Ed eccole alcune E-mail sul cosidetto C.G.2!

<1939> Thorne/MetO: Le osservazioni non mostrano alcun aumento delle temperature lungo la troposfera tropicale [il problema dell’hot spot troposferico], a meno che non si prendano in considerazione un singolo studio e un singolo approccio, trascurandone un mucchio di altri. Questo è davvero pericoloso. Dobbiamo comunicare l’incertezza ed essere onesti. Phil [Jones?], magari potremmo trovare il tempo di discuterne ulteriormente se necessario […]

 

<3066> Thorne: Penso anche che la scienza sia stata manipolata a fini politici, cosa che potrebbe rivelarsi non troppo intelligente a lungo andare.

Wils: Che si fa se il climate change si rivela essere essenzialmente una oscillazione multidecadale? Probabilmente ci uccideranno […]

<1485> Mann: La cosa importante è essere sicuri che stiano perdendo la battaglia delle pubbliche relazioni. Questo è lo scopo del sito [Real Climate].

<5111> Pollack: Ma sarà molto difficile far scomparire il Periodo Caldo Medioevale dalla Groenlandia.

<1790> Lorenzoni: Concordo con l’importanza degli eventi estremi come focus per l’opinione pubblica e governativa […] ‘il climate change’ deve essere presente nella vita di tutti i giorni della gente. Deve essere loro ricordato che è un fenomeno che accade e si evolve in continuazione.

<2428> Ashton/co2.org: Avendone stabilito l’urgenza, la sfida politica è ora di trasfromarla da un argomento che riguarda i costi dei tagli alle emissioni – cattiva politica – a uno concernente il valore di un clima stabile – politica molto migliore […] la cosa migliore da fare è raccontare la storia delle brusche variazioni in modo più vivido possibile.

<2267> Wilson: Sebbene sia d’accordo che i gas serra siano stati importanti nel 19° e 20° secolo (specialmente dal 1970), se ilpeso del forcing solare fosse stato maggiore nei modelli, certamente avrebbe diminuito la significatività dei gas serra. […] Mi sembra che assegnando un peso maggiore alla radiazione solare nei modelli, la maggior parte del riscaldamento del 19° e 20° secolo può essere spiegato dal Sole.

Data: Ven 25 Set 2009 10:53:32

da: Phil Jones

Oggetto: Re: [Fwd: CCNet: Il sole potrebbe essere alla vigilia di in un periodo di

a: santer1, Tom Wigley

[…] Ho smesso di inviare dati a persone esterne dopo lo stupido commento di Peter Webster su Climate Audit. Abbiamo avuto più di sessanta richieste FOI [diritto all’accesso all’informazione] per i dati. Sono di diversi tipi – a molte si può rispondere invitando il richiedente a leggere la Letteratura [scientifica in argomento]. Stiamo rifiutando le richieste per i dati. Stiamo per inviare una mail a tutti gli NMS (servizi meteo nazionali) attraverso il MOHC [Met Office Hadley Centre] e quindi renderemo disponibili i dati dei Paesi che non hanno problemi al riguardo. E’ proprio una palla al piede dover rispondere a quelle richieste – comunque, lo fa qualcun altro alla UEA [Universita’ dell’East Anglia]. Io ho mandato una delle richieste a Myles [Dr Myles Allen] visto che è stata fatta da un suo collega professore a Fisica a Oxford! Myles lo conosce bene. [Il collega – Jonathan Jones] non ha mai parlato di clima con Myles – o mai espressogli una sua opinione [in argomento]. Myles non riesce a capire perché [il collega] si stia informando su [la scienza del] clima da Climate Audit e non dai suoi colleghi di dipartimento! Trovo fastidioso anche questo. Leggerei e parlerei con [i colleghi] se mai pensassi di interessarmi a un altro campo [di studio]! E’ solo buon senso. Neil Adger ha assunto la gestione del corso del Primo Anno qui a ENV [la Scuola di Scienze Ambientali della UEA]. Ha chiesto ad Alan Kendall i file Powerpoint per le sue due lezioni. Glie li ha mandati e quaranta pagine sono tratte da Climate Audit! Uno studente ha chiesto a Neil perche’ Alan stesse dicendo cose opposte a quanto affermato [a lezione] da Neil e Tim Osborn!!!

Alan va in pensione alla fine di quest’anno …. per fortuna.

Phil

 

NB: qui di seguito lo ‘stupido commento‘ di Webster, se voleste farvi un’idea delle ragioni per cui a Jones non era piaciuto.

