Tornare ai santi vecchi sia col Sole, che con la meteo in europa

“Un c’è più legno per fa’ Cristi, bisogna tornà a’ santi vecchi”

E’ modo di dire tipicamente lucchese che significa, nell’uso toscano: “Tornare nella condizione e nello stato di prima. Es.: 0 sapete com’ è ? se va di questo passo, è meglio tornare a’ santi vecchi. A significare che una tal cosa non è stata possibile, benché ci si sieno adoperati tutti gli argomenti, si dice che non è stato possibile né per Cristo né per i santi”

Si ragazzi miei, sia le prossimo vicende solari che il modello di previsione climatica made in GFS sembrano proprio calcare questo proverbio toscano.

Infatti, la nostra stella, dopo l’impulsiva e breve accelerazione verificatasi la passata settimana, che ha portato il solar flux a toccare il valore di 170, sembra voler tornare a dormir sogni tranquilli. L’ultimo aggiornamento del SF riporta 118 e anche gli X-ray sono in netta discesa.

http://www.spaceweather.gc.ca/data-donnee/sol_flux/sx-4-eng.php

Fronte terra troviamo la sola Ar 1658 e 1654 dalla scarsa coalescenza magnetica e Ar 1654 che a breve non sarà più visibile. L’altalena solare di cui parlavo in un precedente post, in questo falso massimo solare è nuovamente in azione, http://daltonsminima.altervista.org/?p=23831.

Il Sole continua ad alternare brevi fasi impulsive di ripresa e succesive fasi di discesa delle sue manifestazioni. I flare che la grande regione Ar 1654 ha sviluppato la passata settimana sono stati eventi brevi ed impulsivi e non hanno superato la soglia M2. Questo dato è estremamente importate e significativo a mio parere, indice della completa assenza di manifestazioni elettromagnetiche degne di nota in termini di rilascio energetico.

Infatti, a supporto di questa mia tesi, avevo postato la passata settimana, nei commenti, un’interessante grafico ripreso su questa piattaforma : http://users.telenet.be/j.janssens/

Traccia che riporta a partire dal 1975 (ciclo solare SC21), al corrente ciclo solare SC24, il livellato numero (conteggio) di flare di categoria C,M e X.

Il grafico lascia poco spazio ad errate interpretazioni. Ossevate come il picco dei flare, partendo dal ciclo solare 21 (picco ben aguzzato) divenga con il passare dei cicli solari,  sempre più livellato nel massimo e sdoppiato. Osservate anche la completa assenza di flare di categoria C, durante la transizione fra il ciclo solare SC23 e l’SC24, nuova testimonianza oltre all’indice Ap, della profondità del minimo solare appena trascorso (transizione verificatasi tra il 2009 e il 2010).

Interessante anche il periodo di transizione intercorso fra i cicli (ΔT minimo solare) che sembra divenire sempre più grande  :

SC21-SC22____1985-1986 =2 anni

SC22-SC23____1994/1995 – 1996/1997 =3 anni

SC23-SC24____2006/2007 – 2010 =3/4 anni

Questa figura, ripresa dalla matematica,fisica,elettronica o meccanica mi ricorda…. uno smorzamento nel quale il periodo non è costante ma tende mano a mano ad aumentare.

Tornado al nowcasting fine settimanale, da segnalare come fenomenologia solare una debole esplosione di massa coronale CME che in queste ore ha impattato contro la magnetosfera terrestre. L’indice Ap è in leggera ascesa in questi giorni.

http://www.swpc.noaa.gov/ftpdir/indices/old_indices/2013Q1_DGD.txt

WSA-Enlil Solar Wind Prediction riporta ulteriori onde di plasma in rotta verso la Terra. Interferenze che dovrebbero raggiungere la Terra domenica 20 Gennaio. Probabili ripercussioni geologiche in arrivo. Ipotizzo comunque, rilasci energetici  di debole intensità, in riferimento alla magnitudo o indice esplosivo vulcanico VEI, al termine dei disturbo geomagnetico.

