Di che pasta è fatto questo SC25 ?

Non tutti i mali vengono per nuocere…

Il recente problema occorso alla piattaforma di Nia, è stato per la mia persona un ricordare le energie che avevo speso per la piattaforma. Il Sole, il clima e le amicizie che chiaramente si sono formate negli anni. Tanti bei ricordi …. che non si possono cancellare ! Mi stavo quindi domandando … perchè non scrivere un veloce articolo sulla attuale situazione solare.

Allora… il ciclo solare SC25 è in corso, iniziato (ufficialmente ad inizio 2020) e  su questo nessuno può obiettare … vedi il grafico sotto riportato …

Attualmente, le macchie solari si formano a fasi alterne. A gruppi e con tempistiche irregolari. Abbiamo brevi periodi con presenza di macchie e poi pause, vedi le recenti spot formate la passata settimana. Ma in estrema sintesi….la vera e propria forza EM della nostra stella è su valori modesti. Raggi X, flare, CME sono su valori e numeri quasi da minimo….

Ecco la nostra stella oggi ….. è nuovamente in modalità OFF.

Cosa pensare allora ? Mi piacerebbe che i pochi (ma buoni…) rimasti su questa piattaforma esprimessero il loro parere ..

Allego traccia del flusso solare (vero indicatore della forza EM della nostra stella) registrato ad inizio 2011, prima e importante accelerazione del ciclo SC24 (prima immagine sotto riportata) e l’attuale fase d’ascesa del ciclo SC25 (seconda immagine) .

Il confronto di queste due tracce che cosa ci dice oggi 17 Settembre 2021 ? Io vedo solo deboli spike…del debole rumore di fondo…

Ad oggi c’è poca voglia di spruzzare energia …o mi sbaglio ? La vera partenza è ancora lontana ? SC25 simile o più debole del ciclo SC24 ?

Michele

16 pensieri su “Di che pasta è fatto questo SC25 ?

  1. Ottima idea Michele!
    Comunque eccomi, anche se non credo di essere uno dei “buoni” ma sicuramente sono uno dei non “pochi” che seguono questa splendida pagina.
    Non so se l’avvio del presente ciclo sia più gagliardo dello scorso tuttavia rilevo un andamento singolare dei cosmic rays.
    Mentre nello scorso minimo avevano raggiunto un picco mai verificatosi prima per poi calare repentinamente e significativamente ora, invece, nonostante il ciclo sia iniziato da 20 mesi, essi si mantengono su livelli molto alti.
    Da quanto sopra potrei credere che il SC25 sia iniziato con minor forza rispetto al SC24 a dispetto delle spot che nelle scorse settimane sono apparse copiose.
    Provo a postare il link dell’immagine che esplica questo mio pensiero ma non sono sicuro di riuscirvi per cui chiedo agli smanettoni se possono provvedere loro a pubblicarla.
    https://cosmicrays.oulu.fi/webform/monitor.gif

      (Quote)  (Reply)

  2. In buona sostanza intendo porre alla vostra attenzione che nella transizione SC23-24 i cosmic rays si sono mantenuti sopra la soglia di “5” dal 2007 al 2011 invece nella presente transizione sono sopra il 5 da fine 2016 e non sembrerebbero accennare a scendere sotto detta soglia in tempi brevi.
    Da quanto sopra emergerebbe un incremento del 25% della durata del periodo sopra soglia 5.
    Non so se sia elemento significativo nella valutazione della forza del presente ciclo però ritengo sia un fenomeno da monitorare

      (Quote)  (Reply)

  3. A mio modesto avviso, è necessario monitorare ancora per diversi mesi, prima di dare valutazioni sul ciclo 25.
    Certo è che vi sono state diverse “false partenze”, con repentini, anche se invero modesti, incrementi di attività, seguiti da lunghe pause di sonno e addirittura, giornate spotless.
    La mia impressione è che questo sc 25 possa essere ancora più debole del precedente, l’osservazione sui raggi cosmici è significativa, in quanto ci dà un idea precisa del calo del solar flux, indicandoci anche che riprese occasionali di attività, subito seguite da nuovi periodi di bassa attività, non riescano a modificare l’incidenza complessiva dei raggi cosmici.
    In una situazione come questa monitorerei attentamente i segnali di possibile ripresa di attività vulcanica e sismica, anni fa qualcuno su NIA segnalava un possibile collegamento fra bassa attività solare, alta incidenza dei raggi cosmici ed incremento dell’attività tettonica.
    Insomma c’è tanta carne al fuoco e da parte mia, molta curiosità di vedere come evolverà questo sc 25 e soprattutto se ci saranno influenze tangibili sull’attività tettonica e da ultimo, sul clima.

      (Quote)  (Reply)

  4. Attività solare del 18 settembre 2021

    Il sole è stato spotless per la 3° volta di fila, 3 dal 1 settembre, 49 dal 1 gennaio secondo il SILSO/SIDC, 59 secondo la NOAA

    Il SFU era a 73,7

    I raggi X sono stati deboli

    La nostra stella sembra di nuovo addormentata, sembra proprio che questo sc 25 non voglia saperne di partire.

