Ghiacci Marini Antartici – Situazione Luglio 2012

 

State pur certi che nessuno vi darà notizie sui Ghiacci Antartici finché saranno in buona salute

 

Estensione:

 

 

Anomalia Concentrazione:

 

 

Area:

 

 

Trend Anomalia Estensione:

 

 

Curiosità:

Rispetto a 10 anni fa abbiamo 0.8milioni di kmq di estensione in più e 0.8 in più di area.

Rispetto a 20 anni fa abbiamo 0.1milioni di kmq di estensione in più e 0.7 in più di area.

Rispetto a 30 anni fa abbiamo 0.5milioni di kmq di estensione in più e 0.8 in più di area.

 

 

Fabio Nintendo

 

Hatena Bookmark - Ghiacci Marini Antartici – Situazione Luglio 2012
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

34 pensieri su “Ghiacci Marini Antartici – Situazione Luglio 2012

  1. Dove voglio arrivare?
    La fretta non mi ha reso lucido. non conoscendo il blog e non pensando alle repliche immediate. Ho cercato di essere più sintetico ed ermetico possibile… troppe cose sono da dire e troppo ci sarebbe da scrivere. In questo momento non c’è tanto tempo…

    1) Il global warming è una bufala
    2) I sostenitori potrebbero non essere quello che sembrano (nessuno parla di extraterrestri e varie)
    3 L’uomo ha un potenziale infinito perchè lui stesso è coscenza divina che per per sperimentare il suo costrutto origina vita nell’universo.
    4)Questo pianeta ci spazza via quando vuole, ma anche l’universo e perciò lo stesso sistema solare può cambiare equilibri da un momento all’altro.

    La rotazione di Venere è retrograda e molto lenta. Il perchè di questo si ipotizza, ma nessuno conosce è un mistero.
    Terraformare Venere è azzardata come teoria, è una provocazione ammetto. Dico con tecnologie un futuro lontano? Si potrebbe fare chissà..BombaH eppoi cosa ci sarà in futuro..? CALCOLANDO gli effetti sulla rotazione e/o rivoluzione terrestre!!?? :O
    Noi tutti dobbiamo e possiamo essere fiduciosi verso il nostro futuro, Marte e l’esplorazione del sistema solare necessari nella ricerca…. sono il trampolino di lancio verso la nostra nuova presa di coscenza e consapevolezza. Vedere scala di Kardašëv. L’uomo è un essere curioso e deve fare tutto ciò, per essere se stesso ed evolvere.

    Ok basta torniamo sulla terra…. e domanda per chi a differenza di me è conoscitore di meteorologia.

    E’ normale che i ghiacci artici siano inferiori rispetto quelli antartici. E’ nel corso naturale degli eventi. Eppoi il polo sud è più isolato dal resto del pianeta. Molti hanno già accenato spiegazioni qui.

    Piuttosto secondo voi sono normali le nubi sul sahara di questi tempi?
    http://www.sat24.com/af Siamo di fronte ad un cambiamento ?
    L’anticiclone africano in crisi di identità cosa potrà generare quest’inverno?,se formerà ponte con l’anticiclone russo-siberiano? Tenendo conto ad un VP già abbastanza in forma, ho visto estati peggiori con anticlicone delle azzorre più insistente. Lasciamo perdere le temperature, perchè quando arriva la notte artica si abbassano eccome se si abbassano….
    http://www.wetterzentrale.de/pics/Recmnh2402.gif

      (Quote)  (Reply)

  2. alessandro :OT ARTICO
    http://arctic-roos.org/observations/satellite-data/sea-ice/ice-area-and-extent-in-arctic
    area ed estensione in caduta libera
    stasera già al tg2 armageddon annunciato per la liberazione del metano dovuta al mega scioglimento con conseguente aumento dell effetto serra ancor più catastrofico..

    In effetti questa faccenda dei clartati che libererebbero metano se riscaldati è assai interessante. Essendo uno dei temi forti di ASPO io tenderei a pensare che sia una bufala. C’e’ qualcuno che ha delle idee un pò più chiare?

      (Quote)  (Reply)

  3. @André R.
    Quindi tornando in tema nell’emisfero australe, ITCZ determina le condizioni climatiche attuali anche dell’Australia. Ovvero .. odioso caldo perenne. Giusto?
    Questi due fronti diciamo Nord e Sud ITCZ , fastidiosi e portatori di ondate di caldo estreme. Col tempo.. e i susseguirsi delle stagioni nei rispettivi emisferi, non possono forse minare la stabilità e/o esistenza stessa, ormai secolare di certi anticliconi ”caldi” per cosi dire?

    Per me quest’anno a nord ITCZ resta alto e l’anticiclone africano si sposta verso il medioriente. Aria fredda giungerà spesso dal continente verso il centro del mediterraneo sino alla Libia stessa.

      (Quote)  (Reply)

  4. Beh, c’è da dire che i grafici postati nell’articolo di Fabio parlano di area ed estensione, nel grafico NASA si parla di variazione di massa, quindi potrebbe coesistere benissimo come dati, e dimostrerebbe inoltre come un’informazione non completa in ogni sua componente sia facilmente manipolabile in un verso o nell’altro.
    Avete modo di fare chiarezza su queste divergenze diametralmente opposte?

      (Quote)  (Reply)

  5. @Ivan
    forse perchè il grafico che citi tiene conto solo di 6 anni rispetto ai 30 di quello presente nell’ articolo????
    ed oltretutto si ferma al 2009 e non arriva al 2011/2012??

    e se guardi il grafico nell’ articolo nei 6 anni dal 2002 al 2009 anche lì il trend è in diminuzione, almeno a me sembra così…

      (Quote)  (Reply)

  6. L’avevo notato, ma rimane il problema di cosa si sta misurando (area e massa sono due variabili differenti, che potrebbero avere andamenti indipendenti, non sono strettamente correlate a meno che non si inserisca una terza variabile che le relazioni).
    Inoltre in quello nasa misurano un dato assoluto, in quello di questo articolo di parla di variazione percentuale…..

    Fondamentalmente potrebbero essere veri entrambi, è quello che si costruisce attorno che “frega”, perchè si basa su un punto di vista ristretto solo a quel che si prende in esame.

    Visto che nell’articolo si è postato un grafico trentennale sulle anomalie dell’estensione, non si potrebbe aggiungere lo stesso per le anomalie di massa/concentrazione ghiacci?

    Perlomeno si avrebbe uno schema più chiaro e completo (perlomeno non ci sarebbero dubbi sul fatto che i ghiacci stiano aumentando o meno)

    Per metterla in ridere, con metà dell’impasto della pizza che mangi di solito, posso fartene uno grande il doppio, schiacciata per bene con un’alta concentrazione di pasta…..e fartela vedere dall’alto per vendertela come una pizza gigante….solo che ha metà impasto 😀

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.