Concludiamo il capitolo solare con l’immagine autoaggiornata del satellite Stereo Behind EUVI 195. In cerca di possibili indicazioni sulla prossima ripresa delle manifetazioni solari. La risposta è chiara. Nuova fase di rilassamento delle manifestazioni solari in arrivo. Prossimi 10 giorni.

Il capitolo meteo è anch’esso un ritorno ai santi vecchi e sarà più breve. Tanto è stato scritto e stra-scritto. Passata questa impulsiva rodanata i modelli stanno confermando quanto scritto dal nostro FBO, a più riprese, a partire da metà Dicembre, nuova fase mite sciroccale umida e piovosa, in arrivo con probabili deboli impulsi continentali in arrivo. Tutto da definire sotto le 90h. di GFS.

 

L’hp delle azzore non vuole risalire e mantenere una consistenza e durata tale da inibire i movimenti del canadese. Canadese vera e propria trottola impazzita che ha rovinato gran parte di quest’inverno. I prossimi 10 giorni sono segnati. Effetti dello stratwarming completamente assenti sul compartimento europeo e prime movimenti bollenti degli anticicloni in sede africana. Rimane solo Febbraio. La mia persona e più specializzata nell’analizzare sviscerare le varie dinamiche elettromagnetiche terrestri e solari su tempistiche un pò più grandi, sono in attesa di valutazioni e commenti da parte degli esperti.

Buon fine settimana,

Michele

Hatena Bookmark - Tornare ai santi vecchi sia col Sole, che con la meteo in europa
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

72 pensieri su “Tornare ai santi vecchi sia col Sole, che con la meteo in europa

  1. http://www.sat24.com/en/eu?ir=true
    la bassa pressione continua a crescere se transita il mediterraneo evitando il tirreno qualcosa potrebbe cambiare per il nord, ma dubito

    intanto non è centrata al 100% la previsione barometrica GFS se consideriamo l’emissione dati della giornata ieri…

      (Quote)  (Reply)

  2. qui in provincia di bs c’è gia tutto bianco. zona chiari rovato. nevica molto forte quasi versione temporale, anche dal satellite si vedono nubi più spesse rispetto a quelle di milano

      (Quote)  (Reply)

  3. ice2020 :

    Situazione davvero infelice, io e Fabio l’avevamo detto già da dicembre, siamo stati entrambi bannati dal forum mtg dopo che siamo stati anche offesi e le offese sn continuate nel tempo anche dopo bannati che nn potevamo più nemmeno rispondere!

    Non si può dire la verità in certi siti…cmq tornando a noi, la vedo molto dura!

    I stratoferisti venditori di fumo hanno tutti preso quattro legante sui denti, ma nn vi preoccupare che la lezione nn l’hanno imparata e troneranno alla carica il prossimo inverno!

    se ne riparla ormai a febbraio, il emse anche per noi emditerranei più propizio!

    Simon

    il trattamento che ci hanno riservato è stato schifoso in tutti i sensi
    e fa rabbia leggere messaggi dove qualche utente dice che non ci ha preso nessuno.

    non è assolutamente vero, qualcuno che aveva capito correttamente le dinamiche c’era, ma è stato zittito e bannato per impedire che la cosa venisse a galla.
    e questi, se adesso glie lo fai notare, ti attaccano di nuovo accusandoti di megalomania.

    la meteo in Italia, in uno dei 2 forum migliori che abbiamo, è arrivata a questo livello.
    capiamoci, siam messi male, molto male

      (Quote)  (Reply)

  4. Zambo :

    ice2020 :

    Situazione davvero infelice, io e Fabio l’avevamo detto già da dicembre, siamo stati entrambi bannati dal forum mtg dopo che siamo stati anche offesi e le offese sn continuate nel tempo anche dopo bannati che nn potevamo più nemmeno rispondere!

    Non si può dire la verità in certi siti…cmq tornando a noi, la vedo molto dura!

    I stratoferisti venditori di fumo hanno tutti preso quattro legante sui denti, ma nn vi preoccupare che la lezione nn l’hanno imparata e troneranno alla carica il prossimo inverno!

    se ne riparla ormai a febbraio, il emse anche per noi emditerranei più propizio!

    Simon

    “stratoferisiti”… Carina questa :-D !

