valore delle ore 20 il quale lo ricordo per chi non lo sapesse che è il valore che entra a far parte della media mensile ufficiale del flusso solare.

Allora le domande a cui non riesco a dar una risposta sono 2:

1) Perchè il solar flux delle ore 20 è più alto di ben 3 unità risptto al giorno prima ( 74 vs 71) quando era ancora presente la 1039 nella parte visibile del sole?

2) Perchè il solar flux delle 20 è più alto di quello delle ore 18?

Voi tutti infatti dovete sapere che in condizioni di sole spotless e senza attività come era quello di ieri, il flusso solare è maggiore alle ore 18 per poi calare alle ore 20 e 22. Ma non è quello che è accaduto nella giornta di ieri, dove infatti abbiamo alle 18 un valore aggiustato di 73, alle 20 di 74 ed alle 22 di 73…

Per ora ci limitiamo ad osservare i fatti, come abbiamo sempre fatto anche con le machie solari e tuti gli altri indici di attività solare, ma da adesso in poi, potete scommetterci, anche il solar flux diventerà un “osservato speciale”…

Simon

Hatena Bookmark - Il mese di dicembre 2009 chiude con un Kp-index di 1! + alcune riflessioni sul giallo del solar flux di ieri…
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

46 pensieri su “Il mese di dicembre 2009 chiude con un Kp-index di 1! + alcune riflessioni sul giallo del solar flux di ieri…

  1. non ci si può fidare più di nessuno.
    è incredibile come il sole con una regione attiva in meno abbia un solar flux più alto rispetto al girno prima

      (Quote)  (Reply)

  2. Pazienza, almeno il numero e l’estensione delle macchie non può essere taroccato.
    E se davvero il Sole non dovesse ripartire con decisione, tutto crollerebbe miseramente, come un castello di carte.

      (Quote)  (Reply)

  3. Intendo, le macchie visibili ad occhio nudo, poi chiaramente l’ssn, l’RI possono essere ritoccati “a piacere”…..

      (Quote)  (Reply)

  4. Insomma, taroccare i dati può essere conveniente per chi lo fa, ma a breve termine. Se poi il Sole imbocca con decisione una strada o un’altra (un nuovo massimo intenso o, viceversa, un massimo debolissimo) tutto diventa evidente e inutile, anzi controproducente.

    Comunque se il solar flux non sale stabilmente ben oltre il valore di 80 (ma ben oltre…..90? 100?) siamo sempre in fase di minimo.

      (Quote)  (Reply)

  5. Vabbe’ e’ evidente gia’ solo a guardare i dati, senza neanche leggere il commento di Simon, che qualche manipolazione ci puo’ essere…ma sono cose che fanno ridere, sembrano giochini per bambini, tanto il succo non cambia!…Scusate l’ignoranza ma c’e’ solo una fonte nel mondo dalla quale prendere questi dati?…Non esistono fonti alternative?…i russi non hanno qualcosa di simile per “misurare” i parametri solari?…ma forse non li mettono in rete, quindi dobbiamo accontentarci cosi’ e anzi chiedere anche grazie!

      (Quote)  (Reply)

  6. Io provo solo una grandissima pena.Con la tecologia attuale,siamo messi peggio di 300 anni fa. E” chiaro che tutto e manipolato, aggiustato, adeguato ad arte.Sono mesi che dico che il SF e” ritoccato al rialzo. Spots gonfiati, SF aggiustato al rialzo, e………non manchera di scoprire che sono pure manipolati i dati del GW,e” solo questione di tempo.Infatti tutto e” gestito direttamente o indirettamente da NASA/NOAA . E” tutta una farsa!!!!!Viene voglia di spegnere il PC.Mi viene il vomito.Vi dico questa e poi basta. Mi sono letto e riletto le temperature di dicembre di 15 grandissime citta di ogni parte del globo e la stragrande maggioranza e” al di sotto delle medie trentennali.Ebbene il GW di dicembre marca un bel o,28.Questa e” veramente bella.Il bello e” che nessuno degli esseri umani e” in grado di sapere realmente quale sia la situazione climatica globale, non c”e modo di confrontarsi,non c”e modo di dimostrare nulla,e qusta la cosa che mi da piu dolore.Esiste solo la NASA, e loro fanno e dicono solo cio che vogliono.Ci stanno prendendo tutti per il c…

