Le temperature estive nel nord Europa hanno registrato un andamento al ribasso per 2.000 anni

In questo documento scientifico, pubblicato sul Journal of Quaternary Science, Esper et al. (2014), si riporta che le variazioni delle temperature, dedotte dalle cronologie degli anelli degli alberi (MXD), presentano delle caratteristiche migliori per ricostruire la storia passata della temperatura estiva nel nord Europa. Ricostruzione che si estende dal 17AC fino ai nostri giorni.

La carta :  http://www.blogs.uni-mainz.de/fb09climatology/files/2012/03/Esper_2014_JQS.pdf

Il team composto da ricercatori internazionali, provenienti dalla Repubblica ceca, Finlandia, Germania, Grecia, Svezia e Svizzera, afferma che questa ricostruzione storica, rappresenta una chiara tendenza al raffreddamento nel lungo termine di circa -0,30 ° C per 1.000 anni nel corso dell’era volgare nel nord Europa (Si osservi la figura sotto riportata, la linea di tendenza di colore verde).

Chart

Ricostruzione della temperatura estiva nel nord europa (Giugno, Luglio e Agosto). I dati mostrati in gradi centigradi, sono stati confrontati rispetto alla media 1961-1990. Adattato da Esper et al. (2014).

La questione più importante e che si fa notare, è che le ricostruzioni della temperatura presenti nelle variazioni, su scala centenaria, sono sovrapposte a questa linea di tendenza“. Questo significa, che “il clima presente durante l’epoca medievale e l’epoca romana era probabilmente più caldo rispetto alla fine del 20 ° secolo.

E così continuiamo a raccogliere sempre più prove dal mondo reale, sul fatto, che non c’è niente di strano, innaturale o senza precedenti su livello attuale di calore accumulato, dal nostro pianeta, negli ultimi decenni.

E con queste parole, si conclude questo breve post Anthony Watts.

 

Paper Reviewed
Esper, J., Duthorn, E., Krusic, P.J., Timonen, M. and Buntgen, U. 2014. Northern European summer temperature variations over the Common Era from integrated tree-ring density records. Journal of Quaternary Science 29: 487-494.

 

Fonte : http://wattsupwiththat.com/2014/12/18/new-study-two-thousand-years-of-northern-european-summer-temperatures-show-a-downward-trend/

Michele

Hatena Bookmark - Le temperature estive nel nord Europa hanno registrato un andamento al ribasso per 2.000 anni
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

3 pensieri su “Le temperature estive nel nord Europa hanno registrato un andamento al ribasso per 2.000 anni

  1. Vi segnalo questo divertentissimo articolo :

    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/lallarma-nasa-sole-comincia-spegnersi-1107558.html?mobile_detect=false

    Citazioni :

    “…Due enormi zone d’ombra si stanno espandendo ai poli del sole e minacciano ora di spegnere la stella senza la quale la vita sulla terra sarebbe impossibile”

    “…Secondo la Nasa, che ha diffuso immagini chock sul fenomeno, il buio ricoprirebbe quasi il 10% della superficie del sole, la più estesa mai registrata nella storia delle osservazioni solari…”

    “….Questo potrebbe costituire un pericolo per il nostro pianeta: le emissioni di particelle solari potrebbero essere letali…”

      (Quote)  (Reply)

  2. “…Due enormi zone d’ombra si stanno espandendo ai poli del sole e minacciano ora di spegnere la stella senza la quale la vita sulla terra sarebbe impossibile”

    no, dimmi che non è vero, non possono averlo scritto veramente ……..

      (Quote)  (Reply)

  3. sandro,

    Con l’informazione mainstream in ambito culturale a 360°, ho visto e letto cose ben peggiori. Nessun complotto, solo degrado culturale, si cerca solo di vendere un prodotto, giocando e sfruttando per il proprio interesse attraverso l’esaltazione delle emozioni …. dei lettori.
    Terrore, paura, amore etc… etc…

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.