L’astrofisico israeliano Nir Shaviv afferma: “L’attività solare è responsabile del riscaldamento globale occorso nella seconda metà del 20° secolo”

Nir Shaviv Joseph è un professore di fisica israelo-americano, ricercatore nel campo dell’astrofisica e della scienza del clima, docente presso l’Istituto di Fisica Racah della Hebrew University di Jerusalem, ed è anche membro dell’Institute for Advanced Study di Princeton. Egli è meglio conosciuto per la sua controversa ipotesi solare/raggi cosmici del cambiamento climatico. Nel 2002, Shaviv ha ipotizzato che i passaggi del sistema solare attraverso i bracci a spirale della Via Lattea sembrano essere stati la causa delle grandi epoche glaciali negli ultimi miliardi di anni.

Nel 2014 Shaviv e colleghi hanno pubblicato una carta su Scientific Reports a titolo : E’ il movimento del sistema solare nella galassia impresso nel cambiamento climatico nel Fanerozoico ? Conchiglie fossili, principalmente brachiopodi con alcuni conodonti e belemniti sono proposti come cronometri per collegare il clima terrestre al movimento verticale del sistema solare attraverso la galassia.

Il riassunto della carta :

“Un nuovo database δ18O del Fanerozoico, sulla base di 24.000 Mg conchiglie fossili calcitica, produce un importante 32 Ma oscillazione con una secondaria 175 Ma modulazione di frequenza. Le periodicità e fasi di queste oscillazioni sono coerenti con i parametri ipotizzati del movimento verticale del sistema solare attraverso il piano galattico, modulato dal movimento epicicloidale radiale. Proponiamo quindi che il moto del sistema solare nella galassia ha lasciato un’impronta nelle registrazioni del clima terrestre. Sulla base del movimento verticale, l’effettiva densità media galattica incontrate dal sistema solare … suggeriamo la presenza di un componente di materia oscura nel disco“.

Figura 3 ripresa dal documento : L’oscillazione ML200 δ18O ripulita con un filtro passa-alto. I dati rivelano una distinta oscillazione di 32 milioni anni che si spiega naturalmente attraverso il moto del sistema solare perpendicolarmente al piano galattico.

Nir Shaviv ha recentemente pubblicato sul suo sito, un articolo, sugli effetti della radiazione cosmica sul clima. Shaviv, afferma alla fine :

I risultati hanno due implicazioni particolarmente interessanti. In primo luogo, portano ancora una volta in evidenza il legame tra l’ambiente galattico e il clima terrestre. Sebbene non vi sia alcuna prova diretta che i raggi cosmici sono il collegamento reale sulla scala temporale di 32 milioni di anni, per quanto ne sappiamo, sono l’unico legame che può spiegare queste osservazioni. Questo a sua volta rafforza l’idea che le variazioni dei raggi cosmici attraverso l’attività solare influenzano il clima. In questo quadro, l’incremento dell’attività solare è responsabile del riscaldamento globale occorso dalla metà del XX secolo attraverso la riduzione del flusso dei raggi cosmici. Inoltre, in questo contesto, la sensibilità climatica è sul lato basso, inferiore (forse da 1 a 1,5 ° C di aumento per il raddoppio di CO2, rispetto alla gamma 1,5-4,5 ° C sostenuto dall’IPCC), il che implica che il futuro non è così disastroso come spesso profetizzato.

 

Fonti :

http://notrickszone.com/2015/03/21/israeli-astrophysicist-nir-shaviv-solar-activity-responsible-for-about-half-of-20th-century-global-warming/

http://wattsupwiththat.com/2015/03/21/is-the-solar-systems-galactic-motion-imprinted-in-the-phanerozoic-climate/

Ho una domanda …. con due possibili risposte

Quando il ghiacci si sciolgono è l’acqua finisce in mare. In mare che cosa fa l’acqua?

:smile:

…………..

A) Aumenta il livello del mare

Risposta n°1 – da Science :

Le immagini satellitari scattate dall’ESA tra il 1994 ed il 2012 rivelano un calo accelerato in enormi piattaforme di ghiaccio galleggianti del continente.