      (Quote)  (Reply)

  7. Immaginate se, fra qualche mese, comparissero ancora macchie a polarità invertita….ci sarebbe da ridere…… 🙂

    Ed anche il raffreddamento del clima, se il Sole si manterrà debole come adesso (a dispetto di tutte le eventuali misure “taroccate”), smentirà tutti gli uccelli del malugurio.

    Sono d’accordo sul fatto che occorra denunciare tutto quanto risulta sospetto o, addirittura, palesemente “taroccato”, ma non basta. Occorre tempo e pazienza.

      (Quote)  (Reply)

  8. Dopo un articolo a settembre, ho realizzato una piccola rubrica su quella rivista che alcuni di voi conoscono e hanno letto (l’articolo). Ebbene, pur condividendo in generale i contenuti, mi hanno “limato” certe affermazioni che avevo fatto sulle macchie a polarità invertita, nella rubrica e in un articolo non ancora pubblicato, ad esempio a proposito delle macchie a polarità invertita, cioè in sostanza non dovrei esporre conclusioni, sia pure in via ipotetica.

    Non sto scherzando. Forse non vi ho mai raccontato che, a settembre, solo per aver citato wattsupwitththat, daltonsminima ed altri siti analoghi (ma, accanto a questi, ho citato anche quello della NASA, quello del SIDC) nell’articolo che conoscete, un astronomo dell’osservatorio di Arcetri, di cui taccio il nome, ha polemizzato con la redazione della rivista per aver pubblicato quei link.

    Perchè? Semplicemente perchè si trattava, in massima parte, di siti anti-AGW.
    L’astronomo in questione, pur ammettendo che avevo trattato l’argomento con criterio e “sapevo distinguere” (avevo evitato di sposare qualsiasi tesi pro o contro, mi ero limitato a fare il punto sul minimo solare e ad accennare alle possibili implicazioni climatiche), diceva che i lettori non avrebbero saputo fare altrettanto (e perchè mai? Gli appassionati di astronomia non sono capaci di “distinguere”, quando spesso sul tema ne sanno di certo più dell’autore dell’articolo?).
    La polemica indusse direttore della rivista a scrivermi un’email, in cui mi invitava a non “lasciarmi intimidire”, parlando di “bubbola” a proposito dell’AGW (personalmente sono meno drastico, dico solo che sono tesi finora non dimostrate) e altre affermazioni più dure (che taccio) circa la coerenza di certi personaggi “schierati” a favore dell’AGW.

      (Quote)  (Reply)

  9. “Mi sembra di rivivere i tempi di Galileo: non si può discutere fuori dall’ortodossia.”

    Il fatto che tu, e gli altri, siate qui su di un blog pubblico che tutti possono leggere a scrivere le vostre idee, dimostra ampiamente il contrario. 😉

      (Quote)  (Reply)

  10. Fino a quando c’è internet e non ci sono filtri o censure (attenzione, anche nei paesi democratici, beninteso….) ad impedire la libera discussione, anche su tesi molto discutibili, possiamo stare tranquilli: il web e le sue evoluzioni successive rappresentano il futuro, mentre i mezzi di informazione “ufficiali” (radio e televisione) stanno lentamente perdendo pubblico, anno dopo anno.

      (Quote)  (Reply)

  11. …e mi auguro di cuore che continui a dimostrare il contrario, cioè che a nessuno venga la tentazione di filtrare, censurare le libere discussioni.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.