A roma si dice : “Me sta dà na sola ….”

Anthony Watts inaugura questo post con questo titolo e le parole :

La pausa continua …

Adesso…. I tempi non sono facili per i veri credenti.

Nessun riscaldamento globale per 17 anni 8 mesi

RSS – Remote Sensing Systems – , ritiene che la causa di questa possibile pausa, si trova adesso, a metà delle registrazioni satellitari.

Il satellite RSS per il rilievo dell’anomalia nella troposfera inferiore,  per marzo, non mostra alcun riscaldamento globale per 17 anni 8 mesi. Questa notevole periodo di 212 mesi, che va dall’agosto 1996 al marzo 2014, rappresenta la metà dell’intero periodo di registrazioni satellitari.

I Dati satellitari sono stati registrati per 423 mesi, dal suo avvio, nel gennaio 1979.

Ed inoltre, su Real science viene pubblicato questo post a titolo :

L’inquietante correlazione tra la CO2 atmosferica e la temperatura nel 21° secolo

 

Fonti :

http://wattsupwiththat.com/2014/04/05/no-global-warming-for-17-years-8-months/

http://stevengoddard.wordpress.com/2014/04/09/the-disturbing-correlation-between-atmospheric-co2-and-temperature-in-the-20th-century/

Michele

Fluttuazioni della temperatura: L’oceano Atlantico “danza” con il Sole ed i Vulcani

Data: 31 marzo 2014

Fonte: Aarhus University

Sommario: Le fluttuazioni naturali nella temperatura dell’Oceano Nord Atlantico hanno un impatto significativo sul clima nell’emisfero settentrionale. Queste fluttuazioni sono il risultato di una danza complessa tra le forze della natura, ma i ricercatori possono ora dimostrare che l’attività solare e l’impatto delle eruzioni vulcaniche hanno dettato questa “danza”, nel corso degli ultimi due secoli.

Mads Faurschou Knudsen, Bo Holm Jacobsen, Marit-Solveig Seidenkrantz, Jesper Olsen. Evidence for external forcing of the Atlantic Multidecadal Oscillation since termination of the Little Ice Age. Nature Communications, 2014; 5 DOI: 10.1038/ncomms4323

Le fluttuazioni naturali della temperatura dell’oceano Nord Atlantico hanno un impatto significativo sul clima nell’emisfero settentrionale. Queste fluttuazioni sono il risultato di una danza complessa tra le forze della natura, ma i ricercatori della Aarhus University possono ora dimostrare che l’attività solare e l’impatto delle eruzioni vulcaniche hanno comandato questa “danza” nel corso degli ultimi due secoli.

Immaginate una sala da ballo, in cui, due ballerini apparentemente tengono il tempo al proprio ritmo individuale. Improvvisamente, i due partner si trovano a ballare con lo stesso ritmo, e dopo uno sguardo più attento, è chiaro chi guidando loro.

Con un’immagine come questa,  i ricercatori della Aarhus University sono stati in grado di vedere quando hanno confrontato gli studi di rilascio di energia solare e l’attività vulcanica negli ultimi 450 anni, con le ricostruzioni delle variazioni di temperatura oceaniche durante lo stesso periodo.

I risultati hanno mostrato che in realtà negli ultimi 250 anni – dal periodo noto come la piccola era glaciale – una chiara correlazione può essere vista in cui le forze esterne, vale a dire l’energia del ciclo Solare e l’impatto delle eruzioni vulcaniche, sono accompagnate da una corrispondente variazione di temperatura con un ritardo di circa cinque anni.

Nei due secoli precedenti, cioè durante la Piccola Era Glaciale, il collegamento non era così forte, e la temperatura dell’Oceano Atlantico sembra aver seguito il proprio ritmo in misura maggiore.

I risultati sono stati recentemente pubblicati sulla rivista scientifica Nature Communications.

Oltre a riempire un altro pezzo del puzzle associato alla comprensione della complessa interazione delle forze naturali che controllano il clima, i ricercatori danesi hanno aperto la strada che collega le due interpretazioni concorrenti di origine del fenomeno dell’oscillazione.

Le fluttuazioni di temperatura scoperte intorno al millennio

Il clima è definito sulla base dei dati, inclusi i valori medi di temperatura rilevati in un periodo di trenta anni. Il nord europa ha quindi un clima caldo e umido rispetto ad altre regioni sulle stesse latitudini. Ciò è dovuto alla Corrente Nord Atlantica (spesso indicato come la Corrente del Golfo), una corrente oceanica che trasporta acqua relativamente calda dalla parte sud-occidentale del Nord Atlantico verso il mare al largo delle coste del Nord Europa.

Intorno alla fine del millennio, tuttavia, i ricercatori del clima si resero conto che la temperatura media dell’Oceano Atlantico non era del tutto stabile, ma in realtà ha oscillato alla stessa velocità per tutto il Nord Atlantico. Questo fenomeno viene chiamato Multidecadal Atlantic Oscillation (AMO), che consiste in periodi relativamente caldi di durata trenta-quarant’anni sostituiti da periodi freddi della stessa durata. I ricercatori, sono stati in grado quindi., di leggere le piccole variazioni sistematiche della temperatura dell’acqua nel Nord Atlantico, grazie alle misurazioni effettuate dalle navi nel corso degli ultimi 140 anni.

Sebbene le fluttuazioni delle temperatura sono piccole – meno di 1 ° C – vi è un consenso generale tra i ricercatori sul clima che il fenomeno AMO ha avuto un forte impatto sul clima nella zona intorno al Nord Atlantico per migliaia di anni, ma fino ad ora c’è stato un forte dubbio, su cosa poteva aver causato questa lenta variazione della temperatura dell’oceano Atlantico. Un modello spiega il fenomeno come variabilità interna nella circolazione oceanica. Un altro modello spiega che l’AMO, deve essere guidato da fluttuazioni nella quantità di energia solare ricevuta dalla Terra, è come essere colpiti da piccoli cambiamenti nella energia irradiata dal Sole stesso e le conseguenze delle eruzioni vulcaniche. Entrambi questi fattori, sono noti anche come “forze esterne” che hanno un impatto sul bilancio radiativo della Terra.

Tuttavia, vi era stato, un notevole scetticismo verso l’idea, che il fenomeno AMO, poteva essere guidato da forzature esterne a tutti – uno scetticismo che i ricercatori Aarhus ora dimostrano quanto sia infondato.

“Le nostre nuove indagini mostrano chiaramente che, dalla piccola era glaciale, c’è stata una correlazione tra le forze esterne note e le fluttuazioni di temperatura nell’oceano che aiutano a controllare il clima. Allo stesso tempo, tuttavia, i risultati mostrano anche, che questa non può essere l’unica forza trainante l’AMO, e la spiegazione deve pertanto essere trovata in una complessa interazione tra una serie di meccanismi. Occorre inoltre rilevare che queste fluttuazioni, si verificano, in basi uniformemente crescenti delle temperature oceaniche degli ultimi 50 anni – un incremento collegato con il riscaldamento globale”, dice il professore associato Mads Faurschou Knudsen, Dipartimento di Geoscienze, Università di Aarhus, che è l’autore principale dell’articolo.

Dati convincenti dal proprio archivio della Terra

I ricercatori hanno cercato di riprodurre simulazioni al computer del fenomeno fin dalla scoperta della AMO, in parte per permettere una migliore comprensione del meccanismo sottostante. Tuttavia, è difficile per i modelli informatici riprodurre il segnale effettivo dell’AMO, che può essere letto nei dati di temperatura da 140 anni.

Il Professore Associato Knudsen e i suoi colleghi hanno invece combinato tutti i dati disponibili dal proprio archivio della Terra, vale a dire gli studi precedenti di oggetti come gli isotopi radioattivi e la cenere vulcanica nelle carote di ghiaccio. Questo fornisce informazioni sul rilascio dell’energia solare e l’attività vulcanica negli ultimi 450 anni, ed i ricercatori hanno confrontato i dati con le ricostruzioni del ritmo della temperatura dell’AMO durante lo stesso periodo.

“Abbiamo solo misurazioni dirette della temperatura dell’Oceano Atlantico per gli ultimi 140 anni, misurate dalle navi. Ma come si fa a misurare la temperatura dell’acqua più indietro nel tempo? Studi di anelli di accrescimento degli alberi provenienti da tutte le regione del Nord Atlantico entrano in scena qui, dove ‘buono’ e ‘cattivo’ le condizioni di crescita sono calibrate per le misure reali, e gli anelli di accrescimento degli alberi lungo le coste più indietro nel tempo possono quindi agire come termometri di riserva”, spiega il professore associato Knudsen.

I risultati forniscono una nuova e importante prospettiva sul fenomeno AMO perché si basano su dati e non modelli di computer, che sono intrinsecamente incompleti. Il problema è che i modelli non descrivono completamente tutte le correlazioni fisiche e il feedback nel sistema, in parte perché questi non sono pienamente compresi. E quando i modelli sono quindi in grado di riprodurre il segnale effettivo dell’AMO, è difficile sapere se hanno catturato l’essenza del fenomeno AMO.

Impatto del sole e dei vulcani

Un tentativo di spiegare semplicemente come forze esterne come il Sole e vulcani possono controllare il clima potrebbe risultare così: un Sole forte riscalda l’oceano, mentre la cenere da eruzioni vulcaniche protegge il Sole e raffredda l’oceano. Tuttavia, non è affatto così semplice.

“Le fluttuazioni della temperatura dell’oceano hanno un ritardo di circa cinque anni in relazione alle vette che possiamo leggere nelle forze esterne. Tuttavia, l’effetto diretto delle grandi eruzioni vulcaniche si vede chiaramente già nel medesimo anno nella temperatura atmosferica media globale, cioè un ritardo molto più breve. L’effetto che abbiamo studiato è più complesso, e ci vuole tempo perchè questo effetto si diffonda  nelle correnti oceaniche”, spiega il professore associato Knudsen.

“Un interessante nuova teoria tra i ricercatori solari e meteorologi è che il Sole può controllare le variazioni climatiche attraverso le grandi variazioni di radiazioni UV, che sono in parte viste in connessione con i cambiamenti dell’attività delle macchie solari durante il ciclo undecennale del sole. Le radiazioni UV riscaldano la stratosfera, in particolare attraverso un aumento della produzione di ozono, possono avere un impatto sui sistemi eolici e, quindi, indirettamente, sulle correnti oceaniche globali”, dice il Professore Associato Knudsen. Tuttavia, egli sottolinea che i ricercatori non hanno ancora completamente compreso come uno sviluppo nella stratosfera può influenzare le correnti oceaniche sulla Terra.

Verso una migliore comprensione del clima

“Nel nostro precedente studio del clima nella regione del Nord Atlantico durante gli ultimi 8000 anni, siamo stati in grado di dimostrare che la temperatura dell’Oceano Atlantico non è stato presumibilmente controllata dall’attività solare. Qui la temperatura ha oscillato nel suo ritmo a lunghi intervalli, con periodi caldi e freddi della durata di 25-35 anni. Il modello prevalente era che questa fluttuazione del clima in mare è stato di circa il 30-40% più veloce rispetto alla fluttuazione che avevamo già osservato nell’attività solare, che durò circa 90 anni. Ora possiamo vedere che l’Oceano Atlantico vorrebbe – o forse addirittura preferisce – danzare da solo, tuttavia, in determinate circostanze, le forze esterne interrompono proprio il ritmo dell’oceano e assumono l’iniziativa, che è stato il caso degli ultimi 250 anni”, dice il professore associato Bo Holm Jacobsen, del dipartimento di Geoscienze, Università di Aarhus, che è il co-autore dell’articolo.

“Sarà interessante vedere quanto a lungo l’Oceano Atlantico si lascia guidare in questa danza. La sfida scientifica risiede in parte nella comprensione delle condizioni generali in base alle quali il fenomeno AMO è sensibile alle fluttuazioni dell’attività solare e le eruzioni vulcaniche”, ha continuato.

“Durante l’ultimo secolo, l’AMO ha avuto una forte influenza su importanti fenomeni meteorologici come la frequenza degli uragani e la siccità – con notevoli conseguenze economiche e umane. Una migliore comprensione di questo fenomeno è quindi un passo importante per gli sforzi e per affrontare e mitigare l’impatto delle variazioni climatiche“, conclude il professore associato Knudsen.