Nuovi dati satellitari riportano sotto i riflettori mediatici l’allarme per le sorti dell’Antartide: il pack del Polo Sud sta andando incontro ad un rapido scioglimento, con tassi di fusione dei ghiacci addirittura inaspettati. A rivelarlo è il nuovo studio internazionale pubblicato in questi giorni sulla rivista Science, e bastato su 18 anni di osservazioni continue dell’Agenzia spaziale europea. Le immagini satellitari scattate dall’ESA tra il 1994 ed il 2012 mostrerebbero infatti una riduzione del 18% della porzione di ghiacci galleggianti  in Antartide.

Mappa che mostra le variazioni delle piattaforme di ghiaccio antartiche dal 1994 al 2012. L’ombreggiatura delle piattaforme di ghiaccio mostra il tasso di variazione dello spessore (in metri al decennio), dal diradamento (rosso) a ispessimento (blu). Nell’immagine è riportato lo spessore perduto (rosso) o acquisito (blu). Il cerchio centrale mostra l’area non coperta dai satelliti. Fonte: Paolo et al. (2015)

Durante la prima metà del periodo di studio, intorno al 2003, il calo volume complessivo risultava ancora contenuto, con piccole perdite nei ghiacci dell’Antartide occidentale quasi compensate dai guadagni in Antartide orientale. Ma dopo quella data il ritmo di scioglimento ha premuto il pedale dell’accelerazione. “Se i tassi di perdita che abbiamo osservato nel corso degli ultimi due decenni rimarranno sostenuti, alcune piattaforme di ghiaccio nei mari Amundsen e Bellingshausen potrebbero scomparire entro questo secolo, ha spiegato Fernando Paolo, ricercatore dell’University of California, che aggiunge “di questo passo nei prossimi 200 anni metà dei ghiacci si sarà sciolta e di conseguenza il livello dei mari si innalzerà”.

http://www.rinnovabili.it/ambiente/antartide-fusione-dei-ghiacci-666/

…………..

B) L’acqua ghiaccia nuovamente

Risposta n°2 – da National Snow and Ice Data Center :

Confronto anomalie ghiaccio marino antartico 1994 – 2015 per il mese di Gennaio.

Clicca sopra l’immagine e osserva i tre rettangoli di colore giallo.

Antartide

http://nsidc.org/cgi-bin/bist/bist.pl?annot=1&legend=1&scale=100&tab_cols=2&tab_rows=2&config=seaice_index&submit=Refresh&mo0=01&hemis0=S&img0=anom&mo1=01&hemis1=S&img1=anom&year0=1994&year1=2015

P.S. Il confronto è stato effettuato sul mese di gennaio. Potete tranquillamente giocare con la banca dati NSIDC per verificare il confronto su i restanti undici mesi dell’anno..

Buon fine/inizio settimana.

:wink:

Michele

Nowcasting solare infrasettimanale

Il Sole sta lentamente cambiando stile di guida ?

I principali e recenti indizi, su segnalazione di nostri due lettori e del nostro FabioDue.

Allora, lanciamo questo breve e veloce nowcasting solare infrasettimanale con in prims, una mia personale osservazione : Vi risulta che i buchi coronali stanno tentando sempre più frequentemente (ultimi due mesi) il distacco dai poli (attraverso una maggiore migrazione e/o spostamento sulla superficie del Sole) ? Dinamica evidenziata anche in quest’ultime settimane, dal vento solare e relativi indici geomagnetici (indice Ap) che si mantenendo da più giorni, su valori medio/medio-alti.

AR_CH_20150324

– Su segnalazione del nostro utente, danyastoria : “….Volevo porre l’attenzione sulla discesa del SF che si è registrato negli ultimi 10 giorni, nonostante una presenza consistente di macchie. Ricordo che nei mesi scorsi, in condizioni simili del Sole, il SF faceva registrare valori decisamente superiori, attorno a 130-140….”