    Comunque calma.
    Se gli “stratoferisti” hanno azzardato a fronte della complessità dell’accoppiamento tra stratosfera e troposfera, è altresì vero che nulla di definitivo è ancora scritto.
    Ci sono i modelli… e solo quelli possono, seppur a fatica, dare una risposta credibile su come andranno le cose.
    E oggi bisogna prendere atto della “volatilità” degli stessi oltre le 100 ore.

    Beh che dici… Potrei esser classificato come un “tropoferista” ;-) ?

    no zambo, non c’è più appiglio
    abbiamo delle possibilità, secondo me, concrete da qui a 10 giorni

    ma si tratta di movimenti troposferici che saranno possibili solo perchè mollerà il canadese.
    ovvero perchè saranno finiti gli effetti delle forzanti troposferiche sul vp

      (Quote)  (Reply)

  5. alessandro1 :
    qui in provincia di bs c’è gia tutto bianco. zona chiari rovato. nevica molto forte quasi versione temporale, anche dal satellite si vedono nubi più spesse rispetto a quelle di milano

    beati voi
    è cambiato il vento giunge da NE adesso anche se debole
    quali valori avete a Brescia ?
    qui facciamo questi http://estensemeteo.altervista.org/#

    http://www.sat24.com/en/eu?ir=true
    vediamo se la LP giunge in Sicilia entro le prossime ore …. la storiella dello zero termico la considero poco con queste perturbazioni nord atlantiche, vale molto per il mite atlantico invece…

      (Quote)  (Reply)

  6. è buona in Piemonte per domani… la neve al NO servirà per i nebbioni per fare uno scudo termico decente in propagazione verso la bassa padana. Per un eventuale arrivo di freddo continentale.

      (Quote)  (Reply)

  7. @alessandro1

    qualche giorno fa conta che è venuta tutta la nottata e sino metà mattina dalle mie parti senza accumulo…

    c’è una tornante calda sull’adriatico che fa più male al ferrarese e polesine rispetto alla romagna (anche se oggi la comprende ampiamente), credo salga poi sul mantovano venezia euganea e area del lago di como. Ed è ancora li che rompe… è strana sta cosa….

      (Quote)  (Reply)

  8. se si guardano i valori sembra che il vento da est che arriva qui sul lato adriatico siano due componenti. Una è di bora infatti dalle temperature prossime agli zero gradi passa poi allo scirocco che ha una temperatura attorno ai due gradi e mezzo. Ma non è scirocco sembra più ostro, ma più che altro libeccio e la cosa d’inverno mi pare strana…..
    Contando l’HP a nord e l’alta sahariana… ma scherziamo?!!??? 😐

    Sono forse tre componenti se guardiamo il variare delle temperature dei venti

      (Quote)  (Reply)

  9. qui a genova temperature miti al mattino sui 7-8 gradi poi ha iniziato a spingere la tramontana scura e adesso nevica intensamente da un’oretta nei quartieri interni…. peccato che la sciroccata è imminente …
    che dite per metà della prox settimana si replica? si intravvede un affondo nord atlantico ma con un possibile timido contributo di aria continentale da est…

      (Quote)  (Reply)

  10. adesso succede una cosa strana, la neve che cade a terra è bagnata. però la temperatura a terra è di -1 al suolo c’è una spece di poltiglia gelata. non lo definirei gelicidio

      (Quote)  (Reply)

  11. arriva freddo arriva.. 🙂

    ragazzi io faccio un giro qui a smesso di piovere,

    @alessandro1
    a Ferrara temperatura vento attorno agli 0°C gradi… ambiente 3°C .. questo spiega tutto è un leggero gelicidio

    Se quel cavolo di Vortice sulla penisola iberica parte come si deve.. dovranno spiegarci l’accumulo nevoso imprevisto per il prossimo inizio settimana.

    @artax penso sia presto.. le previsioni bariche non sono perfette, un flusso nord atlantico del genere non è normale per il mediterraneo….