Fonte : http://www.sciencedaily.com/releases/2014/03/140331114502.htm

Ghiaccio Marino Globale: 1.000.000 kmq in più rispetto alla norma

Raccolgo due segnalazione lasciate dal nostro FBO e Alessandro R. e depositate ripettivamente nella sezione meteo del nostro blog e relativo gruppo su Fb, per proporvi questo interessante e veloce aggiornamento sulla estensione del ghiaccio marino :

  • La globale estensione del ghiaccio marino è 1.053.000 km quadrati, al di sopra della soglia significativa che va dal 1981-2010.
  • L’estensione del ghiaccio marino antartico è 1.457.000 km quadrati, al di sopra della soglia significativa che va dal 1981-2010, ed è il trentaduesimo record giornaliero da l’inizio dell’anno.
  • L’estensione del ghiaccio marino artico è 405.000 km quadrati al di sotto della soglia significativa che va dal 1981-2010 e si trova all’interno del settore di deviazione standard.

Data: ftp://sidads.colorado.edu/DATASETS/NOAA/G02135/south/daily/data/

……

Globale

Global sea ice

Antartico

Antarctic sea ice

 Artico

Artic sea ice

Fonte : http://sunshinehours.wordpress.com/2014/04/10/sea-ice-update-april-10-2014-global-sea-ice-over-1000000-sq-km-above-normal/

Un sereno fine settimana a tutti voi,

Michele

1.000 anni di influenza dell’energia solare, sulla variabilità naturale del clima nel Nord Atlantico (In particolare grassetto)

Data: 9 mar 2014

Fonte: Cardiff University

Sommario: Cambiamenti nella produzione di energia solare possono aver portato al marcato cambiamento climatico naturale in Europa negli ultimi 1000 anni, secondo i ricercatori. Lo studio ha trovato che i cambiamenti nell’attività solare possono avere un notevole impatto sulle dinamiche oceaniche-atmosferiche nel Nord Atlantico, con potenziali effetti sul clima regionale.

I cambiamenti nella produzione di energia solare possono aver portato ad un marcato cambiamento climatico naturale in Europa negli ultimi 1000 anni, secondo i ricercatori della Cardiff University. Lo studio ha trovato che i cambiamenti nell’attività solare possono avere un notevole impatto sulle dinamiche oceaniche-atmosferiche nel Nord Atlantico, con potenziali effetti sul clima regionale.

Gli scienziati hanno studiato i sedimenti del fondo marino per determinare come la temperatura del Nord Atlantico e la sua circolazione atmosferica localizzata si era alterata. Le acque superficiali calde che scorrono attraverso il Nord Atlantico, l’estensione della Corrente del Golfo, e i caldi venti occidentali sono i responsabili del clima relativamente mite d’Europa, soprattutto in inverno. Lievi cambiamenti nel trasporto di calore associati a questi sistemi possono portare alla variabilità climatica regionale, ed i risultati dello studio abbinati ad i reseconti storici del cambiamento climatico, tra cui i noti inverni rigidi dal 16°  al 18°  secolo, prima dell’industrializzazione globale.

Lo studio, ha trovato, che i cambiamenti nell’attività solare possono avere un notevole impatto sulle dinamiche oceaniche e atmosferiche nel Nord Atlantico, con potenziali effetti sul clima regionale.

Le previsioni, suggeriscono un prolungato periodo di bassa attività solare nel corso dei prossimi decenni, ma eventuali variazioni naturali associate della temperatura, saranno molto più piccole di quelli create dalle emissioni di anidride carbonica umane, dicono i ricercatori.

Lo studio, condotto da scienziati dell’Università di Cardiff, in collaborazione con i colleghi dell’Università di Berna, è stato pubblicato il 10 Marzo sulla rivista Nature Geoscience.