Quindi, aggiungo io, monitoriamo attentamente il trend del SF, in relazione alla regioni solari che si presenteranno fronte terra, facendo particolare attenzione agli eventuali “buchi”, caratteristici delle dinamiche sussultorie (alti e bassi) che hanno contraddistinto  il trend del ciclo solare SC24, negli ultimi 2 anni.

SF- Questo è il quarto mese consecutivo che vede il smoothed sunspot number in calo. Su segnalazione del nostro editor, FabioDue. Anche l’osservatorio belga, il SIDC sembra allinearsi in questa direzione. Vedi immagine sotto riportata e relative proiezione evoluzione SC24.


– Probabile comparsa delle prime regioni a polarità invertita. Commento depositato nella giornata di ieri, dal nostro Marcello.

Marcello chiede conferma della sua osservazione. Se qualcuno di voi, vuole gentilmente commentare l’immagine del magnetogramma di SDO. Il magnetogramma solare e l’analisi della polarità delle varie spot, non è il mio pezzo forte.

Siamo al termine e rileggendo questo breve post e relative osservazioni, in cerca di una possibile chiave di volta, credo che ad oggi di sicuro ( in riferimento alle prossime vicende solari) ci sia solamente il “lentamente”…ma questa è una mia personale considerazione.

:smile:

Voi cosa ne pensate ?

Michele

Cattive notizie per Trenberth e il suo calore mancante : Un nuovo studio trova che le acque nelle profondità degli oceani si stanno raffreddando dal 1992 al 2011 e ….

….che il riscaldamento riscontrato in alcune aree in superficie, è dovuto al calore che proveniva dalle profondità.

Fig.n°-1

Figura n° 1 (ripresa dal documento) Media (pannello superiore), la deviazione standard (pannello centrale) e il rapporto medio di deviazione standard (pannello inferiore) dello scambio termico oceano-atmosfera netto nella stima del lungo stato di 20 anni. I valori negativi e positivi nel pannello superiore stanno rispettivamenteper per i flussi in entrata e in uscita del mare in W / m2. L’oceano generalmente guadagna calore a basse latitudini e la perde alle alte latitudini. Le principali correnti oceaniche, come la Kuroshio e la Corrente del Golfo, sono importanti per lo scambio termico tra l’oceano e l’atmosfera e mostrano anche forti variazioni temporali di scambio termico.

La carta di Liang et al. (2015) : Verticale ridistribuzione del calore degli oceani.
Nel riassunto della carta scientifica si legge :

“…. Valori stimati del recente assorbimento del calore oceanico sono dell’ordine di pochi decimi di W / m 2, e sono un piccola residua parte dello scambi aria-mare con una magnitudo regionale media annua di centinaia di W / m 2. Utilizzando una stima sullo stato coerente in modo dinamico, la ridistribuzione del calore all’interno del mare è calcolato su un periodo di 20 anni. La media del flusso di calore verticale di 20 anni indica forti variazioni in entrambe le direzioni laterali e verticali, in linea con il concetto che l’oceano è un grosso scambiatore attivo di calore, dinamico e spazialmente complesso. Tra i due processi che determinano il trasporto di calore verticale nelle profondità dell’oceano, la miscelazione e l’avvezione, l’avvezione gioca il ruolo più importante nel definire i modelli spaziali di scambio termico verticale e le sue variazioni temporali. L’integrale globale del flusso termico verticale mostra un trasporto di calore verso l’alto dalle profondità dell’oceano, suggerendo una tendenza al raffreddamento nelle profondità dell’oceano. Questi risultati supportano la conclusione che le proprietà termiche in prossimità della superficie del mare sono una conseguenza, almeno in parte, di ridistribuzione interna di calore, alcune delle quali si riflettono su l’acqua che ha subito lungo le traiettorie durante l’ultima esposizione all’atmosfera. Oggi, Il piccolo scambio di calore residuo con l’atmosfera è improbabile che rappresenti l’interazione principale con l’oceano che era in equilibrio termico all’inizio del riscaldamento globale. Una analogia è disegnata con il carbonio-14 “età serbatoio” che occupa da centinaia a migliaia di anni… “

Un’edizione preprint della carta è disponibile qui . La carta è piena di memorabili citazioni, tra cui :

