Il "teatrino" della misurazione delle temperature globali: effetto Siberia

Il termine “riscaldamento globale” si basa su una tendenza all’aumento della temperatura media globale nel corso del tempo. L’IPCC ha riferito nel 2007 che “Le temperature globali della superficie è aumentata di 0,74 ° C ± 0,18 ° C nel corso degli ultimi 100 anni (1906-2005).” [4AR, capitolo 3, 2007]. Tuttavia, la misura di una temperatura “globale” non è così semplice come può sembrare. Lo storico delle temperature registrate strumentalmente esistono solo da 100 – 150 anni in piccole aree del mondo. Nel corso degli anni dal 1950 al 1980 le temperature sono state misurate in molte altre località, ma molte stazioni adesso non sono più attive nel database. Le misure della temperatura con i satelliti sono state avviate nel 1979.

I dati principali della temperatura superficiale globale è gestita dalla US National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) presso il National Climatic Data Center (NCDC). Questo è il Global Historical Climate Network (GHCN) [http://www.ncdc.noaa.gov/oa/climate/ghcn-monthly/index.php]: “Il periodo di registrazione varia da stazione a stazione, con diverse migliaia di stazioni dal 1950 e diverse centinaia in fase di aggiornamento mensile “. Questa è la principale fonte di dati per gli studi a livello mondiale, compresi i dati riportati dall’IPCC.

La temperatura media dell’aria di superficie sono calcolati in una data posizione centrale sulla base del seguente procedura: registrare la temperatura minima e massima per ogni giorno; calcolare la media delle minime e massime. Calcolo delle medie per il mese dai dati giornalieri. Calcolo delle medie annuali facendo la media dei dati mensili.
L’IPCC usa i dati trattati e regolati dal Climatic Research Unit della University of East Anglia (HadCRU), anche se molti dei dati grezzi HadCRU provengono dal GHCN.
È importante notare che i dati delle stazioni HadCRU utilizzati dal IPCC non sono disponibili al pubblico – né i dati grezzi, né i dati impostati – ma solo i dati impostati sulla griglia (cioè dopo che sono state effettuate le rettifiche)

La NASA Goddard Institute for Space Studies (GISS) è uno dei principali fornitori di dati climatici negli Stati Uniti (con il GHCN NOAA come fonte per la NASA GISS). La figura seguente mostra la distribuzione delle stazioni di temperatura utilizzato dal GISS. Come si può vedere nella figura, il gruppo 30-60 gradi di latitudine Nord contiene il 69 per cento delle stazioni utilizzate e quasi la metà di questi sono situati negli Stati Uniti. Ciò implica che, se queste stazioni sono validi, i calcoli per gli Stati Uniti dovrebbe essere più affidabili rispetto a qualsiasi altra zona o per il mondo nel suo complesso.

Oltre al problema della ampia scarsità, la rete è anche storicamente in costante evoluzione – il numero delle segnalazioni delle temperature delle varie stazioni cambia con il tempo. Le cosidette misurazioni globali non sono veramente globali! La copertura della superficie terrestre lentamente é aumentata dal 1880 al 1960 ma è diminuita rapidamente negli ultimi anni

Le figure seguenti confrontano il numero di stazioni a livello mondiale nel 1900, 1970 e 1997 che evidenziano l’aumento e poi il loro diminuire.



La figura seguente mostra un calcolo delle medie della temperaturaper di tutte le stazioni di segnalazione per 1950-2000 [http://www.uoguelph.ca/ ~ rmckitri / ricerca / nvst.html]. Si dimostra che la scomparsa di tante stazioni possono avere introdotto una tendenza al rialzo della temperatura. Come si può vedere nella figura, la media aritmetica semplice di tutte le centrali a livello mondiale non abbia molte fluttuazioni molto al 1990, momento in cui la temperatura media salta. Il 1990 é l´anno in cui si chiudono tantissime stazioni meteo.

