Un aggiornamento sulla Corrente del Golfo

Parliamo un poco della Corrente del Golfo per vedere qual´è la situazione aggiornata. Questo perché é nato da un paio di giorni un piccolo, ma come sempre, interessante dibattito tra gli utenti di NIA.
A molti é venuto il dubbio se le inconsuete gelate che hanno colpito e continuano a imperversare in buona parte dell´Europa, possano essere colpa della Corrente del Golfo. Noi non siamo oceanografi, né studiosi di correnti oceaniche e quello che possiamo fare é mettere a disposizione di tutti delle immagini satellitari.
Considerate che nelle immagini della corrente il colore indica solo le varie velocitá della corrente stessa e non la sua temperatura.
Questa é l´immagine dal satellite francese al 30 dicembre del 2009….

Possiamo fare un paragone con i fine dicembre degli anni passati;
Questo é dicembre 2008:

Mentre questa è l´immagine del dicembre 2007:

Infine voglio farvi vedere questa immagine del 6 gennaio 2010 dove potrete notare come ad un certo punto la corrente del Golfo gira a sinistra verso il Labrador.

Tutte le immagini sono tratte da:

http://bulletin.mercator-ocean.fr/html/welcome_fr.jsp

Vediamo anche una immagine del NOAA al 7 gennaio 2010:

Presa da:
http://www.meteowebcam.it/index.php?page=corrente_del_golfo
Volendo vedere la velocitá da un altra immagine:

Immagine tratta da:

http://rads.tudelft.nl/gulfstream/#fig1

Io non sono in grado di commentare le differenze tra i vari anni, e non so se sono cambiamenti normali o qualcosa é “strana”, molti di voi saranno in condizioni di fare una analisi meglio di me, anche se poi io un idea l´avrei.
Gli effetti della CdG sul clima nord europeo, inglese e in generale su tutta l´Europa lo conosciamo tutti e se sommiamo a questo anche quello che sta succedendo in atmosfera….. comunque continueremo a tenere sotto controllo la calda corrente del Golfo.
P.S. scusate la qualitá delle immagini ma credo si capisca bene tutto, eventualmente potete entrare nel sito

http://bulletin.mercator-ocean.fr/html/produits/bestproduct/welcome_fr.jsp?nom=bestproduct_20100106_21920&zone=at4

e vedere le immagini con molta piú accuratezza.

Mi auguro un bel dibattito da parte di tutti e vorrei che anche quelli che non hanno mai fatto dei commenti dicano la loro.

Un ringraziamento particolare agli utenti di NIA Michele Casati e Gianfranco che già da ieri hanno iniziato e portato avanti il discoso sulla CDG.

SAND-RIO

Hatena Bookmark - Un aggiornamento sulla Corrente del Golfo
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

118 pensieri su “Un aggiornamento sulla Corrente del Golfo

  1. Sul fatto che non significhino quasi nulla non sono tanto daccordo Sand.I risvolti ci sono. Sicuramente si tornera alla normalita e su questo sono daccordo con te.Ma resta il fatto che queste animalie si stanno ripetendo con una certa frequenza, e proprio su quest”ultima parola “frequenza”che si gioca la partita della svolta climatica.

      (Quote)  (Reply)

  2. No non me lo son perso, l’ho preso solo un po’ sotto gamba all’inizio, ma la tua teoria non fa una piega. Se ho ben capito la tendenza della cdg seguendo la spinta di carolis è di dirigersi verso Nw quindi per inerzia e in assenza di altre forzanti la normale traiettoria della cdg dovrebbe essere verso il Labrador come evidenziato dalla carta del 30 dicembre non verso la Norvegia giusto?

      (Quote)  (Reply)

  3. Giorgio, volevo essere diplomatico 🙂 certo é che giá da un bel poco di tempo che qualcosa non quadra con le teorie apocalittiche dell´AGW.
    Sará ancora una battaglia dura per sconfiggere i modelli adottati dai mass media; ma se ci fosse stato un aumento della temperatura di 1/2 º avremmo visto su tutti i giornali, riviste, tg con le immagini degli orsi togliendosi le pellicce per abbronzarsi sotto le palme della Groenlandia
    Ancora é un poco presto per dire che l´influenza del minimo solare comincia a far vedere i suoi effetti, ma se questo minimo durasse ancora ne vedremmo delle belle, ed io sono un inguaribile amante del potere di Madre Natura.