“…. Un trasporto di calore verso l’alto dal profondo oceano può sembrare in contrasto con l’idea diffusa che una gran parte del calore aggiunta in più al sistema Terra negli ultimi decenni deve essere trasportata nel profondo oceano (es Fig. 1 in Stocker et al. 2013). Tale deduzione si basa sul presupposto che l’oceano era in equilibrio con l’atmosfera prima di qualsiasi ulteriore calore immesso. Nell’interpretazione della misura del contenuto di calore dell’oceano, spesso si considerano le sole perturbazioni del passato recente. Tuttavia, come sottolinea Wunsch e Heimbach (2014) e nella presente analisi, i lunghi tempi di integrazione nella circolazione oceanica implicano una risposta che coinvolge la storia temporale della circolazione nel corso di centinaia di anni, almeno…”

E contrariamente a quanto affermato nei modelli climatici:

Inoltre l’oceano, lunge dall’essere un serbatoio passivo riempito e svuotato dai contributi atmosferici, è un elemento attivo turbolento dinamico di un sistema accoppiato.

E tenendo presente che la carta di Balmaseda et al. (2013) è stata una delle carte che ha affermato di aver trovato parte, ma non tutto del “calore mancante” di Trenberth:

Il raffreddamento medio globale nell’oceano profondo è in conflitto con alcune stime del contenuto di calore dell’oceano precedente (ad esempio, Balmaseda et al 2013), ma è coerente con la memoria termica dell’oceano, e con altri studi recenti (es Durack et al 2014;. Llovel et al. 2014).

Fonte : https://tallbloke.wordpress.com/2015/03/14/bad-news-for-trenberths-missing-heat-new-study-finds-the-deep-oceans-cooled-from-1992-to-2011-and/

Le temperature estive nel nord Europa hanno registrato un andamento al ribasso per 2.000 anni

In questo documento scientifico, pubblicato sul Journal of Quaternary Science, Esper et al. (2014), si riporta che le variazioni delle temperature, dedotte dalle cronologie degli anelli degli alberi (MXD), presentano delle caratteristiche migliori per ricostruire la storia passata della temperatura estiva nel nord Europa. Ricostruzione che si estende dal 17AC fino ai nostri giorni.

La carta :  http://www.blogs.uni-mainz.de/fb09climatology/files/2012/03/Esper_2014_JQS.pdf

Il team composto da ricercatori internazionali, provenienti dalla Repubblica ceca, Finlandia, Germania, Grecia, Svezia e Svizzera, afferma che questa ricostruzione storica, rappresenta una chiara tendenza al raffreddamento nel lungo termine di circa -0,30 ° C per 1.000 anni nel corso dell’era volgare nel nord Europa (Si osservi la figura sotto riportata, la linea di tendenza di colore verde).

Chart

Ricostruzione della temperatura estiva nel nord europa (Giugno, Luglio e Agosto). I dati mostrati in gradi centigradi, sono stati confrontati rispetto alla media 1961-1990. Adattato da Esper et al. (2014).

La questione più importante e che si fa notare, è che le ricostruzioni della temperatura presenti nelle variazioni, su scala centenaria, sono sovrapposte a questa linea di tendenza“. Questo significa, che “il clima presente durante l’epoca medievale e l’epoca romana era probabilmente più caldo rispetto alla fine del 20 ° secolo.

E così continuiamo a raccogliere sempre più prove dal mondo reale, sul fatto, che non c’è niente di strano, innaturale o senza precedenti su livello attuale di calore accumulato, dal nostro pianeta, negli ultimi decenni.

E con queste parole, si conclude questo breve post Anthony Watts.

 

Paper Reviewed
Esper, J., Duthorn, E., Krusic, P.J., Timonen, M. and Buntgen, U. 2014. Northern European summer temperature variations over the Common Era from integrated tree-ring density records. Journal of Quaternary Science 29: 487-494.

 

Fonte : http://wattsupwiththat.com/2014/12/18/new-study-two-thousand-years-of-northern-european-summer-temperatures-show-a-downward-trend/

Michele