La Dr. Paola Moffa-Sanchez, autore della Cardiff University, dipartimento delle Scienze della Terra e Oceano, ha spiegato:. ” Abbiamo usato i sedimenti del fondo marino presi a sud dell’Islanda, per studiare i cambiamenti della corrente calda superficiale dell’oceano, ciò è stato fatto analizzando la composizione chimica dei fossili dei microrganismi che una volta vivevano sulla superficie del mare. Queste misurazioni sono stati poi utilizzati per ricostruire la temperatura dell’acqua di mare e la salinità di questa corrente dell’oceano, nel corso degli ultimi 1000 anni. “

I risultati di queste analisi, hanno rivelato che la temperatura e la salinità della calda corrente che scorre a nord, ha subito cambiamenti grandi e improvvisi, su scale temporali che vanno da decenni a secoli. Hanno poi trovato che le condizioni oceaniche fredde si abbinano a periodi di bassa produzione di energia solare, corrispondenti ad intervalli di bassa attività delle macchie solare osservate sulla superficie del sole. Usando un modello climatico basato sulla fisica, gli autori sono stati in grado di verificare la risposta dell’oceano ai cambiamenti nella produzione solare ed hanno trovato risultati simili ai dati.

” Usando il modello climatico è stato anche possibile esplorare come le variazioni della produzione solare influenza la circolazione superficiale dell’Oceano Atlantico “, ha detto il Prof. Ian Hall, un co-autore dello studio. “La circolazione della superficie dell’Oceano Atlantico è in genere strettamente legata a cambiamenti nei modelli di vento. L’analisi della componente atmosfera nel modello climatico ha rivelato che durante i minimi solari ci fosse un sistema di alta pressione situata ad ovest delle Isole Britanniche .

Questa caratteristica è spesso definita come il blocco atmosferico, e si chiama così perché blocca i caldi venti occidentali deviandoli e permettono all’aria artica fredda di scorrere a sud, portando rigidi inverni in Europa, come quelli recentemente sperimentati nel 2010 e nel 2013.”

Studi meteorologici, hanno già trovato effetti simili di variabilità solare sulla forza e la durata dei blocchi invernali atmosferici nel corso degli ultimi 50 anni, e anche se l’esatta natura di questo rapporto non è ancora chiaro, si pensa che possa essere causa di processi complessi che accadono negli strati superiori dell’atmosfera, la stratosfera.

La Dr. Paola Moffa-Sanchez ha aggiunto: “In questo studio abbiamo dimostrato che questo rapporto è anche in gioco su tempi più lunghi e su i grandi cambiamenti oceanici registrati nei microfossili. La risposta oceano-atmosfera ai minimi solari può contribuire a spiegare i noti rigidi inverni vissuti in Europa tra il secolo 16° e 18°, così vividamente rappresentati in molti dipinti, tra cui quello dei famosi “London Frost Fairs on the River Thames”, ma anche spiegare i cattivi raccolti e le carestie come corroborate nel record dei prezzi del grano, durante questi periodi.”

Lo studio conclude che sebbene le variazioni di temperatura attese dalla futura attività solare, sono molto più piccole del riscaldamento da emissioni di anidride carbonica umane, la variabilità del clima regionale associata con gli effetti della produzione solare sull’oceano e l’atmosfera dovrebbe essere preso in considerazione quando si effettuano proiezioni future sul clima .

..

….

Commento finale,  in riferimento a questa precedente carta pubblicata “sempre” sulla prestigiosa rivista Nature:  http://daltonsminima.altervista.org/?p=26598

Come dare un colpo al cerchio e uno alla botte

- Revision 2.0 –

Furbi questi di Nature ! :smile:

Fonte : http://www.sciencedaily.com/releases/2014/03/140309150437.htm

Michele

Meteorologia spaziale e il sistema cardiovascolare. Nuovi risultati

Yury Gurfinkel (1) and Tamara Breus (2)

(1) Scientific Clinical Center JSC “Russian Railways” , Space Research Institute (IKI RAS) ,Moscow,Russian Federation

([email protected]) , (2) Space Research Institute (IKI RAS) ,Moscow,Russian Federation ([email protected])

