E diventarono 6…

Si intravvede in alto a destra una minuscola regione del tutto priva di attività, per il resto il sole appare come i giorni scorsi, completamente BLANK!

Diamo uno sguardo anche oggi al behind per osservare gli eventuali progressi della regione nell’emisfero meridionale di cui parlavamo ieri:

Vi incute paura?

Come sempre concludo aspettando il primo valore del solar flux.

stay tuned, Simon

UPDATE: Il solar flux torna a scendere a 68!

Domani entro le 13 sarà pubblicata la seconda parte dell’articolo sulla differenza tra minimo di Damon e di Eddy.

Hatena Bookmark - E diventarono 6…
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

30 pensieri su “E diventarono 6…

  1. I dati satellitari UAH realtivi alle anomalie globali di settembre indicano un significativo aumento della temperatura rispetto ad Agosto. Lo scarto complessivo si attesta sugli 0.42°C, vale a dire 0.189°C in più sul mese precedente. Il dato rappresenta l’anomalia più alta dal febbraio 2007, quando la Terra si scoprì più calda della media di 0.45°C. Il Nino è tornato, e si vede…
    3bmeteo

      (Quote)  (Reply)

  2. No, per ora non mi fa paura; anche perchè le proto-AR quando approcciano dal limb appaiono più corpose nella loro luminosità di quanto poi sia effettivo il loro magnetismo.
    Ciao
    Marcello

      (Quote)  (Reply)

  3. no a me non fa paura….anzi non mi preoccupo .
    x 3bmeteo:
    il nino? si e’ tornato…. ma debole e tra poco sparira’…. contrariamente alle previsioni….
    per quanto riguarda le temperature globali ( sia chiaro e’ un mio parere personale) , e’ un dato taroccato…!!

      (Quote)  (Reply)

  4. Le temp sat risentono in modo molto forte del nino, che cmq ancora è debole-moderato rispetto le previsioni.

    E secondo me questo è il dato saliente, altrochè i dati “semi taroccati” che ancora continuano a propinarci…

    simon

      (Quote)  (Reply)

  5. Tra l’altro credo sia giusto rispondere al nostro bora anche con altri dati che invece vedono un ribasso (chissà percè quelli nn li posta mai, mah)

    da mtg:

    Usciti i dati ERSST-NOAA di settembre 2009 che rappresentano in pratica i dati ufficiali NOAA anche se su base 1971-00.

    NOTA: ricordo che i dati italiani delle anomalie li ho messi in un post ad-hoc: GW Italia, settembre 2009
    Ho messo il grafico delle anomalie oceaniche come testata di questo mese perchè penso che sia il dato più importante e aspettato da chi segue il GW, visti i forti aumenti dei mesi precedenti. Secondo ERSST c’è stata una decisa diminuzione di -0,07° anche se le anomalie rimangono nella fascia alta delle oscillazioni degli ultimi anni.

    Il GW (land+ocean) ha visto anch’esso una certa diminuzione dai +0,46° di agosto ai +0,38° di settembre, -0,08° la variazione. Nel grafico che ho messo dal 2000 ad oggi ho evidenziato la fascia di oscillazione media in questi ultimi anni (da +0,3 a 0,5°) e l’individuazione dei massimi di periodi che si sono alternati con periodo tra 15 e 20 mesi tranne che questa attuale fase calda distanziata a causa della forte fase di Nina che ha fatto andare l’oscillazione sotto la normalità di questo periodo (la linea blu è la media smussata su 7 mesi).

    Anche il GW delle sole Terre ha visto una lieve diminuzione. Anche in questo caso ho messo la fascia di oscillazione che per le sole terre è molto più ampia e su valori più alti, 0,5-1°.

    Fonte: http://globalwarming.blog.meteogiornale.it/2009/10/04/gw-mondo-settembre-2009/

      (Quote)  (Reply)

  6. E cmq in generale, lo ripeto e lo ripeto e lo ripeto ancora:

    Prima di avere effetti sulle temp globali ne deve passare di acqua sotto i ponti!

    Intanto:
    1) l’artico recupera mentre doveva sciogliersi tra 5 anni secondo Al-Gore

    2)linea itcz che a causa della minore radianza solare è rimasta sempre sotto media e lo è ancora.

    3) PDO- da tempo ormai

    4) Nino che doveva essere super strong e nn decolla

    5) ci sn zone del pianeta (east coast stati uniti su tutti) che stanno avendo ormai da tempo costanti sottomedia termici.

    6) Bisosgna ancora aspettare signor bora…

    Simon 😉

      (Quote)  (Reply)

  7. che ne pensate di questo studio?
    L’HELIOMAGNETISMO SECONDO MCCRACKEN

    Lo scienziato australiano Ken McCracken da anni studia il sole, ultimamente ha esposto le sue ricerche in un simposio.
    I suoi dati sono interessanti perché per valutare il flusso magnetico solare si avvale della ricostruzione dei cambiamenti dell’isotopo del Berillio il Be10, che si forma in misura maggiore più il flusso di raggi cosmici è alto. Considerando che il flusso solare devia il flusso dei raggi cosmici il dato del Be 10 è considerata dal McCracken una misura inversa del flusso solare.
    http://www.wpsmeteo.it/mkportal/editor/jscripts/tiny_mce/plugins/imagemanager/images/articoli/claudionew1

