Effetti del minimo solare sul clima e global warming: tutto quello che c’è da sapere ma che nessuno dice… (Prima Parte)

Il clima, un altro argomento su cui molti dibattono ma tutto propende molto irrealisticamente verso un global warming inarrestabile e senza ombra di dubbio senza alcuna via d’uscita.

Io in questo mi dissocio completamente perché non solo non stiamo andando verso un riscaldamento inarrestabile ma forse addirittura stiamo andando verso un raffreddamento globale che potrebbe concretizzarsi nel giro di pochi anni.

Usciamo da un anno dove il nino ha spadroneggiato facendo schizzare letteralmente verso l’alto le temperature e non dico che questo sia falso ma quantomeno non del tutto veritiero perché sappiamo tutti o quasi che solo due anni fa con la nina tutti gridavano già ad un rallentamento del global warming perché le temperature non aumentavano più.

Ho sempre sostenuto che un aumento delle temperature dovuto al nino sarebbe stato da mettere in conto ma non da far gridare ad alcuni enti governativi che il clima della terra sarebbe andato verso un aumento esponenziale delle temperature, con lo scioglimento dei ghiacci mondiali e il conseguente aumento del livello del mare come molti di questi signori sostengono.

Adesso voglio parlare dei dati satellitari; ma siamo proprio sicuri che questi dati che ci propinano ogni giorno siano reali, veritieri e che rispecchino realmente la situazione attuale delle temperature?

Qui vi posto le anomalie dei mari e l’andamento degli ultimi anni:

Bene da questi grafici cosa ne emerge?

Che la temperatura degli oceani non è così drammatica come vogliono farci credere, considerando le anomalie portate dal nino, e che le temperature degli oceani di fatto non sono più aumentate dal 1998 quando si raggiunse il picco storico di riscaldamento.

Poi guardate le pesanti anomalie negative del nord pacifico e della zona centrale atlantica che ormai si protraggono da anni

Gli inglesi del Met Office continuano a parlare di anno più caldo della storia e ogni anno ci dicono che questo sarà davvero bollente ma nessuno ha il coraggio di dire che questi signori stanno facendo errori su errori non hanno un minimo di umiltà di dire è vero abbiamo sbagliato ma continuano per la loro strada!

L’hanno scorso avevano previsto che sarebbe stata l’estate più calda della storia per poi rivelarsi una delle più fresche e delle più piovose della storia e adesso, per questo 2010, prevedono un anno terribile addirittura più caldo della storia!

Ma siamo proprio sicuri che sarà davvero il più caldo?

Il nino è terminato e addirittura stanno uscendo le prime anomalie negative nel pacifico equatoriale indice di una nina incombente e che nei prossimi mesi potrebbe rivelarsi anche forte condizionando così tutti i fattori climatici mondiali con un brusco abbassamento delle temperature.

Fine prima parte

Andrew

Hatena Bookmark - Effetti del minimo solare sul clima e global warming: tutto quello che c’è da sapere ma che nessuno dice… (Prima Parte)
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

57 pensieri su “Effetti del minimo solare sul clima e global warming: tutto quello che c’è da sapere ma che nessuno dice… (Prima Parte)

  1. Domanda da mezzo centesimo di euro:

    se in condizioni normali l’acqua ha una sua ben precisa temperatura in “risposta” all’energia in arrivo dal nostro amato Sole… cambiando “percentuale” di schifezze nell’acqua, nello specifico l’enorme quantita’ di petrolio che esce dal pozzo maledetto del Golfo del Messico, come cambiano le proprieta’ dell’acqua in questione?
    Cioe’… quel maleodorante mare, si scaldera’ di piu’ o di meno rispetto a prima?

      (Quote)  (Reply)

  2. Caro Bernardo,non penso valga la pena di rispondere ad una domanda così difficile per mezzo centesimo di euro(ne vale almeno un milione)…secondo il mio modesto parere l’acqua si è scaldata molto nel golfo a causa del petrolio…il petrolio ha una densità molto inferiore a quella dell’acqua e dunque galleggia in superficie…essendo poi molto scuro è in grado di attirare molto più calore…il fatto è che essendo in quantità notevolissime(si parla di una petroliera al giorno o forse più),il suo effetto non può essere trascurato…non è un caso che le forti anomalie negative delle acque del golfo siano cessate proprio in concomitanza con questa catastrofe…sempre a causa della sua minore densità non so se possa avere delle ripercussioni sul nastro trasportatore,o meglio sui punti di affossamento della corrente(cosa che dipende molto dalla densità delle acque del nastro)…comunque vista la complessità penso che l’argomento meriti un adeguato dibattito….

      (Quote)  (Reply)

  3. si, roberto, il vulcano islandese ……kull é calmo, praticamente nulla anche a livello sismico….ora attenzione al katla….

      (Quote)  (Reply)

  4. Renso Roberto :
    Leggevo,( purtroppo non ricordo dove scusate), che L’Innominabile vulcano islandese s’è acquietato.
    Oggi, qui http://crisis.blogosfere.it/2010/05/aiuto-laltro-vulcano.html leggo questa notizia.
    Gentilmente, qualcuno mi può illuminare sulla situazione? grazie

    per il momento dall’Eyjafjöll sta mostrando segni di attività anche se sta fuoriuscendo del vapore e non cenere..per adesso non c’è nessuna attività esplosiva, per il katla ci sono segnali che suggeriscono di monitorarlo perchè una eruzione è data per imminente (cioò però vuol dire che può avvenire fra 5 minuti o fra 2 mesi)…l’attività sismica nella zona si fa sentire…per ora è tutto qui

      (Quote)  (Reply)

  5. OT – Marea nera

    http://www.presstv.ir/detail.aspx?id=128113&sectionid=3510203

    :-/

    Credo che la gravità di questo disastro vada oltre ogni immaginazione………….

    Intanto dalla webcam si vede che continua ad uscire petrolio anche più di prima che iniziassero le operazioni per contenerlo, mah, intanto obama ieri alla cnn ha detto che se quest’ultimo tentativo della BP andrà male prenderanno loro i comandi delle operazioni con gli scienziati che lavorano per lui con a capo il segretario di Stato all’energia degli Stati Uniti d’America, il premio nobel steven chu ( fisico )

      (Quote)  (Reply)

  6. Jacopo :

    Michele :
    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/index2.php
    Un pò troppi questi colori giallo/arancio !

    michele, tu che sei pratico di inglese ed io un pò meno, mi spieghi cosa significa “eruption is ongoing”??? Sta già eruttando od è un segnale di eruzione imminente?
    Grazie in anticipo

    Eruption is ongoing significa eruzione in corso, quindi quando vedi scritto così vuol dire che il vulcano in questione sta già eruttando.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.