HadCRU / IPCC utilizza un metodo di interpolazione detto 5×5 per quelle zone che non hanno centrali di misurazione. La Siberia fornisce un esempio di difetti coinvolti nel metodo usato dal CRU e dei trucchi adottati.
Per alcune zone siberiane senza stazioni, il CRU ha preso i dati registrati dal GHCN e hanno riempito le caselle 5×5 vuote con l´interpolazione di dati, dimostrando cosí un riscaldamento inesistente.
Per il CRU é stato sufficente prendere come punto di partenza della interpolazione l´anno 1976 che è stato un anno relativamente freddo, nonché un punto basso del multi-tendenze decennali e sarebbe stato quindi facile dimostrare un maggiore riscaldamento confrontandolo col 1999. Se avessero selezionato il 1936 come anno di partenza i risultati sarebbero stati molto differenti


E cosí per quella zona della Siberia si é avuto un bell´aumento della temperatura.
Capito il trucco e del perché L´IEA russa ha denunciato il tutto?
Cosí é stato fatto per una zona siberiana ma lo stesso é stato fatto per tantissime altre zone della Siberia, e nelle altre zone del mondo?
Io ho saputo che per le temperature della griglia della zona boliviana sulla Ande dove non ci sono stazioni meteo (guardate la mappa sopra dove sono le stazioni del 1997) hanno usato l´interpolazione tra due stazioni meteo, di cui 1 sul litorale cileno (Antofagasta) e l´altra stazione nel mezzo dell´Amazzonia (Cuiabá). Pensate che le due stazioni abbiano la stessa temperatura dei 4000 mt delle ande boliviane? Ma cosí hanno dimostrato che in Bolivia e nelle altre zone non coperte del sud america la temperatura sta aumentando tantissimo modificando in tal modo i dati globali. Poi in Bolivia non sono come i russi, e nessuno ha protestato.

SAND-RIO

Hatena Bookmark - Il "teatrino" della misurazione delle temperature globali: effetto Siberia
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

52 pensieri su “Il "teatrino" della misurazione delle temperature globali: effetto Siberia

  1. “registrare la temperatura minima e massima per ogni giorno; calcolare la media delle minime e massime. Calcolo delle medie per il mese dai dati giornalieri. Calcolo delle medie annuali facendo la media dei dati mensili.”

    E secondo loro cosa rappresenterebbe?
    E’ solo lontanamente legato a quello che potrebbe intendersi come temperatura media (se ha un senso parlare di cio’)

    Ciao
    Luca

      (Quote)  (Reply)

  2. Prima o poi la bomba salterà fuori per forza di cose non si può andare avanti a taroccare così i dati ed era una cosa che pensavo già comunque e poi volevo chiedervi una cosa: Sbaglio o l’attività solare è già in sensibile calo? Possiamo dire che abbiamo già passato il picco del Solar Cycle 24?

    Ciao e grazie 🙂

      (Quote)  (Reply)

  3. XSandcarioca.Specifichiamo una cosa.Fino al 2000 circa la temperature sono salite.molto meno sicuramente.E ora e adesso che volgliamo sapere.Adesso stanno crescendo ancora o stanno calando?questo e” il dilemma che tutti vogliamo sapere.

      (Quote)  (Reply)

  4. Sandro la cosa che non sappiamo e” quantificare il calo termico.Non abbiamo la piu pallida idea di quello che sta accadendo.Il problema e questo.NON SAPPIAMO NULLA.e triste dirlo ma non sappamo assolutamente nulla.Se tutto e” manipolato cosi si puo far passare cio che si vuole.Sandro e” gravissimo!!Ciao e complimenti per il lavoro che stai svolgendo.

      (Quote)  (Reply)

  5. Ciao Simon, hai posta. Per qualsiasi problema contattami nella mail che ti ho indicato all’inizio. Spero che l’editing non dia problemi.
    Domanda… sincronizziamo la pubblicazione o procedo sul blog intanto?

    Arthur

      (Quote)  (Reply)

  6. Bravissimo Sand-Rio!!!!!!!!
    Il crollo nel numero di stazioni dopo il 1990 (e soprattutto la scomparsa di quelle “rurali”) è dovuto semplicemente alla fine della Guerra Fredda: la maggior parte delle stazioni scomparse erano quelle delle basi militari del NORAD (la rete di stazioni radar avanzate sparsa tra Alaska, Canada e Groenlandia) e l’equivalente sovietico nel nord della Siberia.
    A ciò si aggiunga il concomitante “licenziamento” di un gran numero di “scienziati”, che prima lavoravano a progetti di ricerca legati in qualche modo al “complesso militar – industriale”, e che si ritrovarono improvvisamente a spasso, e che quindi cercarono di riciclarsi attirando l’attenzione dei politici su un qualche nuovo “pericolo” cui dedicare studi, ricerche e soprattutto $$$$$$….