      (Quote)  (Reply)

  5. Dott. Giuseppe Boldrini:
    A mio modesto avviso, è necessario monitorare ancora per diversi mesi, prima di dare valutazioni sul ciclo 25.
    Certo è che vi sono state diverse “false partenze”, con repentini, anche se invero modesti, incrementi di attività, seguiti da lunghe pause di sonno e addirittura, giornate spotless.
    La mia impressione è che questo sc 25 possa essere ancora più debole del precedente, l’osservazione sui raggi cosmici è significativa, in quanto ci dà un idea precisa del calo del solar flux, indicandoci anche che riprese occasionali di attività,subito seguite da nuovi periodi di bassa attività, non riescano a modificare l’incidenza complessiva dei raggi cosmici.
    In una situazione come questa monitorerei attentamente i segnali di possibile ripresa di attività vulcanica e sismica, anni fa qualcuno su NIA segnalava un possibile collegamento fra bassa attività solare, alta incidenza dei raggi cosmici ed incremento dell’attività tettonica.
    Insomma c’è tanta carne al fuoco e da parte mia, molta curiosità di vedere come evolverà questo sc 25 e soprattutto se ci saranno influenze tangibili sull’attività tettonica e da ultimo, sul clima.

    Eruzione vulcanica alle Canarie !

    Come da programma.. le variazioni solari (breve periodo) nei lunghi periodi di bassa attività solare si correlano molto bene ad una possibile eruzione vulcanica.
    Poi era anche luna piena…e poi sta per arrivare Venere, periodo interessante alle porte..

      (Quote)  (Reply)

  6. Ed oggi è partito l’Etna, mentre il Cumbre vjeja, continua ad eruttare, con fiumi di lava ben alimentati che stanno spazzando via case ed infrastrutture, puntando verso il mare.
    L’attività della nostra stella rimane bassa, sebbene ieri 20 settembre presentasse ben 43 macchie, i raggi x sono rimasti deboli.
    Non ho il dato del solar flux, ma visti gli altri parametri non credo possa essere stato molto alto.
    Monitoriamo.

      (Quote)  (Reply)

  7. Attività solare del 22 settembre 2021

    Il sole ha totalizzato 64 macchie

    Il SFU era a 84,9

    I raggi X sono stati deboli

    Lieve ripresa, ma sempre su livelli da minimo.

      (Quote)  (Reply)

  8. Attività solare del 24 settembre 2021

    Il sole ha totalizzato 68 macchie

    Il SFU era a 89, 7

    I raggi X sono stati leggermente attivi

    situazione ancora molto tranquilla

      (Quote)  (Reply)

  9. A fine 2010/inizio 2011 erano trascorsi già due anni dal minimo (dicembre 2008) che ha segnato l’avvio del ciclo 24.

    Credo si debba attendere più o meno lo stesso tempo: ufficialmente, il minimo che ha dato l’avvio al ciclo 25 si sarebbe verificato a dicembre 2019. Quindi attenderei l’avvio del nuovo anno per verificare se il ciclo 25 parta per davvero, oppure no.

    Tra parentesi, una accelerazione particolarmente intensa dell’attività solare potrebbe avere conseguente sul meteo, in questo caso invernale (gennaio e febbraio 2022), eventualmente ostacolando un inverno che potrebbe avviarsi come freddo e nevoso per l’Europa.

    Staremo a vedere….

      (Quote)  (Reply)

  10. Attenzione ai segnali di attività tettonica, dopo Las Palmas, ancora in piena eruzione e L’Etna in fase di violento parossismo con fontane di lava alte centinaia di metri ed una colonna di cenere e fumo di 9 chilometri di altezza, poco fa è avvenuto un forte terremoto sull’isola di Creta, le prime notizie indicano una magnitudo 6,1 sulla scala Richter.
    L’attività solare è sempre molto bassa ed il bombardamento dei raggi cosmici prosegue imperterrito, mentre stiamo andando all’allineamento con Venere, come indicato da Michele.
    Quest’inverno, a mio avviso, vedremo anche i risvolti meteo della bassa attività solare, intanto si prospetta un netto cambio di passo del meteo, verso il 4/5 ottobre, in linea con quello che mi aspettavo e che avevo segnalato sulla sezione meteo del sito, mentre i ghiacci artici sono in netta ripresa, rispetto agli anni passati.
    Monitoriamo attentamente, ci aspettano tempi interessanti.

      (Quote)  (Reply)

  11. Attività solare del 26 settembre 2021

    Il sole ha totalizzato 46 macchie

    Il SFU era a 86,3

    I raggi X sono stati deboli

    Sole sempre “in sonno”

      (Quote)  (Reply)

  12. Attività solare del 9 ottobre 2021

    Il sole ha totalizzato 22 macchie

    Il SFU era a 81

    I raggi X sono stati attivi con un flare di classe M1.6

    Attività solare del 10 ottobre 2021

    Il sole ha totalizzato 38 macchie

    Il SFU era a 84,5

    I raggi X sono stati deboli

    Attività sempre bassa ho postato due giorni per evidenziare un debole flare di classe M1.6.
    Il sole continua a dormire

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.