      (Quote)  (Reply)

  4. Guarda fare previsioni al lungo termine come spesso fa MET Office e altri istituti che si credono dotati di veggenza, perche è di questo che si tratta, è soltanto un azzardo, per esperienza peronale ti dico che toppano quasi sempre troppe volte nelle carte stagionali si prevede freddo o viceversa e poi succede tutt’altro. Le poche volte che ci beccano è solo questione di Fortuna.
    La cosa su cui invece non concordo e forse nei miei precedenti interventi si era capito è che non è che è stato lo spostamento di traiettoria della corrente del golfo a causare l’ondata di gelo, ma bensì è la stessa ondata di gelo prolungata in europa con annessa risalita di correnti calde verso il labrador a deviare o meglio modificare la traiettoria superficiale della CDG.

      (Quote)  (Reply)

  5. presto per fare bilanci, molto tardi anzi tardissimo per non cominciare d informare il globo che qualcosa potrebbe cambiare in senso contrario.il danno provocato dalla manipolazione mediatica sara peggiore del danno naturale,perche non ci permettera di fornirci dei mezzi adeguati per affrontare un eventuale global cooling.

      (Quote)  (Reply)

  6. Sarebbe interessante trovare qualche immagine satellitare nella zona Groenlandia Islanda per vedere se veramente i ghiacci stanno crescendo in modo anomalo…

      (Quote)  (Reply)

  7. L´anomalia termica si trova proprio a oriente della groenlandia dove normalmente passa la C.d.G. che in questi giorni, non per motivi politici, ha preferito spostarsi a sinistra a della Groenlandia.
    Nel sito islandese (sei stato bravissimo!!) dicono che questa anomalia dovrebbe cessare entro un paio di giorni, proprio come avevo scritto poco sopra quando ho detto che adesso quella deriva a sx della Cdg sembra meno potente di prima.

      (Quote)  (Reply)

  8. mi fa pensare che nessuno di voi prenda in considerazione l’ipotesi che stia cambiando soprattutto l’energia emanata dalla Terra anziche’ basarsi solo su quella del sole visto come una semplice stufa.
    certo non conosciamo niente a proposito ma questo non preclude che possa avvenire.

      (Quote)  (Reply)

  9. In effetti é una variabile da considerare …
    Comunque più si va avanti nello studio più vengono fuori problematiche e variabili … e la “faccenda” si complica sempre di più e fare un modello accettabile a lungo termine sembra veramente utopico …
    Bisogna davvero accontentarsi dell’ unico sapere di socratica memoria …
    … sapere di non sapere !

      (Quote)  (Reply)

  10. Sorry, but I only speak English so I hope its OK for me to post here?

    Thanks for an interesting thread. It is important that we understand what’s happening to the Gulf Stream and Thermoline current if we are to understand the dramatic NH cold period we are all suffering.

      (Quote)  (Reply)

  11. Ciao ragazzi, qualcuno di voi è a conoscenza del “Progetto Argo”?
    Sarebbe molto interessante poter visionare i dati relativi alle temperature, sia di superficie che in profondità, misurati nel corso di diversi anni da questo sistema di boe…
    Credo che potrebbero essere utili per capire qualcosa di più sia sulla CDG che sulla circolazione delle correnti oceaniche e quindi anche sul clima in generale.
    Qualcuno ha possibilità di accesso a tali dati?
    Bruno

      (Quote)  (Reply)

  12. Ma cosa dici?

    Orami è tutto già deciso…moriremo tutti bruciati e la colpa è solo della CO2 antropica…

    Quali variabili???

    😆

      (Quote)  (Reply)

  13. Avete letto le news di meteogiornale, è gelato pure il porto di stoccolma, non succedeva da tantissimi anni!!

      (Quote)  (Reply)

  14. Ragazzi son tornato adesso!

    97 commenti in meno di 10 Ore !!
    Stasera dovrò far le ore piccole per non perdermi le vostre osservaz.!

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.