Il mio quadro, il prossimo inverno ….

Il presente articolo è una proiezione del prossimo inverno che prende spunto dallo studio di nove grandi inverni registrati sulla nostra penisola italiana ( visionare il precedente articolo), partendo dal rianalisi di: Attività solare; ENSO, QBO, indice “aa”; riscaldamenti sratosferici e configurazioni planetarie/lunari.

Osservazioni precedenti 5 grandi ondate di gelo italiane in riferimento all’attività solare

• 2 eventi si sono verificati nel massimo solare, nei dintorni di pesanti variazione del flusso solare (ΔSF di circa +/- 150 punti).

• 2 eventi si sono verificati nel minimo solare, in particolare poco prima dell’uscita/inizio della rampa di salita ciclo solare, con un SF compreso fra 70-80. Queste situazioni sono lo specchio di quello che abbiamo vissuto pochi anni fa. Mi riferisco alle stagioni invernali (nevose) registrate nel 2009-10; 2010/11; 2011/12 (Uscita dal minimo solare SC23).

• Per l’inverno 1929 abbiamo pochi dati.

Osservazioni precedenti 9 grandi ondate di gelo italiane in riferimento all’indice geomagnetico “aa”

• L’indice geomagnetico nei nove inverni persi in esame oscilla tra 16-26. Chiara conferma del ruolo cardine dell’attività solare (debole) nelle vicende invernali. In particolare si osservi la debole attività solare registrata fra il ciclo solare 19 e 20. Inverni 1963, 1968, 1971. Vedi immagine sotto riportata.

Osservazioni precedenti 9 grandi ondate di gelo in riferimento agli indici ENSO & QBO

• Tutti gli eventi si sono verificati durante fasi stabili del ciclo Enso o durante deboli o moderati episodi della Ninà, con una QBO a 30hPa negativa o leggermente positiva. Una sola grossa andata di gelo si è verificata con la QBO positiva.

Il forcing principale è l’attività solare nel minimo (termine del minimo solare/inizio della rampa di salita) e nel massimo (qui solo ed esclusivamente durante le pesanti variazioni dell’attività solare – vedi il SF). Questi sono i due momenti possibili di innesco di destabilizzazioni della colonna Strato-Tropo. In conclusione sembra emergere un certo carattere periodico (5-8 anni). Probabilmente questa ciclicità è dovuta proprio all’attività solare, con la sua alternanza fra MIN-MAX-MIN etc…

Credo quindi che la base di partenza per avere un inverno con forti connotati freddi e nevose (nel breve termine – anno) sia l’osservazione del ciclo ENSO (con la sua forte influenza sulla Troposfera) & la fase della QBO.

I riscaldamenti stratosferici possono aiutare, attraverso la pesante destabilizzazione della colonna strato-tropo, ma quest’ultimi ritengo che sono l’ultima possibilità o piccolo aiuto per avere un’inverno rigido sul nostro paese o brevi episodi.

L’inverno in Italia stagione 2015-2016, la mia proiezione

Le configurazioni planetarie come possibile innesco di variazioni solari e ripercussioni sul circuito elettrico globale terrestre. Quattro finestre temporali.

09/10-Dicembre-2015 : Ingresso luna nuova del 11-12

22/23 Dicembre 2015 : Solstizio d’inverno ; Ingresso in luna piena del 25-12; Uscita dal Perigeo lunare del 21; Entrata nell’allineamento planetario Mercurio-Sole-Venere-Marte del 24.

1_Mercurio-Sole-Venere-Marte 24122016

08-09 Gennaio 2016 : Ingresso in luna nuova del 10 : Ingresso nell’allineamento planetario Saturno-Venere-Terra del 9.

1_Saturno-Venere-Terra 09012016

13-14 Gennaio 2016 : Ingresso nel perigeo lunare del 15; Ingresso nell’allineamento planetario Sole-Mercurio-Terra del 14.

1_Sole-Mercurio-Terra 14012016

…………

Oggi, i principali indici e la proiezione

QBO = 12.79 ;

Indice MEI = 2.308 ;

Attività solare = Inizio della rampa di discesa, nessuna oscillazione significativa dell’attività solare. Non siamo in un minimo prolungato o uscita dal minimo o massimo con oscillazioni dei campi polari o SF significativo.

……..

CONCLUSIONE – Ritengo che l’unica possibilità o speranza di avere un minima destabilizzazione della colonna troposferica terrestre possa arrivare solamente dalla Stratosfera con un possibile riscaldamento stratosferico. Tuttavia, l’attuale valore positivo ed elevato della QBO non aiuta. Quindi, a mio parere, i brevi periodi di destabilizzazioni dell’intera colonna atmosferica potrebbe cadere a cavallo delle quattro date riportate in precedenza.

Resterebbe poi da inquadrare il posizionamento (movimento e localizzazione) delle masse d’aria gelide sui continenti (europeo ? asiatico ? o nord-amercano ?).

Tanti punti interrogativi …. in un regime climatico così sfavorevole …

P.S. Le date sopra riportate chiaramente sono anche il centro o focus di possibili e significative ripercussioni geologiche sul nostro pianeta.

Michele

Hatena Bookmark - Il mio quadro, il prossimo inverno ….
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

8 pensieri su “Il mio quadro, il prossimo inverno ….

  1. In questi giorni ho avuto del tempo libero, ho cercato di fare del mio meglio per inquadrare e cercare di fare una previsione sul prossimo inverno, utilizzando tutte le conoscenze scientifiche che ho in mio possesso.

    Buona lettura.

      (Quote)  (Reply)

  2. Michele,

    Mi sembra che di carne al fuoco ce ne sia parecchia nelle prossime settimane.
    Vediamo come reagiranno i vulcani; le premesse ci sono vedi Etna, El Hierro e vulcani islandesi.
    Monitoriamo.
    Per l’inverno, come diceva Fabiodue nella sezione meteo, non credo ci siano troppe speranze.

      (Quote)  (Reply)

  3. Sarà l’Inverno del centro sud adriatico, con rapide oscillazioni ?

    Usiamo la geologia …..
    Primo passaggio (vedi le date riportate sopra), luna nuova 11 Dicembre, l’uscita.

      (Quote)  (Reply)

  4. Tutto come da programma in proiezione raggruppamento planetario.
    Possibile finestra temporale (segnalata in articolo) con destabilizzazione eliosferica e possibile innesco variazioni elettriche sul nostro pianeta.
    Alessandro nella sezione meteo segnala un possibile balzo dell’attività solare.
    Macchie solari in rotazione fronte Terra.
    Monitorare eventuali salti del flusso solare.
    Pianeti in raggruppamento su linee..

    Pllanetary-alignment.jpg

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.