      (Quote)  (Reply)

  12. entropio33 :
    c’è un aggiornamento dal satellite
    l’Hp Artica ora sul mare del nord, si sta muovendo.. sembra cercare L’Hp delle Azzorre, mentre una bassa pressione è in transito a nord della penisola iberica sul golfo di biscaglia, potrebbe entrare dalla carcassona…

    anche questa notte Hp artica tenta di unirsi con Hp delle azzorre.
    Lp interessante sul mar nero.
    http://www.sat24.com/en/eu?ir=true

    notte 😉

      (Quote)  (Reply)

  13. Michele,
    Ho trovato interessante il tuo articolo e lo hanno presentato alla Leif Svalgaard, un fisico solare noto. La mia domanda e la risposta può essere trovata sul sito web WUWT: http://wattsupwiththat.com/2013/01/09/nasa-on-the-sun-tiny-variations-can-have-a-significant-effect-on-terrestrial-climate/#comment-1203358

    Gli ho posto le seguenti domande:
    1. Michele presuppone che i flare solari può dare un particolare indicatore di attività solare. E ‘questo approccio utile?
    Risposta: flare solari sono uno dei molti indicatori e può essere utile per l’identificazione e la comprensione dell’attività solare.
    2.a. Possone i flare e CME contribuire ai cambiamenti climatici sulla Terra?
    Risposta: piccoli razzi (i C-razzi fanno la parte del leone del grafico sul sito italiano) sono così piccoli (un C5 è cento volte più piccolo di un X5) che difficilmente hanno alcuna importanza. Le eruzioni più energetici sono così rare che sono solo effetti minori in generale.
    2.b. Può un ciclo solare con elevata attività di flare e CME avere più influenza sulla terra di un ciclo solare con bassa attività?
    Risposta: Si potrebbe pensare, a meno di notare che tutti gli indicatori solari cambiare insieme. È quindi difficile determinare quali eventi specifici hanno conseguenze, se ne hanno uno.
    3. Può l’evoluzione degli ultimi quattro cicli solari essere comparando ad uno smorzamento in cui il periodo non è costante, ma aumenta gradualmente?
    Risposta: Il ciclo solare non è un oscillatore nel senso comune, quindi l’analogia sarebbe debole fin dall’inizio. La conversione del numero di flare ad un semplice oscillatore smorzato non è molto utile, in particolare se estrapolare nel futuro. Ci sono altri segni che indicano che ci stiamo avvicinando a un minimo basso. Se sarà un tipo di Dalton o Maunderminimum, resta da vedere.
    Grazie per la vostra visione. E ‘stato illuminante per me. Scusa per il mio italiano. Io non sono italiano.

      (Quote)  (Reply)

  14. @Rik Gheysens

    Ciao Rik e benvenuto sul nostro blog.
    Si Leif mi conosce e credo che conosca il mio blog e sicuramente legge i miei post che vengono pubblicati sul blog di Roger Tattersall.

    Il punto 1 : Condivido parere di Leif

    Il punto 2a : Credo di si, però su delle tempistiche superiori a più di 2,3 mesi.

    Ad esempio leggi questo lavoro redatto da Misha Vuckevic:
    http://tallbloke.wordpress.com/2012/04/05/m-a-vukcevic-possible-confirmation-of-svensmark-hypothesis/

    Il punto 2b : Condivido parere di Leif

    Il punto 3 : Non condivido questo suo parere:

    “….Il ciclo solare non è un oscillatore nel senso comune, quindi l’analogia sarebbe debole fin dall’inizio….”

    L’oscillazione è un dinamica fisica ben conosciuta in natura in vari campi….meccanica, elettronica etc.. altre discipline scientifiche ..

    Perchè in astronomia non deve essere ipotizzabile ?

    Dice:
    “…La conversione del numero di flare ad un semplice oscillatore smorzato non è molto utile, in particolare se estrapolare nel futuro….”

    Io dico a Leif aspettiamo il ciclo solare SC25.
    😉

      (Quote)  (Reply)

  15. Buongiorno,oggi alle ore 7:00 il Solar Flux era a quota 107 è probabile che in settimana si scenda sotto quota 100?
    Se il sole dovesse continuare con la sua fase di minimo prolungato,gli effetti di raffreddamento sulla terra quanto impigherebbero a farsi sentire. Molti danno come data il 2020/25?
    Buona Domenica a tutti.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.