Sistema vascolareRicerche condotte negli ultimi due decenni, hanno dimostrato che il sistema cardiovascolare rappresenta il bersaglio più probabile per l’influenze solare e l’attività geomagnetica. Sia il sistema cardiovascolare, che il sistema del sangue sono collegati fra loro molto strettamente: un sistema non può esistere senza l’altro. Per lo stesso motivo, gli effetti percepiti da un sistema, possono essere facilmente trasferiti ad un altro. I test di laboratorio come la coagulazione del sangue, l’aggregazione piastrinica e la velocità del sangue capillare (CBV), eseguita nel Centro Clinico Scientifico JSC “Russian Railways”, su pazienti affetti da malattia coronarica (CHD), hanno rivelato una forte dipendenza con il livello dell’attività geomagnetica.
I risultati di questi ed altri risultati permettono di ipotizzare che il sangue per sé può essere un sensore di variazioni dei campi geomagnetici perché gli eritrociti, le piastrine ed i leucociti portano cariche elettriche sulle membrane, e in un campo magnetico comparabile possono variare con proprie caratteristiche e le proprietà di flusso sanguigno. E’ interessante notare che non solo i disturbi geomagnetici, ma anche i periodi di condizioni geomagnetiche molto tranquilli interessano la velocità del sangue capillare, rallentando esso. Questo è stato dimostrato, durante l’esperimento  a lungo termine, con isolamento, denominato “Mars – 500″, in ambiente spaziale dall’Istituto di Problemi Biomedici di Mosca, come imitazione di una missione spazio estesa su Marte. Utilizzando i capillaroscopi digitali “Russia“, due membri dell’equipaggio, i medici, hanno effettuato delle registrazioni sui propri parametri microcircolatori e su gli altri quattro partecipanti della squadra “marziana“. Le registrazioni su i capillari, sono state eseguite prima, durante e dopo il periodo di isolamento nella struttura del modulo medico di MARS -500. Al termine dell’esperimento, nessuno dei membri dell’equipaggio era a conoscenza delle condizioni geomagnetiche reali. Nei giorni di condizioni geomagnetiche attive, nella media, il CBV registrato era pari a 389 ± 167 um/s , che è statisticamente significativa (  p < 0.05 ), in confronto al CBV nei giorni con condizioni geomagnetiche tranquille. Abbiamo separato, le condizioni geomagnetiche tranquille in due parti: condizioni geomagnetiche molto tranquille ( Amsk 1-4 ) e le condizioni geomagnetiche semplicemente tranquille (Amsk 5-7),  il nostro studio ha rivelato una differenza significativa nei valori di CBV. Mentre nelle condizioni geomagnetiche semplicemente tranquille il CBV era pari a 643 ± 178 um/s, con condizioni geomagnetiche molto tranquille il dato del CBV era di CBV : 435 ± 223 um/s ( p < 0,02 ). Questo fenomeno probabilmente dipende dall’intensità dei raggi cosmici, che aumentano, quando l’intensità del vento solare diminuisce. Durante 14 anni, abbiamo raccolto più di 25.000 casi di infarto cerebrale e infarto acuto, in sette ospedali medici situati in Russia ed in altri paesi. Abbiamo preso in considerazione solo i casi con la data stabilita di attacco acuto di malattie. Casi non datati sono stati esclusi dall’analisi. Sono stati confrontati, il numero medio di pazienti, con le giornate attive geomagneticamente e i giorni con condizioni geomagnetiche tranquille. E’ stato dimostrato statisticamente che durante i disturbi geomagnetici, la frequenza di infarto del miocardio e ictus cerebrale ( i casi ) aumentato in media di un fattore di due, rispetto alle condizioni geomagnetiche tranquille . Questi risultati sono molto vicini ai risultati ottenuti da E.Stoupel (1999) per i pazienti che soffrono di simile patologie cardiologiche. Il nostro studio recente (effettuato con L. Parfeonova ) ha rivelato una correlazione positiva tra l’attività ventricolare ectopica del cuore  (VEA) e le condizioni geomagnetiche in pazienti con CHD. Durante i periodi di tempeste geomagnetiche è stato rivelato una maggior quantità di VEA in pazienti con CHD. Minime quantità di episodi VEA sono stati trovati durante le condizioni instabili ( p < 0,05 ).

Fonte : http://meetingorganizer.copernicus.org/EGU2014/EGU2014-13457.pdf

Michele