Peter WebsterPosted Jun 25, 2009 at 4:23 PM

Steve,

Abbiamo chiesto a Phil Jones i dati in modo da poter confrontare la temperatura superficiale sintetizzata [calcolata?] con i dati effettivi delle stazioni [meteo]. Jones ha fornito tutto ciò che gli abbiamo chiesto. Questo è per il nostro studio sul brusco cambiamento climatico del 1930/40, [studio] che è in corso. Ahimé, queste cose richiedono tempo. Ma la mia esperienza è stata molto diversa dalla vostra.

Come sapete, mi sono spesso lamentato che i destrorsi e i sinistrorsi (gli assolutisti dello AGHW [riscaldamento da gas serra antropogenici] e coloro che non lo accettano per nessun motivo) ci hanno costretto in angoli in cui non ci sentiamo a nostro agio. Perché ci sia una ragionevole risoluzione dei problemi climatici intorno il GWH [riscaldamento da gas serra] e riguardo la affidabilità dei dati (entrambe domande cruciali e ragionevoli?) ritengo che le domande e le opinioni non possano essere urlate da un angolo o dall’altro.

Tra l’altro, abbiamo un articolo in uscita su Science la prossima settimana sulle modifiche nella forma [del fenomeno] El Nino (dovuti a] GHW o variabilità naturale? Non ne ho idea, ma i mutamenti ci sono) e il loro impatto sugli uragani NATL [del nord Atlantico]. Non è sicuro se sarà di interesse per CA [Climate Audit] in quanto non riguardo la questione del GW [riscaldamento globale]. Ma il set di dati è piccolo … … ..

cordiali saluti

Peter W

Per il resto vi rimando qui: (altra roba che scotta!)

http://foia2011.org/

Hatena Bookmark - Ed eccole alcune E-mail sul cosidetto C.G.2!
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

30 pensieri su “Ed eccole alcune E-mail sul cosidetto C.G.2!

  1. max63 :Scusate l’O.T., alla faccia del GW intanto l’artico recupera (http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/IMAGES/seaice.recent.arctic.png) e l’antartico è in perfetta media! (http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/IMAGES/seaice.recent.antarctic.png)Ma non dovevano sciogliersi come “neve al sole” ?

    L’artico recupera perche il vp gira a mille… e intanto quaggiù alle basse latitudini il caldo si fa sentire…che l’artico recuperi in questa stagione mi pare più che normale…visto soprattutto che siamo comunque in un contesto di sotto media permanente…per ora non mi esalterei troppo…

      (Quote)  (Reply)

  2. Lo so che questo è il periodo in cui l’artico sale e l’antartico scende, ma io mi riferivo allo scorso anno: 2010= artico -1,087 (in mil. di Km q.) 2011= -0,664 Non sarà un granchè ma vuole comunque dire che c’è un’inversione di tendenza, così la vedo io. @André Roveyaz

      (Quote)  (Reply)

  3. A giudicare dalla storia climatica degli ultimi 80 anni perlomeno, quella finita al termine degli anni 90 è effettivamente un’oscillazione multidecadale. Ora si sta probabilmente verificando il raffreddamento globale largamente prevedibile, a causa della Nina e della PDO, con il contributo della diminuita attività solare.

    Dunque i sostenitori del Global Warming fanno bene a preoccuparsi.

      (Quote)  (Reply)

  4. @ice2020 grazie davvero per questi due articoli in successione perchè ad ora NIA sembra davvero essere l’unico media di divulgazione in grado di fornire certe INFO e riflessioni su eventi così importanti, perchè si può “chiaccherar di meteo” e ridurlo a bazzecola quanto si vuole ma intanto di “soldi” con l’AGW girano a palate, tanti tanti soldi e se non v’è almeno l’intento di divulgare certe informazioni non ci sarà mai modo di osservare una presa di coscienza generale.
    A me sembra che alla fin fine.. questo torpore ovattato da crisi generalizzata stia diventato persino una culla in cui rifugiarsi piuttosto che spronare ad una risoluta seppur ritardataria presa di coscienza.

    @Luci0
    fatta una doverosa eccezione per la fulminea riflessione che hai fatto sull’euro condivido anche io ciò che hai scritto nel resto del tuo intervento.

      (Quote)  (Reply)

  5. Breve aggiornamento solare del fine settimana.
    SF a 129. Sta continuando dolcemente la discesa dell’attività solare.

    Interessante notare come, viceversa l’accelerazioni solari (in termini di solar flux) nel SC23 fossero più pronunciate.
    Vedi i picchi immagine sotto. Eravamo on media sempre fra i 170-220 .

    http://www.solen.info/solar/history/hist1999.html

    Chiaro adesso la curva del Sf è più smorzata,bassa,appiattita…
    Cax…potevo scriverci un post…va bè…. lasciamo stare….
    :smile:

      (Quote)  (Reply)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine