L’evidenza del circuito elettrico sismico globale di Galina Khachikyan

GalinaZhumabek Zhantaev (1), Galina Khachikyan (2) [Foto], and Nikolay Breusov (3)

(1) National Center of Space Research and Technologies, Almaty, Kazakhstan ([email protected]), (2) Institute of Ionosphere of National Center of Space Research and Technologies, Almaty, Kazakhstan ([email protected]), (3) National Center of Space Research and Technologies, Almaty, Kazakhstan ([email protected])

 

Riassunto del lavoro presentato ad EGU 2014 – Vienna –

Si è scoperto che negli ultimi decenni l’attività sismica della Terra ha la tendenza ad aumentare con la diminuzione dell’attività solare (e, di conseguenza, con l’aumento dei raggi cosmici). Un buon esempio di questo effetto, può essere il numero crescente dei terremoti catastrofici recentemente occorsi nel lungo minimo solare.

1

Tra il 1973 e il 2011 ci sono stati 20 terremoti con M = 7.0 in regioni con L = 2,0-2,2 . Tutti questi eventi si sono verificati solo nella fase declinante dei cicli solari di 11 anni , mentre erano assenti nella fase ascendente [ Khachikyan et al. , 2010]

Tale risultato supporta l’idea dell’esistenza di un rapporto sole-litosfera che, senza dubbio, fa parte del modello complessivo di interazioni  sole-terra. Il meccanismo fisico di tali rapporti  non è ancora stato ben compreso. Attualmente si ritiene che uno dei principali “ingranaggi”  di questo meccanismo possa essere il circuito elettrico globale (GEC), e cioè un loop di correnti elettriche verticali e penetranti, in accoppiamento elettrodinamico con tutta la geosfera. Si ritiene, inoltre, che il confine superiore della GEC si trova nella magnetopausa, dove il campo magnetico del vento solare si riconnette con il campo geomagnetico, traducendosi in una penetrazione dell’energia eolica solare in ambiente terrestre.

2

Considerato che la penetrazione dell’energia eolica solare in ambiente terrestre è descritta meglio in coordinate geocentriche solari nella magnetosfera (GSM), la distribuzione spazio-temporale dei terremoti potrebbe essere evidenziata nel migliore dei modi utilizzando il sistema di coordinate sopra riportato.

34I terremoti preferiscono essere nel luogo dove (e quando)  la componente geomagnetica “Z”, nelle coordinate GSM ( ZGSM ), raggiunge un grande valore positivo. La massima magnitudo possibile del terremoto dipende linearmente dal valore assoluto della componente ZGSM nell’epicentro e nel tempo di occorrenza del terremoto [ Khachikyan et al. , 2012 ] .

L’efficacia dell’operazione GEC dipende dall’intensità dei raggi cosmici (CR), che ionizzano l’aria nella media atmosfera aumentandone la conducibilità.

In relazione a quanto detto in precedenza, si può prevedere che :  

I) dal punto di vista quantitativo, un’attività sismica crescerà nello spazio temporale che va dal massimo solare al minimo solare,  contestualmente all’aumento del flusso dei raggi cosmici CR e II) in quelle regioni del globo, dove la crosta viene trasportata dalle linee del campo magnetico con L =  ~ 2.0 e che sono popolate dai raggi cosmici anomali, la relazione dell’attività sismica con le variazioni dell’attività solare si manifesterà più chiaramente, poiché non vi è una marcata dipendenza dei raggi cosmici, sulle variazioni dell’attività solare.

Questa mappa mostra i collegamenti del campo magnetico sulla superficie della Terra, per L-valori 1.5 , 2 , 3 , 4 e 5. Se estese nello spazio, queste linee di campo attraversano l’equatore magnetico terrestre a 1.5 , 2 , 3 , 4 e 5 raggi terrestri, rispettivamente.

Assumendo il presupposto (I), dai dati del catalogo globale sismologico del NEIC, USGS (dal 1973 al 2010) si è constatato che il numero annuale dei terremoti di magnitudo M4.5+ varia durante il ciclo undecennale con oscillazioni di circa il 7-8%, aumentando durante il minimo solare , e ciò è qualitativamente e quantitativamente in sintonia con le variazioni dei CR nel ciclo solare di 11 anni. Cercando la verifica all’ipotesi (II), si è constatato che, durante il periodo 1973-2010, i 20 terremoti con magnitudo M7+   sono avvenuti in zone sismiche dove le linee di forza geomagnetica L = 2.0-2.2  sono in connessione con la crosta terrestre.

0

Le dorsali oceaniche situate nell’emisfero meridionale, lungo il confine della placca tettonica Antartica, sono magneticamente coniugate con le aree di svincolo degli orogeni continentali e le piattaforme nell’emisfero settentrionale . Esiste una stretta coniugazione magnetica tra il confine della placca tettonica di Nazca e il confine tettonico a nord della placca tettonica caraibica[ Khachikyan et al. , 2013].

Sorprendentemente, tutti questi forti terremoti hanno avuto luogo solamente durante la diminuzione di fase del ciclo solare di 11 anni, mentre sono assenti nella fase ascendente. Questo risultato dimostrerebbe l’ ipotesi (II) e potrebbe essere preso in considerazione per la previsione dei terremoti forti nelle zone sismiche dove la crosta è piena di linee del campo geomagnetico L = ~ 2.0.

