NOWCASTING SOLARE

In questo mese di settembre abbiamo avuto la maggiorparte dei giorni con la presenza di 2 regioni attive contemporaneamente, cosa che non accadeva dal mese di febbraio…anche se mancano ancora 5 giorni alla fine del mese, è possibile già stilare un primo bilancio:

Settembre per il Sidc finirà sopra a marzo (15.4) e luglio (16.1), e molto probabilmente anche a febbraio (18.8), mentre ce la giocheremo fino all’ultimo con agosto (19.6):

http://daltonsminima.altervista.org/?page_id=3523

Per il Nia’s invece, finirà sopra gennaio (10.3), marzo (10.5) ed agosto ( 10.2), mentre febbraio rimane irragiungibile (13.6):

http://daltonsminima.altervista.org/?page_id=8780

I conteggi del Nia’s sono quindi concordi con i valori medi mensili del solar flux, nel definire febbraio il mese fin qui più attivo da quando è ripartito il ciclo solare numero 24.

La media mensile al 25/9 si attesta ad 81.00, il mese se la giocherà fino all’ultimo con agosto (81.13), mentre appaiono lontani marzo (82,18), luglio (82.18) e ovviamente febbraio (82.70). Confido nel fatto che tra 2-3 giorni con la scomparsa dell’AR 1108, il flusso solare possa scendere di qualcosa, o al massimo restare sempre sugli 82-83.

E’ inutile che io ripeta che i dati del Sidc ogni mese che passa diventano sempre più discordanti con quelli del passato, ed assolutamente improponibili per chi come noi ha intenzione di seguire il ciclo 24 con armi alla pari a quelle usate per definire i super minimi stile Dalton e Maunder.

Il Nia’s count parla chiaro, ed è suffragato dalla rilevazione del flusso solare, non schiavo della soggettività dell’osservatore: insieme questi 2 mezzi identificano febbraio 2010 come il mese sinora più attivo del ciclo 24!

Concludo informandovi che la prossima settimana sarà pubblicato un articolo del nostro Pablito (che già ringrazio pubblicameente per l’immenso lavoro di traduzione che ha fatto) sull’ultimo lavoro di L&P che in sostanza confermano la validità della loro teoria, e giusto per rimanere in tema, non mancano di tirare una frecciatina ai conteggi pompati del Noaa ( ed aggiungo io, non hanno poi visto quelli di Locarno e Catania).

Stay tuned, Simon

Hatena Bookmark - NOWCASTING SOLARE
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

32 pensieri su “NOWCASTING SOLARE

  1. Ciao Simon!Io penso che ci stiamo ormai definitivamente avviando verso il massimo previsto tra Gennaio e Aprile 2011!OT ma il pranzo o la cena di Bologna è sempre in programma? E poi hai più avuto notizie di Ale?Grazie per le risposte!

      (Quote)  (Reply)

  2. vado OT. Vi chiedo visto che siete sempre molto ben informati dove posso trovare degli archivi storici sulle mappe stratosferiche a 100 hPa degli anni precedenti perchè voglio confrontarle con quelle attuali visto che il vortice polare mi sembra enormemente esteso per la stagione. Grazie in anticipo.

    Ciao!

      (Quote)  (Reply)

  3. Paolo 72 :

    Ciao Simon!Io penso che ci stiamo ormai definitivamente avviando verso il massimo previsto tra Gennaio e Aprile 2011!OT ma il pranzo o la cena di Bologna è sempre in programma? E poi hai più avuto notizie di Ale?Grazie per le risposte!

    il pranzo o cena è sempre in programma, ma la posticiperemo…magari a sto punto conviene aspettare il generale inverno… 😉 e magari l’occasione buona…che potrebbe anche essere a dicembre… Ale nn l’ho più sentito, ma conoscendolo, so che ci legge ed è super impegnato, e nel frattempo starà sicuramente osservando al meglio l’evoluzione del ciclo solare 24…

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  4. Scusate, ma senza voler far arrabbiare nessuno: com’è possibile che ho guardato il sole con un binocolo scadente dei marocchini, 10 X 50 e con un “cattivo” filtro in mylar ed ho visto 2 regioni di macchie in maniera distinta (quindi almeno un numero di 22) e poi vedo il conteggio NIA a 17? Ok, il SIDC spara 40, avendo visto tutte quelle macchiette dentro, ma possibile che con questo conteggio si rimane sotto i 20?
    Ripeto, non voglio fare imbufalire nessuno, grazie per le eventuali delucidazioni

      (Quote)  (Reply)

  5. Emilio :

    Scusate, ma senza voler far arrabbiare nessuno: com’è possibile che ho guardato il sole con un binocolo scadente dei marocchini, 10 X 50 e con un “cattivo” filtro in mylar ed ho visto 2 regioni di macchie in maniera distinta (quindi almeno un numero di 22) e poi vedo il conteggio NIA a 17? Ok, il SIDC spara 40, avendo visto tutte quelle macchiette dentro, ma possibile che con questo conteggio si rimane sotto i 20?
    Ripeto, non voglio fare imbufalire nessuno, grazie per le eventuali delucidazioni

    dipende a che ora hai fatto l’osservazione…da ora in ora può cambiare molto…

    cmq meglio il 17 del nia’s ( che cmq a fine mese avrà la verifica conclusiva, perchè questi sn ancora dati parziali, nel caso te ne fossi dimenticato) che i conteggi del sidc…

      (Quote)  (Reply)

  6. Emilio :

    Scusate, ma senza voler far arrabbiare nessuno: com’è possibile che ho guardato il sole con un binocolo scadente dei marocchini, 10 X 50 e con un “cattivo” filtro in mylar ed ho visto 2 regioni di macchie in maniera distinta (quindi almeno un numero di 22) e poi vedo il conteggio NIA a 17? Ok, il SIDC spara 40, avendo visto tutte quelle macchiette dentro, ma possibile che con questo conteggio si rimane sotto i 20?
    Ripeto, non voglio fare imbufalire nessuno, grazie per le eventuali delucidazioni

    forse tu non sai che 22*0.6 fa 13
    se noi diamo 17, vuol dire che abbiamo contato almeno 28-29

      (Quote)  (Reply)

  7. @Michele
    Molto utili i tuoi diagrammi sui diversi inizi di SF dei cicli 23 e 24
    Grazie li conservo e se li aggiorni mensilmente saranno sempre interessanti da consultare.

    @Emilio
    In effetti le 2 sunspots sono evidenti e penso che siano contabili anche col NIA´SN

      (Quote)  (Reply)

  8. @Emilio
    e’ un coefficiente che si applica a tutti i conteggi .
    Mi pare che sia uscito per “accordare” il mio programmino ai conteggi precedenti (fatti con un metodo differente che non si poteva più usare – storia vecchia…)
    Ciao
    Luca

      (Quote)  (Reply)

  9. nitopi :

    @Emilio
    e’ un coefficiente che si applica a tutti i conteggi .
    Mi pare che sia uscito per “accordare” il mio programmino ai conteggi precedenti (fatti con un metodo differente che non si poteva più usare – storia vecchia…)
    Ciao
    Luca

    E’ lo stesso fattore di correzione che usa il sidc, non è che ce lo siamo inventati noi… 😉

      (Quote)  (Reply)

  10. cmq io nn vorrei dire, ma la regione 1108 come aveva già fatto notare qualcuno, è da un pò di tempo di chiara polarità da ciclo dispari, e nn è nemmeno la prima…

      (Quote)  (Reply)

  11. Sarebbe da contarle tutte quelle che hanno subito tale metamorfosi….a occhio e croce dovremmo essere già a 5-6 nel giro di pochi mesi…e tra l’altro si è trattato sempre di macchie importanti,forse le più estese che abbiamo avuto in questa estate…..

    ice2020 :cmq io nn vorrei dire, ma la regione 1108 come aveva già fatto notare qualcuno, è da un pò di tempo di chiara polarità da ciclo dispari, e nn è nemmeno la prima…

      (Quote)  (Reply)

  12. sand-rio :

    @Michele
    Molto utili i tuoi diagrammi sui diversi inizi di SF dei cicli 23 e 24
    Grazie li conservo e se li aggiorni mensilmente saranno sempre interessanti da consultare.

    Certo Sandro che li aggiornerò….non è un lavoro pesante una mezz’oretta massimo !
    Cmq per il momento non mi esprimo aspettiamo qualche altro mese….
    ma se il buongiorno si vede dal mattino….
    Più che un aborto mi sembra un motore ingolfato…se fai la media ..viene sicuramente fuori una retta con SF ad 80 !!
    Mi sà che dobbiamo portare in officina la dinamo solare per una bella revisone!
    Intanto l’aggiornamento sulla decadenza magnetica delle macchie sta già girando per il web ! Vediamo se qualche Tv estera riporta la notizia…in Italia…sapete come và…
    🙂

    http://www.physorg.com/news203746768.html

    “Penn and Livingston examined 1500 sunspots and found that the average strength of the magnetic field of the sunspots has dropped from around 2700 gauss to 2000 gauss. (In
    comparison, the Earth’s magnetic field is below one gauss.) The reasons for the decline are unknown, but Livingston said that if the strength continues to decrease at the same rate it will drop to 1500 gauss by 2016, and below this strength the formation of sunspots appears to be impossible.”

      (Quote)  (Reply)

  13. ice2020 :

    nitopi :

    @Emilio
    e’ un coefficiente che si applica a tutti i conteggi .
    Mi pare che sia uscito per “accordare” il mio programmino ai conteggi precedenti (fatti con un metodo differente che non si poteva più usare – storia vecchia…)
    Ciao
    Luca

    E’ lo stesso fattore di correzione che usa il sidc, non è che ce lo siamo inventati noi… ;)

    è quello che usa Locarno, che è il centro principale del SIDC
    il SIDc fa la media dei valori corretti.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.