    Il grafico rappresenta il flusso magnetico solare, che indica l’attività solare ed è in continua ascesa anche dal 1950 al 2005 a differenza di quello sostenuto dall’IPCC che invece afferma che l’attività solare (come TSI) è in calo dagli anni 80. La massima intensità del flusso, come si vede è intorno al 1995. Anche se l’autore non ne parla il dato richiama subito l’anno più caldo del secolo il 1998 caratterizzato da un super el nino sommato ad una PDO positiva.
    I tratti neri orizzontali rappresentano il “piano” dei minimi solari (coincide con un il minimo delle macchie solari), e gli autori ne sottolineano la ciclicità e l’aumento di valore a salti.
    Negli ultimi 50 anni abbiamo i minimi costanti a 5,2 nT e il massimo nel 1995 a circa 9,1 nT
    McCracken non è un cosiddetto scettico, ma di fatto le sue ricerche indicano, come lui stesso afferma, che:
    – l’attività magnetica è in crescita costante da almeno 600 anni (2)
    – immaginando nel grafico la linea del trend del 900, anche da occhio si può intuire che l’attività magnetica solare è in crescita continua anche negli anni 80 e 90 (2)
    – il sole non è mai stato così attivo negli ultimi 1000 anni (3)
    – ritiene possibile un raffreddamento della terra nei prossimi 20 anni proprio per l’attività solare in calo, ma poi la temperatura risalirà per gas serra (3)
    – l’effetto del sole e di tutte le amplificazioni sui feedback è sottostimato dal’IPCC (4)
    COMMENTI: Se l’attività solare fosse così importante da determinare un calo delle temperature nelle prossime due decadi, sarebbe inaccettabile la stima della forzante radiativa fatta dall’IPCC cioè di 1,6 w/m2 per la CO2 e solo 0,12 w/m2 per la variazione solare. Perché un’attività solare così bassa sarebbe ininfluente rispetto alla CO2, la cui concentrazione è stimata in forte crescita anche per i prossimi 20 anni.
    Claudio Costa

    RIFERIMENTI
    1) http://www.eawag.ch/organisation/abteilungen/surf/publikationen/2009_beer_mccracken.pdf
    “Evidence for solar forcing: Some selected aspects” 2009-10-05
    2) http://dpnc.unige.ch/ams/ICRC-07/icrc1243.pdf
    McCracken, K. G. (2007), Heliomagnetic field near Earth, 1428–2005, J. Geophys. Res., 112, A09106, doi:10.1029/2006JA012119
    3) http://wattsupwiththat.com/2008/08/26/former-head-of-csiros-division-of-space-science-says-global-cooling-may-be-on-the-way/#more-2504
    4) http://www.abc.net.au/science/articles/2009/08/28/2667549.htm

      (Quote)  (Reply)

  8. Per ultimo invito i signor Bora e chiunque altro, che in questo td si sta parlando di nowcasting solare, quindi cerchiamo di rimanere ot…

    la prossima volta che mentre si parla di una cosa ne verrà postata una su una cosa che nn centra assolutamente niente col tema trattato, verrà cancellata… (inerente va bene, ma che nn centra assolutamente niente come in questo caso, allora no)

    Qui su NIA parliamo anche di clima, manca nintendo e quando tornerà farà il suo consueto riassunto mensile sul GW di settembre.

    ultimo avvertimento signor Bora 71

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  9. Scusate lo sfogo ma quando ce vò ce vò…

    cmq tornando in tema, nn vi sembra anche a voi che dietro la regione nel behind c sia un altro bagliore?

      (Quote)  (Reply)

  10. sono stanco dei tuoi avvertimenti simon..non sono il primo e neanche l’ultimo cha va out..mi sembri un dittatore quando fai cosi’..
    se ti sto sulle palle me ne vado tranquillamente…nessun problema..

      (Quote)  (Reply)

  11. si sta parlando di sole e nowcasting!

    se uno fa come conan e mi posta un commento nn proprio IT, ma cmq inerente al discorso sole, lo accetto!

    Tu ogni volta posti sempre le stesse cose sui dati del gw che salgono, salgono e salgono!

    quindi dimmi te cosa centra cn un TD sul nowcasting solare?

    Sembra che sai fare solo copia-incolla per avvertirci che il mondo ha la febbre!

    puoi farlo, nn te lo vieto, ma nn sui td dedicati al sole!

    nn sn un ditattore e nn mi stai sulle palle!

    Ma quando fai così sei come una zanzara e quindi si, le rompi le palle, ma è diverso che starmi sulle palle!

    direi queste cose a qualunque altro…

    e smettila di fare la vittima per favore

    cerca solo di essere nn OT nei tuoi interventi!

    se avessi scritto quella cosa su un TD sul clima, che ne so magari anche sui ghiacci artici, nn ti avei detto nulla!

    cerca di capire una buona volta…

    se poi te ne vuoi andare perchè pensi che sn un dittatore o mi stai nelle palle, libero di farlo, ma NN è QUESTA LA VERITà!

    ciao 😉

      (Quote)  (Reply)

  12. Intanto se non ci sono sorprese dovremmo arrivare ad agguantare il ciclo 13 prima
    dell’arrivo di quella regione.
    Da quello che appare non dovrebbe essere niente di eccezzionale,ma visto quello che
    contano tutto preoccupa.

      (Quote)  (Reply)

  13. Per quello che sembra non dovrebbere essere che una plage senza significato.
    Inoltre apparirá, se si mantiene, almeno tra 7/8 giorni.
    Andiamo avanti col minimo ed il flux rimane molto basso alle 17 UT é a 70.

      (Quote)  (Reply)

  14. mah, a me non fa molta paura quella regione, però forse siamo mosci perché è un momento abbastanza decisivo e stiamo tutti cercando di capire. Un po’ con il fiato sospeso.
    L’incertezza degli scienziati mette un po’ di agitazione.
    Comunque: oramai è un po’ che non si vedono regioni del ciclo 23, quindi questo dovrebbe dire qualcosa.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.