    X Giorgio: la RSS, alias “Remote Sensing System” mi risulta essere una società semi-privata che ha in gestione, con una specie di appalto, i rilevamenti satellitari; sul loro sito trovi degli interessanti articoli, pubblicati dai loro studiosi su illustri riviste “peer-reviewed” (es Nature): se vai a leggere tra le righe vedrai che ammettono + o meno esplicitamente che i risultati dei loro stessi rilevamenti NON sono in accordo con i modelli climatici e le previsioni dei soliti santoni dell’AGW….

      (Quote)  (Reply)

  7. Se volete sapere quando tutto ha inizio, Vi posso rispondere: 1991 dal Club di Roma, con un rapporto intitolato “The First Global Revolution”.
    Secondo The First Global Revolution: “Sembra che gli esseri umani hanno bisogno di un motivo comune … o uno vero e proprio oppure uno inventato per lo scopo…. Nella ricerca di un nuovo nemico per unirci, abbiamo avuto l’ l’idea che l’inquinamento, la minaccia del riscaldamento globale, la scarsità d’acqua, la fame e il come misturare il tutto, é la soluzione. Tutti questi pericoli sono causati dall’intervento umano, ed è solo attraverso il cambiato atteggiamento e il comportamento che possono essere superati. Il vero nemico quindi, è l’umanità stessa.
    http://en.wikipedia.org/wiki/Club_of_Rome

    Ma tutto questo e rapporti interpersonali tra i vari protagonisti sará un futuro articolo, che non é facile da sviluppare in modo chiaro, tanti sono i rapporti ingarbugliati tra i personaggi implicati.

      (Quote)  (Reply)

  8. Be l’idea in se non è per niente nuova: http://en.wikipedia.org/wiki/The_Report_from_Iron_Mountain

    Comunque Sand fai bene a non farci un articolo. Sei una colonna del blog, e mi spiacerebbe se una qualche notte uomini vestiti di nero con occhiali neri su un furgone bianco dovessero prelevarti per fare una chiecchierata “amichevole” della durata di alcuni mesi o anni su qualche nave prigione della Cia ;o)

      (Quote)  (Reply)

  9. Vivendo a Rio de Janeiro é molto piú facile un tentativo di assalto notturno con morte del malcapitato che si ribella o come dicono qui “uma bala perdida”… un proiettile vagante! 🙂 e poi non sono cosí importante per farli scomodare!.

      (Quote)  (Reply)

  10. Sandro fermati qua!!!!chi vuol capire capisce chi non vuol capire o far finta di non capire faccia quello che vuole.Io ne so gia abbastanza per conto mio.Te lo dico per il tuo bene,stai andando troppo avanti.Fermati e parliamo di altro:almeno il sole lo vediamo con i nostri occhi,non possono cambiarci anche la stella.Se i ghiacci cresceranno non li faranno sciogliere spero.Sandro sei veramente in gamba e comincio a temere.Quando si intaccano interessi multimiliardari il pericolo di sparire c”e. Ti ricordi la storia di Mattei ex presidente dell”ENI?Bene con te fanno molto prima e non lasci nemmeno notizia.Ciao ti voglio bene e tutti i lettori di NIA te ne vogliono sicuramente.

      (Quote)  (Reply)

  11. La massa terrestre copre 148.490.000 chilometri quadrati. Se una singola stazione di terra è accurata a 0,1 ° C su una distanza di 10 km (6 miglia), allora si avrebbe bisogno di 14.849.000 stazioni per misurare accuratamente la superficie terrestre. Se abbiamo solo 14.849 stazioni (che è vicino al numero effettivo) abbiamo misurato solo lo 0,1% della superficie. Ma queste stazioni avrebbero dovuto essere distribuite in modo uniforme su tutta la superficie, il che non accade, ovviamente, così la copertura della Terra è inferiore a questo 0,1%

    Il che significa che le temperature misurate sono + 99,9% per cento imprecise perché si basano su un piccolo insieme di misurazioni effettive e il resto è basato sulla estrapolazione dei dati.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.