In conclusione : I risultati confermano un’idea moderna, ossia che i terremoti sono legati al funzionamento del circuito elettrico globale (GEC). Tuttavia, sono necessarie ulteriori e più approfondite ricerche per capire nel dettaglio questo meccanismo.

5

 

Fonti :

http://meetingorganizer.copernicus.org/EGU2014/EGU2014-5253-6.pdf

http://gt.crust.irk.ru/images/upload/tblarticle106/magazin106.pdf

 http://www.scirp.org/journal/PaperDownload.aspx?DOI=10.4236/ijg.2012.35109

 

Michele

Hatena Bookmark - L’evidenza del circuito elettrico sismico globale di Galina Khachikyan
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

9 pensieri su “L’evidenza del circuito elettrico sismico globale di Galina Khachikyan

  1. Ho provato ad estendere il grafico della Gallina al 2014 per vedere se il trend dei terremoti diminuiva con il massimo solare del 2014.
    Mi sembra però che i valori sono più alti del 2008-2009 quando eravamo nel minimo.
    Poi ho notato l’altra anomalia dei valori che in ogni fase discendente del ciclo salgono e invece nella transizione SC23-SC24 salgono.
    A me sembra che sia più una questione di miglioramento delle rilevazioni sismiche ad influire sull’aumento dei terremoti M>4.5.

      (Quote)  (Reply)

  2. john Carter:
    Ho provato ad estendere il grafico della Gallina al 2014 per vedere se il trend dei terremoti diminuiva con il massimo solare del 2014.
    Mi sembra però che i valori sono più alti del 2008-2009 quando eravamo nel minimo.
    Poi ho notato l’altra anomalia dei valori che in ogni fase discendente del ciclo salgono e invece nella transizione SC23-SC24 salgono.
    A me sembra che sia più una questione di miglioramento delle rilevazioni sismiche ad influire sull’aumento dei terremoti M>4.5.

    si forse hai ragione anche il miglioraramento delle monitorazioni incide e non di poco sul grafico …..

    p.s. da un po di tempo controllo protoni e islanda e sembra vedere una certa correlazione …. sembra che i protoni siano l’imput di un terremoto , ma allo stesso tempo la mancanza di massimo solare ne aumenta le chances …… attualmente noto anche che i terremoti avvengono nella fascia oraria della mancanza solare 18pm/6am … anche questo un legame ?? non saprei …..

      (Quote)  (Reply)

  3. john Carter:
    Ho provato ad estendere il grafico della Gallina al 2014 per vedere se il trend dei terremoti diminuiva con il massimo solare del 2014.
    Mi sembra però che i valori sono più alti del 2008-2009 quando eravamo nel minimo.

    Stasera fai questo test.
    Quando premi l’interruttore della luce a casa, hai mai provato a stare con il dito tra OFF e ON…. !
    🙂

    I primi impianti in DC ad inizio 900 avevano questi problemi !
    Saltavano! Tesla trascorse gran parte della sua vita nel cercare di capire questi fenomeni atipici quando si lavora con il solo potenziale e l’interruttore (spark-gap). Stessa identica cosa con i cicli solari deboli. Più la curva undecennale è bassa (piatta) più rimbalza (cambiamenti di polarità), maggiore è la probabilità di eventi elettrici.

    L’anticorrelazine evidenziata anche da Choi (vedi il grafico sotto) sparisce è si distribuisce su tutto il ciclo. Vedi ad esempio l’irregolarità esaspearata tra il ciclo 13 & 14.

    cycl14.gif

    New Concepts in Global Tectonics Newsletter, no. 57, December, 2010
    85 EARTHQUAKES AND SOLAR ACTIVITY CYCLES Dong R. CHOI

      (Quote)  (Reply)

  4. Esaminando velocemente gli M>7 effettivmente questa anticorrelazione pare intravedersi…che dire allora? Galina vecchia fa buon brodo! 😀

      (Quote)  (Reply)

  5. Salve a Tutti! scusate L’intrusione!io non “centro”nulla con i Terremoti mi reputo un grande ignorante!mi chiamo Paolo ma da quasi 10 anni ho imparato che gli
    eventi sismici prima di colpire mandano dei segnali precursori!ne ho infatti isolato
    e imparato a conoscere un tipo una specie di onda sonora a bassissima frequenza
    che è da da tanto tempo che attraversa i muri della mia abitazione informandomi
    che da li a pochi giorni o anche un paio di mesi un forte terremoto sta per colpire
    da qualche parte nel mondo!questa specie di segnale è da un paio di settimane che lo sento di nuovo perciò penso che tra un po un sisma colpirà da qualche parte come ho detto ma di certo non so dove!questa cosa ho provato a riferirla a chi studia i terremoti ma purtroppo nessuno ti ascolta!perchè pensano che sei un pazzoide perciò non aggiungo altro ma state a vedere!vi dico solo che prima che si faccia”sentire”l’ultimo terremoto che a colpito la Cina mi avvertito con segnali che son durati un paio di mesi!!!
    cordiali saluti Paolo

      (Quote)  (Reply)

  6. piero,

    si in effetti il grafico è stato costruito troppo velocemente e non ho impostato bene la scala.
    comunque sulle ordinate trovate sia il numero dei terremoti M>7 e sia il numero delle macchie solari SSN (smoothed) mensili per ogni ciclo.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.